Mauro Vecchio

USA, lo studente che vendeva i voti

Il diciannovenne Tyler Coyner è stato arrestato dalla polizia di Reno ed incriminato per frode e manomissione informatica. Avrebbe avviato una compravendita di voti dopo essersi intrufolato nei database scolastici

Roma - Avrebbe guidato una cosca formata da almeno una dozzina di studenti, ora accusata di manomissione informatica e furto di dati. Il diciannovenne Tyler Coyner è stato così arrestato dalla polizia di Reno, in Nevada, incriminato per aver messo in piedi un'insolita rete di distribuzione a pagamento.

Voti scolastici. Alcuni mesi prima dei fatti, il giovane liceale era riuscito ad intrufolarsi nei sistemi informatici della Pahrump Valley High School. In particolare in uno specifico database usato dai vertici scolastici per l'assegnazione dei voti nel corso dei vari semestri di studio.

E Tyler Coyner aveva pensato subito a se stesso, portando la sua media a livelli vertiginosi, tanto da ottenere la possibilità di salutare in pubblico tutti gli allievi prima di imbarcarsi per l'Università del Nevada. Ma il giovane liceale non si era fermato qui, mettendo in piedi una vera e propria compravendita di voti.
Tredici ragazzi - tutti di minore età - sono stati ora incriminati per truffa e associazione per delinquere, mentre nell'appartamento dello stesso Coyner è stata trovata una TV rubata e una serie di patenti di guida falsificate. E pensare che una delle sue massime ambizioni sarebbe quella di diventare un grande imprenditore.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • SicurezzaTwitter, intrusi travestiti da VIPNessun danno per Ashton Kutcher, vittima di un furto di identità: solo una sorta di appello per maggiore sicurezza sulla piattaforma. Mentre si solleva un polverone sul falso Steve Jobs cinguettante
  • AttualitàUK, carcere per baby cybercriminaliAvevano creato il più grande snodo per cracker sparsi in tutto il mondo, Ghostmarket.net. Quattro giovani britannici sono stati condannati fino a cinque anni di carcere
  • AttualitàUSA, famiglie crackerIl capo della polizia di Mahwah organizza dei seminari per spiegare ai genitori come installare il software per appropriarsi delle password dei figli. La Rete esporrebbe i più piccoli a tanti, troppi pericoli
9 Commenti alla Notizia USA, lo studente che vendeva i voti
Ordina
  • Mi ricorda il film War Games. Dove Matthew Broderick modificava i suoi voti e quelli della ragazza per mezzo di un modem a 1200 (?) baud attaccato alla cornetta del telefono.A bocca aperta
    Ma davvero negli USA sono così "avanti" in queste cose?
    Niente registri di carta?!?!? Ahah
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacBoy
    > Mi ricorda il film War Games. Dove Matthew
    > Broderick modificava i suoi voti e quelli della
    > ragazza per mezzo di un modem a 1200 (?) baud
    > attaccato alla cornetta del telefono.
    >A bocca aperta

    bellissimo quel film

    > Ma davvero negli USA sono così "avanti" in queste
    > cose?
    > Niente registri di carta?!?!? Ahah

    mi domando sempre se siano gli USA ad essere cosi avanti, o l' italietta ad essere cosi indietro Triste

    da un po di tempo vivo in Brasile, qui a São Paulo (per quanto 3° mondo che sia in alcuni aspetti) non ho ancora trovato una impresa, piccola o grande che sia, che utilizzi ancora il fax: solo telefono ed email nei propri contatti ... e li in Italia come siete messi con il fax? lo dovete ancora accendere per registrare i domini .it?
    non+autenticato
  • - Scritto da: luca
    > - Scritto da: MacBoy
    > > Mi ricorda il film War Games. Dove Matthew
    > > Broderick modificava i suoi voti e quelli della
    > > ragazza per mezzo di un modem a 1200 (?) baud
    > > attaccato alla cornetta del telefono.
    > >A bocca aperta
    >
    > bellissimo quel film
    >
    > > Ma davvero negli USA sono così "avanti" in
    > queste
    > > cose?
    > > Niente registri di carta?!?!? Ahah
    >
    > mi domando sempre se siano gli USA ad essere cosi
    > avanti, o l' italietta ad essere cosi indietro
    > Triste
    >
    > da un po di tempo vivo in Brasile, qui a São
    > Paulo (per quanto 3° mondo che sia in alcuni
    > aspetti) non ho ancora trovato una impresa,
    > piccola o grande che sia, che utilizzi ancora il
    > fax: solo telefono ed email nei propri contatti
    > ... e li in Italia come siete messi con il fax?
    > lo dovete ancora accendere per registrare i
    > domini
    > .it?

    L'Italia è più faxista che mai mi sa Anonimo
    non+autenticato
  • - Scritto da: luca
    > - Scritto da: MacBoy
    > > Mi ricorda il film War Games. Dove Matthew
    > > Broderick modificava i suoi voti e quelli della
    > > ragazza per mezzo di un modem a 1200 (?) baud
    > > attaccato alla cornetta del telefono.
    > >A bocca aperta
    >
    > bellissimo quel film
    >
    > > Ma davvero negli USA sono così "avanti" in
    > queste
    > > cose?
    > > Niente registri di carta?!?!? Ahah
    >
    > mi domando sempre se siano gli USA ad essere cosi
    > avanti, o l' italietta ad essere cosi indietro
    > Triste
    >
    > da un po di tempo vivo in Brasile, qui a São
    > Paulo (per quanto 3° mondo che sia in alcuni
    > aspetti) non ho ancora trovato una impresa,
    > piccola o grande che sia, che utilizzi ancora il
    > fax: solo telefono ed email nei propri contatti
    > ... e li in Italia come siete messi con il fax?
    > lo dovete ancora accendere per registrare i
    > domini
    > .it?

    Peggio.
    Per inviare dei documenti a questi signori qua, che hanno fatto recentemente questa bella pubblicita':
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non e' possibile mandare un allegato via mail.
    No.
    Bisogna mandare un fax!
  • - Scritto da: MacBoy

    > Ma davvero negli USA sono così "avanti" in queste
    > cose?
    > Niente registri di carta?!?!? Ahah

    Al Politecnico di Milano i voti sono solo elettronici (il libretto universitario non esiste più) da anni.

    Certo che se uno studente fa un saluto pubblico a tutti gli allievi (immagino sia un evento organizzato dall'università, che mette in mostra i migliori allievi) grazie ai suoi voti, ai professori (almeno alcuni) di quel corso di laurea non puzza un po' il fatto di non ricordarsi di luicome studente modello?
    non+autenticato
  • ...e pensare che voleva diventare imprenditore.
    Gli bastava trasferirsi in Italia, sarebbe diventato in breve tempo un magnate della televisione e poi avrebbe fatto il presidente del consiglio.
    A quelli come lui, qui in Italia, al massimo tirano qualche statuetta, ma non fa troppo male.
    non+autenticato
  • E' ancora in tempo, con quei precedenti in italia non può altro che avere successo !
    non+autenticato
  • - Scritto da: carlo2002
    > E' ancora in tempo, con quei precedenti in italia
    > non può altro che avere successo
    > !

    Io l'ho voterebbi come presidente del consilio!
    non+autenticato
  • ..anche come imprenditore nel mondo del calcio andrebbe bene...