Alfonso Maruccia

Google News, il pericolo vien dal Belgio

Mountain View avverte la corte belga con una dichiarazione al fulmicotone: se punite noi l'intera Internet come la conosciamo oggi potrebbe sparire. I servizi di indicizzazione non portano pena - e nemmeno penna

Roma - Google sostiene che nella condanna subita tre anni fa da parte di una corte belga c'è in gioco molto più del suo "semplice" business di indicizzazione dei siti di news locali: se le autorità non ritorneranno sui loro passi, avverte Mountain View, l'intera Internet come noi la conosciamo oggi potrebbe essere a rischio di estinzione.

Le dichiarazioni dei legali di Google consegnate alla Corte di Appello di Bruxelles oscillano tra la baldanza e l'appello accorato, con la corporation statunitense impegnata a convincere i giudici del fatto che la loro decisione nel merito si riverbererà non solo sulla Internet belga ma anche sul network mondiale foraggiato dai G-contenuti.

Google è stata condannata per violazione di copyright a causa della diffusione non autorizzata - attraverso l'aggregatore Google News - di contenuti giornalistici appartenenti ai quotidiani locali, ma Google sostiene che quella condanna non ha senso ed è fermamente convinta di essere nel giusto.
"Crediamo che i riferimenti con brevi sommari e link diretti alla fonte, così come praticato dai motori di ricerca, Google News e sostanzialmente chiunque sul web - dice Google - non solo è legame ma incoraggia gli utenti del web a leggere i quotidiani online".

E se la corte di appello avesse un'opinione diversa? "Questo caso avrà serie conseguenze sul modo in cui le informazioni vengono ricercate e gestite su Internet", ha detto il legale della Grande G Eric Valgaeren, e "una sentenza negativa metterebbe a rischio tutti i servizi di referencing o potrebbe persino farli scomparire" dalla rete.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàGoogle News è stato condannato in BelgioQuello che temevano in tanti č accaduto: gli editori che non vogliono link dal servizio News di Google hanno la meglio in tribunale. Una sentenza potenzialmente molto pesante per Google, che ha subito annunciato appello
20 Commenti alla Notizia Google News, il pericolo vien dal Belgio
Ordina
  • il Belgio:
    diviso in pratica in due
    ca. 300 gg senza governo insediato
    5% della popolazione residente detiene una cittadinanza italiana (già acquisita, ndr)
    deficit debito/pil alle stelle (han provato a raggiungerci ma han sempre fallitoCon la lingua fuori )

    noi italici sarem pure il gradino più basso ed infimo in tutte le gerarchie positive ma pure loro .... e dovremmo pure ascoltarli ?A bocca aperta dategli dei politici da condannare pure ai loro giudici suCon la lingua fuori
    non+autenticato
  • Google effettivamente ha delle colpe...la colpa di Google e' di aver fatto pubblicita' alla vecchia carta stampata e di avergli permesso di sopravvivere nell'era dell'informazione libera orizzontale...se non fosse stato per Google News oggigiorno non se li filerebbe piu' nessuno...
    Vi faccio un esempio...se Google avesse riportato anzicche' gli articoli riportate dai giornali classici...gli articoli riportati dai giornali di "citizen Jounalism" e dai giornali con articoli "creative commons"...per noi utenti non sarebbe cambiato nulla...anzicche' leggere le notizie sul corriere e su repubblica le avremmo lette sui siti di informazione libera...
    Quindi Google e' colpevole per aver fornito e per continuare a fornire visibilita' e pubblicita' gratis agli integralisti del diritto d'autore e ai giornalisti della vecchia carta stampata che sarebbero gia' dovuti sparire spazzati via dall'evoluzione tecnologica e dalla conseguente evoluzione sociologica dei media...non piu' verticali ma orizzontali ....
    non+autenticato
  • Magari sparisse! Dove si deve firmare?
    non+autenticato
  • - Scritto da: anonimo
    > Magari sparisse! Dove si deve firmare?

    perchè tu come la vorresti?
    non+autenticato
  • - Scritto da: anonimo
    > Magari sparisse! Dove si deve firmare?
    In fondo a destra.
    Con la lingua fuori
    non+autenticato
  • - Scritto da: ullala
    > - Scritto da: anonimo
    > > Magari sparisse! Dove si deve firmare?
    > In fondo a destra.
    > Con la lingua fuori
    proprio sotto la frase "Richiedo un trattamento sanitario obbligatorio".
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: ullala
    > > - Scritto da: anonimo
    > > > Magari sparisse! Dove si deve firmare?
    > > In fondo a destra.
    > > Con la lingua fuori
    > proprio sotto la frase "Richiedo un trattamento
    > sanitario
    > obbligatorio".
    ....e poi ricordategli di firmare pure sotto la voce "rinuncio alla mia liberta' di espressione perche' incapace di intendere e di volere..."
    non+autenticato
  • Ma io non riesco proprio a capire.

    E' sufficiente un neurone, uno solo, per comprendere che se il dito indica la luna, bisogna guardare la luna e non il dito.

    La luna esiste, sta la' in cielo, e circa una volta al mese e' pure bella piena.

    E questi pretendono di mettere sotto accusa il dito che la indica!
  • e la legge... ti stupisci ancora della sua illogicità?
    non+autenticato
  • lo fanno anche coi siti che indicizzano file torrent, o ed2k. Non cambia mica nulla, quindi Google avrebbe dovuto svegliarsi prima e muoversi già allora. Se ti dico che ci sono 100 euro per terra, sto forse commettendo un reato???
    non+autenticato
  • no, ma se indichi 10 euro nella borsa della siae che non sta guardando, la siae puo' arrabbiarsi...
  • la siae gia mette le mani nel portafoglio di tutti anche se compri una lavatrice
    non+autenticato
  • - Scritto da: coccobanana
    > no, ma se indichi 10 euro nella borsa della siae
    > che non sta guardando, la siae puo'
    > arrabbiarsi...

    E quale reato starebbe commettendo chi indica che ci sono 10 euro nella borsa della siae?

    Sara' quello che li prende indebitamente a commettere il reato.
  • è una questione di interpretazione e di tipologia del sistema giuridico

    negli USA ad esempio il sistema giuridico è molto rigido, per cui la legge dev'essere chiara

    questo ha permesso ai giudici di lì di ragionare come dici tu e infatti hanno dovuto creare il COICA per creare un framework di leggi contro la pirateria

    da noi, in Europa e nei Paesi latini, si ragiona invece in maniera opposta, ovvero la legge dà indicazioni generali e poi è il giudice a doverla interpretare

    inutile dire che è lì che si gioca la partita tra i poveri ( che vanno in galera per un pezzo di pane ) e i ricchi ( che non vanno in galera nemmeno se ammazzano qualcuno a sangue freddo )

    loro dicono: "tu stai indicando la banconota, ma chi mi dice che tu non fossi a conoscenza che era una banconota di provenienza illecita oppure chi mi dice che non la stai indicando per indurre l'altro a rubarla"

    e ovviamente l'induzione a commettere reato è un reato da noi, cosa che non è in molti altri Paesi "seri"
    non+autenticato
  • Il problema è la rilevanza data a questi processi, non i processi stessi.

    Qualsiasi cosa nuova sarà sempre contraria alle leggi di qualche nazione, quando hanno fatto le leggi sul copyright in Belgio (1994) Internet non era un tema d'attualità. Di conseguenza le parole usate per scrivere la legge sono state scelte, rispetto a situazioni simili, casualmente. Questo caso ha deciso il processo.

    Si interpretano casi attuali rispetto a parole scritte anni fa, è giustizia come sarebbe giustizia essere puniti per aver mischiato lana e cotone nell'abbigliamento (la bibbia lo proibisce).

    E' il caso che nascano un po' di accordi transnazionali, da trasformare poi in leggi nazionali, per regolare un po' situazioni simili con un occhio moderno e ragionevole.

    Valutare se per la gente è meglio poter avere aggregatori come Google News o no, e fare le leggi di conseguenza. Non decidere il benessere della nazione interpretando quello che si era deciso anni prima quando la situazione attuale non era immaginabile.
    non+autenticato
  • > Valutare se per la gente è meglio poter avere
    > aggregatori come Google News o no, e fare le
    > leggi di conseguenza. Non decidere il benessere
    > della nazione interpretando quello che si era
    > deciso anni prima quando la situazione attuale
    > non era
    > immaginabile.
    Su questo aspetto, un GROSSO problema e' anche avere figure che hanno un eco rilevante (aka fanno opinione) che sono O completamente idioti, O sono delle carogne... perche vanno in giro a strillare dicendo cose come "google news mi ruba le notizie". Questa BALLA qua l'ho sentita da debenedetti, murdoch, e altri ottuagenari editori vari... E' assai dannoso, perche' crea (acritica) opinione...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Talking Head

    >
    > E' il caso che nascano un po' di accordi
    > transnazionali, da trasformare poi in leggi
    > nazionali, per regolare un po' situazioni simili
    > con un occhio moderno e ragionevole.
    >
    Si, bene, ma leggi transnazionali non fatte su misura per le esigenze e il bussiness di Google o di una qualsiasi multinazionale americana.
    Troopo spesso si confonde quel che va bene a G. con quel che dovrebbe comunque andare bene a tutti.
    >
    > Valutare se per la gente è meglio poter avere
    > aggregatori come Google News o no, e fare le
    > leggi di conseguenza. Non decidere il benessere
    > della nazione interpretando quello che si era
    > deciso anni prima quando la situazione attuale
    > non era
    > immaginabile.
    E' legittimo che ogni Stato cerchi di non svendere la propriA SOVRANITà e idea di cultura nazionale a multinazionali estere. Che poi facendolo rischi di mostrarsi arretrato tecnologicamnete è un altro discorso.
    però secondo il principio che c'è dietro è giusto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Albatros

    > E' legittimo che ogni Stato cerchi di non
    > svendere la propriA SOVRANITà e idea di cultura
    > nazionale a multinazionali estere. Che poi
    > facendolo rischi di mostrarsi arretrato
    > tecnologicamnete è un altro
    > discorso.
    > però secondo il principio che c'è dietro è giusto.

    il principio e' una emerita cretinata...che andava bene nel secolo scorso...non nel 2011...perche' nel 2011 il concetto di "cultura nazionale" e' ormai superato...dal fatto che le persone di ogni nazionalita' dialogano condividono conoscenze fanno affari fra loro...
    internet sta riportando il mondo verso un nuovo illuminismo...fatto di conoscenza di principi democratici e di comprensione reciproca fra i popoli...nessun sito fatto solo per i propri connazionali riesce ad andare avanti a lungo...solo i siti che si rivolgono al mondo nella sua globalita' sopravvivono oggigiorno...sarebbe ora che anche in Italia c'e' lo mettessimo in zucca...
    non+autenticato