Claudio Tamburrino

Novell venduta, vale più di 2 miliardi

Gli asset e SUSE se li piglia Attachmate. I brevetti finiscono a Microsoft. E adesso cosa se ne faranno a Redmond delle tecnologie utilizzate dentro Unix e Linux?

Roma - Novell sta per essere acquistata per 2,2 miliardi di dollari da Attachmate, appoggiata da un gruppo d'investimento costituito da Francisco Partners, Golden Gate Capital e Thoma Bravo.

L'affare vale 6,10 dollari ad azione (premio del 9 per cento sul prezzo a cui il titolo ha chiuso venerdì) e mette fine a un periodo non certo positivo per lo sviluppatore software nato nello Utah che, pur respingendo altre offerte (come quella di Elliott Associates di marzo), era sempre alla ricerca di investimenti.

A riuscire alla fine ad accaparrarsi la storica azienda, pioniere nel campo dei sistemi operativi e dei servizi di rete, è la meno conosciuta Attachmate (anzi un gruppo di investitori che la ha appoggiata): la sua intenzione, ora, è quella di gestire l'acquisita come due diverse aziende, Novell e SUSE, da integrare con le sue controllate Attachmemate e NetlQ. Di quest'ultime, la prima lavora a terminali virtuali e X Windows, la seconda vende sistemi di gestione e sicurezza software. In entrambi i casi il nome e i clienti Novell dovrebbero avere un positivo effetto di scala.
Nella stessa occasione Novell ha dichiarato di aver raggiunto un accordo per vendere (per 450 milioni di dollari cash) 882 brevetti a CPTN Holding, un consorzio di aziende tecnologiche guidato da Microsoft.

In questo modo Redmond ha perseguito due obiettivi: ha messo i bastoni fra le ruote a VMware, avversaria storica che aveva espresso interesse nei confronti di Novell, e si è aggiudicata i diritti su tecnologie che potenzialmente potrebbero avere un valore strategico molto elevato.

Dal momento che nell'Ufficio Brevetti statunitense si trovano facilmente solo 462 brevetti assegnati ufficialmente a Novell, non si sa quali siano le tecnologie effettivamente interessate dall'accordo. Tuttavia basta considerare che appartengono a Novel alcune parti della piattaforma UNIX e brevetti che coprono aspetti fondamentali della tecnologia di network per capire che l'ombra di Redmond incombe su questo settore: nel caso che vedeva SCO denunciare Linux per la violazione di alcuni brevetti, per esempio, il giudice non aveva proceduto perché aveva rilevato che le innovazioni interessate appartenessero in realtà a Novell e non a SCO.

Si può così supporre ora che, in mano a Microsoft, tali brevetti possano presto essere utilizzati in funzione anti-Pinguino: in particolare, magari, Microsoft potrebbe trovare la strada per ottenere accordi di licenza reciproci con altre aziende che vendono prodotti basati su Linux. Già dal 2006, d'altronde, Microsoft (che sostiene di possedere proprietà intellettuale nel kernel Linux) aveva raggiunto un accordo quinquennale (che scade, dunque, proprio il prossimo anno) con Novell, in cui si impegnava a non far valere i suoi brevetti per quanto riguarda la distribuzione Linux SUSE di Novell e con cui si impegnavano all'interoperabilità. La preoccupazione degli osservatori e dei sostenitori dell'open source è che la strategia di Microsoft sia quella di abbracciare per soffocare.

Molto soddisfatto il Presidente e CEO di Novell Ron Hovsepian, che ha dichiarato di essere contento "che queste transazioni riconoscano il valore dell'azienda e della sua tecnologia, permettendo al contempo di ottenere contanti per i nostri azionisti". Tuttavia non tutti sono convinti: i più preoccupati sono i partner e i clienti Novell, che potrebbero vedere compromessa l'attuale strategia basata su Linux.

L'affare con Attachmate dovrebbe concludersi, se le indagini rituali non presenteranno intoppi, nel primo trimestre del 2011.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàMicrosoft e le licenze per LinuxFonti anonime parlano di una nuova strategia di Redmond. Che chiederebbe alle aziende taiwanesi la compensazione per lo sfruttamento dei suoi brevetti nel software open source
  • AttualitàUNIX, l'appello di SCO. DisperatoIl morto vivente che rivendica diritti su UNIX riprova a mordere Novell chiedendo nuovi giudizi e - se necessario - nuovi processi. SCO non ha un soldo né un business, ma gli azzeccagarbugli ancora scribacchiano
  • AttualitàOpenOffice e la fuga tedescaDefezione di massa dalla community tedesca dedicata alla suite open source: effetto Oracle? Il futuro di OpenOffice.org è tutto ancora da scrivere
107 Commenti alla Notizia Novell venduta, vale più di 2 miliardi
Ordina
  • "Novell will continue to own Novell’s UNIX copyrights following completion of the merger as a subsidiary of Attachmate."

    http://lwn.net/Articles/417061/
    Shiba
    3709
  • E' tutto da vedere, secondo me molto programmatori di OpenSuse lasceranno.
  • - Scritto da: gnulinux86
    > E' tutto da vedere, secondo me molto
    > programmatori di OpenSuse
    > lasceranno.

    Mi riferivo alla situazione generale di Linux (Microsoft con i copyright UNIX in mano? Stiamo scherzando?!) che per fortuna non sembra tragica come poteva sembrare fino a ieri.
    Per quanto riguarda OpenSuse non so, a loro cambia qualcosa? Magari finché Attachmate non rompe loro le scatole non sarà un problema.
    Shiba
    3709
  • Mi spiace, ma Novell paga a caro prezzo le scelte fatte, ricordo ancora gli utenti Opensuse che denigravano Ubuntu definendolo il Windws di Linux, bhe adesso Opensuse è diventata la distro Linux di Microsoft..Occhiolino

    C'è da dire che Suse negli ultime anni aveva perso parecchio in qualità, basta guardare il processo di appesantimento delle varie versioni di OpenSuse, troppo Mono.
  • devi avere qualche problema con la realtà... Novell è un'azienda che va bene, propone soluzioni server, e client per aziende.. Molto apprezzata e di grande qualità, come il concorrente red hat.. Opensuse è la distribuzione libera, che nulla ha a che fare con i profitti di novell, se non l'utilizzo della comunità per testare il software che va a distribuire (suse).. Diciamo pure che opensuse 11.3 è la miglior distribuzione linux mai approntata, per fruitori di livello medio e di livello basso.. Dovreste usarla anche voi ubuntari invece di parlare a caso.. visto che la puoi mettere su un netbook con kde e risulta una spanna e mezza più veloce di ubuntu netbook remix, e consuma anche meno batteria di tutti (meego, remix e compagnia cantante)canonical di contro non fa mezzo dollaro di utile, non offre nessun servizio degno di questo nome, nè server, nè client, e naviga con debiti su debiti, finchè il padrone miliardario ha voglia di tenerla.. nulla a che vedere con un modello di business minimamente sostenibile.. Microsoft ha fatto bene a mettere le mani sul know how di novell, e non per il lato desktop, ma ovviamente per quello server (andatevi a vedere quali sistemi operativi montano buona parte dei supercomputer più potenti al mondo.. ubuntu non c'è... e manco kubuntu)
    non+autenticato
  • - Scritto da: western
    > devi avere qualche problema con la realtà...
    [...]
    > kubuntu)

    Capperi sotto sale!
    4.7GB di download?
    Ah, c'e' anche la Live, spero sia facile passare dalla live alla versione installata cosi' come lo e' sotto canonical.

    Di solito la suse non la uso, ubuntu ha tutto quello che mi occorre, ma è sempre meglio tenersi aggiornato.

    GTFS
    non+autenticato
  • Partendo dal punto che uso diverse distro Linux, cerca di darti una calmata, sulle tue opinioni personali nulla da dire, sei libero di preferire e lodare ciò che più ti aggrada.

    Novell lato server è una cosa lato desktop è un altra, Microsoft ha messo le mani su Novell con l'intento un giorno di sfruttarla contro Linux, purtroppo credo che quel giorno sia molto vicino.
  • - Scritto da: gnulinux86
    > Partendo dal punto che uso diverse distro Linux,
    > cerca di darti una calmata, sulle tue opinioni
    > personali nulla da dire, sei libero di preferire
    > e lodare ciò che più ti
    > aggrada.
    >
    > Novell lato server è una cosa lato desktop è un
    > altra, Microsoft ha messo le mani su Novell con
    > l'intento un giorno di sfruttarla contro Linux,
    > purtroppo credo che quel giorno sia molto
    > vicino.

    Magari se ne uscirà con una Distro Linux taroccata col marchio della bandierina a 4 colori e magari pure closedsource come da migliore tradizione microzozz.

    O peggio implementerà tecnologie e brevetti nel suo nuovo fiammante sistema ed inizierà una campagna diffamatoria e a suon di denuncie nei confronti delle altre aziende per proprietà intellettuali (come del resto ha sempre fatto).

    Come odio gli Sciacalli!!
    non+autenticato
  • Credo la seconda.
  • Ringraziamo MS quando applica l'EEE (http://en.wikipedia.org/wiki/Embrace,_extend_and_e...), come si spera faccia in questo caso... Se sparisse Linux:

    - finalmente QUALSIASI periferica funzionerebbe, e non si farebbero inutili tentativi di ricompilazioni varie
    - finalmente l'hardware sarebbe sfruttato bene, e le batterie dei portatili durerebbero 6/8 ore, non 3
    - finalmente sparirebbero i software bacati, perennemente in beta e fermi alla versione 0.2 prealpha
    - finalmente i cantinari uscirebbero dalla cantina e scoprirebbero che il vero mondo è lì fuori!

    Grazie MS per tutto il bene che fai... Fan WindowsInnamorato
    non+autenticato
  • brutti gli effetti della droga, vero?:)))
    non+autenticato
  • Non sottovalutare l'umidità della cantina........ A bocca aperta
    non+autenticato
  • Azz... vero tra funghi e muffe... ma la cantina non ce l'ho!
    non+autenticato
  • Non esiste. Le nostre cantine sono mantenute calde e asciutte dai sacri peti di Stallman
    non+autenticato
  • - Scritto da: WinForLife
    > Grazie MS per tutto il bene che fai... Fan WindowsInnamorato


    Dimenticavo, grazie anche ad Oracle che ultimamente è molto "attiva" Innamorato
    non+autenticato
  • Non ti conviene che i cantinari escano... ti verrebbero a cercare
    non+autenticato
  • probabilmente si scioglierebbero prima, a contatto della luce solare!!! Rotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • Noi usciremo di notte... e non temiamo l'aglio.
    E ti porteremo nella nostra cantina, a riscriverci il sistema operativo intero, riga per riga. E non uscirai finchè il risultato non sarà perfetto, e open source, e gratuito.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > Noi usciremo di notte... e non temiamo l'aglio.
    > E ti porteremo nella nostra cantina, a
    > riscriverci il sistema operativo intero, riga per
    > riga. E non uscirai finchè il risultato non sarà
    > perfetto, e open source, e
    > gratuito.

    Per carità! A parte che non c'è bisogno di riscrivere nulla, a meno che non sia Windows, te lo immagini un SO scritto da un winaro? Un'accozzaglia di funzioni per l'accesso di malware e effetti WOW (eufemismo per dire BSoD). Brrr, terribile! Come minimo inizierei un fork,
    non+autenticato
  • inline int IWinzozzBoot (int ICrashNowOrLater, char *SCrashMessage) {
       ...
    }

    Nuova versione dopo l'acquisto dei brevetti:

    inline int IWinzozzBootExtended (int ICrashNowOrLater, char *SCrashMessage, unsigned UCrashScreenColor) {
       ...
    }
  • Il brevetto del sildenafil sembra giunto quasi alla scadenza... I brevetti sulle tecnologie di rete non scadono mai? Chi le fa queste regole sui brevetti? Gatta ci cova...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)