Mauro Vecchio

MPAA e la mesta ricchezza del cinema

L'industria statunitense del film ha generato qualcosa come 31,8 miliardi di dollari dalla vendita globale di biglietti. L'8 per cento in pių rispetto al 2009. Ma la pirateria rimane una minaccia apocalittica

Roma - C'è chi ha sottolineato come si tratti di numeri altisonanti, in chiara ed evidente contraddizione con gli apocalittici timori sbandierati dall'industria statunitense del cinema. Le cifre in questione sono quelle snocciolate dalla Motion Picture Association of America (MPAA), in un comunicato stampa.

Il 2010 dell'industria statunitense del cinema ha fatto registrare un livello record d'entrate, con circa 31,8 miliardi di dollari guadagnati dalla vendita di biglietti in tutto il mondo. Un aumento dell'8 per cento rispetto alla fine dell'anno 2009. Solo nell'area asiatica la crescita annuale è stata pari al 21 per cento.

Cifre da capogiro, trainate dal richiamo sempre maggiore esercitato sugli spettatori da parte della tecnologia 3D. Il 21 per cento del totale degli incassi sui mercati di Stati Uniti e Canada - che è rimasto stabile a 10,6 miliardi di dollari - è stato in pratica generato grazie a kolossal in tre dimensioni come Avatar.
Secondo i dati presentati da MPAA, l'esperienza cinematografica - quella nelle sale - resterebbe la più economica tra le tante possibilità d'intrattenimento. Una famiglia statunitense media di quattro persone spenderebbe circa 50 dollari per altrettanti biglietti. Una partita di National Football League (NFL) ne richiederebbe 300.

Ma questi numeri così incoraggianti non sembrano aver fermato il presidente e CEO di MPAA Bob Pisano, che ha sottolineato come il futuro dell'industria cinematografica sia ormai appeso ad un filo. Tutta colpa degli scariconi e dell'impossibilità della stessa industria di competere con la formula peggiore, quella incontrollabilmente gratuita.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàMPAA all'attacco di HotfileLe grandi major di Hollywood contro il cyberlocker panamense. Avrebbe lucrato sulla condivisione selvaggia dei contenuti, basandosi su un modello illecito a sottoscrizione
  • AttualitàMPAA e BREIN, l'alleanza del copyrightLe due associazioni hanno unito gli sforzi per chiudere altri 12 canali BitTorrent in terra statunitense. Gli indirizzi sono rimasti avvolti nel mistero, per evitare che gli utenti li ritrovino sotto diversa forma
  • AttualitàWarner: il P2P fa bene al cinemaLa divisione antipirateria di Warner Bros. ha illustrato i risultati di 18 mesi di tracciamento di client P2P e siti legati allo streaming. I pirati acquisterebbero pių contenuti legali di quanto si possa pensare
47 Commenti alla Notizia MPAA e la mesta ricchezza del cinema
Ordina
  • propositi per il 2011: andare a vedere un film in 3D... dev'essere una figata pazzesca.
  • - Scritto da: il solito bene informato
    > propositi per il 2011: andare a vedere un film in
    > 3D... dev'essere una figata
    > pazzesca.

    L'ultimo che ho visto è stato Resident Evil - Afterlife.
    A me è piaciuto il 3D di quel film... tanto.
    Milla Jovovich e Ali Larter in 3D rendono meglio! A bocca aperta
  • omg ma e' una trashata pazzesca ! ;D
    pero' confesso, mai stato al cinema per un film 3d.
  • - Scritto da: deactive
    > omg ma e' una trashata pazzesca ! ;D
    > pero' confesso, mai stato al cinema per un film
    > 3d.

    A me è piaciuto. E' stato proprio girato per il 3D e gli effetti erano davvero ottimi.
    Alla mia ragazza invece viene mal di testa... quindi dipende.
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > - Scritto da: Aleph72
    > > - Scritto da: deactive
    >
    > > Alla mia ragazza invece viene mal di testa...
    > > quindi dipende.
    >
    > Sì, dipende se ha voglia o meno...

    Eheh. Mi sa di si.
  • - Scritto da: Aleph72
    > - Scritto da: il solito bene informato
    > > propositi per il 2011: andare a vedere un film
    > in
    > > 3D... dev'essere una figata
    > > pazzesca.
    >
    > L'ultimo che ho visto è stato Resident Evil -
    > Afterlife.
    > A me è piaciuto il 3D di quel film... tanto.
    > Milla Jovovich e Ali Larter in 3D rendono meglio!
    > A bocca aperta

    Milla Jovovich in 3D? ma era lei in persona o l'hanno fatta al computer? A bocca aperta
  • - Scritto da: il solito bene informato

    > Milla Jovovich in 3D? ma era lei in persona o
    > l'hanno fatta al computer?
    > A bocca aperta

    Era proprio lei, in coscie e ossa! A bocca aperta
  • la crescita non deve distogliere dalla lotta alla pirateria, soprattutto perchè si parla di cinema, il 3D ha ridato momentaneamente slancio al cinema e complice l'aumento dei prezzi dei biglietti dovuti al 3D, la pirateria continua e erodere fatturati, se guardiamo nel nostro piccolo l'ultimo trimestre 2010 ha avuto un incremento di circa il 10%, ma il potenziale è molto più alto, guardare al solo periodo è limitativo, occorre fare delle proiezioni e soprattutto considerare la potenzialità del settore.

    Questo errore è stato fatto negli anni passati, i fatturati facevano comunque dormire tranquilli e si sminuiva la pirateria, oggi ci si è resi conto di quanto grave sia stato questo errore e dobbiamo rimediare.
  • > l'ultimo trimestre 2010 ha avuto un incremento di
    > circa il 10%, ma il potenziale è molto più alto,

    Insomma: se il fatturato scende, vi lamentate che è colpa della pirateria se scende; se sale, vi lamentate che è colpa della pirateria se non sale abbastanza.

    Quindi, smetterete di lamentarvi solo quando sarà sceso a zero e la vostra attività sarà finita.

    > Questo errore è stato fatto negli anni passati, i
    > fatturati facevano comunque dormire tranquilli e
    > si sminuiva la pirateria, oggi ci si è resi conto
    > di quanto grave sia stato questo errore e
    > dobbiamo
    > rimediare.

    La pirateria era per la maggior parte del tempo praticata da voi stessi, negli anni passati (magari non da te, ma da molti tuoi colleghi).

    Ora, il problema è un altro: vendete una merce che nessuno vuole più. E a questo non avete altro rimedio che cambiare settore.
    non+autenticato
  • > La pirateria era per la maggior parte del tempo
    > praticata da voi stessi, negli anni passati
    > (magari non da te, ma da molti tuoi
    > colleghi).


    Ah AH, quanto è vero quello che scrivi... chi non ha mai comprato un film o un gioco della playstation da una videoteca... rigorosamente pirata. Ricordo che all'epoca andavo ancora a scuola e con degli amici facevamo dei giri nei paesi limitrofi per vedere chi aveva le liste per giochi della playstation più forniti... e alcuni avevano liste che facevano impallidire le pagine gialle tanto erano grandi... E non c'era UNA sola videoteca che non vendeva roba pirata...
    non+autenticato
  • Tiè, fatti una cultura.

    http://www.slashfilm.com/infographic-netflix-destr.../

    E quanto a Bob Pisano, mi sovviene un titolo del Vernacoliere dell'epoca:

    "Primi devastanti effetti di Chernobyl! L'è nato un Pisano furbo!"

    ...ma immagino non parlassero di Bob...
    non+autenticato
  • ci si e' resi conto forse che potrebbero guadagnare ancora di piu', non che la pirateria costituisce una minaccia ai loro introiti.
    Inutile fare i piangina con cifre simili. io penso che a volte si debba cercare un nemico ad ogni costo altrimenti non si e' al passo coi tempi.
  • ... Commenterà questa notizia.

    I numeri snocciolati in questa notizia provano che il loro pensiero "se la pirateria non viene fermata non ci saranno guadagni e nessuno farà più film!!1!1!111!!!" è assolutamente falso. Il cinema guadagna, e anche tanto, e questa è l'ennesima prova che oramai sono loro a non servire più alla filiera delle major di hollywood.

    Neanche sul loro forum, dove appena uscita una notizia contro il p2p su PI viene copiata e incollata, non c'è traccia di questa news.
    non+autenticato
  • spacevideo ti ha smentito
    non+autenticato
  • La pirateria produce un evidente margine di crescita dell'8% a dispetto della crisi e dell'inflazione.

    Per ogni film scaricato, c'e' uno spettatore in piu' che va in sala.
    Questo e' quanto emerge dai dati che le stesse major forniscono.

    Adesso sono proprio curioso di vedere a che cosa si attacca il primo videotecaro che osa contraddire questo dato di fatto.
  • - Scritto da: panda rossa
    > La pirateria produce un evidente margine di
    > crescita dell'8% a dispetto della crisi e
    > dell'inflazione.
    >
    Ma sai leggere???
    Quale parte di 3d ancora NON riuscite a piratare non ti è chiara?A bocca aperta
    non+autenticato
  • Certo che si può piratare il 3d!

    Prendi una di queste:
    http://www.terninrete.it/headlines_articoli/HL_PRD...

    Ci metti gli occhialini davanti e sei a posto.
    non+autenticato
  • i film che vale la pena di vedere ci sono anche in 2d
    non+autenticato
  • - Scritto da: Jacopo Monegato
    > i film che vale la pena di vedere ci sono anche
    > in
    > 2d
    Anche in bianco e nero...A bocca aperta
    non+autenticato
  • anche muti
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: pippO
    > Quale parte di 3d ancora NON riuscite a piratare
    > non ti è chiara?
    Il 3D home legale è altrettanto inesistente, visto che tutta la catena Blu-Ray 3D + lettore 3D + TV 3D + occhialini per proprietari e amici è ancora inesistente.
    Quindi, l'home video potrebbe scontare il danno portato dall'esclusiva del 3D nelle sale, NON ha per ora alcuna conseguenza dal 3D piratato (inesistente).
    Se aumenta il pubblico cinematografico non esiste nesso certo con la pirateria frenata, ma probabilmente con la curiosità della nuova tecnologia che ha attirato più spettatori.
    non+autenticato
  • sei tu che non sai leggere perchè il 3d ha portato solo il 21% del totale degli incassi. La gente va al cinema perchè nonostante l'hd il 3D domestico (che esiste perchè ricordo che si tratta di tecnologia molto vecchia).
    La gente va al cinema per il grande schermo gli effetti sonori fatti bene, è inutile dire che chi si può permettere una tecnologia simile si può comprare anche i film originaliA bocca aperta
    non+autenticato
  • sicuramente il p2p erode qualcosa,perché un film già visto sul pc credo sia raro venga visto poi al cinema...
    e anche gli incassi in salita dicono meno di quanto direbbero il numero di biglietti venduti...
    ma la pirateria è ben altro...è copiare e rivendere....il p2p è comprare e diffondere a chi diffonderà senza scopo di lucro...
    e cmq i soldi, che è quello che conta per le major, aumentano. E allora non rompessero....
    non+autenticato
  • - Scritto da: 01234
    > sicuramente il p2p erode qualcosa,perché un film
    > già visto sul pc credo sia raro venga visto poi
    > al
    > cinema...

    Da gente che non l'avrebbe comunque visto al cinema.

    > e anche gli incassi in salita dicono meno di
    > quanto direbbero il numero di biglietti
    > venduti...

    Ma che te ne frega del numero di biglietti?

    > ma la pirateria è ben altro...è copiare e
    > rivendere....il p2p è comprare e diffondere a chi
    > diffonderà senza scopo di
    > lucro...
    > e cmq i soldi, che è quello che conta per le
    > major, aumentano. E allora non
    > rompessero....

    Infatti, dovremmo farglieli diminuire: così non avranno più le risorse per rompere...
    non+autenticato
  • - Scritto da: 01234
    > sicuramente il p2p erode qualcosa,perché un film
    > già visto sul pc credo sia raro venga visto poi
    > al cinema...

    Di solito e' il contrario!
    E poi mi devi spiegare come si fa a vedere un film prima al p2p e poi al cinema, visto che esce prima al cinema e poi al p2p.

    > e anche gli incassi in salita dicono meno di
    > quanto direbbero il numero di biglietti
    > venduti...

    A me gli incassi in salita dicono che questa gente e' ben lontana dal fallire. Tutto il resto sono fregnacce.

    > ma la pirateria è ben altro...è copiare e
    > rivendere....il p2p è comprare e diffondere a chi
    > diffonderà senza scopo di
    > lucro...

    Quindi il p2p combatte la pirateria a scopo di lucro!

    > e cmq i soldi, che è quello che conta per le
    > major, aumentano. E allora non
    > rompessero....

    E' quello che diciamo da sempre!