Claudio Tamburrino

Facebook, confronto all'americana

Riconoscimento facciale suggerito per ogni volto da taggare in una foto caricata

Roma - Facebook ha annunciato l'adozione dell'opzione Tag Suggestions, che utilizza un software per il riconoscimento facciale per facilitare (suggerendo corrispondenze) l'operazione di tagging dei volti individuati.

Si tratta di una tecnologia sviluppata all'interno di Facebook con la collaborazione di partner esterni: non sono stati nominati, ma tra i candidati più papabili vi è il servizio Face.com, recentemente apparso sul social network in blu.

A luglio Facebook aveva adottato una speciale feature per la selezione automatica dei volti all'interno delle foto: quello di oggi rappresenta un ulteriore passo per il social network sul fronte dei tag (che ritiene fondamentale per il suo servizio di condivisione foto), ma al contempo è una grande ulteriore preoccupazione per coloro che sono sensibili ai problemi della privacy e che vedono con diffidenza il convergere automatico di sempre più informazioni.
Tecnologicamente non è una novità: già Google nel suo servizio di Picasaha un servizio molto simile, così come Apple in iPhoto per gli utenti OS X.

Allo stesso modo degli epigoni servizi di Mountain View e Cupertino, quello offerto ora da Facebook (a partire dalla prossima settimana negli Stati Uniti) provvederà a ricercare somiglianze nei volti della nuova foto caricata con quelle già taggate dall'utente completando il campo "Chi è?" con dei suggerimenti.

Già Facebook, peraltro, aveva aggiunto la possibilità di taggare contemporaneamente un gruppo di foto, in modo di salvare una volta per tutte l'individuazione della persona presente in esse. Quello che cambia con l'adozione di questa tecnologia da parte di Facebook è però nelle misure: sul social network in blu vengono attualmente effettuati 100 milioni di tag al giorno, da parte del 99 per cento dei suoi utenti.

Per questo una minima precauzione di privacy è stata pensata dall'amministratore: si tratta della consueta possibilità di opt-out per togliere il proprio nome da quelli che il social network può suggerire. È sufficiente disattivare la funzione attraverso le proprie impostazioni sulla privacy.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • BusinessApple compra per riconoscereAcquisita una società svedese specializzata nel riconoscimento facciale. Scarsi i dettagli dell'operazione. La Mela potrebbe sfruttare le risorse di Polar Rose nel settore mobile
  • Diritto & InternetItalia, la nuova videosorveglianzadi F.Sarzana di S.Ippolito (www.lidis.it) - Al via il provvedimento del Garante privacy che consente il posizionamento "massivo" delle telecamere nelle città italiane
  • TecnologiaGoogle Picasa si fa il liftingMountain View aggiorna le sue applicazioni fotografiche. Promette di taggare automaticamente le persone ritratte, di agevolare la condivisione, di sostenere il netizen che voglia sferruzzare con foto e video
  • AttualitàGoogle ti capisceOffre il riconoscimento vocale personale, per studiare e migliorare con il tempo l'interazione del singolo utente con il proprio smartphone. Conservando la sua voce nella nuvola
19 Commenti alla Notizia Facebook, confronto all'americana
Ordina
  • Come da oggetto, peccato che nel mio profilo ci sia la foto di una galassia, hahaha, che la tagghino pure, non mi dispiacerebbe che avesse il mio nome hahaha!!!
    non+autenticato
  • Come quello che si vede nei film americani dove gli investigatori caricano una foto (magari sfuocatissima) e il computer gli mostra nome, cognome e tutti i fatti suoi!
    Praticamente era un SuperFacebook, finalmente disponibile per tutti!
    non+autenticato
  • "sul social network in blu vengono attualmente effettuati 100 milioni di tag al giorno, da parte del 99 per cento dei suoi utenti"

    Il 99% degli utenti ogni giorno tagga qualcuno?
    Non ci credo neppure se me lo dimostrano.

    Il 99% degli utanti ha taggato qualcuno su FB? Idem
    non+autenticato
  • No. Vuol dire che l'1% degli utenti non mai taggato nessuno. Il 99% lo ha fatto almeno una volta.
    non+autenticato
  • Per quanto riguarda l'opzione Opt-Out fino ad ora messa a disposizione da Facebook, faccio gentilmente notare che semplicemente, al contrario di quanto riportato nei forum NON FUNZIONA.

    In pratica molti sono convinti che rendere le foto in cui si è taggati visibili SOLO A SE STESSI (attuale opzione) renda di fatto e come logico impossibile farsi taggare nelle foto ed avere almeno un minimo di speranza ma non è così.

    Quella opzione per esperienza diretta impedisce semplicemente che il report sia visibile sul proprio profilo, ma non di apparire sul profilo di chi vi ha taggato che può addirittura pubblicare e far commentare le foto in cui appare in evidenza il vostro nome.

    CONSIDERANDO che Facebook può praticamente fare tutto quello che vuole, mi permetto di suggerire il collegamento tra il tag automatico e il trovamici, così quando l'utente vedrà un amico che conosce ma che non è stato ancora perfettamente profilato dal sistema, potrà inserire i suoi dati personali, per vedere se si trova su Facebook senza che lui lo sappia. Così sarà tutto ancora più esplicito !
    non+autenticato
  • qualcuno può farmi capire cos'è il trovamici??
    non+autenticato
  • - Scritto da: anna maria
    > qualcuno può farmi capire cos'è il trovamici??

    È una sorta di crasi di ciò che in inglese si definisce Friend Finder e che permette di segnalare a Facebook l'email, il numero di telefono o il nome e cognome di perfetti sconosciuti che si vogliono fare i fatti loro e che mai avrebbero voluto che tali dati fossero stati comunicati a Facebook.
    non+autenticato
  • > In pratica molti sono convinti che rendere le
    > foto in cui si è taggati visibili SOLO A SE
    > STESSI (attuale opzione) renda di fatto e come
    > logico impossibile farsi taggare nelle foto ed
    > avere almeno un minimo di speranza ma non è
    > così.
    >

    Quale attuale opzione? Mi sa che ti sbagli. Il livello minimo di privacy delle foto degli amici (non le mie!) in cui sono taggato è "visibile solo agli amici".
    Non si può impedire di essere taggati. Quello che si può fare è rimuovere il tag (il che impedisce di essere taggati di nuovo).
    Ovviamente se invece le foto sono le tue, puoi mettere il livello di privacy che preferisci (anche "solo io")

    Questo non ha niente ha che fare con la nuova funzione. L'opt out vuol dire che il tuo amico non vedrà il tuo nome fra la lista automatica dei suggerimenti. Può comunque taggarti a mano.
    non+autenticato
  • > Quale attuale opzione? Mi sa che ti sbagli. Il
    > livello minimo di privacy delle foto degli amici
    > (non le mie!) in cui sono taggato è "visibile
    > solo agli
    > amici".

    No, non mi sbaglio. Se scegli un prodilo CUSTOM, puoi impostare la visibilità delle foto in cui sei taggato solo a te stesso ( sul mio profilo è così ).

    Se per esempio guardi questo link, che è il primo che ho trovato su GOOGLE a caso :

    http://www.librodellefacce.com/2008/12/come-impedi...

    La descrizione scritta in rosso, a differenza di quanto riportato in altri forum è corretta e se la si legge bene è assolutamente cervellotica, visto che non ha senso taggare qualcuno se solo lui può vedere il suo tag no ?

    Non sarebbe stato meglio impedire direttamente il tagging ? In realtà il senso ce l'ha dal punto di vista del sistema, visto che la visione privata non esclude Facebook e il suo motore di riconoscimento facciale, quindi conoscendoli, dubito che l'Opt-Out funzionerà esattamente come dovrebbe funzionare, sarebbe un miglioramento della situazione attuale e quindi contrario alla policy aziendale di Facebook.

    Probabilmente con salti mortali oltre ogni limite riuscirai a riportare la situazione allo stato attuale cioè semplicemente a fare in modo di non essere classificato automaticamente, ma mai di non essere raggato. Tutto lì.
    non+autenticato
  • Metti che io carico nel mio profilo la foto di uno sconosciuto che ho beccato per strada, Fèisbuc mi consiglia la tag con nome e cognome, nonché link al suo profilo (posto che quello sconosciuto sia in fèisbuc, sia già stato taggato e non abbia fatto opt-out)?

    Se è così è decisamente preoccupante! Deluso
    non+autenticato
  • non ti preoccupare, diranno "lo facciamo per il vostro divertimento" e vai col tango. e tutti ad autoschedarsi e schedare gli altri...
    non+autenticato
  • Penso che la cosa sia limitata ai propri amici. Non credo siano così sprovveduti da permettere il riconoscimento dei volti di perfetti sconosciuti.
    non+autenticato
  • più che altro perché sarebbe sovraccaricante immagino -.-
    non+autenticato
  • Ciò non toglie che non sia tecnicamente fattibile.Cylon
    non+autenticato
  • Già il tag è limitato ai propri amici, o in alternativa a nomi aggiuntivi che però non costituiscono "link" (che è quello su cui si basa principalmente il business di FB).
    E comunque da quel che ho capito il sistema suggerirà il nome, senza taggarlo autonomamente. Chiaramente non è da escludere un grosso tasto "fai tu" che cliccherà il 99% degli uTonti...
    non+autenticato
  • ultimamente mi è capitato di caricare foto su fb... in pratica ti raggruppa le foto "per persona" e ti chiede: "chi è questo?" e tu lo scegli tra gli amici... serve così in un colpo tagghi 100 foto della stessa persona... niente di nuovo, solo + veloce...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gimmi Ridimmi
    > Metti che io carico nel mio profilo la foto di
    > uno sconosciuto che ho beccato per strada,
    > Fèisbuc mi consiglia la tag con nome e cognome,
    > nonché link al suo profilo (posto che quello
    > sconosciuto sia in fèisbuc, sia già stato taggato
    > e non abbia fatto
    > opt-out)?
    >
    > Se è così è decisamente preoccupante! Deluso

    Si .. io mi sono leggermente preoccupato quando ho scaricato PICASA 3 (l'applicazione standalone). Avevo sul disco qualche migliaio di foto e l'applicatione appena partita è andata a scovarle tutte, prima ancora che cercassi di impostare la directory. Subito dopo nel trova-volti sono apparse le fototessera perfettamente definite di qualche centinaio di persone sconosciute.

    Lì per lì mi sono detto ... ma che cavolo sta succedendo questi chi sono ? Invece li avevo fotografati io, magari passavano sul lato opposto di un canale di cui stavo fotogrando il ponte, o per un piazza mentre fotografavo una statua (il cui volto era ovviamente stato riconosciuto come possibile avventore, insieme a quello dei quadri nei musei).

    Erano tutti lì perfettamente schedati, in formato tessera e in attesa che dicessi a Google chi erano, e magari condividessi l'album online, in modo che se anche io non lo sapevo lo avrebbe saputo con buona approssimazione lui, grazie al sapiente lavoro fatto da altri.

    Così è meraviglioso pensare al database di Facebook e all'utilizzo che se ne può fare. Tu passi di fronte ad un negozio, una telecamera in un centro commerciale ti individua e immediatamente sanno chi sei, la tua email, il numero di telefono, il numero della tua carta di credito e i tuoi gusti personali, inseriti da te o dai tuoi amici. Una gran figata !
    non+autenticato
  • il motivo per cui ho disistallato picasa...
    non+autenticato
  • - Scritto da: sonoproprio io
    > il motivo per cui ho disistallato picasa...

    Si ma non sono convinto che l'applicazione invii le foto per conto suo (almeno stando al mio firewall non lo fa) e se faccio un album web di solito non ci metto foto con amici.

    Paradossalmente PICASA ti apre gli occhi sulle potenzialità di questo genere di sistemi, giusto per farti capire cosa riescono a fare con un algoritmetto in una applicazione.

    Figuriamoci la tecnologia di Facebook sul lato server cosa può essere specie per la sensibilità dei dati che Facebook stesso spinge i suoi utonti ad inserire, di se stessi e degli altri.
    non+autenticato