Alfonso Maruccia

Giappone, entra in gioco il robot anti-radiazioni

Contro la crisi nucleare che sta affrontando il Sol Levante schierati anche i robot, "segugi" sniffa-radiazioni in grado di operare laddove un essere umano subirebbe un'esposizione fatale. Le conseguenze del terremoto sull'economia e sull'IT

Roma - L'impianto nucleare di Fukushima disastrato dopo il terremoto delle scorse settimane è ancora sotto stretta osservazione da parte dei tecnici e delle autorità energetiche del Sol Levante, e nel tentativo di riprendere il controllo della situazione si provvede a fare uso anche di robot radicomandati.

I tecnici di Fukushima hanno già messo in azione Monirobo ("Monitoring Robot"), un drone lungo 1,5 metri, dal peso di 600 chilogrammi e dotato di due nastri cingolati capace funzionare in condizioni operative dove l'esposizione alle radiazioni nucleari potrebbe avere effetti fatali per gli esseri umani.

Monirobo è dotato di un sistema di videocamere in 3D, sensori di temperatura e umidità nonché - naturalmente - quello per le radiazioni. Il robot ha un braccio orientabile con cui può rimuovere ostacoli o raccogliere esemplari di materiale da studiare, e può essere controllato in relativa sicurezza da una distanza di circa un chilometro.
La sua resistenza "robotica" alle radiazioni non è comunque assoluta: i sofisticati sistemi elettronici di cui è dotato (videocamere in primis) necessitano di adeguata schermatura per evitare di incorrere in malfunzionamenti, in maniera non dissimile da quanto succede con l'hi-tech spedito in orbita o nello spazio esterno da NASA e dalle altre agenzie spaziali.

Il progetto Monirobo è figlio degli incidenti ai reattori giapponesi avvenuti negli anni passati, e prevede una serie di unità contraddistinte da un codice di colore - Red Monirobo, Yellow Monirobo e via elencando - dotate di funzionalità differenti: dopo l'unità Red impiegata negli scorsi giorni, i tecnici di Fukushima potrebbero presto mettere in funzione l'unità Yellow con cui poter raccogliere campioni di polvere e analizzare l'aria alla caccia di gas esplosivi.

Il Giappone impegnato con l'emergenza nucleare continua a scavare per stabilire un primo bilancio delle vittime e dei danni provocati dalla furia della natura, e anche per il settore della tecnologia digitale si attendono bilanci pesanti per le conseguenze che tali danni avranno in ogni ambito del mercato: recentemente Cisco si è detta costretta a ritardare il suo "advisory" semestrale sulle vulnerabilità della piattaforma Internetwork Operating System (IOS), Nikon ha spostato la produzione di fotocamere reflex digitali in Malaysia, mentre l'industria dei semiconduttori sarà costretta a fare a meno del 25 per cento della fornitura mondiale di wafer di silicio per la realizzazione di microchip e circuiti integrati. Rinunce che ovviamente ricadono sull'economia giapponese e il mercato interno del lavoro: ovvero, in ultima analisi, sui cittadini del paese del Sol Levante.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaGiappone, il robot fa anche il profNon ha ancora un nome, ma ha già le idee chiare: insegnare programmazione software e ingegneria hardware agli studenti del Sol Levante. Così Tokyo pensa anche ai suoi giovani virgulti
  • TecnologiaL'invasione roboticaContinuano le dimostrazioni a tema umanoidi in giro per il mondo. Nel Regno Unito un ospedale impiega un'intera squadra di robot per incarichi di routine. Nel resto del mondo si sperimenta, anche giocando a calcio
  • AttualitàGiappone, terremoto nel settore hi-techLa più grande crisi naturale della storia del Sol Levante scatena una crisi altrettanto devastante nell'industria tecnologica. C'è chi si ferma per controlli, chi subisce danni, chi cancella videogame e chi provvede a donare
33 Commenti alla Notizia Giappone, entra in gioco il robot anti-radiazioni
Ordina
  • Solo loro potevano pensare ad un Robot-antiradiazioni: i numeri uno!Sorride
    Speriamo serva a qualcosa..
  • ma dopo l'uso lo mettono nei rifiuti radioattivi? usa e getta?
  • Secondo me è proprio la fine che faranno, sigillati dentro un contenitore stagno nella discarica dei rifiuti radioattivi, meglio un robot che un essere umano mandato in giro per la centrale con un contatore gaiger, no? Di robot se ne possono costruire quanti se ne vuole...Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ruzzolo
    > Secondo me è proprio la fine che faranno,
    > sigillati dentro un contenitore stagno nella
    > discarica dei rifiuti radioattivi, meglio un
    > robot che un essere umano mandato in giro per la
    > centrale con un contatore gaiger, no? Di robot se
    > ne possono costruire quanti se ne vuole...
    >Sorride

    Mica sono organizzati come noi, che manderemmo un essere umano e poi lo seppelliamo nei piloni di cemento della centrale successiva...
    krane
    22544
  • "manderemmo un essere umano e poi lo seppelliamo nei piloni di cemento della centrale successiva"

    Abbiamo fatto nostro il concetto di riciclaggio! Anche per le persone
    non+autenticato
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Ruzzolo
    > > Secondo me è proprio la fine che faranno,
    > > sigillati dentro un contenitore stagno nella
    > > discarica dei rifiuti radioattivi, meglio un
    > > robot che un essere umano mandato in giro per la
    > > centrale con un contatore gaiger, no? Di robot
    > se
    > > ne possono costruire quanti se ne vuole...
    > >Sorride
    >
    > Mica sono organizzati come noi, che manderemmo un
    > essere umano e poi lo seppelliamo nei piloni di
    > cemento della centrale
    > successiva...

    Da noi lo si riciclerebbe mandandolo in acciaieria, a fondersi assieme a qualche tonnellata di altro metallo... non si spreca nulla, da noi!Con la lingua fuori
    Funz
    12979
  • Dall'articolo: rinunce che ovviamente ricadono sull'economia giapponese e il mercato interno del lavoro: ovvero, in ultima analisi, sui cittadini del paese del Sol Levante."

    E se ai giapponesi restano pochi soldi in tasca, la ricaduta sara' anche sui cittadini italiani che non vedranno almeno quest'anno turisti giapponesi.
    non+autenticato
  • I giapponesi si sono risollevati dopo la seconda guerra mondiale e dopo due ordigni nucleari che ancora oggi fanno sentire i loro effetti sui i superstiti e le zone contaminate dall'esplosione... Per adesso più che la centrale stanno facendo danni i "giornalai" (senza offesa per la categoria che li vende) che scrivono le cazzate più grosse che gli vengono in mente, addirittura un video di un pseudo-gionalista della CNN che fa vedere delle misurazioni sballate delle radiazioni a Tokio pur di far notizia e clic in rete, (vedi http://www.butta.org/?m=201103).
    Ciauz
    non+autenticato
  • P.S.: Vi riporto questo post che mi sembra più che esauriente:
    Ma in Giappone non sono mica bravi a robot?
    La domanda sembra banale: perché non hanno mandato i robot a sistemare i problemi a Fukushima invece che mandare degli umani esposti alle radiazioni?
    Sembra essere l’obiezione tipica dell’avventore da bar, quello del “figurati se in Giappone non…“.

    In realtà ci sono un sacco di motivi per cui non si può fare a meno dell’uomo.
    Alcuni sono banali: ad esempio, benché ci siano robot capaci di salire scale o piani inclinati, in una centrale puoi trovarti di fronte a una porta da aprire, un’oprazione banale per un uomo ma tremendamente difficile per un robot. Oppure la massiccia presenza di acqua: un uomo si bagna i piedi, in robot si guasta.
    Altri motivi sono più tecnici: un robot devi controllarlo a distanza, e non è facile far passare un segnale wireless tra numerisi muri di spesso cemento.
    Fini ad arrivare al motivo più ovvio, le radiazioni. Ai robot non viene un cancro, ma i componenti elettronici non sono immuni alle radiazioni (tanto che nella progettazione dell’elettronica per applicazioni spaziali si deve tener conto anche di quello).

    Ovvio, molti di questi problemi possono anche essere risolti, ma la complicazione che ne deriva spesso rende l’impresa svantaggiosa a priori.

    Consiglio di leggere l’articolo, è molto istruttivo, soprattutto per coloro che nella tecnologia i problemi siano sempre risolvibili a suon di palanche, di genietti e di “figurati se non sono in grado”.
    http://www.butta.org/?p=6794
    non+autenticato
  • Vista tutta la serie di stupidaggini che la stampa ha scritto su quanto succedeva in Giappone, superando i livelli di quelli dell'influenza suina*, dove il ridicolo tocco il fondo e tutti facevano a gara a spararla più grossa preoccupati più di far notizia anche a costo di fare terrorismo e far buttare via miliardi, sarebbe il caso di sostituire i giornalisti con robot.
    Non su tutto, ma solo sulle notizie serie quindi gli resta il 90% del resto cioè gossip, articoli promozionali, oroscopo, cucina e previsioni del tempo.

    *chiamata poi H1N1 per non perdere la pubblicità degli insaccati
    non+autenticato
  • - Scritto da: Surak 2.0
    > Vista tutta la serie di stupidaggini che la
    > stampa ha scritto su quanto succedeva in
    > Giappone, superando i livelli di quelli
    > dell'influenza suina*, dove il ridicolo tocco il
    > fondo e tutti facevano a gara a spararla più
    > grossa preoccupati più di far notizia anche a
    > costo di fare terrorismo e far buttare via
    > miliardi, sarebbe il caso di sostituire i
    > giornalisti con
    > robot.
    > Non su tutto, ma solo sulle notizie serie quindi
    > gli resta il 90% del resto cioè gossip, articoli
    > promozionali, oroscopo, cucina e previsioni del
    > tempo.
    >
    > *chiamata poi H1N1 per non perdere la pubblicità
    > degli
    > insaccati

    Tra l'altro l'H1N1 ce la siamo presa un po' tutti quest'inverno e pochi lo hanno detto al telegiornale.
    non+autenticato
  • Hanno solo ingigantito le conseguenze della suina per far notizia. Ogni tanto accennavano al fatto che era meno pericolosa delle influenze che ci becchiamo ogni anno, ma poi andavano comunque a stimolare l'emotività
    non+autenticato
  • - Scritto da: Surak 2.0
    > Vista tutta la serie di stupidaggini che la
    > stampa ha scritto su quanto succedeva in
    > Giappone, superando i livelli di quelli
    > dell'influenza suina*, dove il ridicolo tocco il
    > fondo e tutti facevano a gara a spararla più
    > grossa preoccupati più di far notizia anche a
    > costo di fare terrorismo e far buttare via
    > miliardi, sarebbe il caso di sostituire i
    > giornalisti con
    > robot.

    per non dire che gli stessi giornalisti sei mesi prima protestavano perché il governo non si muoveva a comprare vaccini e far vaccinare tutti, si son messi a protestare che il governo ha comprato troppi vaccini per far contento BigPharma e ha messo a rischio la vita delle persone con vaccinazioni inutili.
  • Il loro lavoro gli impone di dare notizie, e contano di più se sollevano polveroni, veri o finti che siano. L'importante era fare polemica
    non+autenticato
  • - Scritto da: shevathas
    > - Scritto da: Surak 2.0
    > > Vista tutta la serie di stupidaggini che la
    > > stampa ha scritto su quanto succedeva in
    > > Giappone, superando i livelli di quelli
    > > dell'influenza suina*, dove il ridicolo tocco il
    > > fondo e tutti facevano a gara a spararla più
    > > grossa preoccupati più di far notizia anche a
    > > costo di fare terrorismo e far buttare via
    > > miliardi, sarebbe il caso di sostituire i
    > > giornalisti con
    > > robot.
    >
    > per non dire che gli stessi giornalisti sei mesi
    > prima protestavano perché il governo non si
    > muoveva a comprare vaccini e far vaccinare tutti,
    > si son messi a protestare che il governo ha
    > comprato troppi vaccini per far contento
    > BigPharma e ha messo a rischio la vita delle
    > persone con vaccinazioni
    > inutili.

    Se poi pensiamo che BigPharma è rappresentata dalla moglie del ministro della salute...
    non+autenticato
  • Ad ogni modo, faccio i miei auguri al Giappone:

    RISORGI, SOL LEVANTE!
  • O, almeno, SOL LEVATI
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)