Radicali: rete libera garante di libertà

Il PRT chiede all'ONU di considerare una internet libera e aperta al flusso delle idee e delle informazioni come arma capace di garantire sicurezza e democrazia. Si parla di diritti universali e di open source

Bruxelles - Il Partito Radicale Transnazionale (PRT), uno dei soggetti che partecipano alla preparazione del WSIS, vale a dire del "World Summit on the Information Society", ha presentato un documento che verrà discusso a Ginevra a fine anno. Un documento che si appella ai rappresentanti delle Nazioni Unite affinché Internet rimanga un ambiente aperto e libero, capace in questo modo di garantire sicurezza e democrazia.

Il prossimo luglio si terrà a Parigi un incontro che porterà alla definizione di questo e altri documenti di lavoro per la preparazione della bozza di Dichiarazione di Principi e della bozza dell'Action Plan che il prossimo dicembre verrà sottoposto per approvazione al summit delle Nazioni Unite.

In una nota il PRT sottolinea di dare "grande importanza allo sviluppo di strumenti che possano offrire miglior accesso ai diritti fondamentali" e di vedere "grandi potenzialità nelle opportunità offerte dalla società dell'informazione e dalla rivoluzione tecnologica viste come mezzi potenti per il rispetto della legge e dunque per la pace e la sicurezza internazionali".
Il PRT ritiene dunque che "costruire una Società dell'Informazione libera e sicura dovrebbe correre parallelo allo sviluppo di una Internet aperta e democratica".

Tra i punti-chiave del documento del PRT:

- Considerare una violazione dell'articolo 18 della Carta internazionale dei diritti civili e politici la chiusura di siti web o il monitoraggio e il perseguimento di utenti internet e attivisti online;

- Basare le leggi nazionali e internazionali sul principio della "neutralità tecnologica". Vale a dire che non solo non vi dovrebbero essere discriminazioni basate sull'uso di una tecnologia piuttosto che di un'altra ma neppure criminalizzazioni di determinate attività perché la propria infrastruttura tecnologica è basata su certi sistemi.

- Il considerare come reato criminale l'accesso "senza diritto" ai sistemi informativi non dovrebbe essere esteso ad attività che hanno poca o nessuna conseguenza o a quelle condotte in nome dell'auto-difesa o per l'affermazione dei diritti umani universali.

- L'ONU e gli stati membri dovrebbero spingere per misure che consentano a ogni cittadino di accedere con vari mezzi, internet compresa, alle attività delle istituzioni pubbliche, alle riunioni degli organismi elettivi e ad ottenere documenti pubblici.

- L'informazione fornita online dovrebbe essere presentata non solo in forma grafica ma anche testuale, in modo che si accessibile anche a persone con disabilità.

- Tutte le informazioni dovrebbero essere fornite su sistemi user-friendly non basati su tecnologie proprietarie e non governati da sistemi di licenza o di brevetto. Tutte le informazioni che riguardino i diritti dei cittadini dovrebbero essere fornite gratuitamente e nessuna informazione prodotta dal settore pubblico dovrebbe essere soggetta a copyright o ad altre misure che ne possano limitare il riutilizzo e la diffusione.
16 Commenti alla Notizia Radicali: rete libera garante di libertà
Ordina
  • Il webmaster del sito Radicali.it ed uno degli attori della vita telematica dell'area radicale ci ha lasciati ieri sera. Ho ritenuto metterne a parte i lettori di questo sito, che alle attività dei radicali a favore della libertà in rete ha dedicato proprio in questi giorni un articolo.

    Maggiori informazioni a questi indirizzi:

    http://www.radicali.it
    http://www.radicalparty.org
    non+autenticato
  • I RADICALI PIANGONO LA SCOMPARSA DI RINO SPAMPANATO Ieri sera, è morto a Napoli Rino Spampanato, 33 anni, inventore e direttore dei siti www.radicali.it e www.radioradicale.it

    Oggi, a partire dalle ore 14, sarà allestita la camera ardente presso la Chiesa della Madonna del Carmine, a Cimitile (Na). Sempre oggi, alle 17, i funerali.

    [...]

    ***

    Ecco come Michele, fratello di Rino, ha dato la notizia sul sito www.calcionapolinews.it, che Rino animava e curava:

    8 giugno

    ?Ciao a tutti, mi chiamo Michele Spampanato e oltre ad essere un collaboratore del sito calcionapolinews.it sono anche il fratello di Spampanato Reparato, detto Rino, direttore ed ideatore di questo sito.

    Stasera la partita non è andata in onda ed il sito non è aggiornato perché il Signore ha deciso che aveva bisogno di Rino, lassù nel cielo...che è tutto azzurro come la sua squadra del cuore...io non so cosa scrivere....non credo che riuscirò a portare avanti da solo questo sito perché mio fratello Rino era lui che curava tutte le questioni tecniche...pertanto vi annuncio che non troverete più notizie sul Napoli a questo sito.

    Rino aveva solo 33 anni ed era malato del Napoli fin da bambino, pensate che quest'anno mi aveva regalato anche la maglietta del Napoli.
    Io l'ho salutato oggi pomeriggio verso le 15, era già in ospedale, prima che andassi via mi aveva detto: "Metti la foto della curva b che porta fortuna...e speriamo bene per stasera...".
    Io l'ho sgridato e gli ho detto: "Ma tu stai male e pensi al Napoli? Sei talmente malato che se ti facessero una radiografia alla testa uscirebbe il simbolo del Napoli, pensa a guarire...."

    Vi chiedo perciò una preghiera per mio fratello Rino per me e per tutta la mia famiglia....grazie a tutti voi per averci seguito in tutto questo tempo... Rino era molto contento che il sito era seguito, anche voi avete contribuito ad un pizzico di felicità per mio fratello Rino,
    Grazie di cuore

    Michele Spampanato

    ***

    Gli amici e i compagni di Radicali italiani, del Partito Radicale Transnazionale, i parlamentari europei rivolgono l?ultimo saluto a Rino Spampanato.

    Ai suoi familiari, a quanti egli amava e lo amavano, va l?espressione del nostro dolore, e -insieme- l?impegno di provare a far vivere quanto l?umanità solare di Rino, la sua amicizia e la sua opera hanno destato in noi in tutti questi anni.
    non+autenticato
  • I Radicali in Italia si sono battuti per importantissime battaglie civili e hanno anche avuto successo per la nostra libertà e democrazia specie in anni molto difficili.
    Un esempio è la legge sull'aborto.
    Senza le loro campagne politiche,per quanto talvolta non condivisibili,l'Italia sarebbe stata peggiore,oscurantista,medievale,cattocomunista nel pensiero e nei comportamenti.

    Chi ha troppo poco cervello per parlare solo di spam radicale e non di altro non capisce per propria stupidità che quello radicale è stato solo un tentativo di utilizzare un canale di comunicazione nuovo per allora (sono sempre all'avanguardia,si parla di qualche anno fa quando la rete era ancora all'inizio della diffusione di massa)
    Che tale tentativo non abbia ottenuto l'effetto sperato ma abbia dato fastidio è chiaro anche a loro,non mi pare infatti che si siano ripetute altre campagne di "spam".

    Di quanto spam cerebrale televisivo,nella casella postale ordinaria si lamentano gli stessi "Moralisti" che si stracciano le vesti perchè qualcuno gli manda una email indesiderata.
    Facile gridare allo scandalo all'untore salvo piegare la schiena al primo potente di turno o peggio ancora al primo pincopallino prepotente.
    non+autenticato
  • perchè.. qualcuno lo ignora?
    Me lo ricordo lo spam della Bonino...ancora di spam neanche se ne parlava.. e chiarissimo che le cose sono andate cosi per le ragionei che hai illustrato.
  • Non capisco quelli che parlano dei radicali con frasi fatte senza sapere niente di loro!!!!!!
    Il significato dell'articolo è fondamentale ,ma a quanto pare ci sono persone che se ne accorgeranno solo quando la libertà sparirà dalla rete veramente ,e tutto sarà diventato un reato ,grazie ai nostri politici ignoranti ed accomodanti ,e grazie alle corporazioni ormai padrone del mondo.Fan Linux
    non+autenticato
  • Abbasso i radicali, mondialisti e globalisti, il globalismo che piace alla sinistra, il mondialismo internazionalista spinto dal comunismo europeo e statunitense che vuole raggionere uno stato mondiale, un governo mondiale, una polizia mondiale, un controllo mondiale.
    Che schifo! Viva le identita' locali, viva la liberta' di essere se stessi, viva le differenze, viva le nazioni (e non gli stati! leggete la differenza su un vocabolario), viva i popoli, viva le culture e le lingue locali.

    - un leghista -

    P.S.
    Il partito radicale italiano anni scorsi come gia' fatto notare sul forum ha spammato e si e' beccato una bella tirata di orecchie dal Garante per la protezione dei dati personali. Si sarebbero meritati un bel mucchio di denunce per trattamento illecito di dati personali, purtroppo allora la legge c'era da circa un annetto e non si sapeva ancora bene come usarla per difendersi dagli spammer.
    non+autenticato
  • Mi spiace ma proprio non hai colto i termini della questione. Una rete libera e accessibile per tutti NON è per difende i privilegi di pochi, ma per l'esatto opposto.


    Salvio
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Una rete libera e
    > accessibile per tutti NON è per difendere i
    > privilegi di pochi, ma per l'esatto opposto.
    > Salvio

    e gli spammatori abusano di questi diritti, qualunque scusa possano accampare


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Abbasso i radicali, mondialisti e
    > globalisti, il globalismo che piace alla
    > sinistra, il mondialismo internazionalista
    > spinto dal comunismo europeo e statunitense
    > che vuole raggionere uno stato mondiale, un
    > governo mondiale, una polizia mondiale, un
    > controllo mondiale.
    > Che schifo! Viva le identita' locali, viva
    > la liberta' di essere se stessi, viva le
    > differenze, viva le nazioni (e non gli
    > stati! leggete la differenza su un
    > vocabolario), viva i popoli, viva le culture
    > e le lingue locali.
    >
    > - un leghista -
    >
    > P.S.
    > Il partito radicale italiano anni scorsi
    > come gia' fatto notare sul forum ha spammato
    > e si e' beccato una bella tirata di orecchie
    > dal Garante per la protezione dei dati
    > personali. Si sarebbero meritati un bel
    > mucchio di denunce per trattamento illecito
    > di dati personali, purtroppo allora la legge
    > c'era da circa un annetto e non si sapeva
    > ancora bene come usarla per difendersi dagli
    > spammer.

    Si hai ragione, abbasso tutto ciò che è globale, abbasso l'ONU, abbasso l'OMS, abbasso la carta dei diritti dell'uomo, abbasso l'internet, abbasso... l'umanità?

    Ma va!

    Pensaci sopra un po', tutte le cose migliori del secolo scorso sono venute dalla globalizzazione (cominciata all'inizio del 1900), soprattutto delle idee. Chiaramente il tutto stà a sapere cosa globalizzare e cosa no.
    Io personalmente sono contro il G8, contro la banca mondiale, contro l'imperialismo Americano e chi più ne ha più ne metta, ma sono perfettamente in grado di riconoscere il buono quando lo vedo.

    Quella proposta mi pare favolosa, solo che è troppo bella perchè venga accettata.
    non+autenticato
  • Un leghista che si permette di fare la morale politica agli altri? Questa è bella.
    Dovresti vergognarti del tuo governo e di quello che sta facendo all'internet italiana.
    non+autenticato
  • mamma mia che cretino!!
    eppure sono sicuro che da qualche parte ci devono pur essere dei leghisti con la testa sulle spalle.
    ma questo..mamma mia che cretino!!
  • questi radicali hanno sfruttato la rete per fare uno scorrettissimo spam elettorale

    quindi sono gli ultimi a poter fare la morale agli altri
    non+autenticato
  • Spam elettorale? Bho.. evviva allora gli attacchini che mettono il faccione del Provolone o del Cavaliere sul muro di casa mia!! E' stato ridicolo per esempio quando tutti quelli che si erano iscritti ai servizi di pubblicità via SMS per ricaricarsi il telefonino si sono sentiti SPAMMATI dalla pubblicità della Bonino, che invece aveva semplicemente utilizzato il servizio messo a disposizione dalla società di pubblicità.

    Ma la cosa che mi fa più sconcertato è che come al solito non si giudica in base ai contenuti delle proposto, ma guardando da quale parte arriva. Gli insulti che i nostri politici "perbene" si scambiano ogni giorno hanno evidentemente inquinato le nostre menti.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > questi radicali hanno sfruttato la rete per
    > fare uno scorrettissimo spam elettorale
    >
    > quindi sono gli ultimi a poter fare la
    > morale agli altri

    E non lo dimentichiamo... e continueremo a ripeterlo...

    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)