Gabriele Niola

Pirateria, i numeri del 2010

Presentata a Roma la ricerca IPSOS sulla circolazione di contenuti fuori dai canali ufficiali: nessuna novità. Ma si guarda al modello francese per invertire la tendenza

Pirateria, i numeri del 2010Roma - È un'insolita comitiva quella che introduce la ricerca IPSOS 2011 sullo stato della pirateria in Italia. A presiedere è Fabrizio Del Noce, ora direttore di RaiFiction, che esordisce chiedendosi e chiedendo al pubblico "Non so se siano mai stati fatti incontri antipirateria di questo tipo". A fianco a lui i soli Filippo Roviglioni, presidente della FAPAV (Federazione Anti Pirateria Audio Visuale), e il commissario dell'Agcom Stefano Mannoni. Seduto in sala e pronto ad intervenire Nicolas Seydoux, presidente ALPA (Association de Lutte contre la Piraterie Audiovisuelle), uno dei principali sponsor e fautore della nota legge antipirateria francese, chiamato ad illustrare la normativa francese e a rispondere in prima persona alle "solite accuse".

Dopo i consueti moniti e cassandre introduttive sulla fine dell'intrattenimento e della produzione intellettuale, è Pagnoncelli di IPSOS ad annunciare come questo report, che arriva a due anni dall'ultimo, presenti una situazione sostanzialmente identica al precedente. La cosa è al tempo stesso una non-notizia e una notizia, perché nonostante le misure, le richieste e i molti dibattiti avvenuti in Italia nel 2010, il 37 per cento dei 2.017 intervistati si è dichiarato pirata (il 5 per cento in più del 2009). Si tratta di italiani scelti per essere rappresentativi di tutti i sessi, le età, le provenienze e i segmenti socio-economici.

Il perché di un tale immobilismo sembra chiaro a Roviglioni: "L'approccio della privacy con la sua interpretazione severa non ha permesso una serie di azioni necessarie, ma dopo questo periodo di inerzia e di difficoltà di applicazione ora il ministro Romani ha spostato i meccanismo di controllo all'Agcom, un passaggio che riteniamo molto positivo". A Roviglioni fa eco Mannoni dell'Authority: "I fatti dimostrano una crescita del fenomeno e l'inadeguatezza delle norme, cosa che spero ci farà superare la demagogia che finora ha imperato. È inutile in Italia continuare ad invocare il giudice perché si rischia di rimandare tutto alle calende greche. Ecco perché da noi il modello americano non può reggere, in Francia invece il giudice coopera con l'amministrativo mentre da noi non è così".

La ricerca diretta da Federico Galimberti mostra come, a fronte di un aumento della propensione a rimanere in casa degli italiani (dato che si riscontra anche in virtù dell'aumento di fruizione televisiva), ci sia un stato aumento della pirateria, specie di quella indiretta, ovvero quella dei DVD prestati, visti in compagnia o in famiglia. Se da una parte il profilo del pirata che esce dalla ricerca è sempre il medesimo (principalmente tra i 15 e i 34 anni, buona istruzione, con una forte propensione all'uso tecnologico), dall'altro i dati di soddisfazione dichiarata rispetto alla qualità del materiale scaricato illegalmente sono in crescita, smentendo il mito della qualità (quello secondo il quale il consumatore cerca sempre il prodotto di qualità) spesso sbandierato dai produttori di hardware come dall'antipirateria.

Altro dato interessante, che per la prima volta esce con decisione da un ricerca di questo tipo, è quello secondo il quale, del campione esaminato, il 72 per cento di chi scarica abitualmente contenuti protetti da copyright sarebbe interessato ad un'offerta legale, particolarmente nel caso questa prevedesse la disponibilità dei contenuti video usciti in contemporanea su tutti i mezzi (cinema, home video, download) o usciti in contemporanea mondiale. Addirittura un 24 per cento degli interessati dichiara che non scaricherebbe più illegalmente nel caso di offerte simili.
Questo introduce il dato secondo il quale circa il 50 per cento delle motivazioni che spingono alla pirateria giri intorno al risparmio e alla comodità di accesso (rapido e casalingo). Motivazioni quindi che potrebbero facilmente essere estinte o attenuate qualora la suddetta offerta (completa, libera e accessibile a prezzi minimi) fosse messa in piedi.

Infine una piccola postilla su una questione tecnologico-cinematografica emersa assieme al ritorno della tecnologia 3D, cioè quella per la quale la tecnologia potrebbe avere anche una funzione di antipirateria. Secondo IPSOS i tre quarti degli intervistati che si sono dichiarati pirati ha visto, vuole vedere e vedrà film in 3D e nell'80 per cento dei casi sceglie di vederli al cinema.
Notizie collegate
  • AttualitàCinema, l'identikit del pirata italicodi Gabriele Niola - FAPAV traccia un ritratto di chi viola il diritto d'autore. E snocciola suggerimenti per combatterli. Mentre produttori, registi e distributori avanzano proposte in linea col mercato
  • BusinessP2P, scarico dunque comproLo rivela uno studio britannico: i presunti pirati della Rete spendono annualmente 77 sterline in musica e collaterali. Più del doppio degli onesti cittadini di Internet
  • AttualitàIFPI: il P2P non aiuta la musicaL'organizzazione che tutela i detentori dei diritti sconfessa l'indagine britannica che conferiva al file sharing un ruolo benefico per l'industria dei contenuti
553 Commenti alla Notizia Pirateria, i numeri del 2010
Ordina
  • Sono il titolare di una videoteca nel Salento, a Tricase, gestisco l'attività con mia moglie da 20 anni circa.
    In tutti questi anni, non ho mai pensato, che il nostro futuro sarebbe stato minato dallo scaricare illecito di films attraverso la rete; l'assurdo è che i film in rete anticipano il cinema.
    Non mi sento tutelato dallo Stato, non mi spiego perché non si vuole bloccare questo traffico illecito.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ELIA GIUSEPPE
    > Sono il titolare di una videoteca nel Salento, a
    > Tricase, gestisco l'attività con mia moglie da 20
    > anni circa.
    > In tutti questi anni, non ho mai pensato, che il
    > nostro futuro sarebbe stato minato dallo
    > scaricare illecito di films attraverso la rete;

    Infatti non capisco perche' lo dovresti pensare: io fossi in te mi preoccuperei di piu' dello streaming on demand quello e' legale ed offre prezzi che nessun vecchio sistema come quello della videoteca puo' offrire.

    > l'assurdo è che i film in rete anticipano il
    > cinema.

    Ma hanno una qualita' becera !!!!
    Siamo seri, chi vuole usufruire di qualita' e prezzi bassi ormai ha la possibilita' di farlo legalmente a prezzi bassisssimi.

    > Non mi sento tutelato dallo Stato,

    Non sei certo l'unico, ne' il tuo campo e' l'unico a non essere tutelato.

    > non mi spiego perché non si vuole bloccare
    > questo traffico illecito.

    Perche' non e' tecnicamente possibile farlo.
    krane
    22544
  • - Scritto da: ELIA GIUSEPPE
    > Sono il titolare di una videoteca nel Salento, a
    > Tricase, gestisco l'attività con mia moglie da 20
    > anni
    > circa.

    Mi dispiace per te. Ti auguro un futuro migliore, in un settore più produttivo.

    > In tutti questi anni, non ho mai pensato, che il
    > nostro futuro sarebbe stato minato dallo
    > scaricare illecito di films attraverso la rete;

    Errore tuo.

    Se tu offri una merce che nessuno vuole più, è tempo di passare ad altro; non perdere tempo a chiedere tutela o aiuto, otterresti solo di rinviare l'inevitabile; la merce che vendi non interessa più, e quindi non vale più nulla.
    non+autenticato
  • Io posseggo vinili o cd di cui ho anche copie digitali, che non ho digitalizzato io personalmente... tecnicamente posseggo l'opera quindi sono a posto,no?
    (risposte serie per favore)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Jacopo Monegato
    > Io posseggo vinili o cd di cui ho anche copie
    > digitali, che non ho digitalizzato io
    > personalmente... tecnicamente posseggo l'opera
    > quindi sono a posto,no?

    Se hai scaricato (es. da megaupload) e non anche condiviso (es. via p2p) non possono accusarti di nulla perché la legge ti consente esplicitamente la copia di backup anche sotto altra forma dell'originale e te la consente anche se i vinili o cd si sono spaccati o graffiati e non sono più utilizzabili (basta che dimostri di averli, per quanto spaccati o graffiati).
    E' lo stesso discorso dei giochi per emulatori, sei autorizzato a giocare a "Ghostbusters" su CCS64 (emulatore di Commodore 64) se possiedi la cassetta o il floppy originale, indipendentemente dal fatto che tu abbia o meno un C64 funzionante e indipendentemente dal fatto che quella cassetta o floppy si siano smagnetizzati.

    (in più sei autorizzato a usare tutte quelle rom/disk images/tape images che i detentori dei diritti abbiano dichiarato gratuitamente utilizzabili per uso personale, e già queste bastano a ritenere legittimo l'utilizzo degli emulatori di per sé stesso)
  • Per WOT (http://www.mywot.com/it), una utility gratuita implementata nei browser Safari, Firefox e Chrom, i siti

    fapav.it
    fimi.it
    antipirateria.governo.it

    non sono sicuri: Sono pericolosi.

    http://www.mywot.com/it/scorecard/fapav.it

    http://www.mywot.com/it/scorecard/fimi.it

    http://www.mywot.com/it/scorecard/antipirateria.go...

    Peggio dei siti porno e di quelli con le password crackate.

    Bambini, a scuola... imparate la legalità, andate sui siti governativi!!!
    non+autenticato
  • o le fonti che non percorrono i canali ufficiali:
    - un sito che vende anche CD e DVD
    - due siti, cosiddetti "pirati".
    Il primo ha una sezione di merce proveniente da fallimenti, e che quindi la fa pagare meno.
    I secondi... ai secondi ho fatto un abbonamento di un mese. Per errore ho ripetuto la procedura due volte. Per meno di 10 euro non hanno ugualmente speculato diventando scorretti: l'abbonamento è proseguito automaticamente anche per il mese successivo.
    Quanti canali ufficiali si possono chiamare onesti in questo modo?
    Quanti grandi centri commerciali o negozi non dichiarano le fasulle "offerte sottocosto" come vendite di merce proveniente da fallimenti?
    Ci guadagnano ugualmente, non credete!!!
    Io stesso ho un portatile che ho pagato 1000 euro in meno, avuto da un piccolissimo rivenditore.
    Figuratevi quanta merce di questo tipo hanno i centri commerciali.
    Andate alle aste e poi tracciate/seguite i rivenditori !
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 26 discussioni)