Claudio Tamburrino

Google, One Pass per superare Apple

Mountain View risponde all'offerta di abbonamento e all'introduzione dei pagamenti in-app messa a disposizione da Cupertino. Con un sistema che integra pagamenti e concede agli editori molte libertà

Roma - Eric Schmidt ha annunciato Google One Pass, un sistema di pagamento che "consente agli editori online di addebitare ai clienti il costo di articoli e altri contenuti".

Il principio seguito ricalca il motto Kindle e Google eBookstore "acquista una volta, visualizza ovunque": una volta effettuato l'acquisto o sottoscritta una forma di abbonamento con una specifica testata o di un editore, l'utente potrà leggere i suoi contenuti sia via Web che tramite app mobile e su diversi dispositivi. Sempre che "le condizioni d'uso del sistema operativo utilizzato permettano agli editori l'accesso al Web tramite app", e dunque per il momento con qualche ombra circa l'effettiva presenza su iOS.

Della nuova offerta di abbonamento con possibilità di acquisti in-app di Cupertino, d'altronde, Google sembra proprio voler rincorrere la tempistica per trasformare le smorfie di insoddisfazione generate dall'offerta di Apple in ammiccamenti nei suoi confronti. Il sistema promette di riuscire, su un'unica piattaforma, ad autenticare gli utenti, elaborare e gestire i pagamenti e veicolare i contenuti, grazie all'integrazione con l'altro servizio di casa Google Checkout, e con l'apertura ai sistemi di pagamento in-app può avere la stessa trasversalità sui dispositivi mobile.
Google, peraltro, sembra chiedere il 10 per cento del fatturato più l'appoggio a Checkout (il 2 per cento di commissione su ogni transazione) molto meno di quanto (il 30 per cento) chiesto agli editori da un concorrente diretto come Apple.

A favore di Apple, strategicamente, resta quella che in diritto internazionale si chiamerebbe Clausola della nazione più favorita e che prevede cioè l'obbligo di adottare per gli acquisti sulle app iOS la migliore offerta messa a disposizione. Non sarà dunque possibile per un editore che opera sia su iOS che su Android abbassare il prezzo sulla piattaforma di Google. E quindi, a meno di una fuga di sviluppatori dai dispositivi Apple, non sarà presumibilmente una battaglia che si giocherà sui prezzi. Sarà anzi il mercato, e il ruolo che ricopriranno in particolare i tablet per l'editoria, a influenzare i mercati dei due avversari: in questo Apple ha ancora il vantaggio competitivo conquistato con iPad, che rappresenta un'allettante offerta messa sul piatto delle riviste digitali, per cui varrebbe la pena ancora lasciare sul tavolo il 30 per cento degli introiti.

I conti, comunque, gli editori se li iniziano a fare: Time, per esempio, ha iniziato a vendere abbonamenti che includono le app Android delle proprie riviste.
Sports Illustrated, la cui intenzione di vendere il proprio abbonamento in-app ha dato il la alla decisione di Apple di introdurre la novità ora annunciata, ha esordito ora con un abbonamento da 48 dollari l'anno che dà anche accesso alla rivista via tablet, smartphone e Web.
E con l'occasione ha lanciato una frecciatina indirizzata a Cupertino: "Amiamo Apple e iPad - ha detto il chief digital officer di Time - ma se i alcuni negozi ci chiuderanno fuori, bene, significherà solo che altri negozi riceveranno più traffico e più compratori".

"La nostra intenzione non è monetizzare con il servizio - ha detto Schmidt - vogliamo invece che siano gli editori a fare tutti i soldi". D'altronde la principale fonte di remunerazione di Mountain View resta anche nelle intenzioni future l'advertising, coniugato magari nella sua declinazione mobile.

"Da tempo lavoriamo con gli editori per aiutarli a individuare nuovi modi per fidelizzare i lettori, attrarre traffico verso i loro siti e monetizzare i contenuti online", ha spiegato Carlo D'Asaro Biondo, dirigente Google. "Da questa collaborazione e dalla sperimentazione di varie tecnologie - prospetta - possono nascere nuovi strumenti per sostenere e stimolare il giornalismo online".

"Il nostro obiettivo - ha sottolineato il Googler Lee Shirani - è quello di offrire una piattaforma aperta e flessibile che porti avanti il nostro impegno a favore di editori, giornalisti e contenuti di qualità". Saranno questi ad attirare gli utenti alle sue app, al suo servizio di micropagamenti e magari al suo sistema operativo Android.

Agli editori, dice Google, resta solo da decidere cosa distribuire gratuitamente e cosa no, quanto far pagare e che metodi di pagamento implementare (a singolo articolo, con pass giornalieri, abbonamenti ecc.) e di fornire contenuti di qualità che valga la pena pagare.

L'interfaccia è "semplice e online", e tramite di essa gli editori hanno la promessa di mantenere un rapporto diretto sia con gli utenti (così come con l'implementazione di un paywall saprebbero chi legge e quanto vengono letti i propri articoli), senza dover rinunciare alla diffusione garantita da strumenti come Google e dell'indicizzazione nei motori di ricerca e negli aggregatori come Google News. Inoltre offre la possibilità di offrire abbonamenti dalle proprie app senza le imposizioni previste da Apple.

Il servizio al momento è disponibile agli editori in Italia, Francia, Germania, Spagna, Gran Bretagna, Canada e Stati Uniti.

Claudio Tamburrino

Notizie collegate
206 Commenti alla Notizia Google, One Pass per superare Apple
Ordina
  • iOS massively outshines Android in Europe
    http://www.pocket-lint.com/news/38347/ios-massivel...

    Ecco che si scoprono gli altarini (che noi Mac User conosciamo già) e si scopre che Android è in crescita ma non hai danni di iOS (che cresce anche lui) e che Symbian è usatissimo in Italia e meno all'estero.

    E che iPhone è poco diffuso in Italia rispetto alla stragrande maggioranza degli altri paesi UE. E che il mercato in UK è molto particolare rispetto all'Europa.

    Panorama molto diverso dagli USA dove iPhone fino a ieri era bloccato solo con AT&T.

    Fan LinuxFan Apple
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 18 febbraio 2011 13.54
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: FinalCut

    > E che iPhone è poco diffuso in Italia rispetto
    > alla stragrande maggioranza degli altri paesi UE.

    E'vero: un anno fa in giro per londra era impressionante il numero di iphone ovunque, con utenti di ogni età.
    Complice anche la wifi libera praticamente ovunque, altro che da noi.
    Chissà se con il miglioramento del sistema operativo e dell'offerta Android non abbia nel frattempo recuperato qualche quota...
    non+autenticato
  • Certo che se leggessi oltre le prime due righe degli articoli che linki... sono meno di 20 in tutto!

    They also reveal that, year-on-year, iOS is actually in a decline in Europe, dropping by over six per cent since January 2010 (from 50.44 per cent market share) - although not as much as Symbian OS, which has fallen by almost a half of its share (from 23.25 per cent to 12.57 per cent).


    Insomma: calo del 6% l'anno vuol dire scendere nella marginalità entro pochi anni.
    Funz
    12989
  • - Scritto da: Funz
    > Certo che se leggessi oltre le prime due righe
    > degli articoli che linki... sono meno di 20 in
    > tutto!
    >
    > They also reveal that, year-on-year, iOS is
    > actually in a decline in Europe, dropping by over
    > six per cent since January 2010 (from 50.44 per
    > cent market share) - although not as much as
    > Symbian OS, which has fallen by almost a half of
    > its share (from 23.25 per cent to 12.57 per
    > cent).

    >
    > Insomma: calo del 6% l'anno vuol dire scendere
    > nella marginalità entro pochi
    > anni.

    ma li parlavano male di ios.. ti pare che un applefan si permette di linkare cose simili?
    non+autenticato
  • - Scritto da: lordream non loggato
    >
    > ma li parlavano male di ios.. ti pare che un
    > applefan si permette di linkare cose
    > simili?

    Tu oramai sei talmente tanto fuori di testa che non capisci nemmeno quello che leggi.

    Io HO linkato proprio quelle cose. Bah...


    Fan AppleFan Linux
  • - Scritto da: FinalCut
    > - Scritto da: lordream non loggato
    > >
    > > ma li parlavano male di ios.. ti pare che un
    > > applefan si permette di linkare cose
    > > simili?
    >
    > Tu oramai sei talmente tanto fuori di testa che
    > non capisci nemmeno quello che
    > leggi.
    >
    > Io HO linkato proprio quelle cose. Bah...
    >
    >
    > Fan AppleFan Linux

    ironia ragazzo.. ironia
  • - Scritto da: lordream
    > - Scritto da: FinalCut
    > > - Scritto da: lordream non loggato
    > > >
    > > > ma li parlavano male di ios.. ti pare che un
    > > > applefan si permette di linkare cose
    > > > simili?
    > >
    > > Tu oramai sei talmente tanto fuori di testa che
    > > non capisci nemmeno quello che
    > > leggi.
    > >
    > > Io HO linkato proprio quelle cose. Bah...
    > >
    > >
    > >
    >
    > ironia ragazzo.. ironia

    Ma quale ironia,
    hai aperto bocca, senza capire, con la solita battuta sgonfia riguardo ai macusers.

    Sei monotono e patetico.

    Fan AppleFan Linux
  • - Scritto da: Funz
    > Certo che se leggessi oltre le prime due righe
    > degli articoli che linki... sono meno di 20 in
    > tutto!
    >
    > They also reveal that, year-on-year, iOS is
    > actually in a decline in Europe, dropping by over
    > six per cent since January 2010 (from 50.44 per
    > cent market share) - although not as much as
    > Symbian OS, which has fallen by almost a half of
    > its share (from 23.25 per cent to 12.57 per
    > cent).


    Ascolta te lo spiego con numeri semplici in modo che anche tu possa capire.

    Mettiamo che nel 2009 io vendo 100 telefoni ed ho il 50% del mercato Nokia vende 100 telefoni e ha il rimanente 50% del mercato.

    Nel 2010 esce Android che vende 80 telefoni, io ne vendo 180 di telefoni e Nokia ne vende 140.

    Io, in questo caso, ho avuto un calo maggiore del 6% e Android ha avuto un boom rispetto all'anno precedente ma non vuol dire che a me gli affari siano andati male.

    Se un nuovo competitor entra nel gioco, le percentuali di del mercato si restringono per forza di cose ma non necessariamente significa perdere vendite al contrario.


    Adesso se fai uno sforzo ulteriore (ma non sforzarti troppo) e dai un'occhiata al grafichetto che sta in testa all'articolo, noterai che a dicembre le uniche due liniette che salgono verso l'alto sono quelle di Android ed iPhone...

    Significa che fisiologicamente iPhone ha perso rispetto a gennaio 2010 quando non esisteva neppure Android e si è ripreso le sue quote (con un botto di vendite) nel trimestre di natale (nonostante Android).

    Significa che iOS non vende di meno, vende di più...

    > Insomma: calo del 6% l'anno vuol dire scendere
    > nella marginalità entro pochi
    > anni.

    Solo nella tua testa, solo nella tua testa....
    solo un troll potrebbe dire guardando quel grafico che iOS è destinato alla marginalità tra qualche anno, ...solo un troll....

    Ne riparliamo tra un anno. Anzi... miglior fortuna al prossimo Super Bowl:

    http://adage.com/superbowl/article?article_id=1489...
    "Android (-7.8) –With regards to Android, Mr. Marzilli said, ‘The lesson here might be ‘don’t mess with Apple.””

    Fan AppleFan Linux

    PS: a riprova che le percentuali sono di per se equivoche se non supportate da numeri assoluti ti rimando a questo grafico:
    http://www.engadget.com/2011/02/18/apple-maintains...

    +861% di crescita per Android non suona male...eppure la realtà dei numeri è ben diversa.
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 18 febbraio 2011 20.48
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: FinalCut
    > - Scritto da: Funz
    > > Certo che se leggessi oltre le prime due righe
    > > degli articoli che linki... sono meno di 20 in
    > > tutto!
    > >
    > > They also reveal that, year-on-year, iOS is
    > > actually in a decline in Europe, dropping by
    > over
    > > six per cent since January 2010 (from 50.44 per
    > > cent market share) - although not as much as
    > > Symbian OS, which has fallen by almost a half of
    > > its share (from 23.25 per cent to 12.57 per
    > > cent).

    >
    > Ascolta te lo spiego con numeri semplici in modo
    > che anche tu possa
    > capire.

    So benissimo distinguere, grazie.
    Ma se continua così, pure in un mercato in pieno boom e in cui tutti aumentano le vendite assolute, Apple vedrà erosa sempre di più la sua percentuale di mercato. E quindi la sua centralità e capacità di attirare clienti e sviluppatori.
    Va bene che adesso è ancora in testa, ma fino a quando?
    Funz
    12989
  • - Scritto da: Funz
    > Va bene che adesso è ancora in testa, ma fino a
    > quando?

    Secondo voi Android oramai avrebbe superato iPhone, invece si scopre che solo negli USA dove iPhone era bloccato ad un solo operatore le cose stanno effettivamente così.

    In un mercato libero da operatori (UE) iPhone è sopra Android, adesso anche in America le cose si stanno muovendo.

    Quello che dico io è che Android alla fine venderà un sacco ma iPhone non sarà mai destinato alla marginalità del mercato.

    Tra un anno, vedremo le vendite di iPhone Verizon e ne riparleremo.

    Fan AppleFan Linux
  • Povero Enjoy A bocca aperta
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 20 febbraio 2011 16.47
    -----------------------------------------------------------
    ruppolo
    33147
  • ma una piattaforma webbased quanti secondi ci vogliono una volta comprato un accesso per pubblicarne una copia identica da altre parti? .....Io rivista metto online i miei contenuti il primo hacker si collega, pagando, copia il contenuto su un'altro sito web....e gli altri la leggono da li.... mi sfugge qualcosa o questa è un gran cavolata!?
  • "A favore di Apple, strategicamente, resta quella che in diritto internazionale si chiamerebbe Clausola della nazione più favorita e che prevede cioè l'obbligo di adottare per gli acquisti sulle app iOS la migliore offerta messa a disposizione. Non sarà dunque possibile per un editore che opera sia su iOS che su Android abbassare il prezzo sulla piattaforma di Google"

    ma ti rendi conto delle c.azzate che scrivi? Anche se non abbassa il prezzo l'editore ha comunque un introito triplo... Mamma mia, vai a studiare
    non+autenticato
  • - Scritto da: western
    > "A favore di Apple, strategicamente, resta quella
    > che in diritto internazionale si chiamerebbe
    > Clausola della nazione più favorita e che prevede
    > cioè l'obbligo di adottare per gli acquisti sulle
    > app iOS la migliore offerta messa a disposizione.
    > Non sarà dunque possibile per un editore che
    > opera sia su iOS che su Android abbassare il
    > prezzo sulla piattaforma di
    > Google"
    >
    > ma ti rendi conto delle c.azzate che scrivi?
    > Anche se non abbassa il prezzo l'editore ha
    > comunque un introito triplo... Mamma mia, vai a
    > studiare
    WOW
    l'unico -su 17837 commenti- che lo ha scritto... complimentiSorride
    Tra l'altro non c'e' scritto da nessuna parte (anzi c'e' scritto il contrario) che un editore non possa stare su ENTRAMBE le piattaforme.
    Tanto, come stranoto, prodotto UN cotenuto, l'editore lo puo rivendere ad libitum, in 71239 formati e piattaforme diverse, a costo marginale praticamente zero.
    non+autenticato
  • ...un altro qui
    non+autenticato
  • >Mamma mia, vai a studiare

    Qui non si tratta tanto di studiare. E' semplice comprensione del testo e tu, chiaramente, non hai capito granchè.
    non+autenticato
  • - Scritto da: western
    > Anche se non abbassa il prezzo l'editore ha
    > comunque un introito triplo... Mamma mia, vai a
    > studiare

    Mi sa che devi tornare a studiare anche tu... introito triplo????
  • Mi sa che devi continuare a fare disegnini...
    non+autenticato
  • ...se non altro per l'aggressività....

    Sorride
  • Ormai hanno rotto le scatole a tutti e Google che non è scema ora passa all'incasso, meglio poco oggi e sviluppare il mercato che far scappare gli editori come apple!
    Quindi ora Android ha dalla sua gli editori, i giochi, grazie all'impegno di Sony, il sostegno di una comunity sempre più ampia e terminali sempre più economici e diffusi, faccio mea culpa, pensavo che ci volessero tre o quattro anni perchè raggiungesse il 90% del mercato degli smartphone, ci metterà molto meno!
  • secondo me sei davvero affidabile con le tue previsioni!
    Infatti tutta la mia famiglia è passata a netbook ARM da 150€
    MeX
    16897
  • - Scritto da: MeX
    > secondo me sei davvero affidabile con le tue
    > previsioni!
    > Infatti tutta la mia famiglia è passata a netbook
    > ARM da
    > 150€

    Mi dispiace molto, farò una preghiera per la tua famigliaA bocca aperta
    ruppolo
    33147
  • Si vede che non avete i soldi per l'originale.
    Straccioni, direbbe ruppolo!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > Ormai hanno rotto le scatole a tutti

    Soprattuto a Enjoy with Us Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    > e Google che
    > non è scema ora passa all'incasso, meglio poco
    > oggi e sviluppare il mercato che far scappare gli
    > editori come
    > apple!

    ZOOOOMMMmmmmmmmmm....... cos'era? hai visto anche tu?

    > Quindi ora Android ha dalla sua gli editori,

    Eh si, androiani, brava gente, piena di soldi, affari assicuratiA bocca aperta

    > i
    > giochi, grazie all'impegno di Sony, il sostegno
    > di una comunity sempre più ampia e terminali
    > sempre più economici e diffusi, faccio mea culpa,
    > pensavo che ci volessero tre o quattro anni
    > perchè raggiungesse il 90% del mercato degli
    > smartphone, ci metterà molto
    > meno!

    eheheheheheheheh!!!!

    Anche Symbian aveva una bella percentuale, ricordi?
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > faccio mea culpa,
    > pensavo che ci volessero tre o quattro anni
    > perchè raggiungesse il 90% del mercato degli
    > smartphone, ci metterà molto
    > meno!

    Si, ma soprattutto alla mossa suicida di Nokia che ha deciso di mettere un virus nei suoi smartphone, per togliere l'imbarazzo a chi era ancora indeciso.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Enjoy with Us
    > > faccio mea culpa,
    > > pensavo che ci volessero tre o quattro anni
    > > perchè raggiungesse il 90% del mercato degli
    > > smartphone, ci metterà molto
    > > meno!
    >
    > Si, ma soprattutto alla mossa suicida di Nokia
    > che ha deciso di mettere un virus nei suoi
    > smartphone, per togliere l'imbarazzo a chi era
    > ancora
    > indeciso.

    A proposito di virus, ma secondo te perché se cerco "angry birds" su Android Market mi escono 3 antivirus su 10 risultati?
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo

    > A proposito di virus, ma secondo te perché se
    > cerco "angry birds" su Android Market mi escono 3
    > antivirus su 10
    > risultati?

    La ricerca l'hai fatta con l'iPhone?
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: ruppolo
    >
    > > A proposito di virus, ma secondo te perché se
    > > cerco "angry birds" su Android Market mi escono
    > 3
    > > antivirus su 10
    > > risultati?
    >
    > La ricerca l'hai fatta con l'iPhone?


    Pessima trollata puoi anche usare Google Chrome...
    https://market.android.com/search?q=%22angry+birds...

    Il risultato non cambia...
    Quando Google agisce come Microsoft i risultati sono gli stessi... sorpreso?


    Fan AppleFan Linux
  • Su Android gli antivirus non servono a un ca**o, semplicemente basta installare le app tramite canali ufficiali, disabilitare l'installazione extra market (che tra l'altro è l'impostazione di default) e non ci sono problemi di qualsivoglia virus.

    Certo che i classici "crakko non pago rubo" utenti poi si trovano il telefono e il pc zozzo di virus il problema sono solo loro.

    - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: Enjoy with Us
    > > > faccio mea culpa,
    > > > pensavo che ci volessero tre o quattro anni
    > > > perchè raggiungesse il 90% del mercato degli
    > > > smartphone, ci metterà molto
    > > > meno!
    > >
    > > Si, ma soprattutto alla mossa suicida di Nokia
    > > che ha deciso di mettere un virus nei suoi
    > > smartphone, per togliere l'imbarazzo a chi era
    > > ancora
    > > indeciso.
    >
    > A proposito di virus, ma secondo te perché se
    > cerco "angry birds" su Android Market mi escono 3
    > antivirus su 10
    > risultati?
    non+autenticato
  • - Scritto da: NS256
    > Su Android gli antivirus non servono a un ca**o,
    > semplicemente basta installare le app tramite
    > canali ufficiali, disabilitare l'installazione
    > extra market (che tra l'altro è l'impostazione di
    > default) e non ci sono problemi di qualsivoglia
    > virus.

    E cosa impedisce la diffusione di virus?

    > Certo che i classici "crakko non pago rubo"
    > utenti poi si trovano il telefono e il pc zozzo
    > di virus il problema sono solo
    > loro.

    Su questo concordo perfettamente.
    ruppolo
    33147
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)