Roberto Pulito

W3C: mobile, istruzioni per l'uso

Il consorzio internazionale stila le linee guida dello standard con cui realizzare app mobile dinamiche. Aiuterà gli sviluppatori a creare software efficienti e multipiattaforma

Roma - L'organismo internazionale non profit che promuove la conoscenza e le tecnologie associate al World Wide Web, cerca di fare un po' di chiarezza sulle applicazioni web dedicate ai dispositivi mobile. Con l'invasione di tablet e smartphone, associata al "caos" dei relativi marketplace, c'era bisogno di regolamentare un po' il settore dei programmi che consentono di tenere Internet in tasca.

Le linee guida aiuteranno gli sviluppatori web ad entrare nel business delle applicazioni mobile, illustrando le regole da seguire per fare in modo che una app funzioni correttamente, a prescindere dalla piattaforma. Basterà attenersi a questi comandamenti per creare un software corretto e dinamico, in linea con lo standard web mobile, sviluppato dalla comunità internazionale.

Basandosi sulle segnalazioni e le esigenze dei maggiori sviluppatori di browser, delle TLC e degli stessi developer, il World Wide Web Consortium ha realizzato un documento decisamente esauriente. Al suo interno, è possibile trovare consigli sul protocollo internet appropriato, la flessibilità del codice o la gestione delle informazioni personali dei naviganti. Lo scopo ultimo, come sempre, è quello di rendere il web accessibile a tutti.
La guida è stata realizzata nel modo più chiaro possibile, come da tradizione W3C, con una serie di cartoline online che suddividono il documento in argomenti. Il testo di queste card è disponibile in diverse lingue, esclusa quella italiana.

Roberto Pulito
Notizie collegate
  • TecnologiaHTML5, W3C consiglia prudenzaContro gli eccessi ormonali da diffusione di HTML5, il consorzio che sovrintende gli standard del web consiglia di rimandare il deployment. Il "futuro" di Internet non è ancora pronto
  • TecnologiaMicrosoft: cercasi standard web Sempre più HTML5 e sempre meno Silverlight nel browser di casa Redmond. Un sogno infranto e una nuova speranza per la gestione dei contenuti multimediali. Con il plauso di W3C