Alfonso Maruccia

Europa, milioni per il cloud computing avanzato

La UE finanzia lo sviluppo di nuove tecnologie per il cloud computing. Gli obiettivi includono la sicurezza, l'interoperabilità e la gestione intelligente dei dati

Roma - Un nuovo progetto di ricerca in materia di cloud computing si è guadagnato il finanziamento pubblico dell'Unione Europea, con l'obiettivo specifico di far evolvere le moderne tecnologie di gestione delle informazioni "tra le nuvole" e migliorare l'integrazione, la sicurezza e le operazioni di calcolo possibili sui dati immagazzinati online.

Il progetto Vision Cloud (Virtualized Storage Services Foundation for the Future Internet) vede la partecipazione di Siemens, SAP, l'Università Nazionale della Tecnica di Atene, l'Istituto Svedese di Informatica e il team di ricerca di IBM presente ad Haifa, in Israele, a guidare l'iniziativa. Il contributo della UE è quantificato in 15,7 milioni di dollari.

Stando a quanto spiegano i ricercatori IBM, Vision Cloud proverà a superare alcune delle sfide principali poste dalle infrastrutture "cloud" attualmente esistenti: uno dei concetti affrontati dal progetto è lo "storage computazionale", un paradigma per cui un programma dovrebbe essere in grado di analizzare contenuti audiovisivi, identificare i suddetti contenuti attraverso il riconoscimento vocale ed estrarre uno script capace di descrivere le parole pronunciate nel video.
Un'altra importante sfida di Vision Cloud sarà la messa in sicurezza dell'accesso alle informazioni, con ad esempio la possibilità di limitare la fruizione solo ai membri di una medesima organizzazione contemporaneamente alla garanzia dell'accesso da più dispositivi - computer, tablet, smartphone o quant'altro.

Ultimo ma non ultimo Vision Cloud si pone l'obiettivo di mettere in cantiere nuovi livelli di mobilità e "federazione" dei dati, con una solida interoperabilità grazie alla quale le aziende potranno trasferire i propri asset digitali da un provider all'altro senza sforzi e continuando a usufruirne regolarmente durante il passaggio. Lo stesso livello di integrazione e interoperabilità è tra gli obiettivi della Open Data Center Alliance, l'associazione per il cloud computing del futuro recentemente disvelata da Intel.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
4 Commenti alla Notizia Europa, milioni per il cloud computing avanzato
Ordina
  • - Scritto da: Callisto Software
    > resta a guardare chiaramente

    Ma l'Italia dovrebbe essere in Europa....
    Mi "puzza un pò questo "cloud computing".... Sopratutto il "cloud"....
    Chiavi in mano a terzi? Ci danno loro le chiavi? Se il sistema di cifratura lo fanno loro sapranno anche come è fatto quindi...(lo aprono quando vogliono). Se si usa il sitema per "gioco" tipo archiviare i film di casa, allora Ok. Ma per le cose serie è un vero suicidio. E l'Euoropa spende soldi per il "tempo libero"? A bocca storta
  • Sentite ragazzi, il Cloud computing non è la panacea di tutti i mali. Inutile che tutti ora si buttino. Può essere utile solo in certi casi, dopo averne studiato gli effetti a lungo termine. Altro discorso è il LAN-Cloud, ma là è proprio n'altra serie di considerazioni da porre in analisi.
    Credere di poter dare un calcio ai data-center, decentralizzando tutto, è una puttanata. In italia ancora peggio. Le nostre reti dati sono un totale colabrodo e considerando il grado di qualità medio italiota (che rasenta l'infimo), inutile sperare in un futuro più roseo del presente.
    Poi, secondo Telecom, che senso ha pagare 180€ al mese per il loro servizio CLoud? Per cosa? Il gestionale aziendale? Le aziende di oggi giorno, tralasciando le grandi realtà, che son poche e martoriate da casi di outsourcing selvaggio, giacca-cravattari che si spacciano da profeti delle tecnologie, traducendo il tutto in un dissanguamento finale (il responsabile principale dello spostamento dei centri supporto in india), sono avulse da tecnologie informatiche presentate più per la loro figosità che non uso effettivo. Non vengono sfruttate a dovere, in quanto il business su cui dovrebbero basarsi non è ancora conforme e chi dovrebbe cercare di dare una spinta a tutto ciò, in realtà predica, fa aprire i portafogli con i magheggi alla wanna-marchi, ma oltre alla corsa all'oro, d'innovazione non c'è proprio niente. Poi la gente si lamenta del perchè l'IT non venga considerato. Il 99% dei casi tratta d'installazione di tecnologie totalmente inutili o semi-superflue. Capirete che gli imprenditori non è che son diventati tali, buttando i soldi dalla finestra.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonymous
    > Sentite ragazzi, il Cloud computing non è la
    > panacea di tutti i mali. Inutile che tutti ora si
    > buttino. Può essere utile solo in certi casi,
    > dopo averne studiato gli effetti a lungo termine.
    > Altro discorso è il LAN-Cloud, ma là è proprio
    > n'altra serie di considerazioni da porre in
    > analisi.
    > Credere di poter dare un calcio ai data-center,
    > decentralizzando tutto, è una puttanata. In
    > italia ancora peggio. Le nostre reti dati sono un
    > totale colabrodo e considerando il grado di
    > qualità medio italiota (che rasenta l'infimo),
    > inutile sperare in un futuro più roseo del
    > presente.
    > Poi, secondo Telecom, che senso ha pagare 180€ al
    > mese per il loro servizio CLoud? Per cosa? Il
    > gestionale aziendale? Le aziende di oggi giorno,
    > tralasciando le grandi realtà, che son poche e
    > martoriate da casi di outsourcing selvaggio,
    > giacca-cravattari che si spacciano da profeti
    > delle tecnologie, traducendo il tutto in un
    > dissanguamento finale (il responsabile principale
    > dello spostamento dei centri supporto in india),
    > sono avulse da tecnologie informatiche presentate
    > più per la loro figosità che non uso effettivo.
    > Non vengono sfruttate a dovere, in quanto il
    > business su cui dovrebbero basarsi non è ancora
    > conforme e chi dovrebbe cercare di dare una
    > spinta a tutto ciò, in realtà predica, fa aprire
    > i portafogli con i magheggi alla wanna-marchi, ma
    > oltre alla corsa all'oro, d'innovazione non c'è
    > proprio niente. Poi la gente si lamenta del
    > perchè l'IT non venga considerato. Il 99% dei
    > casi tratta d'installazione di tecnologie
    > totalmente inutili o semi-superflue. Capirete che
    > gli imprenditori non è che son diventati tali,
    > buttando i soldi dalla
    > finestra.

    Quoto tutto. Hai spiegato meglio di me le problematiche.
    Purtroppo l'incompetenza di molti fa sì che si sprechi denaro per delle cose poco utili... se non peggio.