Alfonso Maruccia

AMD presenta Brazos e CPU a 20 core

Sunnyvale toglie i veli ai suoi piani futuri per server, desktop e netbook. I nuovi microchip di AMD sono tutti all'insegna dell'integrazione tra CPU e GPU e alla moltiplicazione dei core

Roma - AMD parla agli analisti finanziari e svela i piani per il prossimo futuro: finalmente anche il secondo chipmaker del mondo dedicherà prodotti specifici alle piattaforme ultraportatili più in voga del momento (netbook e slate/tablet), mentre per quanto riguarda desktop e server la corsa alle configurazioni multi-core non accenna a rallentare. Il tutto all'insegna della fusione di CPU e GPU in un singolo componente che AMD definisce "Accelerated Processing Unit" (APU).

Per quanto riguarda gli ultraportatili, i subnotebok e i tablet, nel 2011 AMD avvierà la commercializzazione della piattaforma nota come "Brazos". Sono quattro le prime APU appartenenti alla succitata famiglia Brazos: E350 (CPU dual-core basata su architettura Bobcat operante a 1,60 GHz, GPU Radeon HD 6310 con 80 stream processor, engine Universal Video Decoder 3.0 con clock a 500 MHz e 18W di TDP) e E240 (CPU a singolo core a 1,50 GHz) appartenenti alla serie "Zacate", C50 (dual-core Bobcat operante a 1,0 GHz, Radeon HD 6250 a 280 MHz e 9W di TDP) e C30 (singolo core a 1,20 GHz) appartenenti alla serie "Ontario".

Accanto alle APU nate dall'iniziativa "Fusion", Brazos integrerà il chipset Hudson con un canale PCI Express 4x 2.0 e 4 canali PCIe 1x, bus PCI, 6 porte Serial-ATA a 300 Mbps, 14 porte USB 2.0. Mancano all'appello i controller per la configurazione RAID, la rete Ethernet e l'audio on-board, ragion per cui i produttori dovranno rivolgersi a componenti accessori per fornire all'utente una piattaforma completa.
Con Brazos, Zacate e Ontario, AMD entra nel mercato dei subnotebook dopo anni di ritardo sul concorrente Intel, che almeno per quanto riguarda il mondo x86 non ha attualmente concorrenti in grado di impensierirne la leadership di mercato. E dopo Zacate e Ontario, nel 2012 verrà anche il momento delle APU a basso consumo energetico di seconda generazione "Krishna" and "Wichita", basate su processo costruttivo a 28 nanometri e quindi in grado di fornire una maggiore capacità computazionale con un consumo inferiore di energia.

Archiviata la questione netbook/subnotebook/tablet, agli analisti AMD ha descritto quelle che saranno le prossime evoluzioni della micro-architettura Bulldozer per sistemi desktop e server. Nel 2012 farà la sua comparsa la versione "migliorata" della micro-architettura, mentre nel 2013 - in maniera non dissimile alla strategia "tick-tock" impiegata da Intel - verrà commercializzata la "Next Generation" di Bulldozer basata su processo produttivo a 32 nanometri.

Le nuove APU di AMD saranno più efficienti, faranno di più con meno energia e soprattutto avranno sempre più core per quel che concerne la componente CPU: "Terramar", il microprocessore più potente che AMD distribuirà nel corso del 2012, arriverà a contenere la bellezza di 20 core e sarà rivolto a sistemi server con due o quattro socket per altrettanti processori.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaAMD tra Fusion, 32 nm e netbookAMD ha fornito nuovi dettagli sulle piattaforme e le CPU che debutteranno sul mercato nei prossimi due anni. Tra le maggiori novità vi sono le prime CPU AMD a 32 nanometri, il design CPU+GPU Fusion e la prima piattaforma per netbook
  • TecnologiaAMD e Intel pronte per i six-core desktopDa qui alla fine della primavera sia Intel che AMD lanceranno i rispettivi processori desktop a sei core, modelli che si andranno a collocare nella fascia più alta di questo segmento. Svelati anche nuovi dettagli sui piani futuri
  • BusinessAMD, è andata meglio del previstoSunnyvale aveva preventivato risultati negativi alla chiusura del terzo trimestre dell'anno. Ma peccava di modestia. E ora ci sono sulla catena di montaggio chip grafici e per i tablet
  • TecnologiaAMD, aspettando CPU Zambezi e LlanoL'arrivo sul mercato dei primi Bulldozer mainstream e una nuova data per la APU Fusion. Un ulteriore sguardo alla roadmap di Sunnyvale tra conferme, ritardi e sorprese
25 Commenti alla Notizia AMD presenta Brazos e CPU a 20 core
Ordina
  • Per sbaglio avevo letto "Brazorf" Con la lingua fuori
    non+autenticato
  • Perché manca la porta USB 3.0?
  • con un dual socket (40 core) è la RAM che diventa la risorsa critica. io uso nel mio datacenter la virtualizzazione...ma conuna soluzione così ricca di core mi servono dei server che supportino mooooolta ram...sennò le mie virtual machine soffrono di carenza di ram.....(cosa che i moderni S.O. e applicativi ne son ghiotti !!!!)
    non+autenticato
  • Nel nostro centro di calcolo abbiamo ordinato un HP con otto processori (da otto core) e 2 Tb di RAM... costa ma ci sono sistemi a dualboard che supportano molta RAM...
    non+autenticato
  • - Scritto da: MARCO DI VERONA
    > con un dual socket (40 core) è la RAM che diventa
    > la risorsa critica. io uso nel mio datacenter la
    > virtualizzazione...ma conuna soluzione così ricca
    > di core mi servono dei server che supportino
    > mooooolta ram...sennò le mie virtual machine
    > soffrono di carenza di ram.....(cosa che i
    > moderni S.O. e applicativi ne son ghiotti
    > !!!!)

    La soluzione da adottare in un futuro prossimo vicino, secondo alcuni ricercatori, e' : RAM e CORES fusi in una cosa sola.
    Ogni Ram avra' il suo Core, o se vi suona meglio, ogni Core avra' la sua Ram..
    non+autenticato
  • un po' come i chippetti arm che hanno nand e ram integrata nel soc?
    (spero di non aver detto una boiata)
  • - Scritto da: cats in cool

    > La soluzione da adottare in un futuro prossimo
    > vicino, secondo alcuni ricercatori, e' : RAM e
    > CORES fusi in una cosa sola.
    >
    > Ogni Ram avra' il suo Core, o se vi suona meglio,
    > ogni Core avra' la sua
    > Ram..

    eh eh... in pratica dopo varie evoluzioni architetturali per condividere processori e ram si tornerebbe agli albori dell'informatica... un core e una ram... però si è miniaturizzato tutto così tanto che si potranno mettere (concettualmente) più computer in un chip. Buffo, no?
    Comunque non credo che avverrà... la virtualizzazione richede la condivisione sia di core che di ram, per allocare dinamicamente ram e cpu alle macchine virtuali a seconda delle loro esigenze in tempo reale, per cui mi pare strano che un'architettura con la ram accoppiata in maniera fissa a ogni core possa essere efficiente in questo contesto. Anche senza tirare in ballo la virtualizzazione, il sistema operativo deve essere libero di muovere i thread fra i core e forse swappare anche la memoria sarebbe troppo oneroso, no?
    non+autenticato
  • e va beh, di già che ci siamo mettiamoci dentro pure una memoria di massa ssd e la gpu, poi se non prende fuoco dobbiamo solo pregare che non si rompa qualcosa se no si butta via tutto... ottima idea, bravo così... Annoiato
    non+autenticato
  • non dire cazzate bello... il collo di bottiglia sono i dischi... da quello che scrivi sembra di informatica capisci poco o nulla...
    non+autenticato
  • - Scritto da: MARCO DI VERONA
    > con un dual socket (40 core) è la RAM che diventa
    > la risorsa critica.
    Certo.

    > io uso nel mio datacenter la
    > virtualizzazione...ma conuna soluzione così ricca
    > di core mi servono dei server che supportino
    > mooooolta ram...sennò le mie virtual machine
    > soffrono di carenza di ram.....(cosa che i
    > moderni S.O. e applicativi ne son ghiotti
    > !!!!)
    Be', questo problema si risolve con i S.O. a 64bit.
    Fino a 32 bit puoi indirizzare fino a circa 4GB di ram, con i 64 arrivi a 16EB, vale a dire 17.179.869.184 GB.

    Credo sia sufficiente.

    GTFS
    non+autenticato
  • Io invece vedo un vincolo sulla banda di accesso alla RAM. Con 80 e più core, chissà quanta ne serve! Sicuramente ci sarà un alto rischio di latenza
    non+autenticato
  • Quella che tu hai preso è la classifica dei produttori di semiconduttori....
    Samsung - Toshiba - STM etc. etc. non sono chipmaker...

    I chipmaker si può quasi dire che sono 2... Intel e AMD... soprattutto per l'ambito consumer....

    Poi ci sono i vari SPARC, PowerPC, ARM.... etc
    non+autenticato
  • - Scritto da: IO solo IO
    > Quella che tu hai preso è la classifica dei
    > produttori di
    > semiconduttori....
    > Samsung - Toshiba - STM etc. etc. non sono
    > chipmaker...

    ? certo che sono chipmaker. Perchè non dovrebbero esserlo

    >
    > I chipmaker si può quasi dire che sono 2... Intel
    > e AMD... soprattutto per l'ambito
    > consumer....

    AMD non produce più neanche direttamente i suoi chip...

    >
    > Poi ci sono i vari SPARC, PowerPC, ARM.... etc

    SPARC (Sun/Oracle) e PowerPC (Motorola e IBM) sono nomi di architetture (come x86). ARM è sia il nome di un'architettura che della società che li progetta.
  • si beh.... e argomentare?
    non+autenticato
  • - Scritto da: che schifo
    > si beh.... e argomentare?

    Cosa dovrei argomentare? Che Samsung e STM producono processori?
    O che dire che Sparc e Power sono chipmaker è come dire che utilitaria è una marca di automobili?
  • - Scritto da: IO solo IO
    > Quella che tu hai preso è la classifica dei
    > produttori di
    > semiconduttori....
    > Samsung - Toshiba - STM etc. etc. non sono
    > chipmaker...
    >
    > I chipmaker si può quasi dire che sono 2... Intel
    > e AMD... soprattutto per l'ambito
    > consumer....

    Pensa che io ho sempre detto 'chip di memoria', va be' mi sbagliavo, le memorie non sono chip. Però come la mettiamo con i chip dei telefoni ? E con i chip embedded ?
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 11 novembre 2010 14.28
    -----------------------------------------------------------
    guast
    1319
  • - Scritto da: guast
    > Pensa che io ho sempre detto 'chip di memoria',
    > va be' mi sbagliavo, le memorie non sono chip.
    > Però come la mettiamo con i chip dei telefoni ? E
    > con i chip embedded
    > ?
    alla fine amd ha il grosso vantaggio di includere ati nel suo fatturato, altrimenti con quei 4 processori all'anno che vende sarebbe già finita nel dimenticatoio...
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome
    > http://en.wikipedia.org/wiki/Semiconductor_sales_l
    Quello linkato e' il ranking 2009 delle quote di mercato delle semiconductor companies.
    NON e' la classifica dei produttori di CPU per computers.
    Infatti per esempio la seconda semiconductor company mondiale che e' Samsung, monta Intel nei suoi PC.. forse la parola "chipmaker" e' un po generica;
    si capisce che si parla di CPU e non di chip integrati generici, ma il redattore potrebbe senz'altro cambiare il termine a scanso di equivoci.
    ..passo e chiudo-
    non+autenticato
  • Dal 2011 in poi amd ha intenzione di sviluppare solo APU o continuerà lo sviluppo separato di CPU e GPU. Fusion mi sembra promettente ma in ambito desktop non è particolarmente invitante.
    Invece in ambito netbook/notebook Intel ha il vantaggio del mercato ma sarei deluso se Fusion non spazzasse via Sandy Bridge in termini prestazionali visto che AMD ha al suo interno anche la tecnologia ATIm mentre le GPU Intel sono tristemente note per le prestazioni scadenti e per l'essere praticamente inutili in ambito 3d.
    non+autenticato
  • Sicuramente AMD continuerà a sviluppare GPU discrete. La gpu integrata della alu la vedo bene per un utilizzo GPGPU oppure in ambiti dove le prestazioni grafiche pure non sono importanti.
    Ora voglio fare una considerazione personale assurda: secondo voi Apple sarà interessata a questa nuova architettura per i MAC? Considerando
    1) molti sistemi Apple non hanno una GPU discreta.
    2) Nvidia non può più produrre GPU integrate per i nuovi processori Intel, ma solo questa lo può fare.
    3) Le GPU Intel notoriamente "fanno schifo".
    4) Apple cerca da sempre di non legarsi ad un unico fornitore (soprattutto se questo ha più potere contrattuale di Apple).
    5) AMD farebbe carte false per fornire Apple (per Intel il mercato Apple è marginale mentre per AMD sarebbe quasi il principale).
  • Tutti i mac futuri, e forse anche i pc futuri che notoriamente seguono le orme di apple, adotteranno consistentemente entrambe le soluzioni, un po' come fanno gia' adesso in alcuni modelli e limitatamente ad alcune situazioni, utilizzando grafica integrata e discreta contemporaneamente sia sinergicamente che complementariamente, questa sembra la strada.

    Per quanto riguarda apple-intel-amd, e' noto che apple lascia le porte aperte (senza miopia) , si e' gia' parlato piu' volte di amd e le soluzioni grafiche sono da sempre uno scoglio (anche se superato); sui mac potrebbero passare non solo al fornitore concorrenziale amd per motivi di mercato,di integrazione grafica e per la forte customizzazione che richiede apple (raramente accettata da intel), ma anche usare entrambi su linee di prodotti diversi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Thescare
    > La gpu integrata della alu la vedo bene
    > per un utilizzo GPGPU oppure in ambiti dove le
    > prestazioni grafiche pure non sono
    > importanti.
    cazzata colossale... se si integra cpu e gpu le prestazioni aumentano perchè non ci sono le latenze dei bus

    > Ora voglio fare una considerazione personale
    > assurda: secondo voi Apple sarà interessata a
    > questa nuova architettura per i MAC?
    sicuramente si
    non+autenticato
  • - Scritto da: che schifo
    > - Scritto da: Thescare
    > > La gpu integrata della alu la vedo bene
    > > per un utilizzo GPGPU oppure in ambiti dove le
    > > prestazioni grafiche pure non sono
    > > importanti.
    > cazzata colossale... se si integra cpu e gpu le
    > prestazioni aumentano perchè non ci sono le
    > latenze dei
    > bus

    Ok, ma pensi che integreranno GPU potenti come quelle discrete? Sai quanto scalda e consuma una Radeon hd discreta?
  • amd è ora che dia una svegliata facendo ste robe nuove, se no sarebbe già fallita, coi suoi processori bacati e caloriferi... al momento deve ringraziare ati se non si è ancora ribaltata...
    non+autenticato