Mauro Vecchio

Diritto d'autore, le regole si faranno in Parlamento

Sarebbe quella sede più idonea per trovare la soluzione normativa. Ma il modello proposto da Agcom, novello sceriffo della Rete, sarebbe in linea con quello pensato dallo stesso Governo

Roma - Protezione del diritto d'autore e armonizzazione della normativa italiana con le direttive europee in materia. È questo l'oggetto di un recente documento diramato dall'Ufficio legislativo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, in risposta all'interpellanza presentata dall'Onorevole Roberto Cassinelli insieme ad altri 45 deputati provenienti dalle più disparate fazioni politiche.

"Il Governo ritiene che, al fine di permettere il giusto e armonioso incontro tra le esigenze dei titolari dei diritti d'autore e dei fruitori del materiale oggetto di protezione, sia il Parlamento stesso la sede più idonea per trovare la soluzione normativa all'annosa questione, dato che il tema centrale è la tutela delle libertà e dei diritti fondamentali".

L'azione parlamentare promossa da Cassinelli aveva criticato il ruolo assunto dall'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (Agcom) per la salvaguardia del diritto d'autore, in particolare su Internet. Obiezioni erano state mosse sulla possibilità di oscurare siti web in violazione del copyright senza l'intervento di un giudice competente.
Lo stesso Cassinelli aveva dunque sottolineato come si trattasse di affidare all'arbitrio di una autorità amministrativa una decisione inevitabilmente legata a diritti costituzionalmente garantiti, come la libertà di comunicazione e di espressione del pensiero.

Una visione dunque accettata dal Governo, almeno in parte. "La consultazione avviata da Agcom ha l'obiettivo di acquisire le osservazioni di tutti i soggetti interessati al fine di predisporre un provvedimento equilibrato e aperto alle esigenze di tutti i protagonisti del sistema", si può leggere nel documento diramato dal Ministero.

"Il modello proposto - ovvero l'oscuramento dei siti coinvolti in attività illecite - va esattamente nella direzione seguita dal Governo e dalle iniziative parlamentari di cui sopra e agisce nell'ambito di una regolamentazione rispettosa dei principi comunitari e coerente con le best practices internazionali".

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàWiFi, Cassinelli libera tutti?Il deputato ha presentato una proposta di legge per modificare il decreto Pisanu. Nessuna identificazione per gli utenti italiani, al massimo un sistema tramite SMS
  • AttualitàAgcom, petizione contro le rimozioniInaugurata un'iniziativa per raccogliere firme contro l'iniziativa dell'autorità in materia di enforcement della tutela del diritto d'autore. Giudicata troppo sbilanciata a favore dei detentori dei diritti
  • AttualitàAGCOM: non saremo sceriffi del webIl presidente Calabrò ha chiamato a raccolta gli operatori della rete, che dovrebbero cooperare per garantire un'efficace tutela del diritto d'autore in Italia. Ma secondo un'indagine già pubblicata, la pirateria è in forte diminuzione
57 Commenti alla Notizia Diritto d'autore, le regole si faranno in Parlamento
Ordina
  • http://www.videotecheforum.it/index.php?showtopic=...
    Pirateria, sequestrata videoteca ad Andria

       Circa 8mila cd e dvd masterizzati illegalmente, computer, hard disk esterni e telecamere collegate a pc, per la duplicazione di film, sono stati scoperti e sequetrati dalla Guardia di Finanza in una videoteca di Andria. Nel locale, i militari hanno scoperto una vera e propria centrale della pirateria. I cd e i dvd, ufficialmente destinati al noleggio, erano invece messi in vendita. Tutte le strumentazioni sono state sequestrate. Denunciato il responsabile dell’attività commerciale.

    CITAZIONE (STUART @ 22 Mar 2011 - 10:51) *
        SICURAMENTE ERA UN "FURBO"...MA POTEVA ESSRE ANCHE UN VIDEOTECARO CON FAMIGLIA PIENO DI DEBITI, PORTATO ALLA DISPERAZIONE PIU' TOTALETriste ATTACCANO SEMPRE E SOLO LE VIDEO, MA AI PRIVATI? COSA FANNO?Triste

    CITAZIONE (videociak24h @ 22 Mar 2011 - 16:09) *
       Concordo !!!

    CITAZIONE (Sandro63 @ 22 Mar 2011 - 13:45) *
       Ha fatto bene!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > http://www.videotecheforum.it/index.php?showtopic=
    > Pirateria, sequestrata videoteca ad Andria
    >
    >    Circa 8mila cd e dvd masterizzati
    > illegalmente, computer, hard disk esterni e
    > telecamere collegate a pc, per la duplicazione di
    > film, sono stati scoperti e sequetrati dalla
    > Guardia di Finanza in una videoteca di Andria.
    > Nel locale, i militari hanno scoperto una vera e
    > propria centrale della pirateria. I cd e i dvd,
    > ufficialmente destinati al noleggio, erano invece
    > messi in vendita. Tutte le strumentazioni sono
    > state sequestrate. Denunciato il responsabile
    > dell’attività
    > commerciale.
    >
    > CITAZIONE (STUART @ 22 Mar 2011 - 10:51) *
    >     SICURAMENTE ERA UN "FURBO"...MA POTEVA ESSRE
    > ANCHE UN VIDEOTECARO CON FAMIGLIA PIENO DI
    > DEBITI, PORTATO ALLA DISPERAZIONE PIU' TOTALETriste
    > ATTACCANO SEMPRE E SOLO LE VIDEO, MA AI PRIVATI?
    > COSA FANNO?
    >Triste
    >
    > CITAZIONE (videociak24h @ 22 Mar 2011 - 16:09) *
    >    Concordo !!!
    >
    > CITAZIONE (Sandro63 @ 22 Mar 2011 - 13:45) *
    >    Ha fatto bene!!!

    Cavolo...un sito contro la pirateria...che fa ***vera pirateria***?
    Nel senso che viola il copyright noleggiando opere a pagamento senza pagare l'autore?
    E lo difendono pure? Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: Franky
    > - Scritto da: bubba
    > >
    > http://www.videotecheforum.it/index.php?showtopic=
    > > Pirateria, sequestrata videoteca ad Andria
    > >
    > >    Circa 8mila cd e dvd masterizzati
    > > illegalmente, computer, hard disk esterni e
    > > telecamere collegate a pc, per la duplicazione
    > di
    > > film, sono stati scoperti e sequetrati dalla
    > > Guardia di Finanza in una videoteca di Andria.
    > > Nel locale, i militari hanno scoperto una vera e
    > > propria centrale della pirateria. I cd e i dvd,
    > > ufficialmente destinati al noleggio, erano
    > invece
    > > messi in vendita. Tutte le strumentazioni sono
    > > state sequestrate. Denunciato il responsabile
    > > dell’attività
    > > commerciale.
    > >
    > > CITAZIONE (STUART @ 22 Mar 2011 - 10:51) *
    > >     SICURAMENTE ERA UN "FURBO"...MA POTEVA ESSRE
    > > ANCHE UN VIDEOTECARO CON FAMIGLIA PIENO DI
    > > DEBITI, PORTATO ALLA DISPERAZIONE PIU' TOTALETriste
    > > ATTACCANO SEMPRE E SOLO LE VIDEO, MA AI PRIVATI?
    > > COSA FANNO?
    > >Triste
    > >
    > > CITAZIONE (videociak24h @ 22 Mar 2011 - 16:09) *
    > >    Concordo !!!
    > >
    > > CITAZIONE (Sandro63 @ 22 Mar 2011 - 13:45) *
    > >    Ha fatto bene!!!
    >
    > Cavolo...un sito contro la pirateria...che fa
    > ***vera
    > pirateria***?
    > Nel senso che viola il copyright noleggiando
    > opere a pagamento senza pagare
    > l'autore?
    > E lo difendono pure?
    > Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere(

    scusate rettifico...mi sono espresso malissimo...(il sito non c'entra niente...)volevo dire un sito contro la pirateria che ***difende la vera pirateria***? Cioe' la pirateria commessa da una persona che noleggia un'opera ***a pagamento*** e quindi ci guadagna su...senza pagare l'autore dell'opera?
    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • famme capì

    se un privato scarica e condivide senza lucro è uno STR...
    se un vuideotecaro copia e vende è un poveraccio?

    ve siete qualificati da soli... Triste
    non+autenticato
  • ancora una volta si prendono 4 post di una discussione, quelli che fanno comodo, va bè non che questo ci interessi, ma dimostra la pochezza di chi riporta così le discossioni prese altrove ....

    ma contenti voi ....
  • gia come voi avete tratato questa notizia
    http://www.videotecheforum.it/index.php?showtopic=...
    non+autenticato
  • ???

    non vedo il nesso, e comunque non importa, ho scritto quello che penso nel riportare i commenti.
  • X i Pirati di PI
    visto che parlano di me gli dovrei rispondere a questi? ma io ho già scritto che non me ne puo' frega' de meno di loro ,anche perhè poi se vado fallito si fotta internet e tutti i suoi mistici navigatori leggendari.

    visto che leggete qua aggiungo anche, ma davvero non avete capito , odiare voi se nessuno fa niente per fermare niente, e che colpa avete? non ha senso odiare i downloader , il fatto è che ora tutte le video possono anche chiude , e anche tutti i cinema , in culo lo prenderanno chi fa i film , che si fottano se non fanno niente, io posso fare altri mille lavori dopo questo.

    per quelli li hacker leggendari li ,i primi messaggi, certo che ho detto che non si possono aggirare i blocchi che vogliono usare, se hai il controllo dell'ISP .... ma te sei leggendario , è vero , hai il programmino che cambia dns? loro hanno il tuo telefono.



    quindi la notizia non era che il parlamento doveva decidere chi e cosa bloccare, ma il parlamento doveva scrivere il regolamento ,sempre l'agcom è quella che blocca. Ma.... se ci mettono anche il giudice di mezzo la cosa potrebbe esse meno efficace,cioè il risultato è ugale,ma forse è piu' lento ,senza giudice blocchi in soli 5 giorni...

    ps ancora per i pirati di PI ma ci mancherebbe altro che vi odio HA HA HA non tengo niente da fa che odia a voi
    se mai si odia le major che non fanno niente,ma avranno quello che si meritano se procedono cosi,CHIUDERANNO hahaha
    non+autenticato
  • Io penso che sto bubble dovrebbe iniziare a comprarsi qualche bel vocabolario... è veramente un'insulto alla lingua italiana leggere quello che scrive (a parte le caxxate bibliche che dice).... tra l'altro con tutto il tempo libero che ha all'interno dello sgabuzzino dove lavora potrebbe benissimo iniziare a studiare la lingua....

    Propongo una colletta per mandargli una grammatica italiana e un vocabolario.

    Caro bubble se mi leggi ti prego di scriverci un'indirizzo dove inviare i testi, sarà mio grande piacere spedirti il tutto almeno una volta nella vita riusciremo finalmente a capire cosa dici.

    PS: Per le caxxae che dici invece dubito che ci sia un rimedio aspettiamo con impazienza che si possa fare un trapianto di cervello, unica soluzione al tuo problema.
    non+autenticato
  • L'unico punto su cui sono d'accordo è quando dice che le majors chiuderanno. E aggiungo: non se ne sentirà la mancanza.
    non+autenticato
  • Si vede lontano un miglio ch non sei il vero Bubble... usi vocaboli che lui nemmeno conosce ed hai messo troppe virgole e punti nei posti giusti.
    non+autenticato
  • il vero bubble scrive su videotecheforum, ladrubble ha solo riportato qui il suo commento:

    http://www.videotecheforum.it/index.php?showtopic=...
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > il vero bubble scrive su videotecheforum,
    > ladrubble ha solo riportato qui il suo
    > commento:
    >
    > http://www.videotecheforum.it/index.php?showtopic=

    Diavolo, sono davvero stupito. Deve essersi fatto aiutre da qualcuno perchè nonostante l'italiano sia stentato è sicuramente migliori di altre sue "perle".
    non+autenticato
  • Dovrebbero togliere la cittadinanza e tutti i diritti a chi violenta la lingua del Paese in cui vive... la lingua non è coperta da diritti... scaricati qualche bella grammatica e qualche vocabolario va'...
    non+autenticato
  • In sintesi... grazie agcom di quello che hai fatto ma la palla passa al parlamento... e li si vedra'! I gruppy di lobby faranno molta pressione per un nulla di fatto...A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: master
    > In sintesi... grazie agcom di quello che hai
    > fatto ma la palla passa al parlamento... e li si
    > vedra'! I gruppy di lobby faranno molta pressione
    > per un nulla di fatto...A bocca aperta

    Provo a prevedere "a tempi lunghi"...
    per quanto nel "nuovo mondo del web" si dovrebbe andare verso una maggiore rilevanza dei diritti personali rispetto alla tutela del copyright, attualmente certo "spropositata", ritengo che:
    1) quasi impossibile che uno Stato possa decidere di non essere d'accordo sul fatto che "le opere, i contenuti, le invenzioni" ecc. sono di chi li immagina, scrive, produce, brevetta ecc. e dunque questa è una "legge" che non vedo a logica come non possa esistere;
    2) al di là del fatto che sarebbe "bello" se tutti condividessero tutto, ogni governante ha a cuore l'economia ed i posti di lavoro, e quindi "ha orecchio" molto più verso PIL ed occupati che verso le istanze di "libertà";
    3) come è strutturata adesso, Internet è abbastanza "anarchica" nel senso di scarsamente controllabile (anche se fatti recenti dimostrano che si può sempre spengerla... ma questo in un paese democratico è difficile si possa fare);
    4) una volta verificato che non è possibile una tutela "decente" di opere, film, testi, riviste, giornali e che questo si ripercuote (o così viene fatto credere, è lo stesso) sull'economia, i posti di lavoro ecc. il passo successivo potrebbe essere di impedire l'anonimato sul web.

    Come farlo tecnicamente non lo so, ma la strada mi pare quella.
    L'alternativa potrebbe essere di rendere il web "senza copyright", per es. tu sei un giornale e metti un articolo sul web? beh, su quello che hai messo non hai alcun diritto. Così per foto, canzoni, video e quel che si vuole: se decidi di affidarli al web, li hai "condivisi". Ovviamente questa cosa si scontra con i punti 1) e 2) sopra...

    Ovviamente quello da me descritto è uno scenario, poi le variabili sono tante. Questo è quello che prevedo, quello che auspico me lo tengo per me. Lo so, ho fantasia.. mai quanto chi redige gli oroscopi... ciao
    non+autenticato
  • - Scritto da: Osvy
    > - Scritto da: master

    > 1) quasi impossibile che uno Stato possa decidere
    > di non essere d'accordo sul fatto che "le opere,
    > i contenuti, le invenzioni" ecc. sono di chi li
    > immagina, scrive, produce, brevetta ecc. e dunque
    > questa è una "legge" che non vedo a logica come
    > non possa
    > esistere;

    Ed è proprio qui il punto... non sono TUE... le hai fatte tu, hai la paternità dell'opera. Anche i figli li fai tu ma non sono tuoi... È il concetto di proprietà dell'opera che non sta in piedi. Sulla Divina Commedia non ci sono i diritti d'autore ma nessuno si sogna di attribursela, è riconosciuto che è di Dante Alighieri ma se voglio pubblicarla, farci una parodia ecc. posso farlo. Lo stesso sarebbe da fare con l'opera creata stamattina.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ciccio quanta ciccia
    > - Scritto da: Osvy
    > > - Scritto da: master
    >
    > > 1) quasi impossibile che uno Stato possa
    > decidere
    > > di non essere d'accordo sul fatto che "le opere,
    > > i contenuti, le invenzioni" ecc. sono di chi li
    > > immagina, scrive, produce, brevetta ecc. e
    > dunque
    > > questa è una "legge" che non vedo a logica come
    > > non possa esistere;
    >
    > Ed è proprio qui il punto... non sono TUE... le
    > hai fatte tu, hai la paternità dell'opera. Anche
    > i figli li fai tu ma non sono tuoi... È il
    > concetto di proprietà dell'opera che non sta in
    > piedi. Sulla Divina Commedia non ci sono i
    > diritti d'autore ma nessuno si sogna di
    > attribursela, è riconosciuto che è di Dante
    > Alighieri ma se voglio pubblicarla, farci una
    > parodia ecc. posso farlo.

    Se vuoi pubblicarla si ma perché sono passati tot anni, diversamente comunque non potresti (o non sarebbe lecito, se vuoi).
    Sulla parodia in generale non ci sono problemi, è un prodotto "nuovo",
    i concetti sono diversi

    > Lo stesso sarebbe da
    > fare con l'opera creata stamattina.

    Tutto si può fare e disfare, ma appunto "quella cosa lì" è molto improbabile. Se non si riconosce un "diritto" su quelle cose,
    un diritto anche economico di sfruttamento,
    ovviamente non si capisce perché ci debba essere un qualunque altro diritto, per esempio quello di essere proprietario di un'auto, una casa ecc. E per capirsi, se per arrivarci si deve pensare al comunismo.. per carità, vade retro... poi se uno le sue cose le vuole volontariamente rendere disponibili agli altri, ci sono già tanti modi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Osvy

    > Tutto si può fare e disfare, ma appunto "quella
    > cosa lì" è molto improbabile. Se non si riconosce
    > un "diritto" su quelle
    > cose,
    > un diritto anche economico di sfruttamento,

    diritto esclusivamente economico di sfruttamento...va be'...diritti extraeconomici quelli no...qui vengono riconosciuti diritti extraeconomici
    dalla legge del copyright...ossia quello che tu anche avendo comprato l'opera non puoi metterla in condivisione su un sito gratuito per commentarla e raccogliere opinioni...(anche se c'e' la convenzione di Berna art.10 che prevede il diritto di citazione, la legge 70...italiana..., e quella statunitense sul "fair use" ma queste vengono ignorate a favore della "licenzina"...)
    il fatto che non puoi duplicarla a titolo gratuito...il fatto che non puoi trasmettere uno spettacolo anche in assenza di un ritorno economico...ecco tutti i privileggi che esulano dall'ambito commerciale andrebbero tassativamente aboliti...

    > ovviamente non si capisce perché ci debba essere
    > un qualunque altro diritto, per esempio quello di
    > essere proprietario di un'auto, una casa ecc. E
    > per capirsi, se per arrivarci si deve pensare al
    > comunismo.. per carità, vade retro... poi se uno
    > le sue cose le vuole volontariamente rendere
    > disponibili agli altri, ci sono già tanti
    > modi.

    Non diciamo cretinaggini...per favore...che c'entra la "licenza esclusiva" con il diritto di proprieta'? Il diritto di proprieta' e' una cosa... la licenza esclusiva e' un'altra...anzi la licenza esclusiva spesso mina il diritto di proprieta' dell'utente stesso che ha comprato la copia dell'opera di disporne come meglio crede in ambito non-commerciale...(ha senso nell'ambito commerciale...ma in quello non commerciale non ha senso...)...quindi il copyright ha qualcosa di comunista effettivamente nel senso negativo del termine...:
    non riconosce infatti all'utente il diritto di proprieta' sulla copia dell'opera...in altre parole io ho comprato una cosa..senza che per questo la cosa che ho comprato sia mia...e possa disporne come meglio credo...quindi concetto piu' comunista della licenzina credo che non possa esistere...la negazione del diritto di proprieta' in ambito non-commerciale della copia di un'opera che hai leggittimamente acquistato...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Franky

    > diritto esclusivamente economico di
    > sfruttamento...va be'...diritti extraeconomici
    > quelli no...qui vengono riconosciuti diritti
    > extraeconomici
    > dalla legge del copyright...ossia quello che tu
    > anche avendo comprato l'opera

    Non hai comprato l'opera...

    > Non diciamo cretinaggini...per favore...

    già, rileggi sopra... Sorride

    > in ambito non-commerciale della copia di un'opera
    > che hai leggittimamente acquistato...

    vabbè vabbè...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Osvy

    >
    > Se vuoi pubblicarla si ma perché sono passati tot
    > anni, diversamente comunque non potresti (o non
    > sarebbe lecito, se
    > vuoi).

    No, non è che è perché sono passati tot anni (che cmq è una bojata... cosa vuol dire? L'arte scade com lo yoghurt???) ma è perché il diritto d'autore nel Medioevo non esisteva!

    Non serve che mi ricordi le ASSURDE norme su copyright e diritto d'autore... le leggi devono nascere dal buon senso e dai tempi che corrono... se è lecito o meno me ne frega zero... di leggi assurde ce ne sono a bizzeffe... se domani ne esce una che ti dice che devi buttare tuo figlio dal 4° piano che fai? Ti conformi perché così "è lecito"???



    > Sulla parodia in generale non ci sono problemi, è
    > un prodotto
    > "nuovo",
    > i concetti sono diversi

    Ah sì? Vallo a dire a tutti quelli che si sono trovati i video cancellati da YouTube? E di altri esempi ce ne sono a tonnellate... Non c'è niente di diverso... sono IDEE.. e le idee circolano, si moltiplicano, si trasformano e non ESISTE PROPRIETÀ sulle idee... è questo il punto!

    Se vuoi prenndere il mio post e girarlo e rigirarlo, cambiarlo, cancellarlo, tradurlo... lo puoi fare... perché è così che funziona la natura umana. Il resto è fuffa,

    >
    > > Lo stesso sarebbe da
    > > fare con l'opera creata stamattina.
    >
    > Tutto si può fare e disfare, ma appunto "quella
    > cosa lì" è molto improbabile. Se non si riconosce
    > un "diritto" su quelle
    > cose,

    Cosa sarebbe "eulla cosa lì"??? Ma che diritto??? L'unico diritto che puoi avere è che ti sia rinonosciuta la paternità dell'opera. FINE.

    > un diritto anche economico di sfruttamento,
    > ovviamente non si capisce perché ci debba essere
    > un qualunque altro diritto, per esempio quello di
    > essere proprietario di un'auto, una casa ecc. E
    > per capirsi, se per arrivarci si deve pensare al
    > comunismo.. per carità, vade retro... poi se uno
    > le sue cose le vuole volontariamente rendere
    > disponibili agli altri, ci sono già tanti
    > modi.

    E chi te lo nega il diritto di sfruttamento economico? Se vuoi puoi vendere anche aria fritta? Se trovi chi te la compra son contento per te ma NON DEVE ESSERE OBBLIGATO a comprarla e NON NE SEI L'UNICO TITOLARE... Se dopo 5 minuti uno si mette a vendere aria fritta come te cavoli tuoi... se chi ha comprato la tua aria fritta la rivende... sempre e solo cavoli tuoi...
    non+autenticato
  • - Scritto da: ciccio quanta ciccia
    > - Scritto da: Osvy

    > > Se vuoi pubblicarla si ma perché sono passati tot
    > > anni, diversamente comunque non potresti (o non
    > > sarebbe lecito, se vuoi).
    >
    > No, non è che è perché sono passati tot anni
    > (che cmq è una bojata... cosa vuol dire? L'arte
    > scade com lo yoghurt???)

    ma che discorso è? E' ovvio che fa parte delle "regole",
    quanto vale "il foglio" da 500 euro? forse 30cent di costo,
    ma puoi comprarci "500 euro di pane" perché esiste una legge dello Stato che obbliga il panaio a consegnarti 500 euro di pane in cambio di un foglio con scritto 500 euro che non sia falso...
    non è obbligatorio, si può anche decidere di buttare via la moneta e tornare al solo baratto, ma tutta la vita che facciamo è condita di norme, leggi ecc. che non sono "leggi divine" ma che una loro logica la hanno

    > d'autore nel Medioevo non esisteva!

    Non c'entra niente. Se anche esisteva, adesso sarebbe comunque scaduto

    > Non serve che mi ricordi le ASSURDE norme su
    > copyright e diritto d'autore... le leggi devono
    > nascere dal buon senso e dai tempi che corrono...
    > se è lecito o meno me ne frega zero... di leggi
    > assurde ce ne sono a bizzeffe... se domani ne
    > esce una che ti dice che devi buttare tuo figlio
    > dal 4° piano che fai? Ti conformi perché così "è
    > lecito"???

    e stai calmo, ragiona...

    > > Sulla parodia in generale non ci sono problemi,
    > > è un prodotto "nuovo",
    > > i concetti sono diversi
    >
    > Ah sì? Vallo a dire a tutti quelli che si sono
    > trovati i video cancellati da YouTube?

    Come mai non si sono opposti? Esistono i tribunali sai.
    Sulla morte di Carlo Giuliani sono arrivati fino alla Corte di Giustizia Europea. Ah, gli hanno dato torto..

    > Non c'è niente
    > di diverso... sono IDEE.. e le idee circolano, si
    > moltiplicano, si trasformano e non ESISTE
    > PROPRIETÀ sulle idee... è questo il punto!

    si ok. Punto e basta
    in sostanza tu vuoi sostituire la violenza del copy con la tua "violenza" del tutto mio
    non+autenticato
  • > si ok. Punto e basta
    > in sostanza tu vuoi sostituire la violenza del
    > copy con la tua "violenza" del tutto
    > mio

    Non è violenza. Nessuno ti obbliga a pubblicare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Osvy

    > ma che discorso è? E' ovvio che fa parte delle
    > "regole",
    > quanto vale "il foglio" da 500 euro? forse 30cent
    > di
    > costo,
    > ma puoi comprarci "500 euro di pane" perché
    > esiste una legge dello Stato che obbliga il
    > panaio a consegnarti 500 euro di pane in cambio
    > di un foglio con scritto 500 euro che non sia
    > falso...
    > non è obbligatorio, si può anche decidere di
    > buttare via la moneta e tornare al solo baratto,
    > ma tutta la vita che facciamo è condita di norme,
    > leggi ecc. che non sono "leggi divine" ma che una
    > loro logica la
    > hanno
    >

    logica malata... o ti sei perso tutte le ultime notizie (pubbicate anche su PI) delle follie del copyright? Poi guarda... sul sistema monetario lasciamo stare. I tempi e la tecnologia hanno fatto aprire gli occhi alla gente . L'intero sistema del copyright fa acqua da tutte le parti e va totalmente rivisto o abolito. Le major invece si appigliano a limitazioni assurde pur di far profitto e bastonano pure i loro clienti (v. trasmissioni TV su iPad ecc.). Invece di venire incontro alla domanda (non sono loro che predicano le leggi di mercato?) mettono paletti su paletti... dettati non da logica e buon senso ma da ingordigia e paura di sparire.


    > > d'autore nel Medioevo non esisteva!
    >
    > Non c'entra niente. Se anche esisteva, adesso
    > sarebbe comunque
    > scaduto
    >

    C'entra eccome... si è vissuti per migliaia di anni senza il copyright e l'arte fioriva... guarda che in pratica è dal secolo scorso o poco prima che parliamo di copyright e mercificazione e in maniera massificata da circa il dopoguerra che l'industria discografica è un'industria e la gente copra dischi... Non è la legge di gravità... Eppure cantanti, musicisti, compositori ecc. esistevano e mangiavano... le gente andava ai concerti, ascoltava la radio... Il problema non è tanto essere pagati o meno. Non è una soluzione facile e il compenso ci può anche stare ma non mi venire a dire che tutti questi sono diventati milionari così... come nello sport, così nello spettacolo si è andati totalmente fuori misura, si è perso il senso delle proporzioni. Ora che i costi di produzione sono scesi, che i supporti fisici non servono più l'altro punto di vista sta acquistando sempre più piede... e non solo per lo scaricone che approfitta del "a gratisse". Tanto è vero che i profitti li fanno e a palate...


    > e stai calmo, ragiona...

    Ragiono eccome.


    > Come mai non si sono opposti? Esistono i
    > tribunali
    > sai.

    Sì certo... ed esistono anche gli avvocati... che guarda guarda costano parecchio... e ci vogliono anni... secondo te uno perde 10 anni della sua vita e decine di migliaia di euro per 2 minuti di video? Ma dove vivi???? Non le leggi le notizie che ormai ti sequestrano il sito così senza manco dirtelo?

    > Sulla morte di Carlo Giuliani sono arrivati fino
    > alla Corte di Giustizia Europea. Ah, gli hanno
    > dato
    > torto..
    >

    Cosa c'entra???? Nulla!


    > si ok. Punto e basta
    > in sostanza tu vuoi sostituire la violenza del
    > copy con la tua "violenza" del tutto
    > mio


    No... non è violenza e non è "tutto mio"... è "tutto di tutti"... è ben diverso. Non esiste che tu scrivi qualcosa un giorno e che poi ci campi tu e i tuoi eredi per generazioni... Non esiste in nessun'altra professione... che hanno di speciale questi? Sono semidei?
    non+autenticato
  • - Scritto da: ciccio quanta ciccia
    > - Scritto da: Osvy

    > dettati non da logica e buon senso
    > ma da ingordigia e paura di sparire.

    qui posso essere d'accordo

    > C'entra eccome... si è vissuti per migliaia di
    > anni senza il copyright e l'arte fioriva...

    Perché non c'erano i mezzi riproduttivi di oggi,
    ma comunque non è che scrittori, poeti, pittori ecc. campassero d'aria,
    certo era complicato "clonare" un dipinto di Michelangelo

    > guarda che in pratica è dal secolo scorso o poco
    > prima che parliamo di copyright e mercificazione
    > e in maniera massificata da circa il dopoguerra
    > che l'industria discografica è un'industria e la
    > gente copra dischi...

    Certo. E' da quando c'è la possibilità di duplicare.
    Per i testi mi sa che il diritto d'autore c'era anche prima

    > Non è la legge di gravità...

    Sono s'accordo, si tratta di regole

    > Eppure cantanti, musicisti,
    > compositori ecc. esistevano e mangiavano... le
    > gente andava ai concerti, ascoltava la radio...

    concordo

    > Il problema non è tanto essere pagati o meno. Non
    > è una soluzione facile e il compenso ci può anche
    > stare ma non mi venire a dire che tutti questi
    > sono diventati milionari così... come nello
    > sport, così nello spettacolo si è andati
    > totalmente fuori misura, si è perso il senso
    > delle proporzioni.

    Si

    > Ora che i costi di produzione
    > sono scesi, che i supporti fisici non servono più
    > l'altro punto di vista sta acquistando sempre più
    > piede... e non solo per lo scaricone che
    > approfitta del "a gratisse". Tanto è vero che i
    > profitti li fanno e a palate...

    Ma infatti, non si capisce come mai gli e-book costino così "poco meno" rispetto ai libri cartacei


    > > e stai calmo, ragiona...
    >
    > Ragiono eccome.


    ok, ok, scritto nella foga Occhiolino ciao

    > > Sulla morte di Carlo Giuliani sono arrivati fino
    > > alla Corte di Giustizia Europea. Ah, gli hanno
    > > dato torto..
    >
    > Cosa c'entra???? Nulla!

    C'entra per dire che si va davanti ai tribunali anche quando c'è un filmato "abbastanza" chiaro che spiega a chi vuol capire come sono andate le cose. Senza offesa per Giuliani, mi dispiace per suo padre, che tra l'altro è stato - a mio parere - strumentalizzato in questa vicenda.
    E' fuori discorso... ma è un mio sassolino, mi brucia

    > No... non è violenza e non è "tutto mio"... è
    > "tutto di tutti"... è ben diverso.

    ok, immagino che hai pubblicato qualcosa di interessante per contribuire alla causa Sorride. Anche le Università fanno ricerca pura, ma poi quando fanno scoperte le brevettano

    > Non esiste che
    > tu scrivi qualcosa un giorno e che poi ci campi
    > tu e i tuoi eredi per generazioni... Non esiste
    > in nessun'altra professione... che hanno di
    > speciale questi? Sono semidei?

    Ti do' ragione. La durata dei diritti d'autore è fuori di testa.
    Col tempo lo si capirà, spero, i frutti vogliono i loro tempi. ciao
    non+autenticato
  • Questi mi sembra molto più probabile che vengano attuati rispetto al DDL della notizia precedente...
    http://punto-informatico.it/3121157/PI/News/alla-c...

    La speranza-asteroide-su-Montecitorio è l'unica rimasta a questo Paese...
    Funz
    13017
  • no no no, ci sono cose moltooooo più importante da fare

    un esempio? la prescrizione breveA bocca aperta

    il parlamento non può occuparsi di sciocchezze che hanno solo implicazioni a livello nazionaleA bocca aperta bisogna occuparsi delle leggi ad-personam, quelle si che sono FONDAMENTALI per i fan del NostroA bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta
    non+autenticato
  • i fan... cuuuuuuu?Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Funz
    > Questi mi sembra molto più probabile che vengano
    > attuati rispetto al DDL della notizia
    > precedente...
    > http://punto-informatico.it/3121157/PI/News/alla-c

    Concordo con il titolo "brutti propositi"....e francamente quando sento parlare di leggi su internet in Italia...mi aspetto quasi sempre "brutti propositi"...tanto prima o poi si stancheranno di questi leggi inutili...
    date tempo al tempo...quando si accorgeranno che stanno perdendo il loro tempo...le vari lobby evolveranno il loro modello di marketing...non possono fare diversamente...perche' sarebbe da sciocchi...in quanto ai politici italiani...sono fatti cosi'... vogliono per forza avere il primato del paese occidentale piu' censorio d'Europa dopo l'Ungheria...anzi molto probabilmente invidiano Ungheria e Cina...
    Chissa' quante volte dicono..."ah se solo governassimo in Cina...la si che si puo' oscurare tutto in santa pace..."
    qualcun'altro replichera':"Ah si e' vero...quello si che e' un paese civilizzato dove prima di scrivere qualunque cosa devono chiedere l'autorizzazione del governo centrale...non come qui dove chiunque puo' dire la propria"...
    poi replichera' qualche altro parlamentare che dira':"ah ma la vostra proposta e' troppo libertaria...ancora youtube e google sono raggiungibili dall'Italia...Fosse per me li avrei gia' oscurati da tempo"
    Poi ci sara' un altro che dira':"ah pure io li avrei oscurati da tempo...ma ho paura che gli americani si possano offendere...l'ultima volta che abbiamo provato a mettere KO youtube con la scusa del disabile deriso...se la sono presi di brutto...se no figuratevi a quest'ora pure io l'avrei oscurati entrambi questi sitacci..."
    Ancora qualcun'altro:"Ma che volete oscurare voi...non siete nemmeno riuscire ad oscurare il blog di Grillo...e vorreste oscurare google e youtube? Ma fatemi il piacere...Ma imparate dai cinesi va...ed armonizzatevi con il paese piu' evoluto del mondo in questo settore"
    Io piu' o meno cosi' le immagino le loro discussioni...dalle leggi che propongono e' difficile immaginare discorsi diversi....
    non+autenticato
  • in pratica blacklist "Inaggirabili" come a detto il caro bubble Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • Il caro bubble, e tutta la sua categoria, stanno toccando il fondo.

    Guarda qui:

    http://www.videotecheforum.it/index.php?showtopic=...

    Uno di loro si vanta, per essere riuscito ad offrire un disservizio ad un suo cliente. Non arriva a capire che il cliente (che prima lo pagava, noleggiava il film, e se se lo duplicava erano affari suoi), ora molto probabilmente andrà a cercarselo su internet già craccato. E così, non solo il videotechino non avrà i soldi che sperava di ottenere noleggiando il film una seconda volta allo stesso cliente, ma non otterrà nemmeno più i singoli noleggi, e avrà perso un cliente.

    Se questo è il loro senso degli affari, mi meraviglia solo che ce ne sia ancora qualcuno.
    non+autenticato
  • Tutto irraggiungibile. Mi sa che è sotto DoS.
    Comunque sia, tengo a sottolineare come i ciarlatani di turno siano riusciti ad infilare delle nuove accise sui carburanti (perchè di sicuro fumano molto e bevono superalcolici).
    non+autenticato
  • Inoltre pensano che ci sia chi prende in prestito i loro film, li copia e poi venda in giro le copie...nel 2011!!!
    I CD copiati si compravano 10 (?) anni fa, ormai non sento più di questi giri da anni...del resto ormai anche il computer più scadente ha il masterizzatore DVD (ok, ci sono portatili senza drive ottico, ma sono di nicchia). In genere anche chi è poco pratico o non ha un computer ha qualcuno che può copiarlo per lui (non a pagamento) nel suo giro di amicizie.
    Per lo meno, questa è la realtà in cui vivo, magari in certe zone d'Italia le cose stanno come pensano quelli del forum della videoteca
    non+autenticato
  • è palese che il senso del post che riporti non è stato compreso, ricordo che il forum è di settore e quindi non tutto è comprensibile per la corretta interpretazione.

    La discussione era incentrata sui sistemi anticopia e non sul cliente.
  • Ma davvero avete clienti che noleggiano e duplicano?
    E che poi *rivendono*?

    No, perché la mia stima nel genere umano perderebbe di botto altri due - tre punti...
  • esistono anche questi ...
  • e qui una volta tanto sono dalla parte dell'esercente

    se ti si paga per il noleggio e poi si duplica per sé, a te non si toglie nulla né sul momento né probabilmente anche dopo...perché resta da dimostrare che non copiando si sarebbe ricorsi al noleggio un altra volta (come scaricando rispetto all'qcquisto)

    ma se si noleggia per poi copiare e rivendere, allora no...il lucro è sempre in malafede, secondo me (evasione fiscale a parte, poi...)
    non+autenticato
  • anche se noi sbagliando diamo meno peso alla chiamiamola masterizzazione personale, non vuol dire che va bene, perchè quella copia illecita comunque esiste e:

    1) è una possibile mancata vendita del sell
    2) potresti prestarla e quindi mancato altro noleggio

    la copia è illecita, quindi il prestito anche senza fine di lucro non va bene, una cosa è prestare il sell acquistato diverso è quello copiato illegalmente ...
  • Con i se e con i ma la storia non si fa
    non+autenticato
  • - Scritto da: spacevideo
    > anche se noi sbagliando diamo meno peso alla
    > chiamiamola masterizzazione personale, non vuol
    > dire che va bene, perchè quella copia illecita
    > comunque esiste
    > e:
    >
    > 1) è una possibile mancata vendita del sell

    E allora? Se uno rinuncia a qualcosa che non gli serve, certo che è una mancata vendita. Ma non è un obbligo, comprare.

    Certo, noleggiare e copiare costa meno, perchè il supporto ti viene restituito. Comprando, si ottiene anche il supporto.

    Se vendi una merce che non interessa, non puoi però lamentarti se nessuno compra.

    > 2) potresti prestarla e quindi mancato altro
    > noleggio

    E allora? Non hai affatto il diritto di rendere illegale la concorrenza.
    Non penserai mica che voglia aprire una videoteca io e farti concorrenza significativa?


    >
    > la copia è illecita, quindi il prestito anche
    > senza fine di lucro non va bene, una cosa è
    > prestare il sell acquistato diverso è quello
    > copiato illegalmente

    Io non posso imprestare il disco che mi hai noleggiato, perchè quel disco è tuo. Ma il disco su cui c'è la copia è mio, l'ho comprato io e masterizzato io. Quindi, devo poterne fare quello che voglio.
    non+autenticato