Mauro Vecchio

FCC, la neutralità colpirà ancora?

Annunciato un nuovo meeting della commissione guidata dal chairman Genachowski. Un'occasione per presentare un nuovo pacchetto di regole per il broadband a stelle e strisce

Roma - Le critiche più feroci non sembrano aver affatto scalfito le salde intenzioni della Federal Communications Commission (FCC) statunitense. Il delicato dibattito sulla cosiddetta neutralità della Rete dovrà continuare, ma soprattutto la commissione guidata dal chairman Julius Genachowski dovrà svolgere un ruolo di primo piano.

Ecco perché lo stesso Genachowski ha annunciato la prossima presentazione di un nuovo pacchetto di regole per il broadband a stelle e strisce. Una regolamentazione che dovrebbe essere illustrata nel corso del prossimo meeting di FCC alla metà di dicembre. Stando alle indiscrezioni, FCC potrebbe addirittura rimandare l'incontro a gennaio per prepararsi al meglio.

In attesa del nuovo pacchetto, i grandi provider avranno di che discutere. Da tempo malvista è l'autorità di FCC, che vorrebbe riclassificare l'accesso al broadband come un comune servizio di telecomunicazione. Di recente intervenuto nel corso del Web 2.0 Summit a San Francisco, Genachowski aveva inoltre spinto verso l'assegnazione al mobile delle frequenze liberate dal passaggio dalla televisione analogica a quella digitale e più in generale dal riassetto dello spettro.
Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, neutralità negataLa fazione repubblicana ha bocciato le proposte del democratico Henry Waxman, che miravano ad impedire ai provider di discriminare certi contenuti e servizi web. Le sue idee avrebbero minacciato lo sviluppo del broadband statunitense
  • AttualitàUSA, se mobile non vuol dire neutralitàSecondo una proposta di legge trafugata online, i provider mobile non dovrebbero sottostare al principio di non discriminazione del traffico web. Alla FCC spetterebbero solo poteri sanzionatori
  • AttualitàFCC: al via il super-WiFiLa commissione statunitense approva il piano per la "liberazione" delle frequenze inutilizzate. Si prevedono connessioni wireless più veloci e applicazioni tecnologiche innovative. Ma le emittenti televisive invitano cautela