Alfonso Maruccia

Niente pubblicità tracciante? Mozilla fa la sua proposta

La foundation del Panda Rosso propone un meccanismo di "opt-out" dal tracciamento della navigazione che sfrutta le comunicazioni basilari del protocollo HTTP. La parte più difficile resta la collaborazione dei pubblicitari

Roma - Lo fanno, non lo fanno, ma soprattutto come lo fanno: Mozilla torna a discutere della cosiddetta "not track list" e di come gestire questa caratteristica nel pieno rispetto del normale funzionamento del web. La foundation che ha regalato al mondo (tra gli altri) Firefox e Thunderbird è convinta del fatto che una eventuale funzionalità di "opt out" dal tracciamento delle abitudini di navigazione vada implementata a un livello di comunicazione quanto più basso è possibile per risultare efficace.

La discussione sulla do not track list per i network pubblicitari è sempre quella avviata dalla Federal Trade Commission statunitense, convinta della necessità di fornire agli utenti nuovi strumenti in difesa della privacy in Rete al punto da proporre la loro implementazione obbligatoria all'interno dei browser web.

Col passare delle settimane l'idea sta raccogliendo consensi, e alla lista pubblicitaria integrata direttamente nel browser dice sì Microsoft così come la stessa Mozilla - sebbene in quest'ultimo caso si prospetti l'aggiunta della tecnologia in una versione di Firefox successiva alla 4.0 per motivi tecnici.
Mozilla vuole aspettare per fare le cose nel migliore dei modi, e nel mentre aggiunge le sue proposte alla discussione in corso sulle liste obbligatorie. In particolare è opinione della foundation - per bocca del responsabile privacy e policy pubblica Alex Fowler - che la comunicazione della volontà di opt-out dell'utente vada trasmessa nei pacchetti di informazione come parte dell'header HTTP standard.

Integrando la tecnologia do not track all'interno dell'header HTTP, dice Fowler, ci si assicurerebbe il suo funzionamento "universale" e si garantirebbe il suo successo "sul lungo termine". Usare l'header HTTP rappresenta un sistema "meno complesso" da utilizzare, sostiene Fowler, e offre uno strumento di implementazione dotato di maggior persistenza rispetto a quelli basati sui cookie o su liste di network pubblicitari da far bloccare manualmente all'utente.

Sistema di implementazione a parte, anche Mozilla ammette quello che al momento rappresenta il tallone di Achille delle tecnologie basate su liste: il buon funzionamento del sistema necessita della collaborazione e della partecipazione attiva dei network pubblicitari, gli unici soggetti in grado di dare seguito alla scelta dell'utente di non venire tracciato nelle sue abitudini di navigazione.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàFTC, barriere contro il tracciamentoLe autorità di qua e di là dell'Atlantico pensano a nuovi strumenti di difesa della privacy dei netizen. Occorre implementare una restrizione tecnologica all'interno del browser, dicono gli USA. Diteci come tracciate, chiedono in Europa
  • TecnologiaIE9, barriere contro il tracciamentoLa nuova iterazione di IE dovrebbe includere una misura di gestione avanzata della privacy, grazie alla quale gli utenti potranno tagliare fuori network di advertising impiccioni. Ci aveva pensato anche Mozilla
  • AttualitàAnche Mozilla contro il tracciamentoLa foundation del panda rosso preannuncia l'implementazione di una funzionalità "do not track" in tempo per la prossima versione di Firefox. Si è andati troppo oltre con l'advertising, dice Mozilla
  • AttualitàMozilla: niente do no track. Per il momentoDifficoltà tecniche non permettono per ora di offrire già l'opzione che FTC sta pensando di rendere obbligatoria per tutelare gli utenti dal tracciamento a scopi pubblicitari