Claudio Tamburrino

La Camera contro l'Hadopi all'italiana

Dalla petizione presentata nei giorni scorsi ha preso spunto un tentativo di mozione e quella che potrebbe essere una nuova spinta legislativa per una riforma del diritto d'autore

Roma - Sono 45 i deputati (Pdl, Lega Nord, Pd, Fli e Udc) che hanno sottoscritto un'interpellanza urgente presentata dal deputato Roberto Cassinelli nella quale si chiede al Ministro per i beni e le attività culturali, al Ministro dello Sviluppo economico e al Ministro della Giustizia, "se il governo non ritenga di assumere adeguate iniziative, anche di carattere normativo, al fine di pervenire rapidamente alla revisione della disciplina del diritto d'autore".

L'azione parlamentare segue l'iniziativa presentata da Adiconsum, Agorà digitale, Altroconsumo, Assonet-Confesercenti, Assoprovider-Confcommercio, e lo Studio legale Sarzana, che critica il ruolo assunto da Agcom e le procedure di salvaguardia previste nella tutela del diritto d'autore online, e in particolare il potere attribuito all'Authority di oscurare siti senza l'intervento di un giudice. Questa lettera aperta ha già raccolto quasi 4mila adesioni, che possono essere sottoscritte sul sito creato per l'occasione, e che parrebbe aver ispirato ora anche quest'iniziativa parlamentare.

Una nuova disciplina regolamentare non può che seguire, dicono le associazioni e lo studio legale, una riforma legislativa della materia che altrimenti risulta "conciliarsi a fatica con le nuove realtà determinate dallo sviluppo tecnologico e dalla diffusione delle moderne forme di fruizione dei contenuti multimediali".
Soprattutto non nei modi e nei poteri concessi all'Agcom, un'autorità amministrativa, in cui si intravede il "rischio di nuove censure": per questo i promotori hanno invocato una "moratoria sul regolamento sul diritto d'autore e l'accesso alla conoscenza", rimandando ogni consultazione ad un momento successivo all'approvazione parlamentare di una nuova normativa in materia.

Come si leggeva nella lettera aperta, Cassinelli spiega che "si tratterebbe di affidare all'arbitrio di una autorità amministrativa una decisione che va ad incidere su diritti costituzionalmente garantiti come la libertà di comunicazione e di espressione del pensiero".

Per questo i parlamentari firmatari dell'interpellanza ritengono "necessario ed urgente un esame delle succitate proposte di legge al fine di realizzare quanto prima una organica riforma della materia che tenga conto delle esigenze poste dal progresso e della necessità di non contrastare il naturale percorso di evoluzione dei costumi degli utenti".

"In Parlamento - ha detto Cassinelli - giacciono diverse proposte di modifica alla disciplina del diritto d'autore: esaminiamone ed aggiorniamo la materia. Poi valuteremo quali strumenti introdurre a protezione del copyright".

L'interpellanza era stata presentata come mozione, ma rifiutata in questa forma dall'ufficio legislativo.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàAgcom, petizione contro le rimozioniInaugurata un'iniziativa per raccogliere firme contro l'iniziativa dell'autorità in materia di enforcement della tutela del diritto d'autore. Giudicata troppo sbilanciata a favore dei detentori dei diritti
55 Commenti alla Notizia La Camera contro l'Hadopi all'italiana
Ordina
  • Così le cose per i privati cittadini vanno benone, praticamente sono liberi di scaricare quello che vogliono tramite il P2P, oscurano un sito? Ma chi se ne frega, lo possono rimettere in piedi in 5 minuti in qualsiasi altro paese, siamo seri, l'unico pericolo e che approvino una legge tipo quella francese, andare a rimettere mano sulla materia espone a tali rischi, capito Adiconsum dei miei stivali?
  • No non vanno bene per nulla perchè sarebbe meglio avere una normativa serie che chiudesse con questo tira e molla per cui ogni tot anno bisogna stare con l'angoscia e star a guardare partire la caccia alle streghe che, invariabilmente non colpisce i pirati autentici ( quelli che fanno lucro ) ma appunto i singoli utenti ( spesso minori che si sono avvicinati da poco e non conoscono le 101 tattiche e strategie per evitare le tappole ) e non parlo solo e tanto per dire.

    A parte questo, e senza tanti scherzi, meglio sarebbe venire ad accordi fra imprese e mondo del file sharing piantandola con questa assurda guerra Tanto per capirsi l'Hadopi francese ha moltiplicatoper diecimila l'accesso dei francesi a Megaupload, che già da noi è altissimo. Che faremo qui in Italia patria dei legulei ?'
    E chi ha detto, fra l'altro, che è solo questione di diritti di Copyright violato dai "pirati" ? e di dowload a man salva ?? Pensate a cosa potrebbe fare, con queste norme, un'impresa se volesse perseguitare chi sulla rete "osasse" non condividere le sue scelte su dei prodotti, e per poter descrivere, provare le sue tesi dovesse usare delle immagini, dei contenuti multimediali....Di quelle immagini che ognuno può trovare ovunque..

    Potrebbe questa azienda fagli causa attraverso l'AGCOm, creargli una marea di problemi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Debris
    > No non vanno bene per nulla perchè sarebbe meglio
    > avere una normativa serie che chiudesse con
    > questo tira e molla per cui ogni tot anno bisogna
    > stare con l'angoscia e star a guardare partire la
    > caccia alle streghe che, invariabilmente non
    > colpisce i pirati autentici ( quelli che fanno
    > lucro ) ma appunto i singoli utenti ( spesso
    > minori che si sono avvicinati da poco e non
    > conoscono le 101 tattiche e strategie per evitare
    > le tappole ) e non parlo solo e tanto per
    > dire.

    Il problema e vedere come chiudono, anche perchè ci sono elementi che odiano pure internet nel profondo, come il presidente di univideo. Non vorrei che si arrivasse a filtri ed oscuramenti alla facil maniera...



    > A parte questo, e senza tanti scherzi, meglio
    > sarebbe venire ad accordi fra imprese e mondo del
    > file sharing piantandola con questa assurda
    > guerra Tanto per capirsi l'Hadopi francese ha
    > moltiplicatoper diecimila l'accesso dei francesi
    > a Megaupload, che già da noi è altissimo. Che
    > faremo qui in Italia patria dei legulei
    > ?'

    Che aggordi potrebbero fare con il filesharnig di per se ? Visto che alla fine chi sviluppa i software in questioni, non centra nulla con gli usi piratosi di per se.
    Comunque esistono client criptati come stealthnet che guarda caso a un sacco di nodi francesi.... Comunque al massimo in italia oscureranno megaupload con motivazioni assurde.

    > E chi ha detto, fra l'altro, che è solo questione
    > di diritti di Copyright violato dai "pirati" ? e
    > di dowload a man salva ?? Pensate a cosa potrebbe
    > fare, con queste norme, un'impresa se volesse
    > perseguitare chi sulla rete "osasse" non
    > condividere le sue scelte su dei prodotti, e per
    > poter descrivere, provare le sue tesi dovesse
    > usare delle immagini, dei contenuti
    > multimediali....Di quelle immagini che ognuno può
    > trovare
    > ovunque..

    Spiegati meglio.

    > Potrebbe questa azienda fagli causa attraverso
    > l'AGCOm, creargli una marea di
    > problemi.

    idem come sopraA bocca aperta
    Sgabbio
    26177
  • Per far di peggio meglio che passi una legge cosi.
    Una normativa ci va. E se la norma dice che la responsabilità dei contenuti è dei siti (che guadagnano con la pubblicità) e non degli utenti, beh, ben mi sta.
    non+autenticato
  • Speriamo che tocchino tutto. Arrabbiato

    Parola di SIAE
    non+autenticato
  • Così le cose per i privati cittadini vanno benone, praticamente sono liberi di scaricare quello che vogliono tramite il P2P, oscurano un sito? Ma chi se ne frega, lo possono rimettere in piedi in 5 minuti in qualsiasi altro paese, siamo seri, l'unico pericolo e che approvino una legge tipo quella francese, andare a rimettere mano sulla materia espone a tali rischi, capito Adiconsum dei miei stivali?
  • Se ti piace che oscurino siti per uno starnuto...
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Se ti piace che oscurino siti per uno starnuto...

    In ogni caso rimettono su da un'altra parte.
  • - Scritto da: ThEnOra
    > - Scritto da: Sgabbio
    > > Se ti piace che oscurino siti per uno
    > starnuto...
    >
    > In ogni caso rimettono su da un'altra parte.

    Quindi la censura non serve a un kaiser.
  • - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
    > - Scritto da: ThEnOra
    > > - Scritto da: Sgabbio
    > > > Se ti piace che oscurino siti per uno
    > > starnuto...
    > >
    > > In ogni caso rimettono su da un'altra parte.
    >
    > Quindi la censura non serve a un kaiser.

    La censura serve a un kaiser. Arrabbiato

    Parola di SIAE
    non+autenticato
  • Bhe dipende cosa oscurano. Se solo per il pensiero di violazione di copycoso mi oscurano un intero portale, bhe se ci pensi la cosa è al quanto stupida.

    La lotta alla pirateria sta diventando sempre più ridicolaA bocca aperta
    Sgabbio
    26177
  • visto che ci sono leggi che giacciono, ecco è il momento di tirarle fuori, perchè in 3 anni il parlamento non è stato in grado di dare un bel niente in materia, ora che AGCOM ha agito vengono fuori, nulla in contrario, che sia AGCOM o il parlamento sinceramente poco mi importa, ma occorrono però fatti e non promesse politiche (Vedi sala capranichetta On. Carlucci e C.)

    Se non ci sono proposte concrete, allora ecco fatevi da parte e lasciate che AGCOM lavori ... voi rimanete a chiaccherare ....
  • Come ti ho detto tempo fa, quella delibera rimarra' nel cassetto come deve essere. Ora sara' tutto trasferito al parlamento cosa giusta per una valutazione politica di diritti costituzionalmente garantiti.

    SOno usciti fuori perche' si sono resi conto delle fesserie messe in piedi tutto qua... sveglia!.
    non+autenticato
  • si sono finalmente resi conto che forse è meglio se iniziano a lavorare sull'argomento, altrimenti qualcuno lo farà per loro, hanno sempre fatto solo promesse, ma Romani prima e AGCOM dopo li hanno buttati giù dal letto ....
  • Space...
    Non vorrei che tu pensassi che io sia pro-pirateria.
    Io su molti aspetti la penso come te, ma convieni con me che ci sono gravi sbilanciamenti in fatti di costituzionalita'. Qui a pie' pari si vuole saltare completamente tutto e risolvere in 5 giorni, problemi che si affrontano da anni in aule di tribunale.

    Io non disposto a giocarmi il mio diritto costituzionalmente garantito della liberta' di visitare quel che desidero, con ambigue decisioni prese da un organo amministrativo che fin'ora si conosceva uicamente per multe televisive.

    Ma chi e cosa prendera' tali decisioni?... Cioe' uno si sveglia una mattina c'e' un video su yuoutube che viola il copyright e si mettono a giocare come bambini inviando abuse a GOOGLE???

    Ma ci rendiamo conto delle sciocchezze... Google gli dara' pure retta, ma altri non saranno cosi' gentili e finira' tutto in ginepraio legale mai visto in una societa' democratica. E fidati che mai nessun sito sara' bloccato perche' tra ricorsi ai giudici e violazioni di costituzionalita' si verrebbe a creare un mostro gigantesco.
    non+autenticato
  • attualmente la situazione ha raggiunto livelli tali da considerarsi allarmante, nessuno è intenzionato a chiudere siti se presentano alcuni filmati coperti da diritto d'autore, arriva la segnalazione, il sito rimuove il contenuto e tutto tranquillo, i siti colpiti saranno veramente quelli strapieni di materiale che non potranno rimuoverlo, sono nati per quello, ed è giusto che chiudano.

    Poi come tu dici se ci saranno chiusure errate si ricorrerà alla magistratura, ma partiamo perchè la situazione adesso è vergognosa, poi con il tempo si aggiusterà anche il tiro, cosa che rispetto alla Francia, l'Italia ha gia fatto ...
  • Eh vedi che quello che prospetti tu lo fanno in CINA o in regimi dittatorialiA bocca aperta.

    Veramente forse non ti rendi conto.. Ma un organo amministrativo non ha alcun potere per queste tipi di decisoni che vanno a toccare diritti costituzionali di ogni cittadino libero.

    E poi mi devi spiegare chi e cosa decide cosa sia un sito illegale e quanta disponibilita' di contenuti debba avere per definirsi tale?

    Di questo passo anche youtube e' illegale, e' inutile prendirci in giro visto che si sa benissimo che il 90% dei video generati utenti violano il copyright.

    L'argomento e' troppo delicato per metterlo in mano a chi ancora non si sa e a normali impiegati dell'agcom.
    non+autenticato
  • A dire il vero sono quelli del copyright che vedono ovunque delle violazione da perdite fanta miliardarie....di recente hanno azzoppato vari canali che facevano mashup...
    Sgabbio
    26177
  • un video coperto da diritti è illegale se non possiedi l'autorizzazione, se youtube ha un video illegale che non rimuove a fronte di una segnalazione è giusto che sia oscurato, lo rimuove e siamo in pace.

    non è la quantità dei video, ti segnalo il video x y e z, li rimuovi ok,non li rimuovi sei chiuso

    mettere materiale protetto da diritti è ben diverso dalla libertà di espressione e comunicazione, AGCOM lo sa e non bloccherebbe mai un sito che non contiene violazioni al diritto d'autore.
  • > mettere materiale protetto da diritti è ben
    > diverso dalla libertà di espressione e
    > comunicazione, AGCOM lo sa e non bloccherebbe mai
    > un sito che non contiene violazioni al diritto
    > d'autore.

    Ok: se però, per sbaglio, lo fa, tu paghi i danni (e sarà la parte lesa a decidere, a suo giudizio insindacabile, a quanto ammnotano). Ti va?
    non+autenticato
  • - Scritto da: spacevideo
    > un video coperto da diritti è illegale se non
    > possiedi l'autorizzazione, se youtube ha un video
    > illegale che non rimuove a fronte di una
    > segnalazione è giusto che sia oscurato, lo
    > rimuove e siamo in
    > pace.

    Oscuri milioni o migliardi di video per un video solo ? Al massimo lo si intima per vie legali se non rimuove su richiesta.

    Hai un indole un filino "fascista" sai ?

    (per non parlare di video che non violano nulla ma che vengono oscurati per l'imbecillità del tubo...)

    > non è la quantità dei video, ti segnalo il video
    > x y e z, li rimuovi ok,non li rimuovi sei
    > chiuso

    Ma anche no. Se il video in questione non viola alcunchè ? (se nella fantascientifica idea che youtube controlli anche le segnalazioni)
    Sai quanti hanno usato il copyright per levare via le proprie parodie perchè sono delle code di paglia ? (Silivia paone)

    > mettere materiale protetto da diritti è ben
    > diverso dalla libertà di espressione e
    > comunicazione, AGCOM lo sa e non bloccherebbe mai
    > un sito che non contiene violazioni al diritto
    > d'autore.

    Mi spiace, ma per com'è è concepito e applocato il copyright, lo violeresti anche con innoqui AMV e Mush up.....
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: spacevideo
    > un video coperto da diritti è illegale se non

    E che cavolo di danno ti fa un video di 5 minuti
    su youtube messo su da un 15enne che rappresenta le
    sue emozioni con la colonna sonora di un brano pop?
    Ma dai siamo seri!!!!!!!!!

    Dai space, pur di colpire la pirateria accetti un regime censorio che potrebbe essere abusato o usato male? Beh noi no.

    > mettere materiale protetto da diritti è ben
    > diverso dalla libertà di espressione e

    Veramente no.

    > comunicazione, AGCOM lo sa e non bloccherebbe mai
    > un sito che non contiene violazioni al diritto
    > d'autore.

    Nemmeno per errore?
    non+autenticato
  • quindi la pirateria è un servizio al cittadino. Il cinema e le videoteche cosa sono? bastardi perchè si pagano immagino,servizi scadenti.

    e pure non mensionano affatto lo streaming legale, nessuno li vuole fermare, il sevizio sarà migliorato, sempre streaming,solo con la carta di credito.Nessuno vuole fermare il loro gioiello tecnologico , internet è progresso, W internet , perchè si arrabbiano? perchè ora lo streaming ha il prezzo attaccato vicino... squallidi e mediocri. Gli interess delle maglior , togliere l'illegale , il rubare , e mettere quello legale a pagamento,questo sarebbe interesse delle major, non è che il RUBARE è il loro interesse? stanno bruciati completamente.

    Ma le autostrade? perchè c''e il casello? e nessuno protesta? ma il telefono? internet è patrimonio di tutti , perchè si paga la bolletta? e nessuno protesta? perchè ci rubano i film e i videogiochi e quanto altro riescono a digitalizzare illegalmente

    cose che già sapete, ma continuano a fare orecchie da mercante,continuano con questa stronz del governo bastardo e delle major cattive, quando i vampiri sono loro, se ne rendono conto , o non ci arrivano propio?
    oppure quelli che scrivono come abbiamo già detto , sono sempre quei 100 utenti, che magari ci mangiano con questa cosa.Molto probabile
    non+autenticato
  • Ma che stai a di?....

    Il tuo discorso e' un po confusionario.

    Qui si sta parlando di tecnologia e sua evoluzione e non certo di cinema o videoteche...

    Per farti un breve esempio, blockbuster e' andata in fallimento non certo per la pirateria ma per la mancanza di evoluzione. Sono stati sostituiti non da Emule o altri ma da netflix , apple ecc.. servizio legali.
    La necessita' di adattamento tecnologico non puo' prescindere certamente da una regolamentazione. In America gli stessi utenti avendo alternative legali hanno scelto... senza sicuramente "delibere" buttate li senza senso, per la voglia di censure di qualcuno, tra l'altro tutte lobby vecchie come il cucco vedi siae,fapav e sti qua.

    Se volete accetarlo bene, altrimenti restatevne nelle vostre videoteche e date la colpa sempre alla pirateria... Da voi in tutti questi anni oltre che ridcole marcette o proclami non c'e' stata nessuna evoluzione tecnologica.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ladrubble II
    > quindi la pirateria è un servizio al cittadino.
    > Il cinema e le videoteche cosa sono?

    Chi gestisce il cinema vende il servizio cinema, la sala grande, il maxischermo, e tutte le cose che i comuni mortali non possono permettersi. Che questo abbia un costo spropositato è pacifico ma al momento non c'è altro modo per avere la stessa cosa. Se però il cinema si ostina a dire che il biglietto non serve a pagare il servizio "cinema" ma serve a pagare il film, allora il film posso averlo a casa e senza sborsare un centesimo, smetto di andare al cinema.
    Per le videoteche, domandi cosa sono: cosa erano i maniscalchi quando sono arrivate le automobili? Cosa erano i venditori di candele e di lampade a olio quando sono arrivate le lampadine elettriche? Cosa erano i venditori di ghiaccio quando sono arrivati i frigoriferi? Esattamente come i videotecari, sono solo una cosa: RESIDUATI DI UN PASSATO CHE FORTUNATAMENTE STA LASCIANDO IL PASSO AL PROGRESSO. Costoro non si sono voluti attrezzare, ad esempio cominciando a mettere in streaming i film gratuitamente per l'utente in cambio di pubblicità, si lamentano sempre che i siti pirata guadagnano tanti soldi con la pubblicità (che poi mica è vero ma loro ne sono convinti) e allora che dimostrassero di poter fare soldi con la pubblicità mettendo siti in cui vedere i film in modo che all'utente non costino nulla, se la pubblicità significa due o tre spot prima del film e poi il film in alta definizione e senza interruzioni la pirateria scomparirebbe per sempre perché nessuno sarebbe così stupido da ricorrere quando l'offerta legale è allo stesso prezzo.

    Ma costoro si sono opposti al progresso, si stanno opponendo a internet (basta leggere il loro forum), si oppongono alla banda larga, agli streaming legali, alle paytv, alle uscite in edicola dei film, e anche ai loro stessi colleghi di blockbuster, oltre che "ovviamente" alla pirateria (pirateria che loro per primi hanno praticato per almeno 30 anni, dai primi anni 1970 ai primi anni 2000, e per di più A SCOPO DI LUCRO). Chi si oppone al progresso viene spazzato via esattamente come i maniscalchi di cui sopra. Si lamentano che la gente ha in casa i frigoriferi e non vendono più il ghiaccio. Beh, è un loro problema se quando sono arrivati i frigoriferi non hanno riconvertito l'attività e non si sono messi a vendere frigoriferi. Di certo non è un problema né della gente che oggi usa i frigoriferi, né tantomeno dei produttori e venditori (quelli sì che hanno seguito il trend) di frigoriferi.

    Chi non segue il progresso è un PARASSITA della società.
    E come tale va solo ELIMINATO.
  • Finchè vedrò su youtube le major che se la prendono anche contro chi fa collage, AVM e Mush UP, non ti darò mai ragione.
    Sgabbio
    26177
  • il Sig. Berlusconi ha interessi economici nel diritto d'autore (leggasi cinema, musica, libri) e quindi eventuali modifiche saranno fatte per un unico scopo: aumentare i sui guadagni. Inutile parlarne più di tanto.
    non+autenticato
  • Faranno la Flat di 80€ settimana e scarichi tutto ! TrollTroll occhiolinoTroll chiacchieroneTroll occhi di fuoriTroll di tutti i colori
    Be&O
    1122
  • Senno il conflitto di interessi a cosa gli serve ? Indiavolato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)