Raffaella Gargiulo

Corea, legge Cenerentola contro i videogame

La proposta è pensata per rendere illegale il gioco online dalla mezzanotte alle sei ai ragazzi al di sotto dei 16 anni. Il Governo: giocare online è anche causa di morte

Roma - La Corea del Sud, uno dei paesi tecnologicamente più avanzati che conta milioni e milioni di utenti collegati online e possiede una delle più grandi comunità di videogiocatori del mondo: ma, per ragioni "sanitarie", pare vicina all'adozione di quella che si può tranquillamente soprannominare Legge Cenerentola.

La proposta, che verrà presentata questo mese davanti al Parlamento, è pensata per porre fine o limitare i problemi di dipendenza dai videogiochi online dei giovani del paese, rendendo illegale il gioco in determinate ore della giornata. Il Governo, che già da tempo pensava a una strategia per prevenire la cosiddetta dipendenza da Internet, vorrebbe chiedere agli ISP di bloccare l'accesso ai giochi online da mezzanotte fino alle sei del mattino, per tutti i ragazzi al di sotto dei sedici anni.

Il gioco online, particolarmente quello svolto in ore notturne, sarebbe stato la causa di numerosi decessi in Corea del Sud. Recentemente, un ragazzino di 15 anni ha ucciso la madre in seguito a varie liti in cui quest'ultima invitava il ragazzino a spegnere il computer. Ancora, lo scorso febbraio, un uomo di 32 anni è morto in seguito ad una sessione non-stop di gioco online durata per cinque giorni. Solo un mese più tardi c'è stato il caso di due genitori, che sono stati arrestati dalla polizia locale, perché accusati di malnutrire e non curare il proprio figlio in quanto occupati a crescere un figlio virtuale su Internet.
Altra preoccupazione del governo è che il giocare online per tutta la notte non permette ai ragazzi di dormire abbastanza per poter affrontare al meglio una giornata scolastica. "Crediamo - ha dichiarato un funzionario del ministero, Jo Rin, che si occupa della proposta - che il disegno di legge sia necessario per garantire la loro salute e il diritto di riposare".

Raffaella Gargiulo
Notizie collegate
  • Digital LifeCorea, no ai game di mezzanotteI giocatori più piccoli dovranno scegliere tra varie finestre temporali in cui il loro account verrà bloccato. E di giorno ci saranno soffocamenti delle connessioni per sessioni troppo lunghe nei mondi virtuali
  • Digital LifeUK, una clinica per i tecnotossiciUn programma dedicato alla riabilitazione dalla cosiddetta dipendenza da Internet. Con sessioni di socialità faccia a faccia per migliaia di ragazzini. Intanto, la Corea del Sud studia metodi curiosi
  • AttualitàMalaysia, coprifuoco contro i videogiochiFebbre da multiplayer? Niente paura, ci pensa l'amministrazione locale di una piccola città vicino Kuala Lumpur: coprifuoco per Internet-cafe e sale gioco, stop ai videogiocatori notturni
23 Commenti alla Notizia Corea, legge Cenerentola contro i videogame
Ordina
  • Bhe, è un problema tutto della Korea.
    Se la gente, la, ragiona in questo modo, è giusto che si prendano provvedimenti adeguati.
    Non intravedo come, dato che le possibilità di collegarsi sono molteplici, anche tramite internet point e salagiochi.

    Non che sia contro il provvedimento, tutt'altro. Se i players coreani sono un po troppo "spostati", urge un provvedimento.
    non+autenticato
  • Ma son casi limite, eh ? Pensi veramente che sia la prassi ?
    Sgabbio
    26177
  • se tuo figlio passa nottate al PC, lo prendi e lo stacchi, non credo serva una legge per questo, dovrebbe bastare il buon senso ...

    i genitori dovrebbero interessarsi a quello che i loro figli fanno col PC.
    non+autenticato
  • - Scritto da: spacevideo
    > se tuo figlio passa nottate al PC, lo prendi e lo
    > stacchi, non credo serva una legge per questo,
    > dovrebbe bastare il buon senso ...

    > i genitori dovrebbero interessarsi a quello che i
    > loro figli fanno col PC.

    Ma scusa i genitori stanno ovviamente a crescere un bimbo virtuale in qualche sim in rete.
    krane
    22544
  • > i genitori dovrebbero interessarsi a quello che i
    > loro figli fanno col
    > PC.

    Magari sono proprio i genitori che hanno chiesto al figlio di cercargli un film su internet.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > > i genitori dovrebbero interessarsi a quello che
    > i
    > > loro figli fanno col
    > > PC.
    >
    > Magari sono proprio i genitori che hanno chiesto
    > al figlio di cercargli un film su
    > internet.

    non ci credi neanche tu, dai..
    se devi cercare un film
    1) non stai tutta la notte
    2) quando lo trovi puoi lasciare il pc acceso e andare a dormire
    3) puoi cercarlo il giorno dopo

    e poi non si parlava di film, ma di gente che sta tutta la notte a giocare online
  • contenuto non disponibile
  • "Crediamo - ha dichiarato un funzionario del ministero, Jo Rin, che si occupa della proposta - che il disegno di legge sia necessario per garantire la loro salute e il diritto di riposare"

    Sono d'accordo con quello scritto nel primo post da ech3l0n. Allo stesso tempo parlare di garantire un diritto mi sembra assurdo. Non stiamo parlando di bambini costretti a giocare, il diritto di dormire è già garantito, se non se ne avvalgono è altra questione. Altrimenti il rischio è quello di IMPORRE a tutti ciò che è più giusto secondo i più, invece di DARE LA POSSIBILITA'. E il fatto che siano bambini non vuol dire che siano idioti o incapaci di comprendere, siamo stati bambini tutti, non facciamo vincere il buonismo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: wirobiro
    > "Crediamo - ha dichiarato un funzionario del
    > ministero, Jo Rin, che si occupa della proposta -
    > che il disegno di legge sia necessario per
    > garantire la loro salute e il diritto di
    > riposare"

    Non e' questione di diritto ma di dovere, stanno imponendo il dovere di riposare.




    > Sono d'accordo con quello scritto nel primo post
    > da ech3l0n. Allo stesso tempo parlare di
    > garantire un diritto mi sembra assurdo. Non
    > stiamo parlando di bambini costretti a giocare,
    > il diritto di dormire è già garantito, se non se
    > ne avvalgono è altra questione. Altrimenti il
    > rischio è quello di IMPORRE a tutti ciò che è più
    > giusto secondo i più, invece di DARE LA
    > POSSIBILITA'. E il fatto che siano bambini non
    > vuol dire che siano idioti o incapaci di
    > comprendere, siamo stati bambini tutti, non
    > facciamo vincere il
    > buonismo.
    krane
    22544
  • eh, ma tra diritto e dovere c'è una bella differenza non credi? Un politico lo dovrebbe sapereSorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: wirobiro
    > eh, ma tra diritto e dovere c'è una bella
    > differenza non credi? Un politico lo dovrebbe
    > sapere
    >Sorride

    Dici ?? Una differenza tipo... Vediamo se trovo un esempio...
    Ecco: invadere != portare la democrazia
    O no ? Perplesso
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: wirobiro
    > > eh, ma tra diritto e dovere c'è una bella
    > > differenza non credi? Un politico lo dovrebbe
    > > sapere
    > >Sorride
    >
    > Dici ?? Una differenza tipo... Vediamo se trovo
    > un
    > esempio...
    > Ecco: invadere != portare la democrazia
    > O no ? Perplesso

    mmmm...si una cosa del genereSorride
    (sorridiamo...anche se ci sarebbe da piangere :/ )
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > - Scritto da: wirobiro
    > > eh, ma tra diritto e dovere c'è una bella
    > > differenza non credi? Un politico lo dovrebbe
    > > sapere
    > >Sorride

    > Lasciando perdere quello che dicono i politici,
    > il riposo è un diritto (o meglio una necessità)
    > per il fisico che viene spesso negata dal
    > cervello (giocoforza o per motivi
    > frivoli).
    > Tieni conto che i fenomeni di 'nerdizzazione' che
    > vediamo qui, in oriente sono all'ennesima potenza
    > per varie ragioni. Lì rischiano davvero parecchio
    > dal punto di vista sociale (autoesclusione della
    > socialità) che fisico:

    > molti sono stati i morti per inedia. Prova a
    > pensare conto di quanto si debba essere
    > estraniati dal mondo per morire di fame in un
    > casa dove c'è cibo!

    Non vogliamo proprio piu' lasciare niente alla selezione naturale ?
    krane
    22544
  • No... ormai tra buonismo, paternalismo, assistenzialismo, ciccipuccipiccicismo... Darwin non se lo fila più nessuno
    non+autenticato
  • - Scritto da: gnugnolo
    > No... ormai tra buonismo, paternalismo,
    > assistenzialismo, ciccipuccipiccicismo... Darwin
    > non se lo fila più
    > nessuno

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    krane
    22544
  • Non è vero: prima o poi nascerà un nerd alimentato USB e la selezione naturale non potrà che premiarlo.
    non+autenticato
  • Attaccandolo a una presa in corto circuito? Occhiolino
    non+autenticato
  • Vista la situazione trovo difficile dare torto al Governo, la situazione è in via di rapida degenerazione, e quindi prima di fare ulteriori approfondimenti penso abbiano fatto bene a dare uno *stop* forzato.
    Il problema però non sta nel gioco online di per sé. Devono iniziare a chiedersi *perchè* le persone preferiscono la vita online a quella reale. Partendo da questo presupposto è semplice risalire la catena delle motivazioni: la gente non trova appagamento nella vita reale. Il Governo sudcoreano ha intenzione di fare qualcosa per migliorare la vita delle persone? per farle *desiderare* di restare a contatto con il mondo, piuttosto che attaccati al computer?
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 03 dicembre 2010 09.38
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: ech3l0n
    > Vista la situazione trovo difficile dare torto al
    > Governo, la situazione è in via di rapida
    > degenerazione, e quindi prima di fare ulteriori
    > approfondimenti penso abbiano fatto bene a dare
    > uno *stop*
    > forzato.
    > Il problema però non sta nel gioco online di per
    > sé. Devono iniziare a chiedersi *perchè* le
    > persone preferiscono la vita online a quella
    > reale. Partendo da questo presupposto è semplice
    > risalire la catena delle motivazioni: la gente
    > non trova appagamento nella vita reale. Il
    > Governo sudcoreano ha intenzione di fare qualcosa
    > per migliorare la vita delle persone? per farle
    > *desiderare* di restare a contatto con il mondo,
    > piuttosto che attaccati al
    > computer?
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 03 dicembre 2010 09.38
    > --------------------------------------------------

    Che poi esattamente come fanno a capire che chi sta dietro lo schermo ha più o meno di sedici anni?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bic Indolor
    >
    > Che poi esattamente come fanno a capire che chi
    > sta dietro lo schermo ha più o meno di sedici
    > anni?

    Immagino inizieranno a fare monitoraggi mirati come in Cina probabilmente, con un intero dipartimento dedicato a controlli e distacchi.
  • Come per i siti porno: "se hai più di 18 anni clicca ENTRA, altrimenti lascia il sito"A bocca aperta

    Comunque anche io sono morto spesso giocando ai videogame...per fortuna tra vite extra e salvataggi me la sono cavata:D
    non+autenticato
  • Secondo me prendono casi estremi, come la regola.
    Sgabbio
    26177