Claudio Tamburrino

Cina, Google accusata di evasione fiscale

Sarebbero tre le aziende, legate a BigG, ree di aver gonfiato le fatture per pagare meno tributi. Il pallino delle tasse rincorre Mountain View in tutti i continenti

Roma - Le autorità cinesi hanno individuato tre aziende legate a Google che avrebbero violato la normativa locale in materia di tasse e che ora sono sotto inchiesta per evasione fiscale.

Per questioni fiscali Google è già stata al centro di polemiche, vista l'abitudine di Mountain View di sfruttare abilmente le regole internazionali, fino ad arrivare nei cosiddetti paradisi come quello delle Bermuda. Anche in Turchia è finita sotto inchiesta e in Europa, in particolare in Gran Bretagna e in Italia, è tenuta sotto stretta osservazione per i metodi utilizzati per far transitare gli incassi verso la sede irlandese.

Il problema tuttavia, quando si mette in moto l'autorità di Pechino e sulla strada si trova Mountain View, è che le motivazioni vadano oltre la realtà, e debbano essere più che altro ricondotte alla battaglia indiretta tra il Governo e il motore di ricerca che più volte l'ha accusata di cracking e di censura.
Google è subito intervenuta sulla vicenda specificando che due delle aziende coinvolte, le omonime Google Information Technology (una delle quali con sede in Cina, l'altra a Shanghai), sono in effetti sue unità, mentre una terza, pur collaborandovi strettamente, non fa parte della sua struttura. Sulle sue unità si è detta "convinta che anche in questo caso, come sempre, siamo in linea con la normativa fiscale cinese".

In ballo ci sarebbe circa 6,1 milioni di dollari: l'accusa sembra ritenere che Google abbia emesso false ricevute e gonfiato le spese iscritte a bilancio.

Nei giorni scorsi, intanto, si erano rincorse voci circa un definitivo abbandono da parte di Google della Cina, ma Moutain View le ha smentite, dichiarandole "decisamente esagerate".

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
2 Commenti alla Notizia Cina, Google accusata di evasione fiscale
Ordina