Mauro Vecchio

USA, Pandora si vende alla Borsa

Avviate le procedure per l'offerta pubblica iniziale, per raccogliere un totale di 100 milioni di dollari. E il servizio di raccomandazione musicale punta all'espansione dopo la quasi parità di bilancio

Roma - A compiere il passo decisivo è stato il suo founder Tim Westergren, di recente accolto a Washington presso la U.S. Securities and Exchange Commission (SEC). La piattaforma online di raccomandazione musicale Pandora punterà a raccogliere 100 milioni di dollari, in seguito all'ufficialità dell'avvio delle formali procedure per l'offerta pubblica iniziale.

I vertici di Pandora si sono così recati a Washington insieme ad un nutrito gruppo di investitori, guidati da ben noti gruppi come Morgan Stanley e J.P. Morgan. Nei documenti presentati presso la SEC, la piattaforma a stelle e strisce si è descritta come una stazione radio personalizzata e trasmessa sul web così come sui principali dispositivi mobile.

Ma le ambizioni di Pandora sembrano ormai sconfinate. Westergren ha parlato di imminenti migliorie al servizio, sia in termini di advertising che di distribuzione. Il servizio offerto dalla piattaforma potrebbe presto espandersi anche all'estero, arrivare all'elettronica di consumo e alle auto. Gli stessi contenuti potrebbero andare ben al di là della musica, a partire dai talk show per arrivare allo sport.
Una strategia che dovrebbe far crescere repentinamente l'attuale platea di utenti di Pandora, circa 80 milioni in terra statunitense. L'86 per cento dei 90 milioni di dollari raggranellati nell'anno 2010 ha avuto origine dalla pubblicità, con soli 12 milioni di dollari provenienti dagli abbonamenti. Il bilancio di Pandora ha quasi raggiunto la parità.

Secondo i dati relativi allo scorso anno, le perdite complessive della piattaforma si aggirerebbero intorno ai 300mila dollari. Una cifra decisamente più incoraggiante dei 16,8 milioni di dollari persi alla fine dell'anno 2009. Pandora ha in sostanza osservato una crescita pari a circa 30 milioni di dollari dalla fine del 2009 alla fine del 2010.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • BusinessSkype e LinkedIn, preparativi per la BorsaLa prima ritarda l'atteso esordio soprattutto per il cambio al vertice avvenuto ad ottobre. La seconda presenta i primi documenti. Anche Groupon si prepara alla quotazione nel terzo trimestre
  • AttualitàCassandra Crossing/ Facebook e la bolladi M. Calamari - Come si valuta un social network? Economicamente, si intende. E, soprattutto, come si fa a schivare un'altra bolla dot.com? Sempre che ci sia, la bolla: e se questa volta fosse tutto (spaventosamente) più reale?
  • BusinessMusica digitale, chi scende e chi saleAncora stime in negativo per le vendite di contenuti musicali formato CD: decine di milioni di consumatori non comprano più. Qualche speranza arriva dal parziale ritorno di fiamma degli album. Dubbi sui servizi digitali gratuiti
11 Commenti alla Notizia USA, Pandora si vende alla Borsa
Ordina
  • Hanno sfruttato l'immane lavoro di scelta fatto dai loro utenti, gratis naturalmente, e adesso ci fanno un sacco di soldi!
    Proprio braviA bocca aperta
    non+autenticato
  • In Italia non è accessibile da anni, chissenenfrega!
    Lanf
    Lanf
    131
  • - Scritto da: Lanf
    > In Italia non è accessibile da anni,
    > chissenenfrega!
    > Lanf
    Tranquillo, se inizia a rendere ritornerà di corsaA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: pippO
    > Hanno sfruttato l'immane lavoro di scelta fatto
    > dai loro utenti, gratis naturalmente, e adesso ci
    > fanno un sacco di
    > soldi!
    > Proprio braviA bocca aperta

    Ma te, hai mai usato Pandora?
    non+autenticato
  • - Scritto da: linux di molfetta
    > - Scritto da: pippO
    > > Hanno sfruttato l'immane lavoro di scelta fatto
    > > dai loro utenti, gratis naturalmente, e adesso
    > ci
    > > fanno un sacco di
    > > soldi!
    > > Proprio braviA bocca aperta
    >
    > Ma te, hai mai usato Pandora?
    Si, ciao
    non+autenticato
  • > > Ma te, hai mai usato Pandora?
    > Si, ciao

    Fino ad oggi, l'unica "Pandora" che conoscevo era quella di Avatar. Oppure quello che mangio a Natale.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonymous
    > > > Ma te, hai mai usato Pandora?
    > > Si, ciao
    >
    > Fino ad oggi, l'unica "Pandora" che conoscevo era
    > quella di Avatar. Oppure quello che mangio a
    > Natale.

    Il vaso no ? si vede che in italia siete un branco di ignoranti! comunque su su che tramite VPN riuscite ad usare anche questi servizi... d'altronde cosa ci si può aspettare dal popolo che ha eletto (e ri eleggerà) SB ?
    non+autenticato
  • Sei giovane ragazzo, devi sapere che un tempo pandora funzionava benissimo anche alle nostre latitudini... quando l'avevo scoperto mi sembrava un sogno, inserivi per dire megadeth e una dopo l'altra ti riproduceva in automatico tutte le canzoni di quel genere e di quel periodo, e oltre a riascoltare i brani della mia adolescenza, ne potevo scoprire di nuove mai sentite prima... una cosa fantastica! Credimi, da rendere obsoleti i vari emule & co. Finchè un giorno è saltata fuori la novità che per motivi di diritti d'autore, il servizio rimaneva funzionante solo in USA...
    non+autenticato
  • Io ho scoperto Celtic Woman grazie a Pandora e ho acquistato 2 DVD e 2 CD.
    Il sistema funzionava. Peccato che lo hanno interrotto per motivi "idioti".
    Tra l'altro, tecnicamente, andava benissimo, perché a differenza delle normali radio Internet che vanno in streaming con prestazioni disastrose in caso di linea "disturbata", faceva un download alla massima velocità possibile e dopo pochi secondi non usava più la linea, riproducendo la canzone perfettamente.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 16 febbraio 2011 10.11
    -----------------------------------------------------------
    Lanf
    131
  • HAhahahaha questa si che è buona che cosa è che hanno sfruttato?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Cavallo Pazzo
    > HAhahahaha questa si che è buona che cosa è che
    > hanno
    > sfruttato?
    Dalla tua risposta sopra:
    "inserivi per dire megadeth e una dopo l'altra ti riproduceva in automatico tutte le canzoni di quel genere e di quel periodo, e oltre a riascoltare i brani della mia adolescenza, ne potevo scoprire di nuove mai sentite prima..."
    Secondo te come hanno fatto?
    non+autenticato