Mauro Vecchio

UK, una strage di domini?

Le autorità britanniche hanno chiesto al registry nazionale Nominet di rivedere le sue regole interne. Tutti quei siti che verranno ritenuti illeciti saranno chiusi senza ordinanza di un giudice. Allarme tra gli attivisti

Roma - Si tratta di una richiesta che ha subito suscitato le più allarmate preoccupazioni, sulla possibile implementazione di un vasto meccanismo di censura online nel Regno Unito. Una vera e propria presa della Rete da parte delle autorità d'Albione, che potrebbero stringere la morsa intorno a migliaia di siti web.

L'allarme è stato lanciato a partire da un breve documento apparso sul sito ufficiale di Nominet, il registry nazionale che gestisce i vari domini .uk. Gli alti vertici della Serious and Organised Crime Agency (SOCA) britannica hanno in sostanza chiesto una significativa revisione delle regole previste dalla sezione terms and conditions di Nominet.

Alle autorità britanniche dovrebbero cioè bastare "motivi fondati" per ordinare la chiusura di un determinato dominio web, che sia coinvolto in attività illecite, criminose. Il registry nazionale dovrebbe pertanto modificare il suo regolamento interno, che attualmente non prevede l'estromissione dalla Rete di uno spazio online senza una specifica ordinanza da parte di un giudice.
I vertici di Nominet hanno dunque sottolineato come le attese da parte delle autorità britanniche si siano ormai trasformate in una più decisa pressione. Il registry dovrebbe rispondere più rapidamente alle richieste di smantellamento di un sito legato ad attività criminose.

All'inizio dello scorso dicembre, la Metropolitan Police di Londra aveva annunciato la chiusura di più di 1200 siti web, tutti riconducibili ad una gang criminale operante in Asia tramite domini .co.uk. Nominet aveva lavorato a stretto contatto con la polizia, senza però rivedere il suo regolamento.

Ma questa chiusura basata solo su "motivi fondati" ha allarmato gli attivisti digitali, preoccupati che possa trasformarsi in un meccanismo più esteso di censura. All'inizio di questo mese, uno spazio online chiamato Fitwatch era stato messo offline perché reo di aver consigliato agli studenti britannici alcuni metodi per evadere i controlli identificativi da parte della polizia nel corso di violenti proteste per le strade di Londra.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàDomini Internet tra riscatti e pornoscuoleIl magnate delle telecomunicazioni messicane è tornato in possesso della sua identità su Internet, almeno per quanto riguarda gli URL. Ma c'è anche maretta sui domini del porno
  • AttualitàGuardie e ladri si inseguono onlineUn seminario dell'Università di Bologna fa il punto sulle nuove forme di criminalità online e sulle azioni di contrasto di inquirenti e magistrati. Che sono complicate dalla natura stessa degli illeciti
  • AttualitàRegno Unito, la lista di MandelsonDiramato un documento provvisorio per stabilire un codice di comportamento contro il P2P. I colpevoli verranno schedati, mentre anche caffetterie e biblioteche faranno da vigilantes. Gli ISP più grandi dovranno iniziare a monitorare
5 Commenti alla Notizia UK, una strage di domini?
Ordina
  • Caro gnugnolo, ho capito che la tua è una giustificata provocazione, ma chi è così sopra le parti da poter prendere queste decisioni immediate; spero non i cortei di piazza, i giudici, un partito, i sindacati, la confindustria. In un paese democratico questa è una funzione essenziale data al popolo, tramite il voto, che giudicherà i politici e i governanti dal loro operato.
    non+autenticato
  • Non mi dilungo e mi trattengo e mi limito a dire questo: come x qualsiasi altro sistema (prendiamo ad esempio la scuola), ci vuole un sistema di valutazione diciamo intermedio... così come ti do i voti ad ogni prova, la pagella a fine quadrimestre ecc. così ci vorrebbe in politica... non ogni 5 anni che è un tempo lunghissimo. Se non raggiungi la sufficienza x 2 volte consecutive... a casa! Sei tu al mio servizio, non viceversa!
    non+autenticato
  • USA, UK... ormai sta diventando moda comune...

    Benissimo, giustissimo... facciamo così anche coi politici in carica... quando il popolo ha fondati motivi per ritenerli rei, inadatti e inetti se ne vanno subito a casa senza processi, interrogazioni parlamentare, dimissioni, crisi e crisette... bello, no?
    non+autenticato
  • - Scritto da: gnugnolo
    > USA, UK... ormai sta diventando moda comune...
    >
    > Benissimo, giustissimo... facciamo così anche coi
    > politici in carica... quando il popolo ha fondati
    > motivi per ritenerli rei, inadatti e inetti se ne
    > vanno subito a casa senza processi,
    > interrogazioni parlamentare, dimissioni, crisi e
    > crisette... bello,
    > no?
    favoloso... dei 945 parlamentari presenti, ne dovremmo mandare via almeno 925 ... La fatica sarebbe poi trovare dei sostituti... probabilmente un sistema efficace sarebbe quello di sceglierli A CASO, all'interno di un pool comprendente tutti i laureati in italia aventi tra i 25 e i 45 anni.
    non+autenticato
  • ti appoggio, con la sola modifica dell'età massima da 45 a 40, e che si siano laureati non oltre i 30 anni (ed è anche dire tanto).