Alfonso Maruccia

Sony, dischi al tramonto

Il colosso nipponico annuncia la serrata di uno dei suoi maggiori impianti industriali per la produzione di CD-Audio. Il digitale e le condizioni economiche consigliano di consolidare altrove il business dei supporti fisici, dice Sony

Roma - Il 31 marzo del 2011 segnerà la fine dei giochi per un pezzo di storia della produzione multimediale di Sony. In quella data la multinazionale giapponese chiuderà definitivamente le porte dell'impianto "DADC", sito a Pitman, New Jersey e sin qui specializzato nella realizzazione di CD-Audio. Molti colgono l'occasione per suonare a morto la campana dei media ottici, ma c'è chi in seno all'industria non è affatto convinto che sia arrivato il tempo di passare a un mercato tutto in digital delivery.

La chiusura dell'impianto DADC porrà la parola fine a una storia lunga 50 anni, iniziata con la produzione di dischi in vinile e continuata con i compact disc nell'era dell'audio digitale. Al picco storico della sua produzione, DADC era in grado di "sfornare" la bellezza di 18 milioni di CD ogni mese.

Ma ora che il mercato è radicalmente mutato rispetto al passato, i contenuti in formato digitale da scaricare online vendono molto più di quanto facessero solo qualche anno fa e il mercato dei CD musicali si contrae senza sosta (-18% tra il 2008 e il 2009), DADC dovrà pagare dazio e accettare la volontà della società nipponica.
La chiusura dell'impianto del New Jersey sancirà purtroppo anche la perdita di 300 posti di lavoro, mentre la produzione di CD verrà spostata e accorpata nell'impianto - sempre gestito da Sony - situato a Terre Haute nell'Indiana. Sony dice che l'operazione è necessaria per "restare competitivi" nei confronti delle sfide affrontate dall'industria dei supporti fisici.

Un importante impianto produttivo di una delle "Quattro Sorelle" del disco interrompe tutte le attività, e l'occasione viene naturalmente sfruttata da più parti per rimarcare l'apparentemente inevitabile declino dei media tradizionali legati alla fisicità per la vendita e la fruizione dei contenuti immateriali.

Eppure c'è chi si considera ancora poco propenso a valutare la possibilità di abbandonare il disco ottico (sia esso CD, DVD o BD) in pianta stabile: John Riccitiello, il CEO di Electronic Arts che ha già previsto il sorpasso delle vendite in formato digitale rispetto a quelle su supporto fisco entro il 2011, si dimostra prudente in merito allo switch telematico dell'intero mercato e loda la facilità d'uso di un qualsiasi media ottico contro i lunghi (o lunghissimi) tempi di download necessari a scaricare i contenuti di maggiori dimensioni.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • Digital Life3D e digital delivery: come giocheremo tra 10 anni?Sviluppatori e produttori mettono in dubbio il successo delle due tecnologie più chiacchierate del momento. La stereoscopia è ancora acerba, mentre le connessioni non sono all'altezza dei download
  • Digital Life2010, per la distribuzione l'alba del digitaleRapporto Confindustria Cultura sullo stato del mercato dei contenuti. La trasformazione digitale è in corso, ma non c'è ancora condivisione degli obiettivi. In stallo il cinema, causa licenze, crescono musica e videogiochi
  • BusinessUSA, l'immateriale vendeUna ricerca del Pew Research Center segnala che il 65 per cento degli utenti intervistati spende denaro per fruire di contenuti digitali. Musica e software i beni più scaricati. Quasi nulla la disparità di genere
88 Commenti alla Notizia Sony, dischi al tramonto
Ordina
  • se non altro, questo costringerà le mejor vecchiarde a rivedere finalmente i loro modelli di business vecchi come matusalemme.
    In pratica, presto o tardi, si troveranno senza piu supporti su cui registrare le loro canzoncine tanto "preziose" e a uniformarsi a strumenti piu moderni. Esistono i microonde, le macchinette del caffè...
    Il grammofono della nonna ormai va bene giusto per l'indifferenziata Rotola dal ridere
    Anzi, prendete in considerazione l'idea di gettarvi voi stessi nel cassone indifferenziato insieme ai rottami, sarebbe un sollievo per tutti quelli che vi stanno "costringendo" a gettare il grammofono di vostra nonna in carriola. Rotola dal ridere

    Sino ad ora hanno riciclato il questo vecchio grammofono: per loro usare un vinile o un cd non cambiava proprio nulla, ma adesso ce la ridiamo.
    Voglio proprio stare a vedere come finisce.
    E sopratutto se riescono a capire una buona volta che vendere un dischetto è roba da anni 70.
    Siamo oltre il 2010...

    Come chiamarli se non patetici manager vintageA bocca aperta

    Ma adeguatevi un po, siete vecchi e puzzate di muffa e naftalina.
    non+autenticato
  • se chi gestisce i pifferai si accorda con le major, se chi vuole vivere di rendita si affida a loro, magari la colpa è da cercare in altre direzioni.
    e i costi della distribuzione classica e non? chi rischia di produrre un album e non vendere? questo modello di businness funziona fin tanto che sia che chi fa musica e chi la compra passino per li.
    ci sono molti cantautori in america che fanno tutto da soli, contattano i locali, si spostano da soli, ecc, e non diventano ricchi. vivacchiano.
    chi si prende la briga di promuoverli senza ricavarci molto?
    le major o le loro evoluzioni non smetteranno di esistere fin che verrà data corda agli artisti famosi e finchè ci saranno abbastanza introiti da permetterlo.
  • cd o dvd stampato contro altro supporto: chi vince?
  • Prova a stamparti i cd e dvd che usi per il backup...
    non+autenticato
  • nel senso, un cd originale ha i buchi, e se lo usi correttamente durerà molto tempo, forse più di noi. gli altri supporti attuali come flash drive, hd (non dico nastri e supporti masterizzati perchè fanno ridere) e altri non impressi meccanicamente, quanto durano? ogni 3/4 anni bisogna duplicare tutto?
  • - Scritto da: lellykelly
    > cd o dvd stampato contro altro supporto: chi
    > vince?

    È sufficiente che lo strato riflettente del CD si ossidi e hai perso tutto.
    Il materiale di cui è composto il supporto, il policarbonato, è un materiale organico. Non durerà in eterno.
    Per contro una chiavetta USB è composta da memorie ben protette dall'ambiente, composte da materiale inorganico. Praticamente eterne, si possono guastare solo con l'uso.
    ruppolo
    33147
  • ho dei cd originali che hanno più di 15 anni e vanno ancora. se intendevi quelli masterizzati ovvio che non durano, ma neppure le chiavette sono eterne, hanno comunque dei cicli di scrittura/lettura e sono soggette ai campi magnetici.
  • - Scritto da: lellykelly
    > ho dei cd originali che hanno più di 15 anni e
    > vanno ancora. se intendevi quelli masterizzati
    > ovvio che non durano, ma neppure le chiavette
    > sono eterne, hanno comunque dei cicli di
    > scrittura/lettura e sono soggette ai campi
    > magnetici.

    Pensa ho dei vinili che hanno 50 anni e ancora funzionano, ancora non sappiamo se tra 35 anni i tuoi e miei cd saranno ancora ascoltabili

    ciao

    Igor
  • i tuoi vinili se sono stati letti da un giradischi standard, sono usurati di più da un canale, e quindi anche in questo caso niente di eterno...
  • - Scritto da: lellykelly
    > cd o dvd stampato contro altro supporto: chi
    > vince?

    CD/DVD. Io compro ancora i CD ogni tanto, ma è raro che li uso. Appena comprati vengono rippati e li sento in streaming sullo stereo di casa via airtunes. Comodissimo.
    Ma avere il backup "fisico" di plastica originale mi piace e mi fa stare più tranquilloSorride

    Per i DVD è lo stesso, ma i film è più raro che li compri. Ma mi capita però di farne il "backup" se quello affittato mi è piaciuto. Certo in quel caso sono ben cosciente che non durerà in eterno... ma d'altra parte il formato DVD è già obsoleto oggi e lo sarà sempre di più negli anni, quindi non è importante.
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacBoy
    > - Scritto da: lellykelly
    > > cd o dvd stampato contro altro supporto: chi
    > > vince?
    >
    > CD/DVD. Io compro ancora i CD ogni tanto, ma è
    > raro che li uso. Appena comprati vengono rippati
    > e li sento in streaming sullo stereo di casa via
    > airtunes.
    > Comodissimo.
    > Ma avere il backup "fisico" di plastica originale
    > mi piace e mi fa stare più tranquillo
    >Sorride
    >
    > Per i DVD è lo stesso, ma i film è più raro che
    > li compri. Ma mi capita però di farne il "backup"
    > se quello affittato mi è piaciuto. Certo in quel
    > caso sono ben cosciente che non durerà in
    > eterno... ma d'altra parte il formato DVD è già
    > obsoleto oggi e lo sarà sempre di più negli anni,
    > quindi non è
    > importante.

    Che poi siamo tutti schiavi del vizio consumistico di portare a casa il dvd di un film con tanto di custodia imbellita da locandine e titoli, ma quanta polvere prendono a stare li sullo scaffale in eterno? Pochi film valgono veramente la pena di avere "fisicamente" per poterli vedere e rivedere. E' che in fondo siamo sempre tutti presi da mania di collezionismo. Molto meglio scaricare (legalmente) e tenersi tutto su un bell'HD, o magari più di uno per sicurezza.
  • Per me se ne pentiranno.. io adoro comprare un Cd Originale proprio perchè con il digitale non ho "Emozioni " nello scarto e l'inserimento dello stesso.

    Io sono contrario!
  • - Scritto da: gab06
    > Per me se ne pentiranno.. io adoro comprare un Cd
    > Originale proprio perchè con il digitale non ho
    > "Emozioni " nello scarto e l'inserimento dello
    > stesso.

    Rotola dal ridere
    ma chi se ne importa dello scartare la plastica (rottura di palle, produzione di rifiuti) e infilare il disco nel lettore (da fare ogni volta per ogni disco, ogni volta rischiando di rovinarlo).

    > Io sono contrario!

    Perché non ti compri i vinili? Danno molta più soddisfazione a vederli, molta più pellicola di plastica da scartare, molti più rischi di rigarliCon la lingua fuori
    Funz
    13000
  • Ormai vado avanti ad hd, chiavette usb e quant'altro, persino il so ce l'ho su chiavetta e alla peggio monto tutte le iso che mi servono
    x questo saranno passati 5 anni dall'ultimo cd o dvd che ho masterizzato
    non+autenticato
  • Anche io ho abbandonato i CD/DVD come principale supporto di back up : questo perchè periodicamente qualche supporto - anche di buona marca e ben masterizzato - diventava illegibile. Tuttavia, continuo ad usare CD e DVD per il lettore dell'auto, cd audio, PS-X, scambio dati con amici e altre cosine !
  • Sono l'unico che usa il dvd-rw del portatile 1-2 volte l'anno e solo perché costretto? Perplesso
    non+autenticato
  • Direi di no, io avrò usato il masterizzatore dvd/lettore blueray del mio portatile 10 volte in tutto in 2 anni, cui la metà per necessità non mie!
  • Io forse neppure quello!
    Sul portatile non so neppure se funziona il driver.
    Questo per i dati.
    Però per la musica in casa il CD è ancora validissimo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: rover
    > Sul portatile non so neppure se funziona il
    > driver.
    >

    Dipende: hai linux? Allora di sicuro non funziona A bocca aperta
    non+autenticato
  • Chiedo scusa, mi è sfuggita una erre di troppo.
    Intendevo drive.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sborone di Rubikiana memoria
    > Sono l'unico che usa il dvd-rw del portatile 1-2
    > volte l'anno e solo perché costretto?
    >Perplesso

    Non so, ma io sono anni che non uso più quei dischi da 12cm.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: Sborone di Rubikiana memoria
    > Sono l'unico che usa il dvd-rw del portatile 1-2
    > volte l'anno e solo perché costretto?
    >Perplesso

    Probabilmente si. Non ricordo l'ultima volta che ho masterizzato su di un RW. Anni almeno.

    Ma perché sei costretto?
  • - Scritto da: Redpill
    > - Scritto da: Sborone di Rubikiana memoria
    > > Sono l'unico che usa il dvd-rw del portatile 1-2
    > > volte l'anno e solo perché costretto?
    > >Perplesso
    >
    > Probabilmente si. Non ricordo l'ultima volta che
    > ho masterizzato su di un RW. Anni
    > almeno.
    >
    > Ma perché sei costretto?

    Chiedo venia. Ho frainteso il drive con il supporto.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)