Mauro Vecchio

AP, l'anti-tracciamento corre sul browser

L'agenzia di stampa statunitense implementerÓ la feature Do-Not-Track per i circa 800 siti legati al suo News Registry. Gli utenti di Firefox 4 e IE 9 potranno attivarla e navigare al sicuro da occhi indiscreti. O quasi

Roma - Ad annunciarlo è stato un post apparso sul blog ufficiale di Mozilla: la nota agenzia di stampa statunitense Associated Press (AP) ha già dato avvio all'implementazione del filtro anti-tracciamento lanciato alla fine dello scorso marzo con la versione 4 del browser Firefox, e allo stesso modo si è integrata con le funzioni anti-tracciamento di Internet Explorer 9. I circa 800 siti web legati al News Registry di AP smetteranno così di registrare le più disparate attività online degli utenti, qualora decideranno di attivare la specifica feature a tutela della loro privacy.

La decisione ha dunque strappato più di un convinto applauso, nell'ormai accesa lotta al tracciamento online e al più specifico fenomeno del behavioral advertising. Il News Registry di AP può attualmente contare su circa 175 milioni di visitatori unici al mese, legati per l'appunto a più di 800 siti d'informazione in tutto il pianeta connesso.

Il post pubblicato da Mozilla ha dunque sottolineato come l'agenzia di stampa statunitense non procederà più alla disseminazione di cookie, qualora l'utente abbia deciso di attivare il filtro Do-Not-Track (DNT). Il News Registry continuerà tuttavia a fare il conto delle impression totali per ciascuno dei contenuti, evitando di carpire informazioni più dettagliate sulle attività di navigazione di milioni di utenti.
C'è chi ha però sottolineato come la decisione di AP sia valida solo ed esclusivamente per i contenuti del suo News Registry, dunque non attiva in relazione a servizi, banner o contenuti forniti da terze parti. In altre parole, non tutto il contenuto visualizzato in una singola pagina sarà esente da tentativi traccianti. Da questo punto di vista, la Federal Trade Commission (FTC) sta tentando di regolamentare in maniera chiara le varie aziende legate all'advertising.

Come spiegato da Mozilla, sarà anche la Digital Advertising Alliance (DAA) ad implementare la feature DNT proposta dalla nuova versione del suo browser. La decisione rappresenta un ulteriore passo verso una maggiore trasparenza nei confronti degli utenti, frutto di un'autoregolamentazione che, in linea generale, non tutti gli osservatori hanno ritenuto sufficiente.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, tracciamento e regolePresentate due proposte al Congresso a stelle e strisce. La prima darÓ a FTC il compito di diramare regole chiare a tutela della privacy dei netizen. La seconda prevederÓ un esplicito consenso per lo sfruttamento dei dati bancari
  • AttualitàFTC, barriere contro il tracciamentoLe autoritÓ di qua e di lÓ dell'Atlantico pensano a nuovi strumenti di difesa della privacy dei netizen. Occorre implementare una restrizione tecnologica all'interno del browser, dicono gli USA. Diteci come tracciate, chiedono in Europa
  • TecnologiaDo Not Track, Microsoft al W3CIl consorzio degli standard web accetta la proposta di Redmond in merito alle pratiche di "opt-out" dalla pubblicitÓ tracciante. La tecnologia Ŕ semplice ma resta da convincere l'industria dell'advertising
1 Commenti alla Notizia AP, l'anti-tracciamento corre sul browser
Ordina