Alfonso Maruccia

Mobile, la sorveglianza è ovunque

Un deputato tedesco trascina in tribunale il suo carrier telefonico per sapere quante e quali informazioni l'azienda stesse archiviando in merito ai suoi spostamenti. Il risultato è di quelli che aprono gli occhi

Roma - Qual è il livello di tecnocontrollo a disposizione degli operatori di telefonia mobile? Il ventiseienne Malte Spitz - politico del partito dei Verdi tedeschi - è riuscito ad aprire uno squarcio nelle sovente misteriose politiche aziendali dei carrier wireless, scoprendo che un dispositivo dotato di ricevitore GPS si comporta come una sorta di cimice costantemente appiccicata agli utenti.

Il tecnocontrollo agevolato dagli smartphone di nuova generazione è senza confini, ha scoperto Spitz, anche se per farlo c'è voluta una denuncia in tribunale a carico del colosso tedesco Deutsche Telekom nel tentativo di conoscere i dati di tracciamento archiviati dal carrier T-Mobile.

Grazie al coinvolgimento della giustizia teutonica, il giovane politico ambientalista è venuto a sapere che in un periodo di sei mesi (compreso tra agosto 2009 e febbraio 2010) T-Mobile ha salvato e archiviato i dati della sua posizione - latitudine e longitudine - per ben 35mila volte. Il carrier ha archiviato tutti i suoi spostamenti, spostamenti ora consultabili online su una mappa accessibile pubblicamente per volere dello stesso Spitz.
Il ventiseienne Spitz non ha particolari remore a mostrare al mondo le sue abitudini di sedentario abitante della periferia di Berlino, tuttavia restano preoccupanti le implicazioni della sua iniziativa in merito alla privacy degli utenti: un rapinatore di banche ha sempre la possibilità di lasciare a casa il cellulare quando è ora di mettersi all'opera, ma un comune possessore di smartphone dovrebbe essere consapevole dei rischi connessi all'impiego permanente delle tecnologie di geolocalizzazione sui gadget più intimi e personali.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
20 Commenti alla Notizia Mobile, la sorveglianza è ovunque
Ordina
  • L'abitudine di spiare è ormai cosa certa e mi stupisce un pò che qualcuno se ne sia accorto... In Germania ovviamente poichè in Italia è tutto legalizzato alla facccia della Privacy che serve solo a compilare moduli di assenso, per contratti vari.
    Ovviamente viene sempre fuori il fatto che questi tracciamenti servono in caso di crimini. Purtroppo però servono poco questi controlli poichè chi commette crimini prende le sue pracauzioni, salvo rari casi di errori dei criminali stessi. Poi i tracciamenti e le intercettazioni non servono solo per beccare i criminali, ma vengono usate anche per altri scopi meno "nobili".
  • - Scritto da: ninjaverde
    > L'abitudine di spiare è ormai cosa certa e mi
    > stupisce un pò che qualcuno se ne sia accorto...
    > In Germania ovviamente poichè in Italia è tutto
    > legalizzato alla facccia della Privacy che serve
    > solo a compilare moduli di assenso, per contratti
    > vari.
    > Ovviamente viene sempre fuori il fatto che questi
    > tracciamenti servono in caso di crimini.
    > Purtroppo però servono poco questi controlli
    > poichè chi commette crimini prende le sue
    > pracauzioni, salvo rari casi di errori dei
    > criminali stessi.
    Stai forse pensando alle eleganti cene di HarDcore?A bocca aperta
    non+autenticato
  • Non ho capito bene se con il GPS ti traccaino meglio o meno, tuttavia anche dai riscontri di cronaca nera è evidente che vengono conservati i tabulati telefonici delle chiamate fatte per non so quanti mesi, il testo degli SMS (cosa gravissima!) ed anche la cella di aggancio (e quindi la localizzazione) del cellulare.

    Francamente a me sembra un controllo eccessivo da parte delle autorità, un'intromissione inacettabile nella privacy di ciascuno di noi, come il sistema Tutor (che dicono cancelli le targhe di chi non commette infrazioni... ma voi vi fidate?) e le varie telecamere di vigilanza.

    Io capirei una conservazione dei dati per pochi giorni, qualche settimana, ma arrivare a svariati mesi se non anni, non è più prevenzione del crimine è un controllo della popolazione alla grande fratello del tutto incostituzionale, perchè su una materia tanto importante non fanno un referendum?
  • sì è vero SIAMO TUTTI INTERCETTATI, i giudici cattivi-comunisti ci intercettano giorno e notte, non siamo in un paese libero, c'è una persecuzione giudiziaria che vuole ribaltare il voto popolare eccetera eccetera eccetera (segue sul TG4)...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fetente
    > sì è vero SIAMO TUTTI INTERCETTATI, i giudici
    > cattivi-comunisti ci intercettano giorno e notte,
    > non siamo in un paese libero, c'è una
    > persecuzione giudiziaria che vuole ribaltare il
    > voto popolare eccetera eccetera eccetera (segue
    > sul
    > TG4)...

    Se a te piace essere controllato in tutti i tuoi spostamenti, fai pure, al sottoscritto invece la cosa non piace affatto!
    E quanto al tracciamento dei cellulari ai tabulati e agli SMS è proprio questa la situazione, vengono conservati tutti i dati per diversi mesi se non anni, per poi essere tirati fuori oltre che dal magistrato di turno anche magari da qualche investigatore privato che abbia i giusti agganci!
  • In Italia se non vado errato, le compagnie telefoniche sono obbligate a registrare tutti i ponti radio su cui il nostro telefono cellullare si registra e questi dati vanno mantenuti per 4 o 5 anni.

    Sapendo quali sono i ponti radio, è abbastanza semplice vedere piu o meno quello che fa l'utente.

    La situazione non mi pare cosi differente da quella citata nell'articolo.
    non+autenticato
  • > La situazione non mi pare cosi differente da
    > quella citata nell'articolo.

    La differenza e' che in Italia non c'e' nessun politico come Malte Spitz, sono li' per se stessi non come nostri rappresentanti. E se c'e' qualcuno che ha a cuore le nostre vite, non sara' al potere che quando avra' superato i 50 anni.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Magenta
    > > La situazione non mi pare cosi differente da
    > > quella citata nell'articolo.
    >
    > La differenza e' che in Italia non c'e' nessun
    > politico come Malte Spitz, sono li' per se stessi
    > non come nostri rappresentanti. E se c'e'
    > qualcuno che ha a cuore le nostre vite, non sara'
    > al potere che quando avra' superato i 50
    > anni.


    eh, certo, perchè si sono autoeletti, non sono mica stati votati da quei babbei dei loro connazionali!

    come sempre, tutti bravi a lamentarsi, ma quando è ora di andare a votare, i risultati poi si vedono.

    dicono che ogni popolo ha i governanti che si merita...
  • mi risulta che nel log del 90% dei ponti radio ci finisci solo se fai/ricevi una chiamata/sms.
    d'altra parte una cosa è tenere i dati per esigenze di pubblica sicurezza perché si è obbligati, una cosa ben diversa è che un'azienda se li tenga per affaracci propri.
    non+autenticato
  • Non esattamente, ogni X minuti (tipicamente 60, ma dipende dalla rete) viene fatto un cosiddetto "location update" che registra la posizione del telefono.
    La stessa procedura avviene anche ogni volta che il telefono si rende conto di aver cambiato "location area" ovvero gruppo di celle gestite da un singolo nodo di controllo (BSC).

    Non è quindi necessario "usare" il telefono per essere tracciati.
    non+autenticato
  • > Non è quindi necessario "usare" il telefono per
    > essere
    > tracciati.

    non intendevo per essere tracciati, ma perché siano conservati i log del tracciamento
    non+autenticato
  • - Scritto da: Herod2k
    > In Italia se non vado errato, le compagnie
    > telefoniche sono obbligate a registrare tutti i
    > ponti radio su cui il nostro telefono cellullare
    > si registra e questi dati vanno mantenuti per 4 o
    > 5
    > anni.

    Mi sa 24 mesi.
  • I due commenti qui sopra non sono della stessa persona.
    non+autenticato
  • eh a non registrarsi
  • - Scritto da: Marco
    > I due commenti qui sopra non sono della stessa
    > persona.

    ahhhh? e stica##i?
    non+autenticato
  • Che io sappia la localizzazione dei cellulari non usa minimamente la tecnologia GPS. I cellulari con navigatore usano il segnale GPS per mostrare all'utente la loro posizione, mica per trasmetterla!
    I carrier invece usano le informazioni relative alle celle "agganciate" per localizzare il telefono, e questo vale per tutti i cellulari, non solo per "i moderni smartphone".
    non+autenticato
  • in effetti sulla mappetta si vedono anche i tragitti in metro dove in teoria il gps non dovrebbe funzionare.. o no?!
    non+autenticato
  • "The geo-data is not from a GPS sensor in the smartphone. Instead the geo location informations are based on the informations of the cell site, so everybody was tracked down in the cell their phone was logged in and used at this moment. "

    http://www.malte-spitz.de/blog/index.html#anchor_4...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)