Raffaella Gargiulo

Street View, BigG rifiuta l'accesso ai dati

A seguito della richiesta di indagine da parte del Connecticut, Mountain View rifiuta di consentire l'accesso al materiale. Sostiene di non aver violato alcuna legge

Roma - Sostenendo che non si è violata alcuna legge, Google ha chiesto ad un giudice di respingere la denuncia portata avanti dal Procuratore Generale del Connecticut, Richard Blumenthal, riguardante la consegna entro il 17 dicembre dei dati raccolti dalle Google car durante il servizio di mappatura per Street View.

"Non è illegale ai sensi della legge ricevere informazioni da reti che sono configurate in modo che le comunicazioni fatte su di loro sono facilmente accessibili al grande pubblico". È quanto affermato da Mountain View nei documenti depositati alla Corte Distrettuale degli Stati Uniti.
Nonostante la legge federale sulle intercettazioni dichiari illegale raccogliere i dati provenienti dalle reti che non sono protette da password, Google afferma che essa contiene delle eccezioni.

La settimana scorsa Blumenthal in collaborazione con il Dipartimento statale per la tutela dei consumatori, aveva invitato una richiesta di indagine alla società per fare in modo che quest'ultima consentisse l'accesso ai dati raccolti con le Google car in modo tale da poter verificare il tipo di informazioni accidentalmente raccolte e memorizzate. Il gigante della ricerca si è rifiutato di consentire l'accesso ai propri dati alle autorità del Connecticut entro la data prevista dalla denuncia a suo carico. Il mancato accesso a tali dati ha concentrato l'attenzione sulla questione da parte delle agenzie governative negli Stati Uniti e in altri paesi compresi Regno Unito, Canada, Germania e Corea del Sud. Le autorità britanniche hanno chiesto a Google di cancellare i dati personali raccolti entro i prossimi nove mesi per evitare ulteriori azioni, nonostante il governo abbia già rifiutato di applicare una penale. Le reazioni negli Stati Uniti sono state molto differenti tra loro, variando in particolari stato e stato, e a seconda delle diverse agenzie federali.
Il Procuratore Generale Blumenthal ha criticato duramente Google per i passi indietro fatti a seguito delle dichiarazioni iniziali nelle quali rivendicava che la raccolta dei dati non era stata intenzionale e aveva più volte espresso il desiderio di cancellare il materiale illecitamente raccolto.
"Sono deluso - ha concluso Blumenthal - per il rifiuto di Google nel rispettare le mie richieste". "Esamineremo tutte le informazioni che riceveremo e considereremo l'ipotesi di ulteriori azioni legali".

Raffaella Gargiulo
Notizie collegate
9 Commenti alla Notizia Street View, BigG rifiuta l'accesso ai dati
Ordina
  • Hanno fatto bene a non consegnarli, se non hanno leso la privacy perchè consegnare il proprio lavoro?
    Se invece l'hanno lesa allora perchè portare le prove delle accuse?
    Il fatto è che google si sta silentemente intrufolando ovunque nell'informazione mondiale, con aandroid avrà anche la telefonia, insomma, sono il grande fratello mondiale, questo i cinesi lo sanno, ecco perchè li hanno sbattuti fuori casa, che poi sia giusto o sbagliato lo lasceremo decidere ai posteri!!!
    non+autenticato
  • Ah....che concetto esoterico la privacy....
    non+autenticato
  • Si strano davvero:

    Se Google ha violato la privacy raccogliendo quei dati,
    la violerebbe ancora di piu' consegnandoli alle autorita'.

    Se non l'ha violata non ha alcuna ragione di consegnarli...
    non+autenticato
  • Si strano davvero:

    Se Google non ha violato la privacy raccogliendo quei dati,
    allora non succede nulla se li consegna alle autorità

    se invece l'ha violata allora è giusto che li consegni...
    non+autenticato
  • - Scritto da: random name
    > Si strano davvero:
    >
    > Se Google non ha violato la privacy raccogliendo
    > quei
    > dati,
    > allora non succede nulla se li consegna alle
    > autorità

    no, non ne ha alcun motivo

    >
    > se invece l'ha violata allora è giusto che li
    > consegni...

    no, deve subire la condanna per averlo fatto e cancellarli
  • - Scritto da: p4bl0
    > - Scritto da: random name
    > > Si strano davvero:
    > >
    > > Se Google non ha violato la privacy raccogliendo
    > > quei
    > > dati,
    > > allora non succede nulla se li consegna alle
    > > autorità
    >
    > no, non ne ha alcun motivo
    >
    > >
    > > se invece l'ha violata allora è giusto che li
    > > consegni...
    >
    > no, deve subire la condanna per averlo fatto e
    > cancellarli

    domanda retorica: e come si fa, eventualmente, a condannare BigG se il giudice non può esaminare i dati raccolti, senza processo?
    non+autenticato
  • - Scritto da: random name
    > domanda retorica: e come si fa, eventualmente, a
    > condannare BigG se il giudice non può esaminare i
    > dati raccolti, senza
    > processo?

    a parte che non dipende dai dati, ma confessare non basta?
  • no, la sola confessione non basta, ed essendo i dati "il corpo del reato" servono a definire le eventuali responsabilità, quindi questa faccenda dipende dai dati.
    non+autenticato
  • SE NON VUOI CHE SI VENGA A SAPERE QUALCOSA DI TE, ALLORA QUELLA COSA NON DOVRESTI PROPRIO FARLA

    ipse dixit

    Tanto per aggiungere un aneddoto che non c'entra nulla, ma anche sì: ho appena portato il mio HD2 in un centro raccolta per la riparazione in garanzia (touch morto), e stavo cedendo all'idea di comprare un desire hd perché stare lontano da uno smartphone del genere mi mette a disagio.
    A tenermi a freno basta solo l'idea che per poter usare il telefono devo associarlo ad un account google.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 21 dicembre 2010 10.39
    -----------------------------------------------------------