Mauro Vecchio

FTC: assaggeremo i biscottini di Flash

La commissione statunitense analizzerà i cookie del player di Adobe. Più resistenti ai tentativi d'eliminazione per mezzo delle tradizionali opzioni a tutela della privacy

Roma - La fase di studio dovrebbe durare circa due mesi, prima che la Federal Trade Commission (FTC) statunitense si pronunci su quello che è già stato descritto come il caso Flash. Un grattacapo in più per il chairman Jon Leibowitz, che all'inizio del mese aveva annunciato la sua mossa contro il tracciamento delle attività online attraverso cookie e altri brandelli di informazioni di navigazione sbriciolate dagli utenti.

Il caso Flash pare rappresentare una sfida delicata per FTC, alle prese con cookie più resistenti come quelli dispensati dal player di Adobe. Biscottini dalla scorza dura, che già avevano messo in allarme la comunità degli attivisti che si battono per la privacy dei netizen. In sostanza, i pacchetti d'informazione relativa alla navigazione avrebbero mostrato un livello di resistenza maggiore se sottoposti ai tradizionali tentativi d'eliminazione da parte dei meccanismi standard a protezione dei dati personali.

La commissione guidata dal chairman Leibowitz dovrà ora analizzare l'attuale status dei cookie Flash, generalmente diversi da quelli HTTP perché non possono essere controllati dagli utenti attraverso le varie opzioni sulla privacy dei browser. Una tecnologia della società di rilevazione dati Quantcast era recentemente finita nel mirino di una class action per aver permesso la creazione di particolari cookie con Adobe Flash, in modo da far tornare in vita quei più tradizionali browser cookie già eliminati dagli utenti.
Un portavoce di Adobe ha tuttavia negato la stessa esistenza di un caso Flash. I local shared objects non sarebbero mai stati concepiti per il tracciamento online, attività condannata dalla stessa azienda perché contraria alla facoltà di scegliere da parte degli utenti. Si è poi parlato della nuova versione di Flash Player, più attenta alla privacy e meglio integrata nei singoli browser. Allo stato attuale, il browser Google Chrome sembra l'unico capace di rimuovere i tanto indigesti biscottini.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
5 Commenti alla Notizia FTC: assaggeremo i biscottini di Flash
Ordina
  • Allora,
    questa feature è purtroppo abusata da qualche programmatore o sito web.
    Fin qui non ci sono dubbi.
    Ma i giochi in actionscript, perchè è questo il vero nome del linguaggio e non "flash", necessitano di fare dei salvataggi, onde evitare di rifare tutto quanto daccapo.
    Sembra una sciocchezza, ma dietro ai giochi actionscript c'è un business milionario e gli utenti che utilizzano questo sistema sono davvero tanti, tantissimi.

    Allora come facciamo? Cancelliamo tutti i salvataggi dei giochi ogni qual volta si lascia il sito web oppure tentiamo di metterci una pezza?

    Il problema è COME.
    Anche rilasciando il codice di AS, non si risolverebbe nulla, il problema rimane comunque, cosi come chi sfrutta questo sistema per scopi tutti suoi.

    Ma fare di tutta un'erba un fascio mi sembra quantomeno da stupidi e poco informati sulla vastità di applicazioni che esistono, scritte con questo linguaggio.
    E molte di loro sono totalmente innocue, come il salvataggio del progresso nel gioco.

    Allora come la mettiamo? Prendiamo solo ciò che è cattivo per mettere alla sbarra tutto quanto?

    Ma dai.
    non+autenticato
  • - Scritto da: cognome
    > Il problema è COME.
    > Anche rilasciando il codice di AS, non si
    > risolverebbe nulla, il problema rimane comunque,
    > cosi come chi sfrutta questo sistema per scopi
    > tutti suoi.

    Finestra di conferma per quando salvi una partita? Non mi sembra difficile da implementare, se è solo questa la funzione che interessa...
    non+autenticato
  • - Scritto da: cognome
    > Allora,
    > questa feature è purtroppo abusata da qualche
    > programmatore o sito
    > web.

    direi quasi tutti.

    > Fin qui non ci sono dubbi.
    > Ma i giochi in actionscript, perchè è questo il
    > vero nome del linguaggio e non "flash",
    > necessitano di fare dei salvataggi, onde evitare
    > di rifare tutto quanto
    > daccapo.

    Questa mi sembra l'unico uso ragionevole, purché sia ben segnalato.

    > Sembra una sciocchezza, ma dietro ai giochi
    > actionscript c'è un business milionario e gli
    > utenti che utilizzano questo sistema sono davvero
    > tanti,
    > tantissimi.

    > Allora come facciamo? Cancelliamo tutti i
    > salvataggi dei giochi ogni qual volta si lascia
    > il sito web oppure tentiamo di metterci una
    > pezza?

    ci mettano una pezza, tipo una richiesta di abilitazione all'invio del cookie in ciascuna applicazione.
    Fino ad allora continuerò a bloccare tutto.

    > Il problema è COME.
    > Anche rilasciando il codice di AS, non si
    > risolverebbe nulla, il problema rimane comunque,
    > cosi come chi sfrutta questo sistema per scopi
    > tutti
    > suoi.
    >
    > Ma fare di tutta un'erba un fascio mi sembra
    > quantomeno da stupidi e poco informati sulla
    > vastità di applicazioni che esistono, scritte con
    > questo
    > linguaggio.
    > E molte di loro sono totalmente innocue, come il
    > salvataggio del progresso nel
    > gioco.
    >
    > Allora come la mettiamo? Prendiamo solo ciò che è
    > cattivo per mettere alla sbarra tutto
    > quanto?

    E doversi sorbire tutto il male, per il salvataggio dei giochini?
    Al massimo posso concepire l'aggiunta di un'eccezione in BetterPrivacy, se proprio ne vale la pena (e se capisco come si fa!)
    Funz
    13021
  • "Allo stato attuale, il browser Google Chrome sembra l'unico capace di rimuovere i tanto indigesti biscottini."

    E Firefox+betterprivacy?
    non+autenticato