Domenico Galimberti

Il vantaggio di iPad

di D. Galimberti - Forma, dotazioni e debolezze: tutto previsto. Jobs una sorpresa. Ma la strategia di Apple per i tablet chiara: puntare su quello che sa fare meglio, l'esperienza utente, e rintuzzare le aspirazioni della concorrenza

Il vantaggio di iPadRoma - Alla fine è arrivato, e il copione è quello già visto lo scorso anno, o quasi. Per lunghi mesi Apple non ha lasciato trapelare alcun dettaglio ufficiale e, mentre la concorrenza presentava tablet in tutte le salse, con schermo 3D, col tanto desiderato supporto a Flash (anzi no, non subito perlomeno: quello arriverà solo più avanti), e chi più ne ha più ne metta, i dispositivi della Mela la facevano comunque da padrone sia a livello di rumors, che nel corso dei principali eventi di inizio anno.

Pur senza alcuna partecipazione diretta di Apple: basti pensare ai mockup di iPad 2 che hanno fatto capolino al CES 2011, o iPhone 4 premiato come miglior dispositivo mobile nel corso del Mobile World Congress di Barcellona.

Parlando di tablet va notato che, a dispetto di chi ne pronosticava una rapida fine, l'interesse verso questi device è andato crescendo: tanto che Microsoft (come ricorderete) ha annunciato proprio nel corso del CES 2011 di voler supportare anche i processori ARM (cuore della quasi totalità dei tablet) nella prossima release di Windows. Quest'ultima scelta è abbastanza discutibile visto che tutti i produttori si sono orientati verso sistemi operativi ad hoc: Apple con iOS (in versione leggermente diversa rispetto a quella iPhone), Samsung GalaxyTab, Dell Streak, Motorola Xoom e altri ancora con Android (nell'ipotesi migliore con Honeycomb, ma tutti quelli venduti fino a qualche settimana fa avevano versioni pensate per gli smartphone), e HP con WebOS (anche se lo Slate lanciato lo scorso anno utilizzava Windows 7).
Le ragioni di questo forte interesse sono molteplici: si va da un nuovo mercato da esplorare (e quindi ulteriori fonti di guadagno), a nuove possibilità di utilizzo delle tecnologie multi touch, con nuove categorie di applicazioni e di conseguenza anche un nuovo mercato anche per il software (App Store ha fatto scuola). Anche dal punto di vista dell'utente l'interesse verso il tablet è spesso giustificato: a fronte di un utilizzo tipico che comprenda la navigazione Internet, la posta elettronica, Facebook, Youtube, videogiochi e multimedia (musica, foto e video), il tablet ha il vantaggio di essere più pratico.

Subito acceso con un click, estremamente portatile e con maggiore autonomia rispetto ad un classico notebook, più immediato da utilizzare (la GUI è tipicamente più intuitiva), esente o quasi da virus e malware (sempre parlando dei sistemi realizzati ad hoc
, anche se ci sono molti dubbi sulla privacy, tanto su iOS, quanto su Android), e con un enorme negozio di applicazioni più o meno utili (spesso identiche tra i vari sistemi) a prezzi irrisori, se non gratuite.

Lo scorso anno Apple è partita in vantaggio spiazzando tutti i concorrenti, tant'è che la quasi totalità dei tablet annunciati nel corso del CES 2010 è rimasta al palo. Ora però le cose stanno per cambiare: ci sono diversi prodotti interessanti sul mercato, e Apple doveva riuscire a sorprendere un'altra volta per mantenere il vantaggio acquisito. L'ha fatto a modo suo. Nonostante il continuo rincorrersi di rumors riguardo la risoluzione dello schermo e la presenza di porte di ogni tipo (che poi iOS non avrebbe avuto modo di gestire), iPad si è presentato al pubblico nella sua veste più probabile, senza stravolgere nulla ma apportando comunque alcune modifiche significative.

Doppia camera, processore dual-core e comparto grafico fino a 9 volte più veloce, da sfruttare subito con il nuovo iMovie per iPad, che (a differenza della versione ridotta per iPhone) sembra molto simile alla controparte per MacOSX. Un altro passo per rendere iPad il sostituto ideale nei compiti più comuni di ogni utente.

Ma la vera sorpresa della serata è stata il ritorno sul palco di Steve Jobs: "Abbiamo lavorato molto per questo evento e non volevo mancare" sono state le sue parole introduttive. Non un cenno al suo stato di salute o alle notizie che un paio di settimane fa lo davano per spacciato: basta la sua presenza per spiegare tutto, anche se non è al 100 per cento (altrimenti non avrebbe chiesto un periodo di riposo...), e anche se le solite malelingue pensano che la sua comparsa sia solo "strumentale". iPad è un prodotto a cui Jobs tiene in modo particolare, e questa nuova release sembra fatta apposta per sfruttare i punti deboli di una concorrenza che, sebbene stia cominciando a farsi notare con prodotti interessanti, non ha ancora trovato una linea guida da seguire per affrontare questo nuovo mercato.

Gli antagonisti di iPad si destreggiano tra modelli di varie dimensioni, dai fattori di forma più disparati, e con diverse dotazioni (il che non è certo un vantaggio per chi deve sviluppare), ma nessun produttore ha dimostrato di avere le idee chiare come Apple: nessun annuncio a vuoto, ma una presentazione che dice tutto e dà una precisa date di uscita, con prezzi certi e modelli ben definiti. Per Apple il tablet è da 10 pollici, con un form factor a suo giudizio che ben si adatta a tutte le circostanze, con diverse capacità e due varianti (WiFi o 3G).

iPad 2 è disponibile anche in due varianti cromatiche, ma non è questo l'aspetto determinante perché Apple, con iPad, è riuscita anche a fare quello che solitamente non gli riesce con gli altri prodotti: tenere un prezzo allineato a quello della concorrenza. In realtà è stata Apple per prima a fissare un prezzo lo scorso anno, ma è un dato di fatto che i prodotti concorrenti maggiormente accreditati a fare da "iPad-killer" abbiano dei prezzi che sono sullo stesso ordine di grandezza, se non esattamente identici o addirittura superiori a quello di iPad, pur offrendo spesso degli schermi più piccoli.

E in attesa del lancio di iPad 2 (che avverrà l'11 marzo negli USA e due settimane più tardi nel resto del mondo), in un'inconsueta operazione di marketing, Apple ha dato anche una bella sforbiciata ai prezzi dell'iPad attuale (si parte da 379 Euro), come se volesse dare un monito alla concorrenza: se il futuro del personal computing è nei tablet, la casa di Cupertino non commetterà gli stesi errori del passato e cercherà in tutti i modi di mantenere l'attuale posizione di vantaggio. La macchina del marketing si è rimessa già in moto: mentre ancora si aspetta l'arrivo del secondo modello, c'è già chi parla della terza serie.

Domenico Galimberti
blog puce72

Gli altri interventi di Domenico Galimberti sono disponibili a questo indirizzo
Notizie collegate
  • BusinessA Cupertino è tempo di un nuovo re?di D. Galimberti - Non solo questione di OS X Lion. Il tempo passa, tutti invecchiano, e anche per Apple arrivato il momento di pensare a un piano per il futuro. Che potrebbe riservare qualche sorpresa, anche a breve
  • TecnologiaiPad 2, all'ultimo minuto (live update)Le ultime anticipazioni arrivano da Germania e oriente, ma non chiariscono le caratteristiche della seconda iterazione del tablet. L'annuncio alle 19 ora italiana da San Francisco
664 Commenti alla Notizia Il vantaggio di iPad
Ordina
  • E' questo il tablet degno di chiamarsi tablet.

    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Ricordiamoci che il tablet è stato un flop di Microsoft, ma tablet era nome che aveva tutto altro significato. Significato che finalmente stanno riscoprendo:

    Stando a quanto riferito dai giornalisti americani che hanno avuto modo di toccare con mano lo Slate EP121, la penna Wacom sembra molto comoda da usare perché consente selezioni precise e con un tempo di reazione pressoché immediato, quindi sembrerebbe valida sia per l'uso del sistema operativo sia per prendere appunti come con un bloc notes, sia per disegnare a mano libera. Ovviamente attendiamo di poter provare il prodotto per un test accurato a riguardo.

    Durante la presentazione l'Eee Slate EP121 è stato usato per riprodurre un filmato Full HD a 1080p mentre si modificava un'immagine con Adobe Photoshop CS5. Gli spettatori non hanno notato rallentamenti, anche se sembra eccessivo dire che ha la stessa potenzialità di elaborazione di un desktop.

    http://www.tomshw.it/cont/news/asus-eee-slate-ep12...
    La via del tablet è tracciata (come tradizione insegna).

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • - Scritto da: Certo certo
    > Ricordiamoci che il tablet è stato un flop di
    > Microsoft, ma tablet era nome che aveva tutto
    > altro significato. Significato che finalmente
    > stanno
    > riscoprendo:
    >
    > la penna Wacom sembra molto
    > comoda da usare


    Penna? Io di penne quando vado da clienti, in riunioni, ne perdo a iosa.

    Dopo essermi perso (?) una Montblanc giro sempre con penne da due soldi.

    No io un tablet da usare per forza con una penna proprio non lo voglio. Anzi ti dirò di più dopo aver scoperto le gesture a 4 dita su iPad 4.3 a me non serve più nemmeno il tasto "Home" altro che penna.

    Ma voi un iPad lo avete mai usato? o lo avete provato solo al Midiaword....

    Fan AppleFan Linux
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 13 marzo 2011 22.04
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: FinalCut
    > No io un tablet da usare per forza con una penna
    > proprio non lo voglio. Anzi ti dirò di più dopo
    > aver scoperto le gesture a 4 dita su iPad 4.3 a
    > me non serve più nemmeno il tasto "Home" altro
    > che
    > penna.

    Da usare per forza con una penna no... Non lo vorrei neppure io. Ma che possa utilizzare ANCHE una penna si... Lo troverei comodo come blocco appunti durante riunioni o conferenze.
    Prozac
    5054
  • Infatti è una possibilità in più. Ma qualcuno vuol far passare l'idea che sia meglio una possibilità in meno (diverse possibilità in meno, visto che l'iPad è precluso anche dal poter usare certi applicativi).

    Siamo ai primi modelli ma la via ormai è tracciata. Il tablet ha ritrovato il significato che doveva avere quando è stato lanciato. Un dispositivo realmente portatile, su cui puoi fare veramente di TUTTO!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Certo certo
    > Infatti è una possibilità in più. Ma qualcuno
    > vuol far passare l'idea che sia meglio una
    > possibilità in meno (diverse possibilità in meno,
    > visto che l'iPad è precluso anche dal poter usare
    > certi applicativi).

    è precluso a tutti gli applicativi non pensati espressamente per iPad.
    L'iPad NON è un computer, quindi non usa gli applicativi per computer, è stato creato un OS apposta con una interfaccia che è fatta per essere usata con le dita.
    Niente penna mouse e tastiera.
    Se fosse differente sarebbe un laptop, ma non lo è.
    I laptop senza tastiera (tablet Win ) esistono da anni, non hanno mai avuto successo. Erano morti prima di nascere.
    Non si può pensare di scrivere un libro con iPad, ci sono altri strumenti per quello. Si possono scrivere tuttalpiù poche righe, chi cerca nell'ipad un sostituto di un PC ha sbagliato prodotto.
    E' come cercare di lavare i piatti in una lavabiancheria.
    Servono entrambe per lavare ma cose diverse.
    non+autenticato
  • - Scritto da: pietro
    > - Scritto da: Certo certo
    > > Infatti è una possibilità in più. Ma qualcuno
    > > vuol far passare l'idea che sia meglio una
    > > possibilità in meno (diverse possibilità in
    > meno,
    > > visto che l'iPad è precluso anche dal poter
    > usare
    > > certi applicativi).
    >
    > è precluso a tutti gli applicativi non pensati
    > espressamente per
    > iPad.

    E questa e' l'idiozia dittatoriale di Jobs.
    Perche' un oggetto di quel tipo, oltre a far girare i proprio applicativi nativi, DEVE aprire la possibilita' agli emulatori per poter far girare anche applicazioni preesistenti.

    Il fatto che non si voglia questa cosa non e' un pregio, e' un difetto, e pure bello grosso perche' voluto!
  • data l'architettura dell'ipad non vedo grandi alternative.
    Che cosa si potrebbe far girare se non IOS ?
  • - Scritto da: deactive
    > data l'architettura dell'ipad non vedo grandi
    > alternative.
    > Che cosa si potrebbe far girare se non IOS ?

    Tu rendi pubblica la documentazione sull'architettura e le periferiche integrate e vedrai quanto poco ci mette a comparire una distro ottimizzata per iPad.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: deactive
    > > data l'architettura dell'ipad non vedo grandi
    > > alternative.
    > > Che cosa si potrebbe far girare se non IOS ?
    >
    > Tu rendi pubblica la documentazione
    > sull'architettura e le periferiche integrate e
    > vedrai quanto poco ci mette a comparire una
    > distro ottimizzata per
    > iPad.
    E quale sarebbe il vantaggio per Apple?
    Adesso sta vendendo alla grande proprio grazie al suo OS, e guadagna pure sul sw
    Poi perderebbe la sua specificità diventando uno dei tanti tablet e apple perderebbe il controllo su ci che si pu installare aprendo la macchina al malware.
    E poi che tablet sarebbe necessitando di tastiera e mouse?
    Nessun vantaggio solo svantaggi, inoltre la possibilità di installare altro non farebbe vendere una macchina in pi, chi compra un ipad é perché vuole un ipad cos com'é HW e SW insieme.
    Inoltre tutto diventerebbe pi complicato andando proprio nella direzione contraria a ci che vuole apple e cioé uno strumento per tutti e non solo per esperti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pietro
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: deactive
    > > > data l'architettura dell'ipad non vedo grandi
    > > > alternative.
    > > > Che cosa si potrebbe far girare se non IOS ?
    > >
    > > Tu rendi pubblica la documentazione
    > > sull'architettura e le periferiche integrate e
    > > vedrai quanto poco ci mette a comparire una
    > > distro ottimizzata per
    > > iPad.
    > E quale sarebbe il vantaggio per Apple?

    Venderebbe piu' iPad.
    Ci sarebbero piu' app per iPad.
    E quindi iPad venderebbe ancora di piu'.

    > Adesso sta vendendo alla grande proprio grazie al
    > suo OS, e guadagna pure sul sw

    Quindi dici che non serve vendere qualche pezzo in piu'?

    > Poi perderebbe la sua specificità diventando uno
    > dei tanti tablet e apple perderebbe il controllo
    > su ci che si pu installare aprendo la macchina
    > al malware.

    Guarda che il fatto che una cosa sia possibile non significa che sia obbligatoria.

    Jobs potrebbe continuare a vendere i suoi iCosi senza il porno, lasciando pero' chi e' in grado di farlo, di installarsi la sua distro alternativa.

    > E poi che tablet sarebbe necessitando di tastiera
    > e mouse?

    Sarebbe un tablet controllabile con 10 dita invece che con una o due.

    > Nessun vantaggio solo svantaggi,

    Per fortuna che non sei tu il centro del mondo.

    > inoltre la
    > possibilità di installare altro non farebbe
    > vendere una macchina in pi, chi compra un ipad é
    > perché vuole un ipad cos com'é HW e SW
    > insieme.

    E questi comprano iPad.
    Invece quelli che vorrebbero poter far girare altro software sull'hardware dell'iPad, in questo momento non comprano iPad.

    Jobs e' liberissimo di tagliar fuori il restante 90% dei potenziali clienti. E' una scelta sua. Ognuno la valuta a modo suo.

    > Inoltre tutto diventerebbe pi complicato andando
    > proprio nella direzione contraria a ci che vuole
    > apple e cioé uno strumento per tutti e non solo
    > per esperti.

    Scusa, ma a te che ti frega se io sul mio iPad ci voglio installare linux?
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Pietro
    > > - Scritto da: panda rossa
    > > Inoltre tutto diventerebbe pi complicato
    > andando
    > > proprio nella direzione contraria a ci che
    > vuole
    > > apple e cioé uno strumento per tutti e non solo
    > > per esperti.
    >
    > Scusa, ma a te che ti frega se io sul mio iPad ci
    > voglio installare
    > linux?
    Non é un problema mio , é da sempre la politica di Apple, un mac é sempre stato l'insieme di Hw e Sw e cos iOS e iPad, per Apple é pi importante vendere il "sistema" che vendere le macchine vuote, alla fine vende di pi perché fidelizza il clente e non lo perde pi, macchina dopo macchina, anno dopo anno.
    I suoi clienti non sono persone come te che sono lo 0,1% del mercato, sono tutti gli altri.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo
    > La bolla tablet potrebbe scoppiare:
    > http://www.macitynet.it/macity/articolo/J.P.-Morga

    Certo che se distribuisci in allegato applicazioni che infrangono la licenza come fossi pirate bay e' facile... Come dicevi tu: "rubare" ?
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: ruppolo
    > > La bolla tablet potrebbe scoppiare:
    > >
    > http://www.macitynet.it/macity/articolo/J.P.-Morga
    >
    > Certo che se distribuisci in allegato
    > applicazioni che infrangono la licenza come fossi
    > pirate bay e' facile... Come dicevi tu: "rubare"
    > ?
    No krane, nel suo caso è diverso. Visto che si tratta di Apple, la colpa è delle aziende che non vogliono fare affari su App Store. Rotola dal ridere Rotola dal ridere
    Darwin
    5126
  • Essendo un sito con degli interessi precisi, ha raccontato solo una parte della storia.
    Fonti più oggettive no?
    non+autenticato
  • altrimenti i macachi non comprerebbero più i suoi prodotti, perchè non sarebbero più di "elite"... hahaha ci credo che apple ogni anno raddoppia il fatturato, ogni anno i processi produttivi le costano meno, ma i costi per l'utente finale sono gli stessi... hahaha apple=furto legalizzato!
    non+autenticato
  • - Scritto da: WinForLife
    > altrimenti i macachi non comprerebbero più i suoi
    > prodotti, perchè non sarebbero più di "elite"...
    > hahaha ci credo che apple ogni anno raddoppia il
    > fatturato, ogni anno i processi produttivi le
    > costano meno, ma i costi per l'utente finale sono
    > gli stessi... hahaha apple=furto
    > legalizzato!

    Finalmente!!!! uno che ha capito tutto.
  • - Scritto da: Puleggia
    > - Scritto da: WinForLife
    > > altrimenti i macachi non comprerebbero più i
    > suoi
    > > prodotti, perchè non sarebbero più di "elite"...
    > > hahaha ci credo che apple ogni anno raddoppia il
    > > fatturato, ogni anno i processi produttivi le
    > > costano meno, ma i costi per l'utente finale
    > sono
    > > gli stessi... hahaha apple=furto
    > > legalizzato!
    >
    > Finalmente!!!! uno che ha capito tutto.

    Finalmente!!!! uno che non ha capito niente.
  • Mi arrendo: sei troppo forte.
  • - Scritto da: WinForLife
    > altrimenti i macachi non comprerebbero più i suoi
    > prodotti, perchè non sarebbero più di "elite"...
    > hahaha ci credo che apple ogni anno raddoppia il
    > fatturato, ogni anno i processi produttivi le
    > costano meno, ma i costi per l'utente finale sono
    > gli stessi... hahaha apple=furto
    > legalizzato!

    Ma dimmi, sei già arrivato a fine corsa del binario morto su cui viaggi? Tienti pronto a saltare, mi raccomando Rotola dal ridere
    ruppolo
    33147
  • io non sono anglosassone..

    cosa si intende per "to ship in volume"?
    io mi immagino una roba tipo "venderne a milioni"

    in ogni caso qua ho smesso di leggere:

    "If you choose to include the Kindle, Apple may not have even reached 50% of the market."

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    hahaha ma chi è l'autore, paperino? A bocca aperta
    non+autenticato
  • ps. zuzzurro ma perchè usi dei fake? A bocca aperta

    per come ti immagino, sarai anche passato da 200 proxy, tutto gasato per questa "bravata" A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: bertuccia
    > ps. zuzzurro ma perchè usi dei fake? A bocca aperta
    >
    > per come ti immagino, sarai anche passato da 200
    > proxy, tutto gasato per questa "bravata"
    >A bocca aperta
    Certo che ci sono dei furbi che fanno impallidire il povero "zuzzurro"
    No?
    non+autenticato
  • Ma basta! Avevi detto che te ne andavi e ancora qua a rompere i coglioni stai?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ciuccellone
    > Ma basta! Avevi detto che te ne andavi e ancora
    > qua a rompere i coglioni
    > stai?
    Avevi chi?
    Ma tu lo sai -chi- è di solito "una mamma preoccupata"?
    (e un totale di altri nik)?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | Successiva
(pagina 1/8 - 36 discussioni)