Mauro Vecchio

P2P, il router del sospetto

La semplice detenzione potrebbe costituire una prova a favore dei signori del copyright. Almeno secondo il Boston College, che ha consigliato ai suoi studenti di non installarli per evitare che terzi ne approfittino. Piovono critiche

Roma - Comuni esempi di violazione del copyright. Si intitola così una specifica lista stilata dal Dipartimento per i Servizi IT del Boston College, ad illustrare a tutti i suoi studenti tutte quelle attività potenzialmente legate alla condivisione illecita dei contenuti.

Distribuire CD masterizzati, sfruttare reti di file sharing e client BitTorrent, inviare a mezzo posta elettronica canzoni scaricate dalla Rete. Ma nella lista è comparso anche uno strano suggerimento, che ha invitato gli studenti a non installare nelle proprie camere un router wireless.

Come sottolineato dagli stessi vertici del Boston College, "altre persone potrebbero condividere materiale illegale attraverso il vostro router, facendovi sembrare in apparenza colpevoli". In altre parole, la semplice detenzione di un router potrebbe costituire una prova a supporto di eventuali accuse da parte dei detentori dei diritti.
Un suggerimento che ha scatenato non poche critiche, soprattutto da parte del procuratore locale Raymond Dowd. In almeno tre processi la semplice detenzione di un router è stata sfruttata per la difesa degli utenti e non per l'accusa. I responsabili del Dipartimento per i Servizi IT hanno ora eliminato questo esempio dalla loro lista.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • Diritto & InternetJammie Thomas, eterni ritorniNuovo processo lampo e nuovo verdetto per la mamma del P2P, che si vede ancora una volta comminare una multa stratosferica per aver messo in condivisione 24 brani sulla rete di Kazaa. La storia ripete se stessa, e non sembra finire qui
  • AttualitàMPAA, lettera ai collegeI produttori cinematografici si rivolgono alle universitÓ per richiamare l'attenzione sul diritto d'autore. Si leggono ammonimenti e qualche suggerimento. E l'annuncio di una collaborazione con BigG
7 Commenti alla Notizia P2P, il router del sospetto
Ordina
  • E' potenzialmente molto pericoloso, evitate di installarlo o di collegarlo alla lingua !
    non+autenticato
  • Come puoi dimostrare che i dati transitati per il router siano finiti veramente nel computer del proprietario? Non puoi.
    Presupporre una cosa del genere non sta né in cielo né in terra, e qualunque tribunale serio prenderebbe a trote in faccia questi signori...
    Al massimo può valere come semplice consiglio agli studenti per evitare di avere a che fare coi signori del copyright. Cosa sempre opportuna peraltroCon la lingua fuori
    Funz
    13021
  • infatti

    cause del genere non andrebbero nemmeno aperte dei giudici, sono una scandalosa pressione verso studenti o madri di famiglia

    dovrebbe esistere una legge contro l'abuso della legge a mò di mezzo di pressione ...
    non+autenticato
  • quindi se io masterizzo un cd con Debian sono un pirata? Forse vogliono proteggere Microsoft? Lo dico da sempre, se non si mette un limite all'avidità delle industrie poi davvero ci saranno persone che li andranno ad ammazzare a casa loro, visto il livello di esasperazione, e non sarebbe una novità: i Nobili esasperarono tanto il popolo minuto che questo nellla Francia del settecento li ghigliottinò tutti
  • - Scritto da: Teone
    > quindi se io masterizzo un cd con Debian sono un
    > pirata? Forse vogliono proteggere Microsoft? Lo
    > dico da sempre, se non si mette un limite
    > all'avidità delle industrie poi davvero ci
    > saranno persone che li andranno ad ammazzare a
    > casa loro, visto il livello di esasperazione, e
    > non sarebbe una novità: i Nobili esasperarono
    > tanto il popolo minuto che questo nellla Francia
    > del settecento li ghigliottinò
    > tutti

    Pur non facendo parte dell'industria discografica italiana o statunitense, prima di scrivere un commento verifico la fonte citata per leggere di prima mano. Ebbene il tuo dubbio sull'essere fuorilegge masterizzando un CD con un s.o. Gnu/linux non ha motivo di esistere perché qui: http://www.bc.edu/offices/help/security/copyright/...

    tra le altre cose si dice chiaramente che ti esponi al rischio: "Burning CD copies of music you have downloaded and then giving them to all your friends."

    Quindi se il tuo ipotito CD non contiene brani musicali protetti da copyright (diritto d'autore) non hai nulla da temere. E se vai un poco oltre i manuali di storia delle superiori vedi che la rivoluzione francese non è nata semplicemente perché il popolo era stremato, ma perchè altri tenevano le fila e spingevano per la destituzione del potere monarchico. Il popolo è sempre bue, c'è sempre una oligarchia economica o politica a creare i presupposti affinché qualcosa accada.

    Altro che le favolette che ci hanno raccontato a scuola.
    non+autenticato
  • Sarebbe come dire "non tenete ceppi per i coltelli in casa, qualcuno potrebbe comprare il coltello mettercelo dentro poi estrarlo e usarlo per uccidere e in questo caso voi sarete complici di omicidio poichè avete acquistato il ceppo per i coltelli"
    non+autenticato
  • Sto morendo all'esempio !! IL CEPPO PER COLTELLI XDXD
    non+autenticato