Mauro Vecchio

Giappone, iPhone al filtraggio?

Le autoritÓ del Sol Levante vorrebbero costringere Apple Japan e il carrier SoftBank Mobile ad implementare uno specifico software per il filtraggio di certi contenuti web inadatti ai minori

Roma - Che il mercato nipponico dei telefoni cellulari sia particolarmente affollato è cosa ormai nota. Produttori affermati come Sharp, Panasonic e Fujitsu provvedono alla certosina divisione degli utili, con un occhio sempre vigile verso competitor sempre più agguerriti.

Costantemente in ascesa, iPhone sta conquistando i desideri dei consumatori del Sol Levante. Il Melafonino è così riuscito ad entrare nella classifica dei primi cinque dispositivi mobile più venduti in Giappone. Un successo che per certi aspetti non sembra piacere affatto alle autorità locali.

Un efficace meccanismo di filtraggio dei contenuti web. ╚ quanto richiesto in via ufficiale dal ministero giapponese delle Comunicazioni, preoccupato che i minori possano risultare esposti ad una serie di siti poco consoni al loro sano e robusto sviluppo psichico.
Le autorità nipponiche hanno dunque richiamato sia Apple Japan che il carrier SoftBank Mobile, affinché si studi al più presto un modo per implementare il meccanismo di filtraggio nei vari device della Mela. I filtri dovranno essere predisposti al momento dell'acquisto di un iPhone.

I responsabili di SoftBank Mobile hanno tuttavia criticato la richiesta del governo: installare un software di filtraggio su ogni iPhone venduto richiederebbe procedimenti lunghi e difficoltosi. Ogni utente dovrebbe consegnare in negozio i suoi dati identificativi oltre che quelli sulla sua carta di credito.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàGiappone, fuoco su iPod NanoIl ministro per il Commercio ha ordinato ad Apple di fare rapporto su alcuni incidenti avvenuti al suo lettore musicale portatile. Fumo e fiamme per prodotti venduti a partire dal 2005
  • AttualitàPorno, i genitori contro iPhoneSecondo un'associazione di stampo conservatore, Apple non starebbe facendo abbastanza per tenere i contenuti pi¨ osceni lontani dalla vista dei pargoli. La moralizzazione annunciata da Jobs non pare dunque servire a molto
14 Commenti alla Notizia Giappone, iPhone al filtraggio?
Ordina
  • Che fine il Giappone.
    Come la Spagna di Zapatero che fa finto moralismo sulla corrida (oh poveri tori, oh poveri bimbi gli slogan patetici)... il Giappone rincretinito altrettanto dalla sinistra diventa finto moralista con leggi di censura staliniste '68ine senza senso e pietose come questa.
    non+autenticato
  • - Scritto da: chojin999
    > Che fine il Giappone.
    > Come la Spagna di Zapatero che fa finto moralismo
    > sulla corrida (oh poveri tori, oh poveri bimbi
    > gli slogan patetici)... il Giappone rincretinito
    > altrettanto dalla sinistra diventa finto
    > moralista con leggi di censura staliniste '68ine
    > senza senso e pietose come
    > questa.

    è tornato il berlusconiano che poco sa e però pontifica inanellando slogan...
    Funz
    13021
  • Traduzione: il governo nipponico non puo' tollerare che il cittadino giapponese possa attingere notizie sulle malefatte governative da wikileaks, quindi si richiede la possibilita' da parte del governo di poter attuare censure.

    I contenuti inadatti ai minori sono solo uno specchietto per le allodole.

    Il vero motivo e' quello di avere un controllo sulla rete per poter celare le notizie scomode.
  • - Scritto da: panda rossa

    > Il vero motivo e' quello di avere un controllo
    > sulla rete per poter celare le notizie
    > scomode.

    Quello è l'obiettivo di TUTTI i governi del mondo!
  • Tu non hai la minima idea di come si muova la morale giapponese
  • - Scritto da: Momento di inerzia
    > Tu non hai la minima idea di come si muova la
    > morale
    > giapponese

    Effettivamente no.
    Potresti illuminarmi, se tu quest'idea ce l'hai.
  • Tanto per cominciare non esiste una vera propria morale, dato che non esiste un Dio che la detti.
    Ho usato il termine "morale" come lo usa Hannah Arendt, ovvero come derivato dal latino "mores" (usi e costumi).
    C'è poi un discorso abbastanza complesso da fare su come questa morale si interfacci con le abitudini sessuali, con la classificazione della società (per la quale consiglio "la società giapponese" di Chie Nakane) e si arriva a una verosimilmente genuina preoccupazione per l'esposizione dei minori a certi contenuti.
    A ogni modo non è un discorso affrontabile qui.
  • Aggiungo che fondamentalmente la censura dei contenuti in Giappone ha poco senso dato che già ora sono prossimi a una telecrazia, almeno dal punt di vista consumistico in cui il parere di un "esperto" può decretare il successo o la morte di mode o prodotti in modo del tutto indipendente dal loro effettivo valore
  • Primo fanno una legge demente che per uno starnuto possono rendere vietato ai minori qualsiasi manga, anime e videogioco, adesso fanno quest'altra italianata.... mi domando se quel governo stia per cadere o meno.
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Primo fanno una legge demente che per uno
    > starnuto possono rendere vietato ai minori
    > qualsiasi manga, anime e videogioco

    E' solo una direttiva locale della municipalità di Tokyo

    > adesso fanno
    > quest'altra italianata.... mi domando se quel
    > governo stia per cadere o
    > meno.

    Per le strade si vedono spesso i furgoncini della propaganda del partito democratico, ma non so se siano o meno in campagna elettorale.

    Comunque si, ultimamente fanno parecchie italianate.
    Con la differenza che almeno la loro economia gira a mille
  • - Scritto da: Momento di inerzia

    >
    > E' solo una direttiva locale della municipalità
    > di
    > Tokyo

    Vero, ma devi considerare che la stragrande maggioranza degli studi e degli autori si trova a Tokyo, quindi... o cambiano sede sociale o si auto "censureranno"


    > Per le strade si vedono spesso i furgoncini della
    > propaganda del partito democratico, ma non so se
    > siano o meno in campagna
    > elettorale.

    Da me non ne ho visti, un dettaglio poco importante per questa discussioneA bocca aperta
    Comunque considerando la posizione risicata che ha il governo, mi sa che è iniziata già la campagna elettorale.

    > Comunque si, ultimamente fanno parecchie
    > italianate.
    > Con la differenza che almeno la loro economia
    > gira a
    > mille

    Il giappone è forse l'unico paese asiatico che ha problemi economici non indifferenti, la differenza è che a differeza dell'italia, non hanno ucciso le aziende locali come facciamo noi.

    Comunque tale legge è frutto dalle pressioni dell'unicef contro i lolicon e gli shotachan.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 10 gennaio 2011 22.26
    -----------------------------------------------------------
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Vero, ma devi considerare che la stragrande
    > maggioranza degli studi e degli autori si trova a
    > Tokyo, quindi... o cambiano sede sociale o si
    > auto
    > "censureranno"

    Non e' vero: hanno fatto questa leggina a Tokyo proprio perche' nel Kansai (Osaka, Kyoto), dove hanno sede la maggior parte delle ditte che producono videogiochi e manga di un certo tipo e non solo, non sarebbe mai passata

    > Il giappone è forse l'unico paese asiatico che ha
    > problemi economici non indifferenti, la
    > differenza è che a differeza dell'italia, non
    > hanno ucciso le aziende locali come facciamo
    > noi.

    Il discorso e' molto piu' complesso: per esempio loro fanno ancora in prima persona i lavori umili che noi abbiamo delegato agli immigrati
    E comunque sono sempre la terza economia del mondo (su alcune tabelle sono ancora la seconda) e uno dei massimi creditori mondiali

    > Comunque tale legge è frutto dalle pressioni
    > dell'unicef contro i lolicon e gli
    > shotachan.

    Ma che stai a di'?
    E' solo il governatore rompicaxxo di Tokyo che fa il moralizzatore anche contro i gay.
    L'unicef non c'entra niente
    http://kotaku.com/5707875/is-this-really-the-man-y...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Primo fanno una legge demente che per uno
    > starnuto possono rendere vietato ai minori
    > qualsiasi manga, anime e videogioco, adesso fanno
    > quest'altra italianata.... mi domando se quel
    > governo stia per cadere o
    > meno.

    Considerando la quantità assurda di zozzerie che si producono in Giappone, questi qui di Tokyo fanno come quelli che vogliono svuotare il mare col secchioA bocca aperta
    Funz
    13021
  • - Scritto da: Funz
    > Considerando la quantità assurda di zozzerie che
    > si producono in Giappone, questi qui di Tokyo
    > fanno come quelli che vogliono svuotare il mare
    > col secchio
    >A bocca aperta

    'nsomma... la legge giapponese punisce il venditore e non l'acquirente, quindi proprio peregrina la determinazione di Tokyo non è.
    Non si tratta di dare la caccia a centinaia di migliaia di utenti o di produttori (il mercato amatoriale è persino più sviluppato di quello ufficiale), ma a pochi individui che vendono