Claudio Tamburrino

Google eBookstore, biblioteca sulle nuvole

Nome nuovo ma stesso progetto per l'esordio nell'editoria di Mountain View. Il servizio comincia ad operare negli Stati Uniti, nei prossimi mesi su molti browser del mondo

Roma - Ha esordito oggi negli Stati Uniti Google eBooks, con il suo eBookstore, già Google Editions, il servizio con cui Mountain View si lancia nel mercato dell'editoria digitale integrando alle opere già digitalizzate con il progetto Google Books, gli ebook di quei piccoli e medi editori e librerie che non godono di store digitali propri come quelli di Amazon, Barnes&Noble e Borders.

Google eBooks rappresenta la piattaforma per la vendita di libri digitali di Mountain View: interamente costruita in the cloud persegue il motto "compra ovunque, leggi ovunque". I volumi acquistati dagli utenti sono infatti conservati sui server di Google (che diventano una sorta di biblioteca online) che offre "illimitate possibilità di archiviazione". Adobe Systems ha annunciato che il suo software Content Server 4 assisterà nella gestione dei diritti digitali inerenti, legando i volumi ai singoli account che li hanno acquistati.

Niente download dunque? Non proprio, perché per alcuni volumi, compatibilmente con gli accordi presi da Google con l'editore, sarà possibile scaricare la versione ePub o PDF e così caricarla sul proprio ereader. E anche questa versione si sincronizzerà con quella conservata tra le nuvole. In questo modo se si ha a disposizione una connessione Internet i volumi acquistati possono essere letti effettivamente su qualsiasi dispositivo (tranne Kindle, eccetto che per gli ebook gratuiti) dal momento che il software eBook Web Reader di Google necessita solo di un browser e garantisce automaticamente l'ultimo punto di lettura.
Per il momento la piattaforma è attiva solo sul mercato statunitense, mentre nel 2011 è prevista l'estensione ad altri paesi. Per Android e iOS, inoltre, saranno anche disponibili app gratuite.

Fra gli editori di cui è già confermata la collaborazione, Random House, Simon&Schuster e Hachette. In totale dovrebbero essere 35mila in tutto il mondo. Varia la percentuale di profitti a essi riservata: sembrerebbe compresa tra il 45 e il 70 per cento. Inoltre Google ha anche avviato una collaborazione con il social network tematico Goodreads.

Per molti testi il servizio online di Google si allinea agli e-reader concorrenti offrendo la possibilità di selezionare il tipo di carattere, la sua dimensione, offrendo opzioni aggiuntive come la modalità di lettura giorno/notte e la scelta dell'interlinea che si preferisce. 

Oltre alla prossima dimensione internazionale, l'ambizioso progetto diventato realtà ha un'altra caratteristica che potrebbe rappresentare un vantaggio competitivo rispetto ai concorrenti: è trasversale non solo per i dispositivi di lettura ma anche nel senso che si possono acquistare i volumi sia tramite la sua piattaforma che nelle sue integrazioni presso i siti di librerie associate come Powell's Books.

Inoltre, partendo dai libri digitalizzati e delle centinaia di migliaia di volumi digitali gratuiti già compresi in Google Books, il nuovo servizio può vantare un catalogo competitivo, dichiarato da Mountain View superiore ai 4 milioni di libri.

D'altra parte occorrerà verificare se l'esperienza nella ricerca e nell'advertising di Google si vedrà anche nell'ecommerce. E se l'interfaccia e il sistema sviluppati siano facilmente fruibili dagli utenti.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
24 Commenti alla Notizia Google eBookstore, biblioteca sulle nuvole
Ordina
  • senza fare un processo alle intenzioni, un dubbio che emerge dall'ingresso di google nella distribuzione dei contenuti è:

    essendo il motore di ricerca più usato se con google ricerco il titolo di un ebook quale servizio mi salterà fuori per primo?

    e ancora visto che ci interessa da vicino se ricerco un certo film in streaming quale servizio arriverà per primo?
    non+autenticato
  • Infatti fa tutto parte di una strategia... ormai G sta assumendo dimensioni mostruose... al confronto il problema di monopolio di MS sta x impallidire
    non+autenticato
  • la situazione che si viene a creare infatti non è delle migliori, tutto è veicolato da google, vedremo gli sviluppi futuri, gli interessi non sono solo nostri, anche altri fra cui Microsoft, Apple e numerevoli piattaforme di streaming (legale) credo si stiano ponendo gli stessi interrogativi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: spacevideo
    > la situazione che si viene a creare infatti non è
    > delle migliori, tutto è veicolato da google,

    Google ha sempre proliferato offrendo contenuti gratuiti. Anche la musica si può ottenere da youtube gratuitamente.

    Forse, riuscirà a costringere anche le majors a capitolare, e a rilasciare i film gratuitamente.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > - Scritto da: spacevideo
    > > la situazione che si viene a creare infatti non
    > è
    > > delle migliori, tutto è veicolato da google,
    >
    > Google ha sempre proliferato offrendo contenuti
    > gratuiti. Anche la musica si può ottenere da
    > youtube
    > gratuitamente.
    >
    > Forse, riuscirà a costringere anche le majors a
    > capitolare, e a rilasciare i film
    > gratuitamente.
    in bianco e nero...A bocca aperta
    non+autenticato
  • Perchè, la musica su youtube è in bianco e nero?
    non+autenticato
  • > e ancora visto che ci interessa da vicino se
    > ricerco un certo film in streaming quale servizio
    > arriverà per
    > primo?

    Megavideo, ovviamente!
    non+autenticato
  • intendevo legale!
    non+autenticato
  • Vedere un film su megavideo è legale.

    Al massimo, chi commette l'illecito è chi lo carica su megavideo.
    non+autenticato
  • Sono 3 milioni di libri, non quattro come riportato nell'articolo.
    Google nel post ufficiale sul proprio blog parla di 3 milioni di libri.

    Questo servizio ammazzerà Apple e Amazon, che hanno un modello chiuso. Se acquisto i libri sui loro store, non li potrò utilizzare su altri dispositivi. Qui è diverso.
    A chi può interessare qui ho trovato un'analisi più dettagliata
    http://www.e-minds.it/blog/80/google-ebooks-apre-i...
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • Non mi piace l'idea della cloud-biblioteca: innanzi tutto non è fruibile da tutti (i lettori supportati sono relativamente pochi e devono avere caratteristiche avanzate che ne fanno diminuire l'autonomia e salire il costo). Il fatto che il libro resti di fatto da Google fa si che possa essere cancellato a mia insaputa (come per kindle d'altra parte) e comunque richiede una connessione che potrebbe non sempre essere disponibile rendendo inaccessibile i miei libri.
  • Concordo.

    Se compro qualcosa, voglio poterlo avere a disposizione in qualunque momento (specie con le connessioni ballerine ed a banda "musicale" che abbiamo in Bananolandia), ovvero scaricabile e senza quelle vaccate di DRM e affini.
    non+autenticato
  • Esattamente il contrario quindi (giustamente!) di Google Ebooks!:) E magari tra qualche mese ci piazzeranno anche la pubblicità in mezzo.
    non+autenticato
  • aspettiamo prima di giudicare ! l idea a me piace ... poter leggere il "proprio" libro su piu device è interessante ... per il discorso dello stare sempre online "credo" e spero che una volta lanciato il libro questo venga cmq memorizzato nel pc ( o altro device ) fino a quando non si termina la sessione di lettura !!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: maranos
    > aspettiamo prima di giudicare ! l idea a me piace
    > ... poter leggere il "proprio" libro su piu
    > device è interessante ... per il discorso dello
    > stare sempre online "credo" e spero che una volta
    > lanciato il libro questo venga cmq memorizzato
    > nel pc ( o altro device ) fino a quando non si
    > termina la sessione di lettura
    > !!!
    I lettori ebook con connessione 3g sono 2 o 3 modelli (esclusi i Kindle che non sono supportati), per gli altri devi avere una connessione wi-fi (e anche li quelli che lo supportano sono si e no il 50% dei modelli). Di fatto si tagliano via oltre il 50% del possibile mercato con questa scelta.
    Comunque se te lo lasciasse scaricare non sarebbe cloud, una volta che è sul lettore posso copiarlo e farne ciò che voglio (più o meno). E se anche fosse come di tu se io vado in vacanza all'estero o in un posto dove non c'è connettività e voglio portarmi dietro 10 libri non posso farlo.
    Aspettiamo il prossimo anno per vedere come sarà implementato qui in Italia ma temo risulterà poco fruibile.
  • > I lettori ebook con connessione 3g sono 2 o 3
    > modelli (esclusi i Kindle che non sono
    > supportati), per gli altri devi avere una
    > connessione wi-fi (e anche li quelli che lo
    > supportano sono si e no il 50% dei modelli). Di
    > fatto si tagliano via oltre il 50% del possibile
    > mercato con questa
    > scelta.
    > Comunque se te lo lasciasse scaricare non sarebbe
    > cloud, una volta che è sul lettore posso copiarlo
    > e farne ciò che voglio (più o meno). E se anche
    > fosse come di tu se io vado in vacanza all'estero
    > o in un posto dove non c'è connettività e voglio
    > portarmi dietro 10 libri non posso
    > farlo.
    > Aspettiamo il prossimo anno per vedere come sarà
    > implementato qui in Italia ma temo risulterà poco
    > fruibile.

    ormai molti ebook si connettono a internet e quelli che usciranno lo saranno praticamente tutti ! ora non ricordo ma mi sembra che addirittura i primi ebook si connettevano ad internet ovunque ( in 3g ) e non si pagava nulla poichè c erano degli accordi tra gli operatori di telefonia e chi vendeva gli ebook ... credo che piano piano si giungerà a questo per la grande maggioranza di questi device !
    non+autenticato
  • - Scritto da: maranos
    > ormai molti ebook si connettono a internet e
    > quelli che usciranno lo saranno praticamente
    > tutti !

    Non è la connessione ad internet, ma internet che manca! Perché è disponibile solo a casa ed eventualmente nelle zone urbane in prossimità di hotspot se e quando liberalizzeranno le connessioni senza identificazione (mai?). L'ebook deve invece essere fruibile dovunque. Deve essere scaricato! E non parlarmi di connessioni 3G che siamo messi altrettanto male.

    Trovo che l'idea di Google sia una vacc'ta.
  • - Scritto da: maranos
    > aspettiamo prima di giudicare ! l idea a me piace
    > ... poter leggere il "proprio" libro su piu
    > device è interessante ...
    Mai sentito parlare di carta?
    "Device" in uso da millenni...A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: pippO
    > - Scritto da: maranos
    > > aspettiamo prima di giudicare ! l idea a me
    > piace
    > > ... poter leggere il "proprio" libro su piu
    > > device è interessante ...
    > Mai sentito parlare di carta?
    > "Device" in uso da millenni...A bocca aperta

    per un libro ok ...
    altrimenti si deve viaggiare con la valigia per i libri !!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: ercole69
    > Non mi piace l'idea della cloud-biblioteca:
    > innanzi tutto non è fruibile da tutti (i lettori
    > supportati sono relativamente pochi e devono
    > avere caratteristiche avanzate che ne fanno
    > diminuire l'autonomia e salire il costo). Il
    > fatto che il libro resti di fatto da Google fa si
    > che possa essere cancellato a mia insaputa (come
    > per kindle d'altra parte) e comunque richiede una
    > connessione che potrebbe non sempre essere
    > disponibile rendendo inaccessibile i miei
    > libri.

    i libri si possono anche scaricare, sia su pc che su lettore. Quando questo non è possibile perché l'editore non vuole, c'è scritto esplicitamente che il file non è scaricabile ma solo leggibile on line.
    non+autenticato
  • Se è così la cosa cambia. Nella notizia questa informazione non c'era ma in effetti spulciando le pagine di google dice chiaramente che la lettura offline è possibile per i reader supportati:
    If you using a supported eReader device, you can also read most books available as Google eBooks offline by downloading and transferring a PDF or ePub file to your device. Please see this list of instructions for different supported devices.

    Speriamo solo che non siano troppi gli editori che non lasciano scaricare i libri a questo punto