Raffaella Gargiulo

I nativi digitali non sanno pedalare

I bambini tra i 2 e i 5 anni saprebbero utilizzare il computer ma non andare in bicicletta o allacciarsi le scarpe. Una ricerca di AVG

Roma - È stata pubblicata la seconda parte della ricerca Digital Diaries di AVG, azienda specializzata in sicurezza informatica, che conduce inoltre studi finalizzati a valutare come l'interazione dei bambini con la tecnologia sia cambiata nell'era digitale. Si tratta di un'analisi nella quale si è evidenziato come molti bambini, di età compresa tra i due e i cinque anni, imparano prima ad utilizzare il computer o ad usare un cellulare che ad andare in bicicletta o a nuotare, o ancora, ad allacciarsi le scarpe da soli.

La prima parte della ricerca di AVG, dal titolo "Nascita digitale", uscita ad ottobre scorso, aveva portato alla luce risultati da molti ritenuti preoccupanti: la maggior parte dei neonati, o bambini al di sotto dei due anni, (circa il 92 per cento negli USA e il 68 per cento in Italia), avrebbe già un impronta digitale, essendo già stato fotografati e mostrati su Internet dai propri genitori, a discapito della privacy.

La parte seconda della ricerca prende in esame un campione costituito da circa 2.200 madri in tutta la Nuova Zelanda, Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Francia, Germania, Italia, Spagna, Giappone, Australia. Alle madri, tutte con figli di età compresa tra 2 e i 5 anni, è stato chiesto di stilare una lista e una classifica sulle abilità dei propri figli circa le competenze informatiche e circa le abilità tradizionali del mondo reale, quali il nuoto o il ciclismo.
Lo studio ha evidenziato quanto si sia evoluta l'esperienza infantile. L'indagine ha mostrato che la maggior parte dei bambini piccoli non sappia ancora nuotare, o allacciarsi le scarpe ma al contempo sappia come accendere un computer, utilizzare il mouse, giocare ad un gioco per il computer o effettuare una chiamata col cellulare.

In particolare, per riportare le percentuali emerse dallo studio, il 69 per cento dei bambini, senza particolare divario in base al sesso, sa far funzionare un computer. I dati mostrano inoltre che circa il 58 per cento di questi bambini sa giocare ad un gioco per il computer, il 20 per cento sa nuotare e il 52 per cento sa andare in bicicletta. Ancora, il 28 per cento dei bambini sa effettuare una chiamata con il cellulare ma solo il 20 per cento di loro sa comporre il 911 in caso di emergenza. Dato ancora più sorprendente è che, di questi bambini tra i due e i cinque anni, il 69 per cento sa utilizzare un mouse mentre solo l'11 per cento sa allacciarsi le scarpe da solo.

Altri interessanti dati emersi sono, ad esempio, che il 25 per cento sa come usare un browser, il 16 per cento può navigare tra i siti Web, il 15 per cento conosce almeno un indirizzo Web, e il 19 per cento sa come far funzionare uno smartphone o un tablet. Sul lato analogico della vita, il 39 per cento conosce il proprio indirizzo di casa, il 27 per cento sa fare autonomamente la prima colazione e il 37 per cento sa scrivere il proprio nome e cognome.

"La tecnologia - ha dichiarato il CEO di AVG, JR Smith - ha cambiato ciò che significa essere un genitore e crescere i figli oggi". "Gli smartphone e il computer - ha continuato - stanno sempre di più prendendo il posto della TV come strumento di educazione ed intrattenimento per i bambini".

I ricercatori di AVG hanno sottolineato come ci sia bisogno di supervisione e di una guida per questi bambini, in modo tale che imparino ad utilizzare la tecnologia e a navigare in Rete in maniera responsabile.

Raffaella Gargiulo
16 Commenti alla Notizia I nativi digitali non sanno pedalare
Ordina
  • Eh si, come padre sono contento di vedere quanto sia bravo mio figlio che si accende da solo il pc, la play, la wii , il ds ecc ecc. ma voglio ricordare che abbiamo ridotto i nostri figli a permanere ore ed ore in casa invece di farli andare in cortile a giocare con gli amici. l'interazione dei bimbi oggi avviene solo con gli strumenti summenzionati ed in solitudine mentre in cortile avveniva la condivisione degli spazi in comunità in cui si poteva imparare ad allacciarsi le scarpe o ad andare in bici senza l'aiuto del papà o della mamma.
    c'è una gran bella differenza mi sembra.
    G.
    non+autenticato
  • - Scritto da: G.B.
    > Eh si, come padre sono contento di vedere quanto
    > sia bravo mio figlio che si accende da solo il
    > pc, la play, la wii , il ds ecc ecc. ma voglio
    > ricordare che abbiamo ridotto i nostri figli a
    > permanere ore ed ore in casa invece di farli
    > andare in cortile a giocare con gli amici.
    > l'interazione dei bimbi oggi avviene solo con gli
    > strumenti summenzionati ed in solitudine mentre
    > in cortile avveniva la condivisione degli spazi
    > in comunità in cui si poteva imparare ad
    > allacciarsi le scarpe o ad andare in bici senza
    > l'aiuto del papà o della mamma.

    > c'è una gran bella differenza mi sembra.
    > G.

    Si: nelle lamentele; una volta i genotori non facevano che dirti: non correre che ti fai male, non stare troppo fuori che prendi freddo, non frequentare quei bambini che sono cattivi...
    E ora che i bimbi non corrono piu', non siete contenti ?
    krane
    22544
  • Oddio, si trasformeranno tutti in sfigati affetti da dermatiti e professeranno la religione di Star Trek, finchè tutte le cassette non verranno spedite sul pianeta proibito
    non+autenticato
  • A che serve saper nuotare: ora per navigare basta internet... e al posto delle lifejacket ci sono gli antivirus.
    non+autenticato
  • presto si avranno generazioni lobotomizzate incapaci di pensare.....
    non+autenticato
  • - Scritto da: asd
    > presto si avranno generazioni lobotomizzate
    > incapaci di pensare.....

    Ma guarda... Le stesse cose che si dicevano quando e' nata la TV, e prima ancora la radio, ma prima ancora quando si iniziavano a diffondere i libri stampati...
    krane
    22544
  • o forse, al contrario di quelli fissi davanti alla tv col vervello che cola dall'orecchio, saranno in grado di pensare per conto loro
  • Lo è, non tanto il non sapere allacciare le scarpe o andare in bicicletta, capacità che più o meno tutti abbiamo acquisito verso i quattro-cinque anni, bensì quella di riuscire a destreggiarsi su di un computer. Presumo sia dovuto alla superiore capacità della mente infantile di acquisire informazioni, piuttosto di quella della motilità del corpo.
    non+autenticato
  • ...E comunque sono i genitori i primi "colpevoli" visto che a quell'età non si può lasciare da soli i bambini davanti ad un PC o con un telefono in mano.
    Comunque allacciarsi le scarpe ed andare in bicicletta non sono le cose più facili per un bambino, è molto più facile pigiare un pulsante per accendere un PC o muovere un mouse su di uno schermo. Siamo noi grandi che abbiamo più difficoltà a fare le due cose !!!!
    Paperolibero
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paperoliber o
    > ...E comunque sono i genitori i primi "colpevoli"
    > visto che a quell'età non si può lasciare da soli
    > i bambini davanti ad un PC o con un telefono
    > in mano.
    > Comunque allacciarsi le scarpe ed andare in
    > bicicletta non sono le cose più facili per un
    > bambino, è molto più facile pigiare un pulsante
    > per accendere un PC o muovere un mouse su di uno
    > schermo. Siamo noi grandi che abbiamo più
    > difficoltà a fare le due cose
    > !!!!
    > Paperolibero


    Ma ecco la soluzione: http://www.lastshopping.it/blog/prezzo/cyclette-wi...
    krane
    22544
  • - Scritto da: SILVAN
    > Lo è, non tanto il non sapere allacciare le
    > scarpe o andare in bicicletta, capacità che più o
    > meno tutti abbiamo acquisito verso i
    > quattro-cinque anni

    e anche il nuoto mi pare che non sia così significativo, mica tutti portano i figli piccoli a nuotare..
  • - Scritto da: p4bl0
    > - Scritto da: SILVAN
    > > Lo è, non tanto il non sapere allacciare le
    > > scarpe o andare in bicicletta, capacità che
    > > più o meno tutti abbiamo acquisito verso i
    > > quattro-cinque anni

    > e anche il nuoto mi pare che non sia così
    > significativo, mica tutti portano i figli piccoli
    > a nuotare..

    Saper nuotare puo' salvare la vita ! Io e' tra le prime cose che ho insegnato anche al mio caneSorride (non ho bimbi)
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > Saper nuotare puo' salvare la vita ! Io e' tra le
    > prime cose che ho insegnato anche al mio caneSorride
    > (non ho
    > bimbi)

    sono d'accordissimo e io da genitore lo farei ma molti a quanto pare no, quindi non so come'erano le statistiche prima ma 20% potrebbe sembrarmi abbastanza in linea..
  • ci vuole l'applicazione che insegna a pedalare, allacciarsi le scarpe, ecc
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)