Raffaella Gargiulo

Medaglia Planck al fisico italiano Giorgio Parisi

Il premio è da considerarsi il più alto riconoscimento dopo il Nobel. Assegnato al professore per la sua intera carriera dedicata alla teoria quantistica

Medaglia Planck al fisico italiano Giorgio ParisiRoma - Non è la prima volta che capita di raccontare dei suo successi, e sarebbe un peccato non farlo data l'importanza delle sue ricerche e la massima dedizione verso il settore. Il fisico italiano Giorgio Parisi, molto attivo nel campo della meccanica statistica e in teoria dei campi, riceverà dalla Società Tedesca di Fisica un riconoscimento molto importante per i contributi apportati alla fisica dei sistemi complessi. L'italiano, considerato uno dei più autorevoli esponenti della sua branca scientifica, ottiene la Medaglia Planck, il più alto riconoscimento dopo il Nobel, per le sue ricerche nei campi della fisica teorica delle particelle elementari e la teoria dei campi quantici e la fisica statistica, come i sistemi con disordine stocastico, in particolare per i vetri di spin.

Il premio consiste in una medaglia d'oro che sarà consegnata al professore durante l'annuale conferenza di Dpg di Dresda. Il curriculum del celebre accademico, che insegna attualmente Reti Neurali presso il dipartimento di fisica teorica dell'Università la Sapienza di Roma, vanta circa 500 pubblicazioni scientifiche su riviste e 50 titoli per contributi offerti a congressi e ad università. Svariati sono stati i suoi campi di ricerca dall'antropologia alle scienze cognitive, passando per la finanza e arrivando alle scienze sociali, ma la sua attività principale è stata nel campo delle particelle elementari, della teoria delle transizioni di fase e dei sistemi disordinati e la meccanica statistica. Considerato dal mondo della fisica uno dei migliori scienziati italiani in assoluto, è l'unico del settore ad essere membro della National Academy of Science degli Stati Uniti d'America.

Noto a livello internazionale, il professor Parisi ha ricevuto numerosi riconoscimenti e premi. La medaglia Dirac nel 1999, per gli studi delle cosidedette equazioni Altarelli-Parisi per l'elaborazione dell'equazione stocastica dei modelli di crescita, è stata solo l'inizio del suo successo. Dal 2005 il professore colleziona una serie di successi in poco tempo. Nel 2005 vince il premio Dannie Heineman per la fisica matematica, l'anno dopo viene gratificato con il premio Galileo per la fisica e nel 2007, per il contributo nel campo della cromodinamica quantistica e dei vetri di spin, ottiene il Microsoft European Science Award.
Ad aprile dell'anno scorso Parisi riceve il Premio Lagrange, riconoscimento che viene conferito agli scienziati che hanno dedicato la loro attenzione allo sviluppo della scienza della complessità nei più diversi ambiti di conoscenza. Non sorprende che il professore sia riuscito ad aggiudicarsi l'ennesimo premio e che esso sia il più alto riconoscimento al mondo dopo un Nobel.

Raffaella Gargiulo
Notizie collegate
19 Commenti alla Notizia Medaglia Planck al fisico italiano Giorgio Parisi
Ordina
  • ebbe a che fare con la Carlucci??
    http://www.gabriellacarlucci.it/2008/02/25/a-tutti.../

    Che bei politici che abbiamo in itaglia....
    non+autenticato
  • Sì. La giudico una delle vicende più squallide che ha coinvolto la classe politica negli ultimi anni. Insieme all'altra orribile vicenda del decreto "antipedofilia" il punto più basso della carriera da onorevole della Carlucci.

    La Carlucci stava criticando la scelta di Prodi di mettere Maiani a capo del CNR, avvenuta su consiglio della commissione guidata da Parisi, criticando la competenza sia del vincitore sia della commissione.

    Tra le chicche vi è la frase "se Maiani e i suoi amici sono, come Lei dice, luminari stellari stimatissimi in tutto il mondo, perché non hanno mai vinto il premio Nobel ?".
    Stava rispondendo ad un premio Nobel, Glashow, che lei aveva tirato in ballo in virtù di una discussione che Glashow ebbe con Maiani, citandolo tra le persone che non lo valutavano adatto. Il premio Nobel aveva mandato una lettera di risposta pregandola di non mettergli in bocca parole tanto distanti dal suo pensiero, che si trattava appunto di "stellar luminaries".

    Una vicenda vergognosa, sarà perché ho conosciuto (da studente) Parisi e l'impressione leggendo la Carlucci giudicarlo in quanto Fisico (!!) fu davvero incredibile.

    Tra le altre cose, la domanda retorica "perché non hanno vinto il premio Nobel?" è resa ancora più grottesca dal fatto che pochi mesi prima il suo governo aveva cacciato l'unico premio Nobel per la fisica vivente italiano (Rubbia) dall'ENEA su consiglio tecnico "del Valvola", un elettrotecnico Leghista (mai diplomato) che si spacciava per ingegnere.

    Dopo quell'articolo ho seguito il Blog della Carlucci costantemente, ma devo dire che ho ancora difficoltà a prenderlo a ridere, alcuni articoli ho difficoltà a sopportarli. Sembrano articoli scritti da un Troll, e ho due opposte voci nella testa: una che mi dice "Don't feed the Troll", e l'altra che dice "Ehi, ma è un parlamentare! Non puoi ignorarlo, decide anche per te!"

    Un dilemma senza uscite, a parte ricordare alla gente queste sue uscite prima delle elezioni.
    non+autenticato
  • > Dopo quell'articolo ho seguito il Blog della
    > Carlucci costantemente, ma devo dire che ho
    > ancora difficoltà a prenderlo a ridere, alcuni
    > articoli ho difficoltà a sopportarli. Sembrano
    > articoli scritti da un Troll, e ho due opposte
    > voci nella testa: una che mi dice "Don't feed the
    > Troll", e l'altra che dice "Ehi, ma è un
    > parlamentare! Non puoi ignorarlo, decide anche
    > per
    > te!"
    Puoi sempre tenerti i suoi vecchi calendari appesi al muro... Sorride
    non+autenticato
  • Onestamente non mi fa impazzire, tra i politici preferisco di molto il calendario della CarfagnaSorride
    non+autenticato
  • Concordo apieno. Anzi concordavo anche ieri con un post che è stato rimosso ... ?
  • Concludendo mi sono convinta che Maiani non è il migliore scienziato possibile e immaginabile come vuol far credere una lobby scientifica molto potente che ha la Fisica delle Particelle come disciplina principale e la "Sapienza" come luogo di incontro preferito.

    Roba da matti!
    Uno crede che sia una barzelletta e invece è tutto vero.
    non+autenticato
  • Anche la carlucci per esseri li qualcosa deve aver fatto..
    non aggiungo altro
    non+autenticato
  • accidenti se ci si mangia. Le scoperte di oggi diventano le applicazioni del domani.
    Nell'elettronica di oggi ci sono un sacco di applicazioni di meccanica quantistica.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Antonio
    > accidenti se ci si mangia. Le scoperte di oggi
    > diventano le applicazioni del domani.
    >
    > Nell'elettronica di oggi ci sono un sacco di
    > applicazioni di meccanica
    > quantistica.

    Spiegalo ai nostri non-governanti...A bocca aperta
    non+autenticato
  • che preferiscono la CUL...tura
    non+autenticato
  • Attento che cultura puo' essere tutto , anche il finanziamento di 100000 euro stanziato dalla giunta guazzaloca (si leggi guazzaloca di destra) per sovvensionare la cultura Punk a Bologna (leggi punkabbestia), sotto la parola cultura ci sono porcate immonde in italia sopratutto nell'ambito dello spettacolo che dovrebbe solamente essere guidato dai gusti degli spettatori e non dai guadagni di autori e interpreti!

    Giulia
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giulia
    > Attento che cultura puo' essere tutto , anche il
    > finanziamento di 100000 euro stanziato dalla
    > giunta guazzaloca (si leggi guazzaloca di destra)
    > per sovvensionare la cultura Punk a Bologna
    > (leggi punkabbestia), sotto la parola cultura ci
    > sono porcate immonde in italia

    Pienamente d'accordo.

    > sopratutto
    > nell'ambito dello spettacolo che dovrebbe
    > solamente essere guidato dai gusti degli
    > spettatori

    Assolutamente NO, quanti itaGliani medi sono in grado di apprezzare Mozart o Dante, invece quanti incassi fanno i cinepanettoni?A bocca aperta
    non+autenticato
  • >Assolutamente NO, quanti itaGliani medi sono in grado di apprezzare Mozart o Dante, invece quanti incassi fanno i cinepanettoni?A bocca aperta

    Anche qui vorrei fare una precisazione, sia Mozart che Dante non erano rivolti a tutti (Mozart un po' di piu') anche all epoca, Dante non aveva la stampa quindi il suo pubblico era ovviamente un piccolo numero di lettori che potevano permettersi la copia a mano dei libri(ancora oggi la divina commendi e' leggibile solo se commentata), Mozart era sponsorizzato dal Imperatore e scriveva Musica si bellissima ma sempre comunque molto aderente ai gusti della corte dell epoca o dei vari nobili/intellettuali che frequentava(spesso anche superandoli!).
    Anche all'epoca il popolo si beccava la commedia dell'arte i cantastorie e cose simili !!!

    Giulia
    non+autenticato
  • A dire il vero Mozart era molto più "popolare" (nel senso di nel gusto del popolo) di quanto tu possa credere... da bravo austriaco si dilettava spesso in taverne e localacci vari e in teatri per la "plebe"... ora vedi monumenti e fama, ma in realtà fu gettato in una fossa comune.. i soldi se li mangiava;) Quindi la cultura si mangia eccome!:)))
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giulia
    > >Assolutamente NO, quanti itaGliani medi sono in
    > grado di apprezzare Mozart o Dante, invece quanti
    > incassi fanno i cinepanettoni?A bocca
    > aperta
    >
    > Anche qui vorrei fare una precisazione, sia
    > Mozart che Dante non erano rivolti a tutti
    > (Mozart un po' di piu') anche all epoca,

    Era un esempio, scegli i nomi che preferisci Sorride

    > Anche all'epoca il popolo si beccava la commedia
    > dell'arte i cantastorie e cose simili
    > !!!
    Stai suggerendo che tornare al medioevo sia positivo e auspicabile?
    non+autenticato
  • E' finita la pacchia, il debito pubblico ha mangiato la cultura!

    Se tu avessi 5 euro e dovresti scegliere tra un panino o andare al cinema, sapendo che non mangerai domani e già hai fame, cosa sceglieresti?
    non+autenticato
  • Quindi, se continua così arriveremo pure al cannibalismo?
    non+autenticato