Alfonso Maruccia

Windows Phone, pirati all'arrembaggio

Un hacker riesce a debellare il sistema di protezione della nuova piattaforma mobile di Microsoft con pochissimo sforzo. In arrivo un marketplace pirata per le applicazioni a pagamento?

Roma - Windows Phone 7, il sistema operativo mobile di Microsoft che ha registrato buoni risultati di esordio nel sempre più competitivo mercato degli smartphone avanzati, sarebbe prono alla pirateria rampante delle "app" a pagamento. A dimostrare la scarsa blindatura offerta dalle DRM integrate su WP7 ci pensa un singolo sviluppatore, che stando a un video su YouTube è riuscito a creare un'applicazione in grado di facilitare il download e l'installazione di ogni genere di app senza scucire un singolo cent per il servizio.

La tecnica implementata dallo sviluppatore è un "proof-of-concept" a cui non sono finora seguite distribuzioni di codice sorgente di sorta: obiettivo dichiarato del coder è sollevare un vespaio sul problema strutturale dei DRM di Windows Phone 7, a quanto pare talmente facili da bypassare da richiedere non più di sei ore di lavoro per la creazione dell'applicazione "FreeMarketplace".

Tramite quest'ultimo il coder è riuscito a implementare un vero e proprio servizio di download e installazione alternativo a quello ufficiale fornito da Microsoft, grazie al quale gli utenti potrebbero facilmente scaricare i pacchetti di installazione XAP corrispondenti alle singole app e installarli sui dispositivi basati su WP7 senza dover per questo pagare le somme fissate sul marketplace.
FreeMarketplace è una "app per le app" pirata che minaccia di impattare negativamente sulla crescente popolarità del circuito di digital delivery messo in piedi da Microsoft, arrivato a 5mila applicazioni disponibili ben prima di quanto sia riuscito a fare Google Android in passato.

Vista la giovane età della piattaforma WP7 e la delicatezza della fase in cui si trova il nuovo sistema, una reazione dura di Microsoft contro l'exploit messo alla berlina dal coder è quanto mai certa. Resta da capire quale forma tale reazione prenderà, e se saranno più veloci gli ingegneri del colosso del software a tappare il buco o gli smanettoni a distribuire una app pro-pirateria.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaWindows. Su ARM. Al CES?Microsoft sarebbe pronta a rivoluzionare uno dei più granitici paradigmi dell'era dell'informazione: mettendo in commercio una versione completa del suo OS capace di girare anche su architettura ARM
  • BusinessWindows Phone 7, primi risultati per sperarePrimi dati di vendita del sistema operativo mobile di Microsoft: non entusiasmanti, ma neanche da buttare. In attesa dell'esordio con Verizon e Sprint. E con un'offerta di applicazioni in forte crescita
85 Commenti alla Notizia Windows Phone, pirati all'arrembaggio
Ordina
  • Se viene craccato significa che interessa, e quindi è un sucesso, capito? Pertanto brindiamo al sucesso di Windows Phone 7.

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • agli sviluppatori, così imparano a sviluppare per i prodotti Microsoft.
    ruppolo
    33147
  • Guarda che appstore è stato craccato prima.

    Comunque, sì: gli sta bene, così imparano a mettere le protezioni.
    non+autenticato
  • AppStore non é stato per nulla craccato Newbie, inesperto
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > Guarda che appstore è stato craccato prima.

    AppStore non è mai stato craccato.

    > Comunque, sì: gli sta bene, così imparano a
    > mettere le
    > protezioni.

    La storia insegna (se l'hai studiata) che il crimine non paga.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: uno qualsiasi
    > > Guarda che appstore è stato craccato prima.
    >
    > AppStore non è mai stato craccato.

    in rete cominciano a diffondersi notizie che dicono il contrario, ma è presto per confermarle... vediamo tra qualche ora/giorno...
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: uno qualsiasi
    > > Guarda che appstore è stato craccato prima.
    >
    > AppStore non è mai stato craccato.
    >


    Mai dire mai

    http://punto-informatico.it/3066054/PI/News/mac-ap...
    non+autenticato
  • Oh, ecco il ++++ grande esponente del pensiero unico e allineato!!!
    non+autenticato
  • Solo che loro lo chiamano jailbreak, magari i macachi non hanno capito che è la stessa cosa. Canali FTP e SSH aperti per caricare le apps for free.
    Non è che gli sviluppatori delle apps su Iphone se la passino poi meglio.
    Sul fatto che uindous fone 7 sia una ciofeca è un altro paio di maniche, non c'entra col fatto del crack. Devo dare atto che iphone è molte spanne sopra, bug della sveglia a parte.
  • Difatti l'unica colpa di M$ è di non essersi sforzata in nomi fighi per le sue cose.

    Al posto di crack l'avessero chiamata...che so... unblock features oppure "escapefromBallmer" sarebbe stato un successone.

    PS: non sono poi così ironico...
    non+autenticato
  • - Scritto da: W.O.P.R.
    > Solo che loro lo chiamano jailbreak, magari i
    > macachi non hanno capito che è la stessa cosa.
    > Canali FTP e SSH aperti per caricare le apps for
    > free.
    > Non è che gli sviluppatori delle apps su Iphone
    > se la passino poi
    > meglio.
    > Sul fatto che uindous fone 7 sia una ciofeca è un
    > altro paio di maniche, non c'entra col fatto del
    > crack. Devo dare atto che iphone è molte spanne
    > sopra, bug della sveglia a
    > parte.

    E oltre al fatto che se apri qualche pagina web troppo complessa si blocca tenti di spegnerlo e rimane ore, giorni, anni, eoni con la mela che si visualizza fin che non si scarica la batteria e allora (forse) puoi sperare di riaccenderlo facendo un ripristino del firmware ovviamente dopo aver caricato iTunes, un "ottimo" software che occupa qualche centinaio di mega di ram per fare una copy di un paio di file mp3 e poco piu
    non+autenticato
  • E rimuovere la batteria no? (preciso, non ho mai usato un iCoso, e questo non minimizza quel che dici, ma non dovrebbe essere così complicato)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fai il login o Registrati
    > E rimuovere la batteria no? (preciso, non ho mai
    > usato un iCoso, e questo non minimizza quel che
    > dici, ma non dovrebbe essere così complicato)

    Lo e': non si puo' togliere ho letto Rotola dal ridere
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Fai il login o Registrati
    > > E rimuovere la batteria no? (preciso, non ho mai
    > > usato un iCoso, e questo non minimizza quel che
    > > dici, ma non dovrebbe essere così complicato)
    >
    > Lo e': non si puo' togliere ho letto Rotola dal ridere

    Ragazzi è dal primo iPod che ci sono polemiche sull'impossibilità di rimuovere le batterie dai devices della Apple Sorride (ora anche dai macbook)
  • Fosse solo questo il problemaA bocca aperta
    Il problema è che esistono i FanBoy.

    Allora facciamo la lista dei fanboy, per categoria e non per ordine di importanza:

    Macachi:
    Ruppolo (sempre se gli suona la sveglia su iPhone e torna tra noi)
    Finalcut
    Nodo
    Bertuccia
    Sad with you occomerazzosichiama
    Aleph72 (o era 42???)
    Mex (mai più pervenuto)

    Winari:
    Dovella
    Uau(tm)

    Cantinari:
    Panda Rossa (ma non sempre... secondo me però è troppo estremista)


    BSD:
    ?

    SOLARIS:
    ?

    AIX:
    ?

    OS400:
    ?

    prego, aggiungere e/o rimuovere dove serve... e magari motivare...A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: zuzzurro
    > Fosse solo questo il problemaA bocca aperta
    > Il problema è che esistono i FanBoy.

    però c'è da dire che mentre i fanboy Apple e cantinari la gran parte delle volte parlano a ragione, solo che spesso esagerano scadendo nel ridicolo, un fanboy Microsoft non ha proprio ragione di esistere, se non sovvenzionato dall'azienda stessa o in funzione dei fanboy Apple e Linux. Occhiolino
  • - Scritto da: il solito bene informato
    > Ragazzi è dal primo iPod che ci sono polemiche
    > sull'impossibilità di rimuovere le batterie dai
    > devices della Apple Sorride (ora anche dai
    > macbook)
    In quanto è logico e divertente, per ridurre i costi industriali e aumentare il cool factor, rendere un device praticamente "usa e getta" se la batteria fa "sgnacchete"...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Michele Montanari
    > - Scritto da: il solito bene informato
    > > Ragazzi è dal primo iPod che ci sono polemiche
    > > sull'impossibilità di rimuovere le batterie dai
    > > devices della Apple Sorride (ora anche dai
    > > macbook)
    > In quanto è logico e divertente, per ridurre i
    > costi industriali e aumentare il cool factor,
    > rendere un device praticamente "usa e getta" se
    > la batteria fa
    > "sgnacchete"...

    ...e aumentare le dimensioni delle batterie senza sacrificare ulteriore spazio interno, anzi, forse guadagnandone.
    Sono scelte.
  • Quella di farsi pagare ogni 2 anni 500 o più euro per un nuovo iDevice che non ti appartiene?
    Scelte poco ragionate da parte di chi compra, a mio parere.1
    non+autenticato
  • ... filosoficamente contrario a questi crack. Questa tipo di app sta spopolando anche tra i miei amici e parenti che hanno iPhone. Sinceramente lo trovo abbastanza da accattoni: posso capire crackare un programma da 700 euro come photoshop (se non ci devi lucrare) ma sfruttare certe vie per non pagare 1 euro ad app (tanto mi pare che costino la gran parte delle applicazioni) credo danneggi soprattutto i piccoli programmatori.
  • sono d'accordo con te.
    non+autenticato
  • Concordo, inoltre si espone il terminale ad inutili rischi (malware & co), oltre ad invalidarne la garanzia!
    non+autenticato
  • Virtualmente invalidi la garanzia, ma se ripristini il software originale la garanzia ritorna.
    Sgabbio
    26178
  • Chi è che ha abituato le persone ad andare avanti a base di programmi craccati? Chi disse che era meglio che un utente usasse un Windows craccato piuttosto che un prodotto della concorrenza? E bada bene, sono d'accordo al 100% con te, però queste sono le conseguenze di certi atteggiamenti...
    Ciao
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fai il login o Registrati
    > Chi è che ha abituato le persone ad andare avanti
    > a base di programmi craccati? Chi disse che era
    > meglio che un utente usasse un Windows craccato
    > piuttosto che un prodotto della concorrenza? E
    > bada bene, sono d'accordo al 100% con te, però
    > queste sono le conseguenze di certi
    > atteggiamenti...
    > Ciao

    Maledetto Steve Jobs che prese Bill Gates a lavorare per la Apple A bocca aperta
  • non che i software apple siano ostici da piratare...manco hanno il seriale ! (tralasciando iwork che credo sia l'unico che usi sta cosa ma solo per la trailA bocca aperta)
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > non che i software apple siano ostici da
    > piratare...manco hanno il seriale !
    > (tralasciando iwork che credo sia l'unico che usi
    > sta cosa ma solo per la trail
    >A bocca aperta)

    Perché il business di Apple è incentrato sulla vendita dei calcolatori elettronici (Con la lingua fuori), quindi non stringe molto le maglie sul software. Comunque iworks è una suite di lavoro "seria" che si propone come alternativa ad office, ed anche Aperture. Se parli di iMovie o iPhoto quelli non sono a pagamento: certo, per vie ufficiali non li troverai mai perché Apple te li vende inclusi nel sistema, ma se li trovi si possono installare senza seriale.
    Comunque non penso che sugli utenti Mac un giorno piomberà sulla testa un AGA (Apple Genuine Advantage) Sorride
  • - Scritto da: il solito bene informato
    >
    > Perché il business di Apple è incentrato sulla
    > vendita dei calcolatori elettronici (Con la lingua fuori), quindi
    > non stringe molto le maglie sul software.
    BBUMM!!!

    Apple Inc vende "anche" hardware, e di certo è uno dei suoi business principali.
    Ma non è l'unico.
    Il balzello di Apple Store, la commercializzazione conto terzi di musica, film e serie televisive.
    Inoltre, nonostante i Mac e i MacBook siano comunque importanti, molto dell'appeal di Apple sono gli iCosi. Dalla versione che suona e naviga su internet alla versione che telefona, alla versione che non telefona ma naviga su internet ed ingombra di più.

    Un "calcolatore elettronico" Apple ha deciso di ucciderlo non tanto tempo fa.... XServe.
    Sulle maglie del software... vorrei porre l'accento sulla scelta di Apple di castrare fuori (e non è un typo) gli utenti non-intel dei suoi elaboratori elettronici con iOs 4.2.
    Non è possibile installare iOs 4.x senza iTunes 10, non è possibile installare iTunes 10 senza Leopard installato (l'ultima versione compatibile con i processori RISC), il quale Leopard ora non mi sembra acquistabile. Ops... solo Snow Leopard.
    Ergo, chi ha iPhone 3GS e non ha pagato l'obolo quando chiesto da Zio Steve (a partire da 3 anni fa, entro l'anno scorso) ora per avere diritto ad un aggiornamento _gratuito_ dell'os del suo iCoso deve comprarsi un nuovo mac o usare Windows.

    OPS!
    > non stringe molto le maglie sul software.
    Direi che questa maglia sia piuttosto... soffocante, più che stretta.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Michele Montanari
    > - Scritto da: il solito bene informato
    > >
    > > Perché il business di Apple è incentrato sulla
    > > vendita dei calcolatori elettronici (Con la lingua fuori),
    > quindi
    > > non stringe molto le maglie sul software.
    > BBUMM!!!
    >
    > Apple Inc vende "anche" hardware, e di certo è
    > uno dei suoi business
    > principali.
    > Ma non è l'unico.
    > Il balzello di Apple Store,

    Quale balzello? Newbie, inesperto

    > la commercializzazione conto terzi di musica, film e
    > serie
    > televisive.

    sarà... ma non credo che i ricavi possano competere con la vendita di milioni di macbook

    > Inoltre, nonostante i Mac e i MacBook siano
    > comunque importanti, molto dell'appeal di Apple
    > sono gli iCosi. Dalla versione che suona e naviga
    > su internet alla versione che telefona, alla
    > versione che non telefona ma naviga su internet
    > ed ingombra di
    > più.

    ancora hardware...

    > Un "calcolatore elettronico" Apple ha deciso di
    > ucciderlo non tanto tempo fa....
    > XServe.

    evidentemente hanno visto che non avevano successo: un sacco gestori di siti usavano gli imac come server, infatti ne hanno introdotto un modello specifico

    > Sulle maglie del software... vorrei porre
    > l'accento sulla scelta di Apple di castrare fuori
    > (e non è un typo) gli utenti non-intel dei suoi
    > elaboratori elettronici con iOs
    > 4.2.
    > Non è possibile installare iOs 4.x senza iTunes
    > 10, non è possibile installare iTunes 10 senza
    > Leopard installato (l'ultima versione compatibile
    > con i processori RISC), il quale Leopard ora non
    > mi sembra acquistabile. Ops... solo Snow
    > Leopard.
    > Ergo, chi ha iPhone 3GS e non ha pagato l'obolo
    > quando chiesto da Zio Steve (a partire da 3 anni
    > fa, entro l'anno scorso) ora per avere diritto ad
    > un aggiornamento _gratuito_ dell'os del suo iCoso
    > deve comprarsi un nuovo mac o usare
    > Windows.

    dire che questa è una martellata sulle balle della stessa Apple. Probabilmente questo è uno degli ultimi passi nell'eliminazione del supporto agli obsoleti PPC.

    > OPS!
    > > non stringe molto le maglie sul software.
    > Direi che questa maglia sia piuttosto...
    > soffocante, più che
    > stretta.

    Mah... secondo me cerchi il pelo nell'uovo. Comunque l'ultimo esempio che hai portato comunque dimostra che Apple stringe le maglie sull'hardware, non sul software.
  • - Scritto da: il solito bene informato
    > > Il balzello di Apple Store,
    >
    > Quale balzello? Newbie, inesperto
    Imprecisione mia. Parlavo di AppStore e il ricavo percentuale che Apple chiede agli sviluppatori per usare il suo canale.
    >
    > > la commercializzazione conto terzi di musica,
    > film
    > e
    > > serie
    > > televisive.
    >
    > sarà... ma non credo che i ricavi possano
    > competere con la vendita di milioni di
    > macbook
    Milioni... hmmm
    Fammi capire... Vendo hardware, pago il prodotto, il marketing, i gestori, i magazzini e i corrieri.
    Vendo contenuti, e pago solo banda e server. Oltre il costo di sviluppo, per carità.
    Considerando che più che il fatturato, sono importanti i margini tra costi e ricavi, secondo te dove ne fanno di più con minori problemi di costo?
    Nei contenuti di una loro piattaforma oppure nei device dove debbono fare garanzia, assistenza e patching?

    > ancora hardware...
    Non calcolatori elettronici, però.
    >
    > evidentemente hanno visto che non avevano
    > successo: un sacco gestori di siti usavano gli
    > imac come server, infatti ne hanno introdotto un
    > modello
    > specifico
    Almeno controlla meglio.
    iMac non ha mai avuto MacOS X server. C'è stato un MacMini prima e un MacPro poi. XServe però lo infili in una farm o in un Housing partner con costi paragonabili ad un normale server rack.
    MacPro costa tre volte tanto, in termini di spazio.
    Poi... sui profitti probabilmente hai ragione...
    >
    > dire che questa è una martellata sulle balle
    > della stessa Apple. Probabilmente questo è uno
    > degli ultimi passi nell'eliminazione del supporto
    > agli obsoleti
    > PPC.
    D'oh... forse perchè non vendendo abbastanza computer per generare margini hanno bisogno di spingere le vendite, anche in maniere un po' "coercitoria???"
    O forse perchè, nonostante tutto, i precedenti Mac PPC Based erano più robusti, solidi e meno predisposti a rompersi degli attuali?
    Per carità, mere ipotesi.
    Il fatturato però intanto ringrazia...
    >
    > > OPS!
    > > > non stringe molto le maglie sul software.
    > > Direi che questa maglia sia piuttosto...
    > > soffocante, più che
    > > stretta.
    >
    > Mah... secondo me cerchi il pelo nell'uovo.
    Opinione legittima.
    La mia invece è che non sai di quel che stai parlando.
    IMVHO.
    > Comunque l'ultimo esempio che hai portato
    > comunque dimostra che Apple stringe le maglie
    > sull'hardware, non sul
    > software.
    Ma lo può fare solo sul software, stringere le maglie.
    E non sull'hardware!
    Ed è l'esatto contrario di quanto da te scritto sopra!
    Per vendere anche hardware, ma principalmente per vendere usa anche lei il software come forca caudina.
    Se la gente non cambia iCoso o Mac, Apple non può farci nulla. Può solo renderlo obsoleto tramite l'impossibilità di installare software o di fruire servizi.
    E ciò rende Apple stringente sul software _esattamente come tutti gli altri_
    non+autenticato
  • E quale sarebbe la notizia? L'ennesimo prodotto M$ craccato? E' una notizia?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fai il login o Registrati
    > E quale sarebbe la notizia? L'ennesimo prodotto
    > M$ craccato? E' una notizia?

    Che chi ha realizzato il crack ha dichiarato che e' stato estremamente facile ?
    No essendo un prodotto M$ in effetti neanche questa e' una notizia.
    krane
    22544
  • Forse questo articolo non ha l'intenzione di essere una notizia... forse è solo un pò di pubblicità per WinPhon€ 7, che, essendo arrivato molto dopo rispetto a iOS e Android, rischia di sparire nel dimenticatoio... Indiavolato A bocca aperta
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)