Claudio Tamburrino

Blade Runner e Star Wars, di nuovo al cinema

La saga di George Lucas tornerÓ con una versione 3D di tutte e due le trilogie. Il capolavoro di Ridley Scott, invece, Ŕ seriamente a rischio di prequel e sequel

Roma - Vedrete cose che voi umani non potreste vorreste immaginare, repliche di replicanti nei cinema, spade laser balenare nel buio in tre dimensioni. Tutto perché i produttori hanno deciso di riportare al cinema Guerre Stellari fregiandolo della nuova tecnologia 3D, e di sfruttare il cult movie Blade Runner con un prequel e/o sequel.

Quello che succederà a Star Wars è chiaro e in parte già prestabilito: fare uscire un film al mese in versione 3D partendo da Episodio I. LucasFilm ha già annunciato che sarà nei cinema il 10 febbraio 2012. A collaborare con la casa di produzione di George Lucas vi sarà Industrial Light & Magic, famigerata azienda nel campo degli effetti speciali digitali fondata dallo stesso regista proprio per dare vita agli effetti speciali di Star Wars. Per chi non riuscirà a sopportare l'attesa, tutta l'esalogia uscirà in versione rimasterizzata in Blu-ray nel 2011.

Il piano commerciale prevede di mettere mano non solo all'ultima trilogia della saga, ma anche a quella originale e più amata dai fan: prevedibile la bagarre che questo causerà tra gli appassionati più accalorati, e difficile non richiamare alla mente la puntata in cui i Simpson si ritrovano al cinema sottoposti ad un nuovo capitolo della saga svuotato ormai di spirito fiabesco, vivacità e passione. Per i più ottimisti, invece, l'affronto vale la possibilità di vedere se la gara con i pod che il giovane Anakin Skywalker fa su Tatooine reggerà il confronto con il volo dei draghi di Avatar o la corsa con le moto di Tron Legacy.
Oltre a Guerre Stellari, le vene dei polsi degli appassionati di fantascienza tremano anche all'annuncio di sequel e prequel per un altro cult come Blade Runner: il film che nel nel 1982 Ridley Scott ha tratto dal romanzo di P. K. Dick "Gli androidi sognano pecore elettriche?".

Ad acquistarne i diritti è stata Alcon Entertainment, una casa di produzione che non ha grandi titoli nella sua filmografia. "Abbiamo qualche idea, ma non possiamo ancora discuterla - ha detto il co-CEO Andrew Kosove - tuttavia posso dire che dal nostro punto di vista il tema centrale del film originale (che significa essere umano?) è oggi ancora più attuale".

L'altro CEO dell'azienda è poi Bud Yorkin, produttore esecutivo del film di Ridley Scott: non si sa se quest'ultimo farà parte o meno del progetto. Alcon, in ogni caso, conosce il rischio che corre con il titolo che ha nelle mani: "Dobbiamo rendere giustizia alla memoria dell'originale con ognuno dei prequel o dei sequel che abbiamo in programma. Con il franchise, in ogni caso, abbiamo obiettivi di lungo periodo e stiamo esplorando concetti multipiattaforma". Qualsiasi cosa ciò possa significare.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
103 Commenti alla Notizia Blade Runner e Star Wars, di nuovo al cinema
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 14 discussioni)