Raffaella Gargiulo

L'hacker, la coniglietta e l'email Yahoo!

Entra illegalmente nell'account email di una ex playmate di Playboy e ruba foto del fidanzato. Autrice del gesto una diciannovenne del Minnesota

Roma - Un hacker di diciannove anni, Leah Ayers, è stata accusata di accesso abusivo a sistemi informatici per aver sottratto dall'account email di una ex coniglietta di Playboy, Brittany Binger, alcune foto hot del suo fidanzato, Grady Sizemore, una star del baseball USA.

Le quindici immagini sottratte sono state, a distanza di tempo, divulgate in Rete. La coniglietta, che ha reputato "imbarazzante ed offensiva" la diffusione online delle foto, ha contattato il Dipartimento dello sceriffo della contea di Los Angeles che ha esaminato la questione e scoperto che l'account email dell'interessata era stato illegalmente aperto per quattro volte nel solo mese di agosto 2009. Risalirebbero a questo periodo, secondo gli inquirenti, le incursioni della giovane cracker.

I ricercatori hanno poi emesso un mandato indirizzato a Yahoo Frontier Communications per scoprire l'indirizzo IP del colpevole: la ricerca ha condotto gli agenti in Minnesota, presso la casa dei genitori della diciannovenne. Le autorità hanno contattato la diciannovenne chiedendo di poter visionare il computer portatile. La studentessa a tale richiesta ha riferito agli investigatori che il PC non era a sua disposizione in quanto era stato inviato alla società riparatrice per un problema alla ventola.
Successive indagini hanno rivelato che il problema non era la ventola ma il disco rigido, che la giovane voleva formattare per rimuovere tutti i dati memorizzati in esso. L'indagine forense del disco rigido ha rivelato che il laptop era stato effettivamente utilizzato per accedere all'account di posta elettronica di Brittany Binger, nonché ad altri account di social network quali Facebook, Twitter, MySpace. Inoltre, hanno palesato che le quindici foto di Grady Sizemore erano presenti nella stesso disco rigido.

Durante l'interrogatorio l'hacker ha ammesso di essere in grado di entrare nella casella mail di Yahoo! utilizzata dalla Binger, e che era capace di dare istruzioni al detective per cambiare la password. Inoltre, ha dichiarato Ayers "Yahoo.com utilizza, per modificare la password, domande di sicurezza come ad esempio sapere dove è nato il padre di una persona". Per modificare la password, dunque, bisogna essere in possesso di tali informazioni che chiunque, vedendo l'account Facebook dell'interessato, potrebbe reperire.

Raffaella Gargiulo
22 Commenti alla Notizia L'hacker, la coniglietta e l'email Yahoo!
Ordina
  • Qualcuno e' in grado di spiegarmi come sia stato possibile sottrarre una foto digitale presente in un account di posta?

    Sempre che il verbo "sottrarre" non abbia cambiato significato recentemente e nessuno mi ha avvisato.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Qualcuno e' in grado di spiegarmi come sia stato
    > possibile sottrarre una foto digitale presente in
    > un account di
    > posta?
    >
    > Sempre che il verbo "sottrarre" non abbia
    > cambiato significato recentemente e nessuno mi ha
    > avvisato.

    L'avrà copiata e poi cancellata dall'account... A bocca aperta
  • - Scritto da: Aleph72
    > - Scritto da: panda rossa
    > > Qualcuno e' in grado di spiegarmi come sia stato
    > > possibile sottrarre una foto digitale presente
    > in
    > > un account di
    > > posta?
    > >
    > > Sempre che il verbo "sottrarre" non abbia
    > > cambiato significato recentemente e nessuno mi
    > ha
    > > avvisato.
    >
    > L'avrà copiata e poi cancellata dall'account...
    > A bocca aperta

    Può darsi. La coniglietta si è accorta di quello che era successo dopo aver scoperto che le foto erano state pubblicate, da lì sono partite le indagini e le autorità sono arrivate alla ragazza che era entrata illegalmente nell'account ed aveva rubato le foto.
    Pur non essendo una vera hacker, quella diciannovenne aveva avuto un'idea tanto semplice quanto diabolica per scoprire la password, un'idea che secondo me merita di essere definita un "uovo di Colombo".
  • - Scritto da: Cobra Reale
    > - Scritto da: Aleph72
    > > - Scritto da: panda rossa
    > > > Qualcuno e' in grado di spiegarmi come sia
    > stato
    > > > possibile sottrarre una foto digitale presente
    > > in
    > > > un account di
    > > > posta?
    > > >
    > > > Sempre che il verbo "sottrarre" non abbia
    > > > cambiato significato recentemente e nessuno mi
    > > ha
    > > > avvisato.
    > >
    > > L'avrà copiata e poi cancellata dall'account...
    > > A bocca aperta
    >
    > Può darsi. La coniglietta si è accorta di quello
    > che era successo dopo aver scoperto che le foto
    > erano state pubblicate, da lì sono partite le
    > indagini e le autorità sono arrivate alla ragazza
    > che era entrata illegalmente nell'account ed
    > aveva rubato le
    > foto.

    Quindi anche tu sostieni la tesi del furto con cancellazione.
    Mi chiedo che senso abbia tutto cio'.
    Se vuoi cancellarle, le cancelli e basta.
    Se ne vuoi una copia te la fai.
    Perche' copiarle e poi anche cancellarle?
    Ci vuole uno psicologo per capire certi comportamenti.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Cobra Reale
    > > - Scritto da: Aleph72
    > > > - Scritto da: panda rossa
    > > > > Qualcuno e' in grado di spiegarmi come sia
    > > stato
    > > > > possibile sottrarre una foto digitale
    > presente
    > > > in
    > > > > un account di
    > > > > posta?
    > > > >
    > > > > Sempre che il verbo "sottrarre" non abbia
    > > > > cambiato significato recentemente e nessuno
    > mi
    > > > ha
    > > > > avvisato.
    > > >
    > > > L'avrà copiata e poi cancellata
    > dall'account...
    > > > A bocca aperta
    > >
    > > Può darsi. La coniglietta si è accorta di quello
    > > che era successo dopo aver scoperto che le foto
    > > erano state pubblicate, da lì sono partite le
    > > indagini e le autorità sono arrivate alla
    > ragazza
    > > che era entrata illegalmente nell'account ed
    > > aveva rubato le
    > > foto.
    >
    > Quindi anche tu sostieni la tesi del furto con
    > cancellazione.
    > Mi chiedo che senso abbia tutto cio'.
    > Se vuoi cancellarle, le cancelli e basta.
    > Se ne vuoi una copia te la fai.
    > Perche' copiarle e poi anche cancellarle?
    > Ci vuole uno psicologo per capire certi
    > comportamenti.

    Forse non è necessario uno psicologo. Probabilmente quella diciannovenne era in vena di fare "scherzi" e che le abbia cancellate dall'account proprio per fare un dispetto alla coniglietta Indiavolato
    C'è un'altra spiegazione: dopo aver scoperto la "roba che scotta", la ragazza potrebbe aver usato un client come Outlook Express per scaricarla automaticamente e nel più breve tempo possibile, senza cambiare l'impostazione predefinita che elimina dalla casella tutti i messaggi dopo averli scaricati.
    Può anche darsi che il verbo sottrarre sia stato usato impropriamente, quel che è certo è che si tratta pur sempre di violazione della privacy e di furto di informazioni riservate.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 16 novembre 2010 14.51
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: Cobra Reale

    > Può anche darsi che il verbo sottrarre sia stato
    > usato impropriamente, quel che è certo è che si
    > tratta pur sempre di violazione della privacy e
    > di furto di informazioni
    > riservate.

    Sulla violazione della privacy non si discute, e neppure sull'introduzione non autorizzata in un sistema informatico (reato per lo stato italiano).

    Ma "furto" prevede "sottrazione" ed e' reato penale, mentre copia non autorizzata non e' furto, e neppure reato penale se non sussistono motivi di lucro.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Cobra Reale
    >
    > > Può anche darsi che il verbo sottrarre sia stato
    > > usato impropriamente, quel che è certo è che si
    > > tratta pur sempre di violazione della privacy e
    > > di furto di informazioni
    > > riservate.
    >
    > Sulla violazione della privacy non si discute, e
    > neppure sull'introduzione non autorizzata in un
    > sistema informatico (reato per lo stato
    > italiano).
    >
    > Ma "furto" prevede "sottrazione" ed e' reato
    > penale, mentre copia non autorizzata non e'
    > furto, e neppure reato penale se non sussistono
    > motivi di
    > lucro.

    Come avevo scritto nel messaggio precedente (per la precisione è la parte che non hai quotato) non è da escludere che sia stata commessa una sottrazione a tutti gli effetti.
    Tra l'altro, qui si parla proprio di furto:

    http://mlb.fanhouse.com/2010/11/10/leah-ayers-char.../

    http://backporch.fanhouse.com/2009/11/30/grady-siz.../

    Per quanto riguarda la pubblicazione non autorizzata di informazioni e foto "scottanti", essa costituisce in ogni caso un grave illecito, anche se non a fini di lucro. Dall'articolo mi è parso di capire che proprio questa è l'accusa più grave mossa alla diciannovenne.
  • - Scritto da: Cobra Reale

    > Come avevo scritto nel messaggio precedente (per
    > la precisione è la parte che non hai quotato) non
    > è da escludere che sia stata commessa una
    > sottrazione a tutti gli
    > effetti.
    > Tra l'altro, qui si parla proprio di furto:
    >
    > http://mlb.fanhouse.com/2010/11/10/leah-ayers-char
    >
    > http://backporch.fanhouse.com/2009/11/30/grady-siz

    Qui ci vuole la consulenza di un linguista.
    To stole significa rubare, ma siamo sicuri che in inglese non abbia anche qualche altro significato alternativo?

    Oppure dobbiamo prendere atto che anche gli americani non sanno usare la lingua con proprieta'?

    > Per quanto riguarda la pubblicazione non
    > autorizzata di informazioni e foto "scottanti",
    > essa costituisce in ogni caso un grave illecito,
    > anche se non a fini di lucro. Dall'articolo mi è
    > parso di capire che proprio questa è l'accusa più
    > grave mossa alla
    > diciannovenne.

    E su questo non ho dubbi: accedere senza autorizzazione in un account altrui e' considerato reato grave in ogni parte del mondo.

    Ma copiare sul proprio computer una foto trovata in un account altrui, e cancellarla da esso, e' comportamento da patologia.
  • La soluzione è alla portata di tutte le Acker...
    non+autenticato
  • l' "hacker" in questione ha semplicemente rubacchiato una password di posta elettronica indovinando la domanda segreta (banale scemenza), poi ha acceduto all'account senza coprire le proprie tracce e lasciando prove evidenti nel computer, che ha mandato in assistenza perché incapace di cancellare.

    Se questo é un hacker allora chi riesce a finire un sudoku é un grande matematico
    non+autenticato
  • e questo dimostra anche che le conigliette non vengono scelte per l'intelligenza
    non+autenticato
  • Diciamo ke hacker è un termine troppo esagerato! è stata molto intelligente la ragazza a prendere l'account tramite la domanda segreta offerta da yahoo!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Hack
    > Diciamo ke hacker è un termine troppo esagerato!
    > è stata molto intelligente la ragazza a prendere
    > l'account tramite la domanda segreta offerta da
    > yahoo!

    Qual e' il nome del cane ?
    Quello scritto sulla pagina pubblica di facebook...
    krane
    22544
  • Il sistema della domanda e della risposta è una bella invenzione, a condizione che l'utente non sia costretto a farne uso. Alcuni provider invece, non portano a termine la registrazione senza aver fornito quei dati. Aggiungo che spesso le domanda sono preimpostate e pure banali, costringendo chi teme i "furbi" a dare risposte come: da109mpniyfgjhv ft4uyoiu90ybujytfdb fc nhtgtayre (ho premuto tasti a casaccio. Spero di non aver scritto qualche parolaccia in una lingua straniera)
    Dovrebbe essere sempre permesso all'utente scegliere se attivare backdoor oppure no, anche se in quest'ultimo caso sarà necessaria la massima cura nella conservazione della password
  • La massima cura nel conservare le password è sempre necessaria, magari scegliere domande di recupero più particolari e poco sgamabili è un'altra ottima cosa, quello che è sicuro è che non c'è limite alla stupidità umana e che il sistema più sicuro del mondo rischia sempre di essere bucato dal più stupido degli utenti.
    non+autenticato
  • il trucco è dare una risposta a piacere a priori dalla domanda segreta e variare la domanda (ma non la risposta) per ogni account. In questo modo anche nel caso venga rinvenuta l'informazione necessaria, sarà cmq inutile.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)