Claudio Tamburrino

Spagna, arresto per il cracker di Nintendo

Avrebbe rubato i dati legati a 4mila account di giocatori e cercato di ricattare la casa giapponese

Roma - Un uomo è stato arrestato dalle forze dell'ordine spagnole: non solo avrebbe rubato gli ID di migliaia di utenti, ma anche cercato di ricattare l'azienda di cui erano utenti.

Ad essere coinvolta, stavolta, è Nintendo: non è chiaro se il cracker abbia violato gli account di Wii Shop, della rete Nintendo o di una terza parte collegata, ma vittime sarebbero 4mila giocatori Nintendo.
Ad essi l'uomo avrebbe rubato i dati di accesso e quelli personali collegati all'account.

L'uomo, inoltre, avrebbe anche contattato Nintendo accusandola di negligenza e minacciando di rivolgersi alle istituzioni che si occupano della protezione dei dati.
Non è chiaro neanche cosa l'uomo abbia chiesto in cambio del suo silenzio. Non vedendosi rispondere dalla giapponese, ha provveduto a divulgare online alcune delle informazioni così ottenute.

È a questo punto che è intervenuta la polizia: ha arrestato l'uomo a Malaga prima che riuscisse a rilasciare tutti i dati in suo possesso.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • SicurezzaDating online, l'attacco del crackerTrafugate online decine di migliaia di password, tutte appartenenti al database del sito eHarmony. Il cyberladro ha poi messo in vendita i dati su un forum specializzato. Gli esperti avevano già avvisato il sito
  • SicurezzaMamma, mi hanno crackato il sitoAppello del CEO di un sito di incontri alla genitrice dello smanettone responsabile. In una storia fatta di molestie, supposte estorsioni, password non cifrate e criminalità organizzata
2 Commenti alla Notizia Spagna, arresto per il cracker di Nintendo
Ordina