Mauro Vecchio

Texas, nessun massacro degli scariconi

Un giudice ha bloccato sul nascere le agguerrite strategie di uno degli avvocati più caldi del copyright. Sarà vietato presentare un'unica azione legale valida per migliaia di netizen. Non avrebbero agito in gruppo

Roma - Era stato descritto come uno spietato cacciatore di pirati, assoldato dai signori della pornografia per trascinare in aula migliaia di netizen. L'avvocato statunitense Evan Stone dovrà ora rivedere le sue agguerrite strategie, bloccate sul nascere da una corte distrettuale del Texas. Il cacciatore dei pirati non potrà più dare avvio ad azioni legali di massa, coinvolgendo cioè nella stessa causa migliaia di utenti.

La decisione del giudice è giunta in seguito all'avvio dell'ennesima lotta legale contro il P2P, alimentata da Stone su suggerimento della piattaforma specializzata in anime FUNnimation. Suggerimento peraltro indotto dallo stesso avvocato, forse il più attivo alfiere del copyright in Texas. Ma il giudice locale è parso ormai stufo di vedersi recapitare un'unica azione legale per migliaia di cittadini della Rete.

Stone dovrà così ripresentare le sue carte entro 30 giorni, obbligato a citare in giudizio un netizen alla volta. Gli utenti sarebbero sì accomunati dallo stesso tipo di reato, ma nessuna prova riuscirebbe a dimostrare un effettivo e diretto legame tra loro. In altre parole, il giudice ha sottolineato come gli utenti non si siano affatto organizzati in gruppo per violare il copyright.
Un'opinione simile era già stata avanzata da un giudice di Washington, che aveva obbligato lo U.S. Copyright Group a perseguire i vari netizen in base all'effettiva area di residenza. Il tentativo dei legali del gruppo era così fallito, dopo aver annunciato l'intenzione di trascinare in aula 4500 torrentisti.

La società di produzione cinematografica Mick Haig Productions aveva in precedenza obbligato provider come Comcast a consegnare i dati identificativi di 670 presunti scariconi, sbandierando una specifica ordinanza mai emessa dal giudice texano. I legali dell'organizzazione non profit Public Citizen avevano dunque denunciato le attività poco trasparenti dello stesso Stone.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàPornografia, pugno duro sul P2PLarry Flint Publications ha trascinato in tribunale 365 torrentisti, alimentando il fuoco delle polemiche contro gli scariconi. E c'è chi ha minacciato di rivelare in aula nomi e soprattutto tipo di film attinti online
  • AttualitàMegaupload, attacco a luci rosseIl cyberlocker nel mirino di Perfect 10, specializzata in contenuti per adulti. Megaupload non avrebbe denunciato il suo business negli Stati Uniti e non meriterebbe la tutele previste dal DMCA. Chiesti 5 milioni di dollari
  • AttualitàRapidShare contro il troll del copyrightContrattacco del servizio di file hosting, dopo la vittoria nei confronti dell'azienda specializzata in contenuti per adulti Perfect 10. Che utilizzerebbe il suo business per mascherare la sua vera natura di troll del diritto d'autore
5 Commenti alla Notizia Texas, nessun massacro degli scariconi
Ordina
  • premesso che sono favorevolissimo al p2p, soprattuto per quello delle anime sottotitolate e/o film in lingua originale (non ho voglia di aspettare i doppiaggi in italiano, e poi spesso sono pieni di errori o imprecisioni)
    e questa notizia mi riempe di gioia .. devo confessare che stavolta non ho capito le motivazione del giudice:

    se io mi iscrivo ad un forum/ frequento un sito per scaricare qualche anime, insieme a tanti altri ... è ovvio che agiamo tutti insieme, anzi il torrent funziona proprio cosi: "più siamo (leecher) meglio stiamo" o no?
    non+autenticato
  • - Scritto da: hp sucks
    > premesso che sono favorevolissimo al p2p,
    > soprattuto per quello delle anime sottotitolate
    > e/o film in lingua originale (non ho voglia di
    > aspettare i doppiaggi in italiano, e poi spesso
    > sono pieni di errori o imprecisioni)
    >
    > e questa notizia mi riempe di gioia .. devo
    > confessare che stavolta non ho capito le
    > motivazione del
    > giudice:
    >
    > se io mi iscrivo ad un forum/ frequento un sito
    > per scaricare qualche anime, insieme a tanti
    > altri ... è ovvio che agiamo tutti insieme, anzi
    > il torrent funziona proprio cosi: "più siamo
    > (leecher) meglio stiamo" o
    > no?

    No!
    La responsabilita' penale e' personale.
    In un paese democratico non si spara sulla folla e non si gettano le reti a strascico!

    Perfino nei casi di una folla di manifestanti che tutti insieme concorrono a danneggiare qualcosa, questi vengono identificati e processati uno per uno, figuriamoci come si possa concepire una accusa collettiva verso persone che sono sospettate di compiere un presunto illecito in tempi diversi e luoghi diversi.
  • Quoto tutto.
    Aggiungo anche che il fatto di usare una rete p2p di per se non implica necessariamente aver violato il copyr. quindi se in una causa si potrebbe inserire tutto nel mucchio quindi violatori e non, con le cause individuali le prove devono essere più precise
    non+autenticato
  • - Scritto da: Punto
    > Quoto tutto.

    Tutto? Non hai citato neanche una virgola.A bocca storta Clicca "Quota", in puro itaenglish, che trovi sotto ogni messaggio e potrai citare tutto, fino all'ultimo carattere!Ficoso

    Il giudice ha detto così in quanto "scaricone" anche lui, ma più bello degli altri. Ogni scaricatore (oh, cielo, l'ho scritto in italiano!) ha la sua storia, i suoi scaricamenti, le sue condivisioni, i suoi gusti. Non tutti sono pedoterrosatanisti allo stesso modo. Gli egoisti non cooperano, succhiano banda e basta e pensano solo alla propria cecità. I malvagi che condividono opere a quattro venti puzzano molto di più, ma non come quei pochi alla base di tanti torrent, che dietro hanno interessi ben diversi dalla filantropia.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Quotin Tarantino
    > - Scritto da: Punto
    > > Quoto tutto.
    >
    > Tutto? Non hai citato neanche una virgola.A bocca storta
    > Clicca "Quota", in puro itaenglish, che trovi
    > sotto ogni messaggio e potrai citare tutto, fino
    > all'ultimo carattere!
    >Ficoso

    A parte che questa mania di usare il tasto tasto quota sempre e a prescindere non la condivido, ha senso se devo controbattere qualche affermazione ma se così non è serve solo a rendere confuso il post.

    > Il giudice ha detto così in quanto "scaricone"
    > anche lui, ma più bello degli altri. Ogni
    > scaricatore (oh, cielo, l'ho scritto in
    > italiano!) ha la sua storia, i suoi scaricamenti,
    > le sue condivisioni, i suoi gusti. Non tutti sono
    > pedoterrosatanisti allo stesso modo. Gli egoisti
    > non cooperano, succhiano banda e basta e pensano
    > solo alla propria cecità. I malvagi che
    > condividono opere a quattro venti puzzano molto
    > di più, ma non come quei pochi alla base di tanti
    > torrent, che dietro hanno interessi ben diversi
    > dalla
    > filantropia.

    Avrai anche scritto in italiano ma sinceramente non si capisce molto di quello che vuoi dire.

    Come vedi in questo caso ho usato il tasto quote perché aveva senso farloOcchiolino
    non+autenticato