Claudio Tamburrino

Repubblica Ceca, no alla data retention

Dichiarata incostituzionale la normativa che recepiva la direttiva europea che obbligava gli ISP e gli operatori mobile a conservare dati relativi alle comunicazioni degli utenti a fini investigativi

Roma - La Repubblica Ceca ha respinto la data retention: sarebbe incostituzionale. A chiedere formule legislative che prevedano la data retention, la raccolta automatizzata di dati al fine di poter supportare gli organi di indagine in caso di eventuali investigazioni, è l'Europa: risale al 2006 la Direttiva europea in materia, ma da allora il processo che dovrebbe portare le misure ad essere ratificate dai singoli stati membri è stato travagliato da diverse opposizioni.

In essa Bruxelles prescrive che i provider e i fornitori di servizi di telecomunicazioni operanti conservino informazioni circa le comunicazioni degli utenti, per un periodo compreso tra i 6 mesi e i 2 anni.

Da un parte il Gruppo di Lavoro Articolo 29, che riunisce i Garanti della Privacy europei, ha a più riprese criticato le misure comprese nella direttiva, dall'altra gli operatori attuano in pratica modalità di gestione dei dati che vanno a volte oltre quanto prescritto sia per il materiale conservato sia per il tempo di conservazione che arriva a superare i 2 anni, per arrivare anche a 10. Inoltre una coalizione di 100 organizzazioni europee ha chiesto a Bruxelles di abolire la normativa e la Commissione ha promesso di valutare l'efficacia delle misure finora adottate e il loro impatto sui diritti fondamentali dei cittadini europei.
In tutto questo si inserisce la valutazione di incostituzionalità ceca, che si unisce a valutazioni negativi simili della Corte Suprema tedesca, e di problemi di applicazione in Svezia e in Romania.

La Corte Costituzionale ceca ha accolto il ricorso depositato dall'organizzazione per i diritti civili Iuridicum Remedium (luRE) e stabilito che le parti della normativa che impongono obblighi di raccolta e conservazione dati agli ISP e agli operatori mobile a fini di ipotetiche immagini sono in contrasto con la Costituzione ceca.

La Corte ha altresì stabilito che ogni caso in cui la normativa ha trovato applicazione dovrà essere riesaminato individualmente e che i database con le comunicazioni finora raccolte debbano essere cancellati.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàFTC, barriere contro il tracciamentoLe autorità di qua e di là dell'Atlantico pensano a nuovi strumenti di difesa della privacy dei netizen. Occorre implementare una restrizione tecnologica all'interno del browser, dicono gli USA. Diteci come tracciate, chiedono in Europa
  • AttualitàEuropa, gli ISP non si sentono boiaNon vogliono calare la scure sulle connessioni degli utenti, invitano l'industria a reinventarsi. Con proposte legali e di qualità che non rendano superflua la connessione a Internet
12 Commenti alla Notizia Repubblica Ceca, no alla data retention
Ordina
  • Abbiamo a mio parere molto da imparare dai cittadini di questo paese...
    qui troppo spesso chiudiamo gli occhi difronte a leggi che minano i nostri diritti fondamentali e non diciamo niente...c'e' da prendere esempio dai cittadini tedeschi...ed anche da quelli della Repubblica Ceca....
    Voglio dire anche nel mondo liberista...un politico dice che skype dovrebbe avere l'obbligo di negare il diritto alla privacy degli utenti su richiesta di una qualunque autorita' di uno stato europeo...(adducendo le solite motivazioni di ordine pubblico)e che cosa fa una parte di noi?
    Vota quel partito che ha fatto quella proposta...chiudendo gli occhi difronte al fatto che l'anonimato in rete la privacy e la rete I2p sono valori fondamentali da proteggere....
    non+autenticato
  • Complimenti alla Ceca, una grande decisione, è quello che dovrebbero fare tutti i governi democratici ma in Europa non ce ne sono, solo pane e circo per i sudditi.
  • nel caso specifico, i sudditi non si meritano altro...
    non+autenticato
  • - Scritto da: infame
    > nel caso specifico, i sudditi non si meritano
    > altro...

    Anzi, direi di più, i sudditi si scelgono i governanti che danno loro il migliore circo e il migliore pane.
  • - Scritto da: Sandro kensan
    > - Scritto da: infame
    > > nel caso specifico, i sudditi non si meritano
    > > altro...
    >
    > Anzi, direi di più, i sudditi si scelgono i
    > governanti che danno loro il migliore circo e il
    > migliore
    > pane.
    Anche su questo, noi ci distinguiamo sempre (e non in meglio) In lacrime
    non+autenticato
  • Sarebbe bello se, su queste questioni, i nostri governi passati presente e futuri si muovessero alla Ceca invece che alla cieca...
    non+autenticato
  • ricordati sempre che ogni popolo ha i governanti che si merita...
    non+autenticato
  • Se lo avesse fatto il nostro governo... apriti cielo, tutti in piazza.
    Invece mi pare ovvio che obbligare la registrazione dei dati a priori sia una palese violazioni dei diritti del cittadino...
    non+autenticato
  • - Scritto da: ggg
    > Se lo avesse fatto il nostro governo... apriti
    > cielo, tutti in
    > piazza.
    > Invece mi pare ovvio che obbligare la
    > registrazione dei dati a priori sia una palese
    > violazioni dei diritti del
    > cittadino...

    non capisco il tuo punto...
    il nostro "premier" (che premier non è) fa le leggi che fanno comodo a lui e ai suoi amici; forse è vero che si fanno troppe intercettazioni in Italia, ma questo sistema è andato bene a tutti finchè certi potenti non sono stati coinvolti (ricordiamo, peraltro, che Berlusconi ed i politici non sono mai stati messi sotto intercettazione, erano loro a chiamare i criminali intercettati!)
  • e infatti il nostro Governo non l'ha mai nemmeno accennato, anzi spinge da anni per estendere le intercettazioni senza mandato sul web e stranamente fa l'esatto contrario riguardo le intercettazioni telefoniche

    mi pare ovvio a questo punto che il Governo agisca solo ed unicamente per gli interessi del premier
    non+autenticato
  • Dato che al processo di Berlusconi, per la questione delle escort a casa sua, i magistrati hanno attinto a piene mani dal date retention, hanno visto le telefonate delle ragazze partire dalla cella di Arcore, potrebbe anche darsi che questo governo ci ripensiSorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: ggg
    > Se lo avesse fatto il nostro governo... apriti
    > cielo, tutti in
    > piazza.
    > Invece mi pare ovvio che obbligare la
    > registrazione dei dati a priori sia una palese
    > violazioni dei diritti del
    > cittadino...

    E te lo sogni la notte che il nostro governo prende un provvedimento del genere!!!
    Scusa ma ti sei mai recato in un internet cafe' in Italia?
    Hai notato che ti chiedono la carta' d'identita'? Ti pare una cosa normale ?
    Dovrebbero farlo pure quando ti rechi in cabina telefonica...non e' la stessa cosa? Sempre di telecomunicazioni si tratta....
    No...perche' ne' parli come se i conservatori fossero dei liberisti...che difendono i diritti fondamentali dei cittadini... mentre sai che non e' cosi'...L'hai vista la posizione dei politici conservatori su Skype(ma non solo i conservatori...anche qualcuno dell'opposizione....che avrebbe dovuto difendere la liberta' dei cittadini...)?
    Hai ragione quando dici che su questi temi spesso ci si fa confondere dalla propaganda...ma i politici fanno i "liberisti" in Italia solo in due occasioni:
    1) quando si tratta di parlare dello stato della liberta' in un paese diverso dall'Italia(ragionamento tipico di molti governi "io sono a favore della democrazia nel mondo basta che non ci sia nel mio paese...")
    2) quando i provvedimenti legislativi (a volte illiberali...proposti magari da loro stessi...ma che gli stanno bene fin quando non li toccano da vicino...) vengono applicati su di loro dai magistrati...

    Inoltre solitamente la tendenza non e' quella di cambiare una legge perche' giudicata illiberale per tutti i cittadini...bensi' quella di andare a caccia di immunita' parlamentari affinche' le leggi che magari loro stessi fanno...vengano applicati sul resto della cittadinanza ma non su di loro... stessa storia se viene accusato di un crimine un cittadino comune specie se straniero...subito processo mediatico-politico con relativa sentenza di colpevolezza...anche se ancora non si e' fatto il processo...da ricordare il fatto di cronaca di due cittadini rumeni accusati ingiustamente di un crimine a cui erano totalmente estranei...e che ha visto andirittura l'incitamento al linciaggio in alcune trasmissioni televisive..(vergognosissime) a cui si e' opposta con forza la parlamentare Baraldini...che e' stata addirittura minacciata per aver difeso i malcapitati...che poi sono risultati innocenti...quindi forcaioli con i cittadini...liberisti qualdo si tratta di "onorevoli colleghi"....
    non+autenticato