Alfonso Maruccia

IBM: chip al grafene? Non così in fretta

Un ricercatore IBM conferma: da solo, il grafene non può in alcun modo sostituire il silicio come base portante dell'industria dei semiconduttori. Il futuro è ibrido, non grafenico

Roma - Che il grafene abbia qualità straordinarie è oramai indubbio, e altrettanto indiscussa è l'importanza che il nuovo materiale monomolecolare a base di carbonio avrà nel prossimo futuro come dimostra la recente assegnazione del Nobel ai suoi scopritori Andre Geim e Constantin Novoselov. A essere meno certo è però il posto che toccherà al grafene nella prossima rivoluzione informatica, se il composto sarà destinato a sostituire in tutto il silicio o se dovrà giocarsela da comprimario in un puzzle formato da elementi diversi tra loro.

A frenare gli entusiasmi di chi parla di "switch-off" dell'era del silicio entro il 2024 arriva il dottor Yu-Ming Lin, ricercatore IBM impegnato a individuare "nano-switch elettronici innovativi" che parla appunto del grafene come di un nuovo elemento tecnologico da integrare, necessariamente, nell'attuale quadro industriale completamente dipendente dai substrati al silicio.

Yu-Ming Lin spiega che "il grafene com'è adesso non sostituirà il ruolo del silicio nel regno dei computer digitali", perché "c'è un'importante distinzione fra i transistor al grafene che noi sperimentiamo, e i transistor usati in una CPU".
Al contrario del silicio, spiega ancora il ricercatore di IBM "il grafene non è dotato di un gap energetico" e non può quindi essere "spento" completamente. È quindi improbabile che i chip con clock da centinaia di GHz messi in mostra da Big Blue vedranno mai la luce del mercato commerciale.

Alle parole di Yu-Ming Lin fanno eco quelle Mike Mayberry, responsabile della ricerca componenti di Intel che pone l'accento sulla convenienza a continuare sulla strada del silicio finché è possibile - e magari anche oltre: "L'industria ha un'esperienza talmente vasta col silicio - dice Mayberry - che non esistono piani per sostituirlo in quanto substrato per la realizzazione di chip".

Se il grafene non potrà sostituire il silicio, allora quale sarà il futuro di questo "materiale delle meraviglie" messo costantemente sotto osservazione nei laboratori di ricerca di tutto il mondo? Il ricercatore di IBM scommette sui microprocessori ibridi, uno scenario in cui il grafene potrà essere impiegato per "arricchire le funzionalità dei chip di computer" fungendo da complemento per l'onnipresente silicio.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaPiù vicini i microchip al grafeneRicercatori statunitensi sostengono di essere riusciti a sviluppare una tecnologia prototipo per la produzione di chip al grafene potenzialmente in grado di aprirne le porte allo sviluppo commerciale
  • TecnologiaIl futuro dell'elettronica è ibridoRicercatori giapponesi sostengono di aver trovato il modo di fondere insieme silicio e grafene. Aprendo la strada a una potenziale nuova industria capace di andare molto oltre i limiti delle attuali tecnologie elettroniche
  • TecnologiaAnno 2024: l'era del grafene ha inizioPer gli esperti il destino del silicio come base dell'elettronica è segnato. Al suo posto un materiale più efficiente, con promettenti sviluppi già in cantiere
  • AttualitàGrafene, premio Nobel per la FisicaIl Nobel di quest'anno va ai due scienziati di origine russa che per primi hanno isolato il "materiale delle meraviglie", il grafene. Una scoperta che secondo gli ottimisti cambierà per sempre i computer e la tecnologia tutta
2 Commenti alla Notizia IBM: chip al grafene? Non così in fretta
Ordina