Cristina Sciannamblo

I mille nomi della chiocciola

La famosa "@" delle mail possiede significati diversi e bizzarri nelle diverse zone del mondo. Dallo "strudel" di Israele alle "scimmie" della Serbia

Roma - Si chiama proboscide d'elefante in Svezia, scimmia in Serbia e una parte delicata della scimmia in Olanda. Lumaca in Korea e piccolo topo a Taiwan. Si tratta delle molteplici e diversissime versioni dell'epica chiocciolina della email.

L'operoso simbolo "at", che quotidianamente permette l'invio di miliardi di mail, affonda le radici nel settore del commercio, un tempo usata solo da commercianti e ragionieri prima che il padre delle email, Raymond S. Tomlinson, la riciclasse nel 1971. Nonostante il suo creatore la definisca "solo una preposizione sulla tastiera", il suo significato assume valori e immagini diversi a seconda delle latitudini.

L'elenco dei termini di riferimento è davvero vario: sono presenti collegamenti con il cibo, parti del corpo, animali, molti di questi graficamente vicini alla forma di chiocciola. Per Karen Steffen Chung, professoressa associata di linguistica, inglese e fonetica presso la National Taiwan University di Taipei, si tratta di una specie di test di Rorschach, nel quale il linguaggio rivelerebbe attraverso i segni grafici riferimenti culturali importanti. "Il contenuto associato ai simboli è estremamente differente nelle diverse culture, motivo per il quale possono venire fuori cose bizzarre" conclude la studiosa.
Il simbolo della nostra chiocciola è uno strudel in Israele e un filetto d'aringa in Repubblica Ceca; e ancora, una "sobachka" per cagnolini in Russia, una doppia alpha arricciata in Norvegia e, in Svezia, viene qualche volta chiamata col nome di "kanelbulle", dolce alla cannella tipico del posto. Gli svedesi, inoltre, presentano la lista più lunga di soprannomi, che include, tra gli altri, proboscide d'elefante, orecchio d'elefante, coda di scimmia, zampa di gatto e coda di gatto.

Affascinata dalle diverse idee associate al simbolo della chiocciola, una delle scoperte più curiose della professoressa Chan riguarda la varietà di termini presenti nella lingua serba. La parola "majmun" ne è un esempio: si tratta di una scimmia mutuata dalla Turchia e usata nelle versioni "majmunski rep" (coda di scimmia), "majmunsko-a" (monkey-ish). Alcuni paesi hanno parole ufficiali per indicare la proposizione "at": per lo Swedish Language Board, il termine riconosciuto è "snabel-a" (proboscide-a), da intendere "a" con proboscide di elefante. I giapponesi, famosi per la traduzione geograficamente tipica delle parole, usano "atto maaku", che significa semplicemente "at".

È probabile che Tomlinson non avesse in mente così tante versioni riferite alla "a commerciale" quando sviluppò il procollo per l'email. La sua unica decisione fu quella di apporre il simbolo "at" all'host name e allo username. Di certo non diede un significato specifico alla preposizione.

Cristina Sciannamblo
Notizie collegate
  • Digital LifeUSA, una chiocciola al museoIl MoMA di New York ha annunciato l'acquisizione del simbolo @ all'interno della sua collezione di architettura e design del ventesimo secolo. L'arte, la cultura, diventano immateriali
  • Digital LifeLa chiocciolina l'usavano i venezianiArrivata sulla posta elettronica quasi per caso, la @ è un simbolo che sembra avere una storia antica. Una storia che si rifà ai commercianti italiani, veneziani in particolare
51 Commenti alla Notizia I mille nomi della chiocciola
Ordina
  • Quale sarebbe la "parte delicata" della scimmia di cui si parla nell'articolo? Wiki parla di "coda di scimmia" per gli olandesi
  • in Val Camonica si era presa l'abitudine di chiamarla "bitumierina"!Sorride
  • In Giapponese moltissimi termini informatici e non solo informatici sono semplicemente nipponizzazioni dei corrispettivi Inglesi. Così mausu sta per mouse, pasokon (pasonaru konpyuta) sta per personal computer, ed atto maaku sta per at mark (segno at, la chiocciola appunto).
    Si dice che l'Italiano si stia inglesizzando ma anche il Giappo non è da meno... con la differenza che mentre i Giappo nipponizzano le parole rendendole più fiche, in Italiano questo non avviene oppure avviene pochissimo, e troppe parole straniere effettivamente suonano male.
  • ed AT "ET" Telefono Casa.....fa Ca*are ! Con la lingua fuori
    non+autenticato
  • Il Japponese è Fichissimo altro che Walfare !!! Rotola dal ridere

    In Italiano l'anatra fa QUA (Stato in Luogo)
    In Japponese la gallina fa........ (Stato in Luogo in Japponese)

    In qualunque nazione i Volatili vogliono stare Fermi...Anonimo
    non+autenticato
  • - Scritto da: Be&O Unlogged
    > Il Japponese è Fichissimo altro che Walfare !!!
    > Rotola dal ridere
    >
    > In Italiano l'anatra fa QUA (Stato in Luogo)
    > In Japponese la gallina fa........ (Stato in
    > Luogo in
    > Japponese)

    De?
    non+autenticato
  • koko de (Suona come coccodè)
    Be&O
    1122
  • - Scritto da: Cobra Reale
    > In Giapponese moltissimi termini informatici e
    > non solo informatici sono semplicemente
    > nipponizzazioni dei corrispettivi Inglesi. Così
    > mausu sta per mouse, pasokon (pasonaru konpyuta)
    > sta per personal computer, ed atto maaku sta per
    > at mark (segno at, la chiocciola
    > appunto).
    > Si dice che l'Italiano si stia inglesizzando ma
    > anche il Giappo non è da meno... con la
    > differenza che mentre i Giappo nipponizzano le
    > parole rendendole più fiche, in Italiano questo
    > non avviene oppure avviene pochissimo, e troppe
    > parole straniere effettivamente suonano
    > male.

    i giapponesi non nipponizzano le parole straniere per renderle più fighe, ma perché la loro lingua manca di parecchi suoni della lingua inglese.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Qualcuno
    > - Scritto da: Cobra Reale
    > > In Giapponese moltissimi termini informatici e
    > > non solo informatici sono semplicemente
    > > nipponizzazioni dei corrispettivi Inglesi. Così
    > > mausu sta per mouse, pasokon (pasonaru konpyuta)
    > > sta per personal computer, ed atto maaku sta per
    > > at mark (segno at, la chiocciola
    > > appunto).
    > > Si dice che l'Italiano si stia inglesizzando ma
    > > anche il Giappo non è da meno... con la
    > > differenza che mentre i Giappo nipponizzano le
    > > parole rendendole più fiche, in Italiano questo
    > > non avviene oppure avviene pochissimo, e troppe
    > > parole straniere effettivamente suonano
    > > male.
    >
    > i giapponesi non nipponizzano le parole straniere
    > per renderle più fighe, ma perché la loro lingua
    > manca di parecchi suoni della lingua
    > inglese.

    Infatti non ho detto che lo fanno apposta, però nipponizzarle le rende più fighe (nel contesto della loro lingua, che in questo senso non risulta snaturata)Occhiolino
  • - Scritto da: Cobra Reale

    > > i giapponesi non nipponizzano le parole
    > straniere
    > > per renderle più fighe, ma perché la loro lingua
    > > manca di parecchi suoni della lingua
    > > inglese.
    >
    > Infatti non ho detto che lo fanno apposta, però
    > nipponizzarle le rende più fighe (nel contesto
    > della loro lingua, che in questo senso non
    > risulta snaturata)
    >Occhiolino

    anche forwardare, moddare e altri orribili neologismi sono "italianizzazioni" di termini stranieri, ma non mi pare siano tanto fighe come parole.
    Quanto allo snaturare la lingua... sarebbe interessante capire perché non usare inoltrare e modificare che traducono perfettamente e correttamente i termini stranieri in questione.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Qualcuno
    > - Scritto da: Cobra Reale
    >
    > > > i giapponesi non nipponizzano le parole
    > > straniere
    > > > per renderle più fighe, ma perché la loro
    > lingua
    > > > manca di parecchi suoni della lingua
    > > > inglese.
    > >
    > > Infatti non ho detto che lo fanno apposta, però
    > > nipponizzarle le rende più fighe (nel contesto
    > > della loro lingua, che in questo senso non
    > > risulta snaturata)
    > >Occhiolino
    >
    > anche forwardare, moddare e altri
    > orribili neologismi sono "italianizzazioni" di
    > termini stranieri, ma non mi pare siano tanto
    > fighe come
    > parole.

    Infatti. Le nipponizzazioni sono un'altra cosa, le "italianizzazioni" sono ridicole

    > Quanto allo snaturare la lingua... sarebbe
    > interessante capire perché non usare inoltrare
    >
    e modificare che traducono
    > perfettamente e correttamente i termini stranieri
    > in
    > questione.

    Me lo chiedo anch'io. Ormai sono diventate di uso corrente, perlomeno in un certo gergo da PirataPirataPirata
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 24 novembre 2010 17.44
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: Qualcuno

    > anche forwardare, moddare e altri
    > orribili neologismi sono "italianizzazioni" di
    > termini stranieri, ma non mi pare siano tanto
    > fighe come parole.

    Ho sentito una persona, che si vanta di essere una profonda conoscitrice e appassionata della lingua italiana, utilizzare cose come "SENDARE una mail" e "ANSWERARE il telefono"TristeTristeTriste
    --
    JackRackham
    non+autenticato
  • In effetti il nome del simbolo @ e' un ottimo metro per misurare l'utonto: tutti coloro che non lo chiamano "at".
  • non saprei: anche io mi sono abituato a chiamarlo "chiocciola" perché ogni volta che usavo "at" i miei interlocutori non capivano, mi son dovuto adattare... (gli utonti sono ovunque!)
  • Non è un "Utontismo" si tratta di "nazionalizzare" delle fonetiche
    che nella nostra lingua non esistono, in Francia dove sono Nazionalisti
    esiste ancora "ordinateur" e usano la tastiera "AZERTY".

    NON E' UTONTO, è cercare di conservare o avere qualcosa di nostro !

    Con il nostro modo di fare, arriveremo che non ci tradurranno nemmeno più i film, già nei videogiochi siamo ormai la Sesta Lingua !!
    Be&O
    1122
  • e perchè dovrebbero tradurti i film? in realtà sei te che snaturi l'opera originale...pensa al contrario...sei d'accordo nell'andare a teatro a vederti la traviata o altre opere liriche tradotte in inglese? o in russo? o peggio in tedesco...pensa quanto devono suonare ostiche alle nostre orecchie.

    il film è fatto in america? bene te lo becchi in inglese e se non capisci ti ci si mettono al massimo i sottotitoli...magari così la smetteranno anche di far finta che le altre lingue non esistono...sai quanti "professionisti" vedo (o meglio, sento) che parlano un fantastico inglese maccheronico... e sto parlando di persone il cui inglese dovrebbe essere strumento di lavoro eh!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Be&O
    > arriveremo che non ci tradurranno
    > nemmeno più i film

    Questo non può essere che una cosa buona.

    --
    Saluti, Kap
  • - Scritto da: Lord Kap
    > - Scritto da: Be&O
    > > arriveremo che non ci tradurranno
    > > nemmeno più i film
    >
    > Questo non può essere che una cosa buona.

    Gia' oggi i film sono in lingua originale, specialmente quelli dei Vanzina e di Neri Parenti.
    (E la lingua non e' certo l'italiano, ma un pesante dialetto di borgata)
  • Per una volta che nel mondo si usa un termine d'origine Italiana noi dobbiamo cambiarlo con un orrendo "chiocciola"?
    Capirei al massimo tornare all'originale "Ad", latino.
    non+autenticato
  • AT in italiano è Antisonante e Fastidioso, forse è per questo che tutti la chiamano diversamente, poi arriva il figho di turno che ti dice:
    Mandami la mail a nome"et"mail"punto"it e li lo mando a Fankukko !
    Punto....ma che Ca*one di Utonto usa dire "punto" si dice dot !!

    Per me l'Utonto è chi vuole assolutamente cedere la propria lingua madre
    se AT "et" non esiste si trova un Italianismo !

    Già mi sta sulle P*lle il ministero del "Walfare" e la "Standing Ovation"
    Siamo in ITALIA su suolo ITALIANO ..... C*ZZO !

    Oppure Abbandoniamo del tutto SUBITO l'italiano e si parli:

    EUROPEO + (DIALETTO LOCALE) e che l'Italiano affondi come sta facendo
    la nostra nazione !

    W la Chiocciolina !!!! Con la lingua fuoriCon la lingua fuoriCon la lingua fuori
    Be&O
    1122
  • - Scritto da: effeuno
    > in vertià @ è più italiano di quanto voi pensiate:
    > http://it.wikipedia.org/wiki/@

    In questo thread si stava discutendo della fonetica, non del significato o dell'origine del simbolo.

    Comunque concordo con Be&O: utonto della lingua italiana è chi non la sa usare. Se uno dice "at" e poi "punto", chiaramente non ha ben capito in che lingua sta parlando. Certo che nemmeno io sono un power user della suddetta lingua (oh no... ho scritto "power user"), però quanto meno prima di scrivere una parola in lingua straniera mi chiedo sempre: ma non è che esiste già il termine in italiano ?
  • - Scritto da: entromezzanotte
    > Se uno dice "at"
    > e poi "punto", chiaramente non ha ben capito in
    > che lingua sta parlando.

    Vogliamo parlare delle sigle?
    Quante volte avete sentito pronunciare l'acronimo "HDMI" come "ACCA-DI-EMME-AI"??? Perchè le prime tre lettere le pronunciano in italiano e l'ultima in inglese?
    --
    JackRackham
    non+autenticato
  • Ajoooo....avete dimenticato i pastori sardi della sardegna! Heheheh.. bell'articolo,questo mi mancava.Grazie Sorride
  • Si, si, bell'articolo, il più carino della giornata ^_^