Mauro Vecchio

Corea, vietato cinguettare a nord

Il governo del Suda da Seoul annuncia un piano per il blocco di siti e piattaforme legate alle autoritÓ di Pyongyang. Si temono i social network, in specie il flusso di Twitter. Denso, dicono, di propaganda

Roma - "Bloccare la propaganda nordcoreana, in particolare quelle attività condotte attraverso i servizi di social networking come Twitter". Questo l'obiettivo annunciato dal ministro per la Giustizia della Corea del Sud, all'interno di un più vasto piano strategico che rischia di limitare l'accesso alla Rete da parte dei netizen del paese asiatico.

In particolare, il governo di Seoul procederà con il blocco di tutti quei siti che agiscano come cassa di risonanza delle attività - ufficiali e non - delle autorità di Pyongyang. I simpatizzanti verranno immediatamente estromessi dalla Rete, i loro utenti reindirizzati verso una speciale pagina web gestita dalla polizia sudcoreana.

La tensione tra le due nazioni è quindi deflagrata, in seguito all'apertura in terra cinese di un account sulla piattaforma cinguettante Twitter. Il costante flusso dei link - ovviamente inneggianti al governo della Corea del Nord - aveva disturbato non poco Seoul, soprattutto per la successiva fioritura di una pagina Facebook e di un canale YouTube.
Il profilo cinese aveva ottenuto un discreto successo, giungendo in poco tempo a circa 10mila follower. Il governo sudcoreano aveva deciso di bloccarlo, per poi osservare gli utenti collegarsi tranquillamente tramite connessioni sicure HTPPS. Il piano delle autorità del paese asiatico - non ancora presentato nei dettagli - prevederà ora la chiusura di account, piattaforme e siti legati al nemico nordcoreano.

Sempre secondo il ministro per la Giustizia Hwang Hee-Chul, la decisione di arginare la Rete è stata dettata dai recenti scontri avvenuti nelle isole di Cheonan e Yeonpyeong. Fermare il flusso di post e cinguettii sarebbe ormai una questione di sicurezza nazionale.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàCorea del Sud, ultimatum a FacebookIl gigante social avrebbe violato una legge locale sulla protezione dei dati personali. Le autoritÓ hanno dato ai suoi vertici trenta giorni di tempo per rispondere. Intanto, Ŕ stato lanciato un tool dedicato alla privacy mobile
  • Digital LifeCorea, legge Cenerentola contro i videogameLa proposta Ŕ pensata per rendere illegale il gioco online dalla mezzanotte alle sei ai ragazzi al di sotto dei 16 anni. Il Governo: giocare online Ŕ anche causa di morte
  • AttualitàCartolina dal Nord CoreaAperto un sito ufficiale e una pagina Flickr del Governo anche all'estero. Immagini e notizie divulgate, naturalmente, sono rigorosamente dedicate a eventi propagandistici
9 Commenti alla Notizia Corea, vietato cinguettare a nord
Ordina