Roberto Pulito

I superpoteri di Tegra 3

Nvidia toglie la maschera al SoC della terza generazione mobile. La nuova roadmap riparte dal Kal-El a quattro core: più veloce della luce

Roma - Ironizzando sugli smartphone ad alte prestazioni, chiamati "Superphone", il chipmaker di Santa Clara sceglie di chiamare in causa gli eroi dei fumetti per i nomi in codice dei prossimi SoC in arrivo. La nuova roadmap presentata al Mobile World Congress rivela che da qui al 2014 i nemici di Nvidia dovranno vedersela con "Kal-El", "Wayne", "Logan" e "Stark".

Il progetto Kal-El sarà il primo a concretizzarsi. La nuova architettura quad-core prenderà il posto dell´attuale Tegra 2, a partire da questa estate e i primi a beneficiarne saranno i tablet. Il nuovo SoC mette insieme 4 CPU ARM Cortex A9 e una GPU GeForce a 12 core (3D Ready), unite da una cache shared L2 da 1 Megabyte. I dispositivi equipaggiati con questa soluzione potranno gestire video streaming H.264 a 40 Mbps, con una definizione pari a 1440p (2560x1440 pixel).

L'esatta frequenza di clock della soluzione intitolata a Superman ancora non è nota ma Nvidia garantisce prestazioni globali cinque volte maggiori, rispetto al Tegra 2, senza particolari variazioni di consumo energetico. Per la precisione, si parla di incrementi prestazionali duplicati per quanto concerne la CPU e triplicati nel comparto grafico. Risultati sottolineati anche dal benchmark effettuato in diretta al MWC.

Dopo l'uscita di questo Tegra 3, la roadmap dei processori mobile Nvidia prevede altre tre generazioni distribuite in un arco di tre anni, che faranno salire alle stelle il livello prestazionale. Andando avanti di questo passo il system-on-a-chip "Stark" previsto per il 2014 risulterà infatti cento volte più potente del Tegra 2: il più veloce SoC dual-core del momento.

Roberto Pulito
Notizie collegate
29 Commenti alla Notizia I superpoteri di Tegra 3
Ordina
  • Bah, se l'intento era di scegliere dei nomi che ispirino potenza, affidabilita' e forza bruta hanno toppato alla grande.

    Dovevano chiamarli Norris e Bauer...
    non+autenticato
  • In un cellulare la CPU costera' 10-20 euro (credo) e quindi a mettere cpu potenti sono tutti contenti (produttori e utenti). Piu potenza di calcolo fa solo piacere.
    Anche se in fondo l'avanzamento tecnologico non e' di quelli
    epocali, cmq e' una cosa che a sentirla fa effetto.
    Rimane sicuramente il fatto che avere 4,8 o magari 100 core non
    si sa bene a cosa possa servire...
    Se gli stessi progessi si facessero nel campo delle batterie
    sarebbe tutta un'altra sotoriaA bocca aperta
    non+autenticato
  • E' chiaro che questa potenza di calcolo è sufficiente per molte applicazioni utilizzate dagli "utenti semplici", ed è pure chiaro che nei prossimi anni nelle case di questi utenti ci sarà un dock (v. motorola atrix) anzichè un pc, mentre in mobilità ci saranno i laptop-dock per sostituire il notebook o netbook.

    A questo punto resta fuori il tablet! Unifichiamo anche questo o no?!

    Servirebbe uno "schermo stupido" da 7"/10", con batteria e la possibilità di visualizzare l'interfaccia del cell in wireless (dlna?), però deve passare indietro anche i comandi del touchscreen in modo molto rapido.

    Oppure bisognerebbe "incastrare" in qualche modo fisicamente il cell nel tablet in modo che non ci sia il wireless di mezzo ma il telefono si collega direttamente al display tramite hdmi e tramite un connettore che controlla il touch.

    ...Fattibile? Chissà
    non+autenticato
  • non lo faranno perchè vogliono far soldi, ma si non c'è nessun motivo per cui io non possa avere un dock per lo smartphone che mi fornisca uno schermo da 10"

    magari i pc riescono a sopravvivere di più, perchè ovviamente se in uno smartphone puoi metterci 4 core, in un cassone midi tower puoi mettercene 64

    se poi i produttori faranno gli infami e pialleranno tutte le differenze allora ci ritroveremo con pc che hanno la stessa potenza degli smartphone

    penso che però questo non avverrà, perchè alla fin fine a intel conviene vendere processore da 200€ e a nvidia conviene vendere schede grafiche da 400€
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > penso che però questo non avverrà, perchè alla
    > fin fine a intel conviene vendere processore da
    > 200€ e a nvidia conviene vendere schede grafiche
    > da
    > 400€

    Sicuramente è vero quello che dici.
    Tuttavia, se quanto riportato è verò: cioè nell'ultimo quarter si sono venduti più smartphone che notebook ( http://www.businessmagazine.it/news/per-la-prima-v... ) allora concorderai che diventa molto interessante, sia per intel che per nvidia, avere un ruolo di rilievo in questo mercato.
    non+autenticato
  • Mi sembra molto difficile che capiti quello che dici. Un PC consuma 50-100 W, un cellulare 2-5 W. Sono due cose diverse (anche se possono convergere), ma, secondo me, le differenze anche se possono sembrare dettagli sono sostanziali.
    non+autenticato
  • - Scritto da: the_m
    > E' chiaro che questa potenza di calcolo è
    > sufficiente per molte applicazioni utilizzate
    > dagli "utenti semplici", ed è pure chiaro che nei
    > prossimi anni nelle case di questi utenti ci sarà
    > un dock (v. motorola atrix) anzichè un pc, mentre
    > in mobilità ci saranno i laptop-dock per
    > sostituire il notebook o
    > netbook.
    >
    > A questo punto resta fuori il tablet!
    > Unifichiamo anche questo o
    > no?!

    >
    > Servirebbe uno "schermo stupido" da 7"/10", con
    > batteria e la possibilità di visualizzare
    > l'interfaccia del cell in wireless (dlna?), però
    > deve passare indietro anche i comandi del
    > touchscreen in modo molto
    > rapido.
    >
    > Oppure bisognerebbe "incastrare" in qualche modo
    > fisicamente il cell nel tablet in modo che non ci
    > sia il wireless di mezzo ma il telefono si
    > collega direttamente al display tramite hdmi e
    > tramite un connettore che controlla il
    > touch.
    >
    > ...Fattibile? Chissà

    ora non so come sarà nei dettagli e nei tempi, ma la strada è quella.
    un piccolo dispositivo portatile che si connette con TV, dock e periferiche varie. probabilmente tenderà ad essere tutto wireless, alimentazione compresa, salvo nei casi in cui serva un bitrate molto elevato
    non+autenticato
  • ora assisteremo ad una fase "inflazionistica" di potenziamento dell'HW dei dispositivi mobili, analoga a quella che si è avuta nel mondo PC nei primi anni 2000, con gli aumenti continui della velocità di clock e poi l'uscita dei multicore.
    risultato, sempre più muscoli per far girare SW e OS sempre più pesanti e pletorici, con vantaggi minimi per l'utente e questo tipo di paradossi:

    http://www.youtube.com/watch?v=tmRJ649ICPU&feature...

    anche in questo caso i vorranno 10 anni per iniziare, e dico iniziare, un percorso di ottimizzazione del SW?
    non+autenticato
  • basta leggere questo commento al video "My c64 is much better, because boots faster than this mac." per capire che quel test è totalmente inutile

    bootare più velocemente non significa essere più performante

    il boot è strettamente legato al numero di file che vengono letti durante il boot e al tipo di prefetching

    ad esempio linux ha un range di boot che va da 1 secondo fino a 1 minuto e mezzo

    la differenza tra questi è che quelli che bootano più velocemente implementano il read-ahead, la parallelizzazione nell'avvio dei servizi, l'eliminazione di dipendenze inutili, la compilazione statica di alcuni eseguibili
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > basta leggere questo commento al video "My c64 is
    > much better, because boots faster than
    > this mac." per capire che quel test è totalmente
    > inutile
    >
    > bootare più velocemente non significa essere più
    > performante
    >
    > il boot è strettamente legato al numero di file
    > che vengono letti durante il boot e al tipo di
    > prefetching
    >
    > ad esempio linux ha un range di boot che va da 1
    > secondo fino a 1 minuto e
    > mezzo
    >
    > la differenza tra questi è che quelli che bootano
    > più velocemente implementano il read-ahead, la
    > parallelizzazione nell'avvio dei servizi,
    > l'eliminazione di dipendenze inutili, la
    > compilazione statica di alcuni
    > eseguibili

    il video è una provocazione ovviamente, e a me della diatriba mac-pc non importa un fico secco.
    quello che voglio dire è che se il SW si appesantisce perché tanto di risorse HW "ce ne abbiamo in abbondanza" finisce che i vantaggi nella vita reale, per la maggior parte degli utenti reali, diventano non proporzionati all'aumento delle risorse... magari avrò un cellulare che mi fa girare dei giochi prima impensabili, ma che si impasta quando devo leggere le email perché ci sono 30000 processi inutili (o poco utili) che girano in background e il client email non è ottimizzato per sfruttare il multicore...
    non+autenticato
  • Temo che in parte tu abbbia ragione. A me non me ne frega niente di avere lo sfondo animato, pero' mi girano le palle quando ci mette un secondo ad aprire la schermata del telefono. E, invece, i produttori pensano che gli utenti sono come dei bambini che quando vedono cose colorate e che si muovono sono contantiSorride
    non+autenticato
  • Il galaxy tab di samsung è uscito senza un vero e proprio OS, tant'è vero che ha dovuto installare un OS da smartphone (e non da tablet), con tutti i problemi del caso, con la promessa che una volta uscito honeycomb, sarebbe stato possibile installarlo. Al momento honeycomb non esiste ancora in versione definitiva e si paventano già dubbi sulla possibilità o meno che possa venire installato sul galaxy. Motorola, pubblicizzando il proprio xoom ha ironizzato su questo aspetto, annunciando un tablet basato su android dalle caratteristiche rivoluzionarie. Al momento però android 3.0 non è ancora pronto dunque non lo può essere nemmeno xoom, e, da quello che si paventa, il suo hardware dovrebbe essere essere già obsoleto prima della sua uscita...
    non+autenticato
  • Hai ragione, lo fanno per cercare di vendere il più possibile, perchè parecchi utenti vogliono "la cosa più potente" sul mercato, anche se magari non se ne fanno nulla.
    Sono abbastanza convinto da quanto ho sentito (non da Samsung, ma da Google) che HoneyComb non darà problemi sul GTab... mi chiedo però: varrà la pena installarlo? Per farci cosa di differente? Per l'interfaccia più stilosa? L'unica cosa che mi viene in mente è nel caso ci fosse una app utilissima che giri solo sul 3.0, in questo caso sarebbe ok, ma la vedo dura...

    iPad2 dovrebbe essere pronto a breve. E si parla per fine anno di iPad3. Chi prende il 2 si troverà in una situazione molto simile purtroppo, nel senso: ho comprato il 2 e poi dopo pochi mesi c'è già la versione successiva?

    Ho paura che alla fin fine essendo questo il mercato che tira ci stiano un po' tutti trattando come mucche da mungere...
    non+autenticato
  • Si, ma se lo fanno per vendere il più possibile che senso ha pubblicizzare un prodotto mesi prima della sua uscita e poi, al momento dell'uscita il prodotto è già obsoleto? Chi se lo compra? Cioè, se lo xoom dovrebbe uscire a marzo (honeycomb permettendo), ora che arriva sugli scaffali è già aprile, qualcuno potrebbe prendere la palla al balzo e annunciare per giugno un tablet 5 volte più potente dello xoom, e questo senza ritardi giacchè android 3.0 è pronto... cosa se ne si fa di tutti gli apparecchi prodotti da motorola?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)