Raffaella Gargiulo

Terremoto in Giappone, Google aiuta le ricerche dei dispersi

BigG ha attivato una bacheca pubblica per cercare e fornire informazioni sulle persone coinvolte dal sisma e dallo tsunami. Disponibile in due lingue, conta già migliaia di segnalazioni

Roma - A seguito del terremoto d'intensità devastante (8,9 sulla scala Richter) che ha investito stamane il Giappone nord-orientale, e dello tsunami di dieci metri che si è abbattuto sul Sendai e le altre coste sul Pacifico, Google ha lanciato una sorta di mini motore di ricerca per aiutare le persone coinvolte dal sisma: Person Finder.

Non è la prima volta che Google offre i propri servizi in casi di disastri naturali. È successo anche l'anno scorso in Cile, quando il motore di ricerca aveva predisposto lo stesso strumento, utilizzato anche per la catastrofe di Haiti, per aiutare a localizzare le persone care colpite dal terremoto.

Anche in questo caso Google Person Finder permette alle persone di cercare i propri familiari, amici e conoscenti e al tempo stesso di poter aggiornare in tempo reale sulla situazione attuale del Giappone. Il sisma, fra i dieci più violenti degli ultimi 150 anni, ha causato fino a questo momento almeno 30 morti e decine di dispersi, ma il bilancio è ancora provvisorio.
Il Google Person Finder in tali occasioni si è dimostrato uno strumento molto semplice e utile per il ritrovamento dei dispersi, per chiedere il soccorso per i feriti, per avere informazioni in tempo reale sui danni nelle zone colpite. Una volta collegati al sito basterà inserire il nome della persona che si sta cercando e comparirà un elenco di messaggi attraverso i quali sarà possibile approfondire la ricerca o fornire informazioni ulteriori. Uno strumento ad hoc che permette il collegamento diretto tra persone per reagire alla tensione di queste ore.

Il servizio è stato attivato subito dopo le scosse del terremoto ed è stato reso disponibile sia in lingua inglese che in lingua giapponese. In pochissime ore sono già centinaia i messaggi di conforto, di ricerca e di soccorso presenti sulla bacheca del Person Finder. Attualmente il conto delle segnalazioni sfiora quota 6mila.

Inoltre, per tentare di implementare le ricerche, Google ha predisposto che il servizio potrà essere ospitato su qualsiasi altro sito o social network ritenuto utile.

Raffaella Gargiulo
Notizie collegate
  • AttualitàCile, social network per il terremotoGoogle predispone un servizio di ricerca delle persone scomparse. Twitter e Facebook usati per condividere informazioni tempestive e sopperire al crollo delle comunicazioni tradizionali
  • AttualitàHaiti, soccorsi in lineaLe ONG utilizzeranno servizi di connessione temporanei ancora per un mese. Gli ISP locali resteranno ancora a guardare. Mentre Twitter porta in dono SMS gratuiti
43 Commenti alla Notizia Terremoto in Giappone, Google aiuta le ricerche dei dispersi
Ordina
  • 6000 adesioni non sono niente. Ma lo sapete voi altri quante persone abitano in Giappone?
    Non condivido questo modo di fare, proiettare sempre tutto su internet, probabilmente con secondi fini, cicuramente non filantropici come la canta google.
    Ma le bevete sempre tutte?

    Le uniche autorità attendibili per la ricerca delle persone scomparse sono la polizia locale e l'esercito.

    Punto e basta.

    Il resto sono solo giochini a cui si aggrappa la gente disperata, disposta a tutto pur di avere notizie.

    Come tutte quelle persone che aderiscono ai gruppi su facebook per la ricerca di ragazzine barbaramente uccise.

    Adesione su cosa? Non mi risulta che questi "gruppi" abbiamo mai partecipato a ricerche concrete sul campo.

    E' troppo facile mondare la propria anima in questo modo, quando si sa benissimo che non c'è nessuna intenzione concreta di apportare un valido aiuto.

    Meglio tacere piuttosto, che fare l'ennesima figura degli imbecilli.

    Vergogna.
    non+autenticato
  • appunto, taci.
    Sgabbio
    26178
  • Mai sentite tante cazzate in un unico post, se io fossi ferito in un centro, ma vivo, userei subito quella bacheca in modo che i miei parenti sappiano che sono vivo, la polizia?
    Certo vanno bene anche gli organi di polizia, ma con i problemi di movimenti che sta affrontando adesso il Giappone sarebbero senza dubbio più lenti di una pagina web.
    Questo può essere un valido aiuto proprio per gli organi competenti, perché li sgraverebbe di una grossa parte del lavoro di informazione, mi dispiace che esistano persone con una limitata visione come te, invece un 10+ a google che si rende utile anche in questi momenti infelici.
    non+autenticato
  • - Scritto da: cognome
    > 6000 adesioni non sono niente. Ma lo sapete voi
    > altri quante persone abitano in
    > Giappone?

    quella bacheca non serve per fare un censimento del giappone,ma per dare informazioni delle persone coinvolte.Che,si spera,non sia la totalità dei giapponesi.

    > Non condivido questo modo di fare, proiettare
    > sempre tutto su internet, probabilmente con
    > secondi fini, cicuramente non filantropici come
    > la canta
    > google.
    > Ma le bevete sempre tutte?

    tuo punto di vista.Tu hai le prove che ci sia un fine diverso?riportacelo cosi ci convinci.

    > Le uniche autorità attendibili per la ricerca
    > delle persone scomparse sono la polizia locale e
    > l'esercito.
    >
    > Punto e basta.

    hai presente l'apporto dato dalle associazioni e gruppi volontari subito sucessivo il terremoto in abruzzo? No?Peccato,potrsti iniziare a pensarlo in modo un pò diverso.

    > E' troppo facile mondare la propria anima in
    > questo modo, quando si sa benissimo che non c'è
    > nessuna intenzione concreta di apportare un
    > valido
    > aiuto.

    certo,ragionando cosi direi proprio che non c'è nessuna intenzione concreta.
    Speriamo che non siano in molti a pensarla però cosi.

    > Meglio tacere piuttosto, che fare l'ennesima
    > figura degli
    > imbecilli.
    >
    > Vergogna.

    condivido il concetto.
    non+autenticato
  • Distinti svantaggiati, e mi rivolgo a Sgabbio & co., il fatto è che semplicemente il servizio non funziona.
    Ho cercaro il nome di una mia ex che colà vive e nulla mi è pervenuto.
    Ho trovato sue notizie su... www.larena.it che le riportava dal 12 marzo.
  • Ex nativa del posto ?
    Sgabbio
    26178
  • Doppia cittadinanza.
  • Se tu avessi perso qualcuno ti aggrapperesti a qualsiasi "giochino" pur di ritrovarlo, per cui evita di sputare sentenze e porta rispetto per le persone che hanno perso i loro cari.
    Google avrà fatto pure questo ma è stato uno dei pochi se non l'unico, e te lo dice uno che google proprio non lo sopporta.
    non+autenticato
  • Sai quale è il problema che se metti Google e informazioni sulle persone nella stesa frase a quelli meno ingenui si rizzano le orecchie, come diceva qualcuno:

    vabbè che mi chiamo fido ma mica mi fido
    non+autenticato
  • Google è 10 passi avanti a tutti.
    non+autenticato
  • peccato che data la gravita' del sisma, molta gente non avra' accesso ad internet, almeno per un po' ..
  • pare che invece la Rete abbia retto meglio dei cellulari
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sax
    > pare che invece la Rete abbia retto meglio dei
    > cellulari

    la rete fu pensata negli anni '60 come infrastruttura di comunicazione che poteva reggere meglio di tutte le altre ad un'eventuale terza guerra mondiale
    non+autenticato
  • - Scritto da: Max
    > - Scritto da: Sax
    > > pare che invece la Rete abbia retto meglio dei
    > > cellulari
    >
    > la rete fu pensata negli anni '60 come
    > infrastruttura di comunicazione che poteva
    > reggere meglio di tutte le altre ad un'eventuale
    > terza guerra
    > mondiale


    Ma non a Gheddafi.
    non+autenticato
  • > la rete fu pensata negli anni '60 come
    > infrastruttura di comunicazione che poteva
    > reggere meglio di tutte le altre ad un'eventuale
    > terza guerra
    > mondiale
    Si ma alla fine non e' realmente cosi', allaga o togli la corrente al mix di milano e quello di roma e poi dimmi se tutto va come prima, forse e dico forse il garr e' veramente autonomo.........
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giulia
    > > la rete fu pensata negli anni '60 come
    > > infrastruttura di comunicazione che poteva
    > > reggere meglio di tutte le altre ad un'eventuale
    > > terza guerra
    > > mondiale
    > Si ma alla fine non e' realmente cosi', allaga o
    > togli la corrente al mix di milano e quello di
    > roma e poi dimmi se tutto va come prima, forse e
    > dico forse il garr e' veramente
    > autonomo.........

    il concetto è che se un intero transit scompare, i restanti funzionano: il disservizio è locale,non globale.
    cmq anche con un totale fermo del MIX,molti non vedrebbero le risorse di rete unicamente collegate a quel transito,ma ormai molti ISP di un "certo livello" utilizzano più transit proprio per evitare un totale stop dei suoi servizi.

    l'unico vero punto debole attualmente è la forte dipendenza della risoluzione di dominio (se una buona parte dei root dns server fossero down?ecco li ci sarebbe un bel pò di problemi)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Max

    > la rete fu pensata negli anni '60 come
    > infrastruttura di comunicazione che poteva
    > reggere meglio di tutte le altre ad un'eventuale
    > terza guerra
    > mondiale

    Errore comune: il progetto prevedeva una rete decentrata in modo che una singola arma, distruggendo un nodo di comunicazioni, non compromettesse la funzionalità dell'intero sistema.

    Ovviamente internet non potrebbe sopravvivere ad una guerra nucleare (un paio di esplosioni ad alta quota e puoi dire addio a tutti i computer) o ad una catastrofe naturale. Niente corrente elettrica, niente internet: end of line.

    Finiamola con queste leggende metropolitane sull'invulnerabilità di internet: se si vuole spegnere si spegne, fine del discorso. Un CB ed un generatore portatile sono una garanzia migliore.
    non+autenticato
  • resistenza e bonta' della rete a parte, io mi riferivo al fatto che la gente non ha proprio piu' un posto in cui andare. E penso non sapra' nemmeno dello strumento offerto da google come dicevo, almeno per un po'.
  • - Scritto da: deactive
    > resistenza e bonta' della rete a parte, io mi
    > riferivo al fatto che la gente non ha proprio
    > piu' un posto in cui andare. E penso non sapra'
    > nemmeno dello strumento offerto da google come
    > dicevo, almeno per un
    > po'.

    Penso che questo strumento diventerà popolare anche grazie a notizie come questa, e nelle catastrofi future molta più gente saprà dove cercare.
    Funz
    12989
  • - Scritto da: Funz
    > - Scritto da: deactive
    > > resistenza e bonta' della rete a parte, io mi
    > > riferivo al fatto che la gente non ha proprio
    > > piu' un posto in cui andare. E penso non sapra'
    > > nemmeno dello strumento offerto da google come
    > > dicevo, almeno per un
    > > po'.
    >
    > Penso che questo strumento diventerà popolare
    > anche grazie a notizie come questa, e nelle
    > catastrofi future molta più gente saprà dove
    > cercare.

    Mah... si apre un bel problema etico qua.
    Da una parte la disgrazia, dall'altra la privacy.

    Tanti dati personali messi in linea cosi'...
  • a cosa servono i "gruppi di solidarietà"?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Andrea Pagani
    > a cosa servono i "gruppi di solidarietà"?

    A sentirsi con la coscienza a posto in questa società pseudo-civile in cui viviamo.
    non+autenticato
  • ad ottenere qualche migliaio di utenti per poi subire un drastico cambio di nome e essere rivenduti al miglior offerente.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Simona P
    > http://www.facebook.com/pages/Solidariet%C3%A0-per
    "Vorrei arrivare a 1O.OOO "mi piace" entro la mezzanotte!!!!!!!!!!! mi sembra il minimo per questa staffetta di solidarietà non vi pare?????????"

    io veramente non ho parole caxxo... sai che se ne fanno in giappone dei gruppi di librofesso
    non+autenticato
  • - Scritto da: asd
    > - Scritto da: Simona P
    > >
    > http://www.facebook.com/pages/Solidariet%C3%A0-per
    > "Vorrei arrivare a 1O.OOO "mi piace" entro la
    > mezzanotte!!!!!!!!!!! mi sembra il minimo per
    > questa staffetta di solidarietà non vi
    > pare?????????"
    >
    > io veramente non ho parole caxxo... sai che se ne
    > fanno in giappone dei gruppi di
    > librofesso

    Infatti. E fra l'altro ha scritto il numero con le O invece dello 0... ulteriore squallore!
    non+autenticato
  • - Scritto da: usb
    > - Scritto da: asd
    > > - Scritto da: Simona P
    > > >
    > >
    > http://www.facebook.com/pages/Solidariet%C3%A0-per
    > > "Vorrei arrivare a 1O.OOO "mi piace" entro la
    > > mezzanotte!!!!!!!!!!! mi sembra il minimo per
    > > questa staffetta di solidarietà non vi
    > > pare?????????"
    > >
    > > io veramente non ho parole caxxo... sai che se
    > ne
    > > fanno in giappone dei gruppi di
    > > librofesso
    >
    > Infatti. E fra l'altro ha scritto il numero con
    > le O invece dello 0... ulteriore
    > squallore!

    Del resto la nuova policy di FB e' impietosa: se hai piu' di due neuroni e una sinapsi, non ti fanno entrare piu'.