Mauro Vecchio

Paul Allen: così mi ha tradito Bill Gates

Il memoriale del cofondatore di Microsoft - in uscita alla metà del prossimo aprile - spara a zero sull'amico e partner al quartier generale di Redmond. Avrebbe imposto divisioni non eque dei guadagni e tramato nell'ombra con Steve Ballmer

Roma - Rivelazioni al vetriolo, che hanno subito fatto il giro della Rete. Succulente anticipazioni di un libro che verrà pubblicato alla metà del prossimo aprile, un vero e proprio memoriale scritto dal co-founder di Microsoft Paul Allen. O, come suggerisce il titolo del volume, dall'uomo delle idee.

E di certo Paul Allen non si è risparmiato nei trionfalistici dettagli sulla sua attività di filantropo, tanto da dichiarare circa 1 miliardo di dollari in donazioni e finanziamenti a scopo umanitario. Ma ciò che ha attirato il vero interesse degli osservatori è la descrizione del suo rapporto con Bill Gates, la sua amicizia così antica con l'ex-CEO di BigM.

Amicizia? Allen ha ripercorso la sua esperienza al quartier generale di Redmond, da un'azienda da rivista Fortune alla difficile convivenza al timone di comando di un'ammiraglia IT. E ciò che è venuto a galla si è subito meritato la prima pagina nel gossip tecnologico.
Bill Gates non si sarebbe mai fidato del lavoro di Allen, fin dai primi sviluppi del linguaggio di programmazione BASIC per i microcomputer Altair 8080. Avrebbe passato intere notti a controllare i codici di Allen, alla continua ricerca di errori. Magari da qui la convinzione dello stesso Gates di aver lavorato di più a BASIC.

Allen ha infatti sottolineato come Gates fosse fortemente propenso ad una divisione non equa dei guadagni in Microsoft, accettata dallo stesso Allen in misura 60-40. Al momento del primo grande contratto, questa stessa divisione venne aggiornata: 64 per cento a Gates, 36 per cento ad Allen.

I contrasti sarebbero divenuti ancora più accesi con l'ingresso in Microsoft dell'attuale CEO Steve Ballmer, a cui Gates aveva affidato quasi il 9 per cento dell'equity di Microsoft. Mentre ad Allen spettava il 5 per cento. La rottura sarebbe arrivata ben presto, con Gates e Ballmer pronti a far fuori un collega non più utile e al di sotto degli standard lavorativi.

"Ho contribuito alla nascita dell'azienda ed ero ancora un membro attivo ai vertici di comando - ha spiegato Allen nel libro - Anche se limitato dalla mia malattia. Poi, il mio partner e il mio collega iniziarono a tramare per farmi fuori. Opportunismo da mercenari, puro e semplice".

"In quel momento, qualcosa dentro di me è morto - ha continuato Allen - Credevo che la nostra partnership si basasse sulla correttezza, ma allora vidi gli interessi personali di Bill corrodere ogni considerazione ulteriore. Il mio partner cercava di afferrare quanta più torta possibile, tenersela per sé. Era una cosa che non potevo accettare".

Mauro Vecchio
Notizie collegate
75 Commenti alla Notizia Paul Allen: così mi ha tradito Bill Gates
Ordina
  • ahahahahahahahaha!
    La gente non ha proprio niente da fare! Altro articolo scritto da un povero invidioso che, di nuovo, non ha nulla di meglio da fare che gufare
    non+autenticato
  • - Scritto da: Unghia
    > ahahahahahahahaha!
    > La gente non ha proprio niente da fare! Altro
    > articolo scritto da un povero invidioso che, di
    > nuovo, non ha nulla di meglio da fare che
    > gufare

    Quindi tutto ciò che non è ufficializzato dai media non esiste?
    Non lasci neanche un piccolo spiraglio aperto?
    Hai il TG4 come unica fonte di informazione?
    non+autenticato
  • - Scritto da: De Andre

    > Non lasci neanche un piccolo spiraglio aperto?
    > Hai il TG4 come unica fonte di informazione?

    Ma ROTFL
    non+autenticato
  • - Scritto da: pino
    > http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?
    > Meditate gente!!!

    Giacobbo, Giacobbo io ti invoco, vieni a me....
    non+autenticato
  • - Scritto da: pino
    > http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?
    > Meditate gente!!!

    Se non ha indovinato, è andato molto vicino.
    ruppolo
    33147
  • Qui un link interessante in cui si racconta parte della storia di Paul Allen (compreso il suo infortunio giudiziario per stupro di circa 15 anni fa) e dei suoi rapporti con Bill Gates, ed uno dei pochi in italiano su questo personaggio fondamentale nella storia dell’informatica:
    http://itbauhaus.blogspot.com/2008/09/architects-p...
    non+autenticato
  • Io lo chiamo il lamento del testosterone...
    Ad alcuni uomini il denaro e il potere come manifestazione dell'ego smisurato e dell'influsso del testosterone nel cervello, non basta mai.
    Nasce invidia, in questo caso per il denaro e il potere che ne consegue.

    Ma quella che mi fa più rabbia, quando leggo della beneficenza che dicono di fare questi signori, è quella specie di carità pelosa che è una delle manifestazioni più ipocrite del capitalismo.
    In cui dopo avere depredato intere società anche quelle dei paesi poveri, di un continuo prelievo di denaro vendendogli qualcosa di cui si può fare a meno, specie con Linux e l'opensource che possono asservire alla grande allo scopo, si torna con elargizioni di bruscolini e iniziative insignificanti rispetto al prelievo perpetrato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: iRoby
    >
    > Ma quella che mi fa più rabbia, quando leggo
    > della beneficenza che dicono di fare questi
    > signori, è quella specie di carità pelosa che è
    > una delle manifestazioni più ipocrite del
    > capitalismo.
    Carità pelosa? Hai presente la fondazione Gates cosa fa ogni anno?
    Ad avercene di carità così pelose...

    > In cui dopo avere depredato intere società anche
    > quelle dei paesi poveri, di un continuo prelievo
    > di denaro vendendogli qualcosa di cui si può fare
    > a meno,
    "Depredato"?? Mi sa che hai dei problemi e pure grossi...

    > specie con Linux e l'opensource che
    > possono asservire alla grande allo scopo,
    Ahhh, adesso ho capito il problema.
    Vabbè, w linux che non inquina e fa fare meglio sesso Con la lingua fuori
    non+autenticato
  • - Scritto da: AMEN
    > - Scritto da: iRoby
    > >
    > > Ma quella che mi fa più rabbia, quando leggo
    > > della beneficenza che dicono di fare questi
    > > signori, è quella specie di carità pelosa che è
    > > una delle manifestazioni più ipocrite del
    > > capitalismo.
    > Carità pelosa? Hai presente la fondazione Gates
    > cosa fa ogni
    > anno?
    > Ad avercene di carità così pelose...

    Guarda che prima che arrivasse "l'uomo bianco" in africa ed in america se la passavano alla grande

    > > In cui dopo avere depredato intere società anche
    > > quelle dei paesi poveri, di un continuo prelievo
    > > di denaro vendendogli qualcosa di cui si può
    > fare
    > > a meno,
    > "Depredato"?? Mi sa che hai dei problemi e pure
    > grossi...

    lasciando da parte l'informatica, direi che "depredato" è la parola giusta per descrivere quello che stiamo facendo al terzo mondo.
  • > Guarda che prima che arrivasse "l'uomo bianco" in
    > africa ed in america se la passavano alla
    > grande
    >

    Alla grandissima! Infatti erano esperti in guerre tribali genocide e depilazioni definitive di muscoli cardiaci su piramidi di pietra. Voglio dire che noi che avevamo l'inquisizione al confronto eravamo dei poppanti!


    >
    > lasciando da parte l'informatica, direi che
    > "depredato" è la parola giusta per descrivere
    > quello che stiamo facendo al terzo
    > mondo.

    E il terzo mondo cosa ha fatto e cosa sta facendo al terzo mondo?
    Il problema non è il primo o secondo o terzo mondo, è la natura umana.
    E finiamola una buona volta con questa retorica di autocolpevolizzarci. Io al terzo mondo non ho fatto un fico secco, a parte mandargli soldi ogni tanto.
    non+autenticato
  • Il problema dell'umanità è la RELIGIONE.

    Quando l'uomo capirà che è tutta una balla inventata 2300 anni fa allora forse si potrebbe parlare di far progredire ste scimmie anzichè fare terrorismo e scannarsi a vicenda per divinità inesistenti come all'epoca dei greci/romani.

    Qua la civiltà va avanti grazie a quei pochi scienziati che trainano tutta la baracca. Fosse per medio oriente, indiani, afgani e pure italiani staremmo ancora con le ginocchia per terra a pregare un Dio ridicolmente inesistente solo per il bisogno di credere in qualcosa di superiore che non c'è, e con la presunzione che dopo la morte ci sia qualcosa dato che siamo sempre scimmie altezzose. La terra è al centro dell'universo, hehe.

    La vedo dura, l'estinzione secondo me sarà entro i prossimi 4 secoli, per motivi naturali o artificiali. Peccato, potevamo arrivare lontano se solo il 99% della popolazione mondiale non fosse così...scimmiesca.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Unghia
    > Il problema dell'umanità è la RELIGIONE.
    >
    > Quando l'uomo capirà che è tutta una balla
    > inventata 2300 anni fa allora forse si potrebbe
    > parlare di far progredire ste scimmie anzichè
    > fare terrorismo e scannarsi a vicenda per
    > divinità inesistenti come all'epoca dei
    > greci/romani.
    >
    Le religioni hanno una storia che è ben più vecchia di 2000 o 2300 anni fa.
    Se ti riferisci al giudaismo ne ha almeno 3000 con l'ebraismo.
    Allora specifica: monoteismo.
    Le religioni antiche politeiste non hanno mai sausato guerre: le guerre di religione non esistevano, poichè gli Dei dei vinti o dei nemici venivano riconosciuti come Dei dell'umanità. Gli Dei avevano diversi significati e rappresentavano anche le qualità umane. Sono ARCHETIPI.
    Immortali poichè vivono e sopravvivono negli uomini di generazione in generazione. Quindi gli Dei esistono poichè fanno parte dell'uomo stesso: esempio: amore-Venere, aggressività-Marte, capacità carismatiche-Giove, versatilità intelligenza rapida-Mercurio, saggezza-Minerva, ecc.
    Quindi se ti riferisci alla storia antica, i popoli non si sono mai combattuti per imporre una religione o Dei particolari, ma per altri motivi: dominio, sicurezza, difesa o attacco....soliti motivi che inducono guerre.
    L'impero romano stabilì la pace e annullò le guerre tribali... Poi si diffuse il cristianesimo che era una setta nata in Giudea, sorta dell'ebraismo monoteista.
    Guarda caso, con l'espandersi del cristianesimo monoteista cominciò il declino dell'impero romano.
  • > E finiamola una buona volta con questa retorica
    > di autocolpevolizzarci. Io al terzo mondo non ho
    > fatto un fico secco, a parte mandargli soldi ogni
    > tanto.

    Anche se voi vi credete assolti, siete comunque coinvolti...Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: il solito bene informato
    > >
    > lasciando da parte l'informatica,

    Quindi andando completamente OT
    Siamo un sito di informatica, cerchiamo di restare in tema (per quanto possibile)
    non+autenticato
  • - Scritto da: il solito bene informato

    >
    > lasciando da parte l'informatica, direi che
    > "depredato" è la parola giusta per descrivere
    > quello che stiamo facendo al terzo
    > mondo.

    pure dalle nostre parti visto che stanno privatizzando acqua, terra pagando alla comunità nulla in cambio di fortissimi guadagni...
    non+autenticato
  • - Scritto da: AMEN
    > - Scritto da: iRoby
    > >
    > > Ma quella che mi fa più rabbia, quando leggo
    > > della beneficenza che dicono di fare questi
    > > signori, è quella specie di carità pelosa che è
    > > una delle manifestazioni più ipocrite del
    > > capitalismo.
    > Carità pelosa? Hai presente la fondazione Gates
    > cosa fa ogni
    > anno?
    > Ad avercene di carità così pelose...

    speriamo di no:

    http://alturl.com/ssigu
    non+autenticato
  • Notizia di 4 anni fa.
    E la fondazione continua a fare del bene

    Sono stato in Africa, non puoi capire è immaginare in che condizioni vive realmente quella "gente".
    Nel mentre ho scritto questo messaggio saranno morti 50 bambini di fame sete e per malattie mentre la gente si scanna per quale browser è meglio.
    non+autenticato
  • Per ora metto in dubbio la notiziaA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: lol
    > Per ora metto in dubbio la notiziaA bocca aperta
    Questa notizia c'era già sul corriere della sera il giorno prima.
    In quell'articolo viene descritto anche come Paul Allen si sia accorto che Bill Gates e Steve Ballmer stavano "complottando" per escluderlo.
    http://archiviostorico.corriere.it/2011/marzo/31/G...
    Prozac
    5056
  • Vi consiglio la lettura di "Triumph of the Nerd", tradotto integralmente qui: http://www.wemedia.it/blog/2011/01/e-book-il-trion.../
  • - Scritto da: Phabio76
    > Vi consiglio la lettura di "Triumph of the Nerd",
    > tradotto integralmente qui:
    > http://www.wemedia.it/blog/2011/01/e-book-il-trion
    il titolo ha un suono trionfalistico che mi ispira poca fiducia.... non so se lo leggero'.... avrei ritenuto piu' credibile un titolo tipo 'il trionfo dei bari' o 'dei giocatori d'azzardo' al limite
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)