Mauro Vecchio

Symantec, con la polizia contro il cybercrime

Siglato un protocollo d'intesa della durata di tre anni con la Polizia Postale. Per promuovere iniziative di sensibilizzazione alla sicurezza dei sistemi e delle infrastrutture informatiche

Roma - Un protocollo d'intesa, che miri alla prevenzione dei più svariati crimini informatici. Una convenzione della durata di tre anni, recentemente siglata dal direttore centrale per la Polizia Stradale, Ferroviaria e delle Comunicazioni Oscar Fioriolli e da Marco Riboli, vicepresidente della società specializzata in sicurezza informatica Symantec.

La collaborazione tra Polizia Postale e Symantec avrà come obiettivo operativo quello di promuovere iniziative congiunte di approfondimento, formazione ed interscambio di esperienze sulla sicurezza dei sistemi e delle infrastrutture informatiche, condividendo iniziative di sensibilizzazione al corretto utilizzo delle risorse.

"Il protocollo che abbiamo sottoscritto oggi - ha spiegato il Prefetto Fioriolli - è una risposta efficace mirata al contrasto dei crimini informatici. L'accordo rientra nel modello di sicurezza partecipata, nel quale la sinergia pubblico/privato può essere un'arma vincente da utilizzare per combattere questo crimine emergente".
Secondo i numeri riportati dalla stessa Polizia Postale, sono state 819 le persone denunciate per reati in materia di e-commerce nei soli primi mesi del 2010. Ancora maggiore il numero di individui denunciati nello stesso periodo per illeciti in materia informatica: a partire da quasi 3mila denunce si è giunti a 76 arresti.

Stando poi ai risultati dell'ultimo Norton Cybercrime Human Impact Report, il 69 per cento della popolazione italiana sarebbe stato vittima di una qualche forma di crimine informatico. Il 51 per cento degli intervistati avrebbe scoperto il proprio PC infetto da virus o malware.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
8 Commenti alla Notizia Symantec, con la polizia contro il cybercrime
Ordina