Claudio Tamburrino

KDE e The Document Foundation: alleanza contro i troll

Si sono unite a Open Invention Network, coalizione che vuole fare da scudo per eventuali cause di violazione del software open source

Roma - KDE e The Document Foundation, la fondazione formata a settembre con lo scopo di fungere da base legale per la fork LibreOffice di OpenOffice.org passata ad Oracle, sono diventate membri di Open Invention Network(OIN), l'associazione che riunisce aziende e soggetti coinvolti a vario titolo con il software libero e open source.

Si tratta di una vasta coalizione che spazia da Sony a IBM, passando per Novell e RedHat, e che si pone come obiettivo fare da scudo per cause legate a presunte violazioni della proprietà intellettuale in ambito di software open source. Unendosi ad essa The Document Foundation spera dunque di proteggere LibreOffice da eventuali attacchi brevettuali. Allo stesso modo la community KDE ha detto che "questo sviluppo fornisce una ulteriore condizione di sicurezza rispetto ai rischi che il Free Software oggi è costretto ad affrontare per i brevetti".

Sotto il cappello OIN, insomma, si riuniscono i protagonisti open che ritengono necessario dotarsi di armi legali per sventare gli attacchi esterni: l'esperienza fatta in seguito all'acquisizione di Sun Microsystem da parte di Oracle, nonché le dibattute strategie brevettuali di Microsoft rispetto all'open source e la solo parziale evoluzione nella disciplina brevettuale statunitense portata dalla decisione Bilski della Corte Suprema, hanno portato l'ambiente open source a guardare con sempre maggior interesse a possibili strategie di difesa.
E in questo può svolgere un ruolo importante OIN, un gruppo che raccoglie proprietà intellettuale e la mette a disposizione dei suoi membri gratuitamente. E che, a differenza di un patent troll, la usa in soccorso delle aziende del mondo open source. Recentemente si è unita ad essa anche Mozilla, in qualità di licenziatario.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • TecnologiaKDE 4.5, più veloce che mai Cambiamenti grafici, funzionali e motoristici. La nuova versione del desktop tra i più popolari in ambiente Linux porta in dote migliaia di miglioramenti. Ecco i principali
  • TecnologiaOpenOffice e il depistaggio di OracleComunicato da parte dell'Associazione PLIO: la suite per ufficio a pagamento OpenOffice 3.3 sorge dalle ceneri di StarOffice. OpenOffice.org è e rimarrà software libero
  • TecnologiaRiconsiderando LibreOfficeDue le sostanziali novità annunciate da The Document Foundation. Si andrà verso una maggiore compatibilità con i formati Office. E la dipendenza da Java diminuirà. I documenti al centro di tutto