Alfonso Maruccia

Xbox moddate, niente fair use

Uno smanettone rischia la galera per aver modificato la console Microsoft in piena violazione del DMCA. Il "legittimo crack" non può essere valutato come attenuante nel caso, dice ora il giudice

Roma - Sta per entrare nel vivo una causa legale avviatasi nell'estate del 2009, con il protagonista Matthew Crippen costretto a difendersi dalle accuse di circonvenzione non autorizzata delle tecnologie di protezione integrate nella console videoludica Xbox360 di Microsoft. Il 28enne Crippen rischia un massimo di tre anni di galera per aver messo in vendita le console moddate, tanto più che il giudice ha ora stabilito di non prendere in considerazione argomentazioni inerenti il fair use e la legittimità del modding in oggetto.

L'obiettivo principale della difesa dello smanettone era infatti sostenere la legalità della pratica di modding sulle Xbox qualora queste venissero usate a fini legittimi, un argomento rafforzato dal recente processo di revisione del Digital Millennium Copyright Act (DMCA) che ha reso legali le pratiche di jailbreak di iPhone e di altri dispositivi di elettronica di consumo.

E invece il giudice ha deciso di non tenere conto di questo genere di argomentazioni nel corso del processo che si aprirà la prossima settimana, stabilendo l'irrilevanza del fair use nel caso di conclamata circonvenzione delle tecnologie di protezione hardware.
"Il DMCA richiede solo che si provi che la misura tecnologica riguardava un interesse di copyright legittimo - ha stabilito il giudice - non che sia avvenuta una qualsiasi violazione". Basta insomma l'azione di modding di Crippen per inchiodare il giovane smanettone alle proprie responsabilità, argomento contro cui la difesa dovrà faticare non poco nel corso del processo e che potrebbe trasformarsi in un pericoloso precedente per il mercato del modding nel suo complesso.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, in galera per un gioco?Ventisettenne rischia 10 anni di carcere per delle console modificate
  • AttualitàUSA, lucchetti scardinatiJailbreaking e videoremix rientreranno nel fair use se non implicheranno effettive violazione di proprietà intellettuale. Diverso il discorso per i DVD su Linux. Apple e CTIA critiche sulla decisione: da oggi iPhone più libero?
6 Commenti alla Notizia Xbox moddate, niente fair use
Ordina