Mauro Vecchio

Bernabé e la grande abbuffata dei provider

Google e Facebook dovrebbero smetterla di approfittare delle infrastrutture degli operatori senza contribuire alle spese di gestione. Le telco potrebbero offrire servizi ad alta qualità: al giusto prezzo, si intende

Roma - L'era del "pasto gratis" potrebbe presto volgere al termine, lasciando a stomaco vuoto i principali content provider del web. Parola dell'AD di Telecom Italia Franco Bernabé, almeno nelle dichiarazioni rilasciate nel corso di un'intervista con il quotidiano britannico Financial Times.

Giganti del calibro di Google e Facebook dovrebbero dunque darsi una regolata, smettendo di approfittare delle infrastrutture di rete a loro garantite dagli operatori. I vari fornitori di contenuti farebbero un "uso massiccio" dei network di telecomunicazione, senza però contribuire al loro effettivo sviluppo.

Bernabé - intervenuto in qualità di presidente dell'associazione degli operatori mobile GSMA - non sembra aver dimenticato il principio noto come neutralità della Rete. Ma allo stesso tempo ha sottolineato come gli operatori possano offrire nuovi servizi di alta qualità ai content provider.
Servizi di qualità superiore, appunto offerti ai fornitori di contenuti per "servire meglio i consumatori". "Ovviamente questi servizi saranno remunerati" ha aggiunto il presidente di GSMA. Società come Google non potrebbero più pensare di sfruttare le infrastrutture evitando di contribuire a spese di gestione pari a miliardi di euro.

Stando ad alcuni dati pubblicati dalla società d'analisi IDC, il traffico mobile dei dati in Europa crescerà in media del 15 per cento all'anno. Un'altra ricerca pubblicata da Canalys ha sottolineato come la spesa annuale di gestione dei network sia destinata ad aumentare del 28 per cento rispetto al 2010.

Bernabé ha dunque illustrato uno scenario in cui ad una rete leggera è ormai subentrato un traffico sempre più caotico dei dati, con una fame atavica dimostrata da video in streaming, P2P e servizi VoIP. YouTube (e simili) dovrebbe pertanto smetterla di succhiare banda in maniera del tutto gratuita.

Questione delicata, affrontata negli Stati Uniti dalla Federal Communications Commission (FCC). I principi a tutela della net neutrality sarebbero intoccabili su rete fissa, più morbidi invece in ambienti mobile in continua crescita. Quale sarà la posizione europea al riguardo?

L'intervista concessa da Bernabé al FT apre di fatto al summit che verrà ospitato dalle autorità del Vecchio Continente il prossimo 3 marzo. Un'occasione di incontro - o scontro - tra le varie compagnie telefoniche e principali content provider.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
136 Commenti alla Notizia Bernabé e la grande abbuffata dei provider
Ordina
  • Capisco che il Signor Bernabé vede passare dolci torte senza poterne assaggiare nemmeno una fetta... e questo gli rode... ma è assurdo che un content provider debba pagare la Telco per proseguire nel suo servizio...
    E' come se una cartiera chiedesse una percentuale sul prezzo di copertina della rivista stampata sulla carta da essa prodotta, anziché accontentarsi del valore associato alla qualità della carta fornita... è un discorso inaccettabile!
    E poi, perché Google e FB dovrebbero pagare e il singolo blogger no? Oltre a Google ed FB, dovrebbe pagare anche Twitter o non ha raggiunto la massa critica per dissanguarlo?
    Bernabé vorrebbe comportarsi come Steve Jobs con l'App Store, peccato che non sia nella stessa posizione di monopolista...
    Inoltre... il singolo content provider dovrebbe firmare accordi con i singoli operatori, contrattando tariffe/percentuali diverse in funzione della forza del singolo operatore? Oppure istituiscono una sorta di SIAE in cui i content provider devono devolvere una % del fatturato che poi viene redistribuito con criteri che sicuramente sarebbero svantaggiosi per i piccoli operatori?!
    In ogni caso i piccoli operatori non ne trarrebbero vantaggio e quindi potrebbero decidere di non applicare costi ai content provider, garantendo guadagnando così clienti e fette di mercato a scapito di Telecom&co.
    non+autenticato
  • Altrochè fare IP TV del cavolo come Alice TV e simili ad occupare inutilmente banda, fate funzionare bene i servizi di base, per quello che vi pago mi aspetto di accedere bene a youtube o FB.
    non+autenticato
  • Salve a quanto pare la pubblicità di 20 anni fà ormai nonn basta più a giustificare gli inconveenienti e gli acciacchi dell' ADSL italiana finalmente i nodi sono venuti al pettine,però adesso come e chi scioglierà questi nodi? La colpa se c'è e solo della totale mancanza di investimenti su internet negli U.S.A internet è una cosa seria infatti investono ed investiranno in futuro cifre astronomiche per le loro infrastrutture qui in Italia e tutto ammuffito non si è capito che internet è il futuro anche qui Per l' Europa in generale e nello specifico per l'Italia ma con chi vogliamo competere con una infrastruttura moribonda e vicina al collasso? E per nascondersi dietro ad un dito si dà la colpa a Google,YOUTUBE ecc? Secondo mè e SBAGLIATO!!!,che colpa ne hanno provider esterni,se per colpa di una pubblicità ingannevole la ADSL in Italie è cosi penosa? Visto e considerato che e chiaro che dando la colpa allo straniero non si risolverà nulla.Bisogna entrare nell'ordine di idee che si deve investire su internet passeranno secoli qui prima che in Italia i call center per i reclami sull'ADSL in Italia diventino un ricordo...
  • In Inghilterra si può avere una flat 24 mb a partire da 5€ ....
    non+autenticato
  • ..superiore: provo a decrittare: una maggiore "profilazione" degli utenti in modo da vendergli di più?...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Osvy
    > ..superiore: provo a decrittare: una maggiore
    > "profilazione" degli utenti in modo da vendergli
    > di
    > più?...

    no ti telefonano a casa dopo le 22.00 per rifilarti la cubovision , peccato pero' che una volta pagato i servizio si viene a scoprire che non sei coperto...
    non+autenticato
  • Ciao a Tutti !

    Visto che io pago una linea da 7Mbit/s ed invece viaggio ad una velocità massima di 640Kbit/s i miei rimanenti sei megabit e mezzo dove vanno a finire ?
    O se io dall' alto dei miei 640Kbit se guardo un video di you tube (con le dovute pause di bufferizzazione) gli saturo la banda ?

    Pezzente.
  • > Visto che io pago una linea da 7Mbit/s ed invece
    > viaggio ad una velocità massima di 640Kbit/s i
    > miei rimanenti sei megabit e mezzo dove vanno a
    > finire
    > ?

    cambia ISP. l'unica strada.
    non+autenticato
  • - Scritto da: The_GEZ
    > Ciao a Tutti !
    >
    > Visto che io pago una linea da 7Mbit/s ed invece
    > viaggio ad una velocità massima di 640Kbit/s i
    > miei rimanenti sei megabit e mezzo dove vanno a
    > finire

    fortunello...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | Successiva
(pagina 1/7 - 31 discussioni)