Claudio Tamburrino

Furti di identitÓ, vittime molti minori

Non Ŕ affatto un gioco, e riguarda i bambini. IdentitÓ pulite, da impersonare per commettere illeciti sotto mentite spoglie

Roma - Secondo i dati raccolti da AllClear ID, che si occupa di sicurezza online e misure anti-phishing, e Richard Power del Carnegie Mellon Cylab, i nomi e i dati dei bambini sarebbero merce preziosa per coloro che sono interessati al furto di identità online.

Secondo il rapporto sono 4.311 i bambini che hanno il proprio Social Security Number (SSN) utilizzato da altri: di questi 303 sono sotto i cinque anni, la vittima più piccola ha appena cinque mesi e la più grande 16 anni.
Questo significa che circa il 10,2 per cento del campione preso in considerazione è vittima di furto di identità, una percentuale ben maggiore di quella degli adulti secondo il medesimo studio.

Non si tratta, tuttavia, solo di un problema di percentuali, ma anche di conseguenze e implicazioni: quanto e come interessino di più i dati dei minori rispetto a quelli degli adulti appare un fattore inquietante.
Di particolare rilevanza il fatto che i dati così raccolti, e in particolare i numeri di previdenza sociale, non sono ancora utilizzati dal legittimo proprietario e possono così essere reindirizzati candidi, per esempio, al mercato dell'immigrazione clandestina. Per gli stessi motivi di inutilizzo sono difficili da individuare i casi di identità rubata. Ma sono altrettanto pericolosi per il futuro dei bambini: rischiano di vederlo compromesso con pericolosi precedenti, insolvenze pregresse o frodi a proprio nome ben prima che la loro vita si dipani.
Si tratta, infine, di bersagli perfetti in quanto ci vogliono anni prima che se ne accorgano.

Inoltre il rapporto mostra come gli SSN dei nati dopo il 1990 siano più facili da indovinare di quelli nati prima di questa data.

Lo studio, che afferma non avere valenza scientifica, si limita in ogni caso ad invitare ad un'analisi più approfondita della questione per confermare il trend da essi individuati.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
10 Commenti alla Notizia Furti di identitÓ, vittime molti minori
Ordina
  • L'articolo parla del Social Security Number, SSN, che credo sia il codice della tessera sanitaria o qualcosa del genere, che evidentemente ha una importanza un po' piu' ampia...

    Sarebbe interessante sapere perche' e' cosi' prezioso, che uso se ne puo' fare e quale sia l'equivalente in Italia, che non credo sia il codice fiscale.

    D'altra parte chi e' quel genitore che va a scrivere il codice SSN del figlio appena nato su FB? (Oddio, lo so che non dovrei stupirmi se ce ne fossero).
  • - Scritto da: panda rossa
    > L'articolo parla del Social Security Number, SSN,
    > che credo sia il codice della tessera sanitaria o
    > qualcosa del genere, che evidentemente ha una
    > importanza un po' piu'ampia...
    > Sarebbe interessante sapere perche' e' cosi'
    > prezioso, che uso se ne puo' fare e quale sia
    > l'equivalente in Italia, che non credo sia il
    > codice fiscale.

    Invece è proprio come il nostro codice fiscale con la differenza che per chiedere un mutuo, aprire un conto corrente, chiedere una carta di credito o anche solo pagare le tasse basta presentare quello, dato che viene considerato più attendibile di un documento di identità, visto che teoricamente dovrebbe essere conosciuto solo dal proprietario un po come il numero della carta di credito.
    E' una carta con un numero univoco che indica una persona precisa, il problema è che la carta non contiene dati biometrici e il numero non ha riferimenti al nome ne al luogo di nascita (come il nostro codice fiscale) o di residenza, dato che la parte del numero che identifica l'area, viene assegnato tramite il CAP del recapito postale di chi lo richiede, che negli USA non è obbligatoriamente dove si risiede, pertanto non si può avere la certezza che chi usa il numero sia effettivamente il suo proprietario, ciò nonostante viene usato per identificare le persone nelle operazioni finanziarie

    > D'altra parte chi e' quel genitore che va a
    > scrivere il codice SSN del figlio appena nato su
    > FB? (Oddio, lo so che non dovrei stupirmi se ce
    > ne fossero).
    Non è necessario scrivere il codice SSN su Facebook esistono degli algoritmi che riescono a trovarlo partendo dalle informazioni personali.
    Qui puoi trovare un articolo al riguardo
    http://arstechnica.com/tech-policy/news/2009/07/so...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Punto
    > ... ciò
    > nonostante viene usato per identificare le
    > persone nelle operazioni
    > finanziarie
    >
    > Non è necessario scrivere il codice SSN su
    > Facebook esistono degli algoritmi che riescono a
    > trovarlo partendo dalle informazioni
    > personali.
    > Qui puoi trovare un articolo al riguardo
    > http://arstechnica.com/tech-policy/news/2009/07/so

    Quindi quelli la' basano tutte le transazioni finanziarie su un codice che si presume essere conoscibile solo dal titolare, quando invece e' facilmente generabile mediante algoritmo, e danno la colpa ad internet?
  • So 'mericheni che pretendi...
    non+autenticato
  • esatto e tieni conto che per lo stato se non hai una codice SSN sei un cittadino che non esiste, non ti puoi neanche far curare in ospedale, in oltre puoi richiedere un duplicato della tua carta solo per un massimo di tre volte in un anno e un massimo di dieci nell'arco della tua vita, quindi capisci che il furto di identità è un problema non da poco, a quanto ne so il congresso sta valutando una legge che proibisca di usare il codice SSN come identificatore personale e che obblighi qualunque ente o privato a dichiarare espressamente il perché richiede il codice al cittadino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Punto
    > esatto e tieni conto che per lo stato se non hai
    > una codice SSN sei un cittadino che non esiste,
    > non ti puoi neanche far curare in ospedale, in
    > oltre puoi richiedere un duplicato della tua
    > carta solo per un massimo di tre volte in un anno
    > e un massimo di dieci nell'arco della tua vita,
    > quindi capisci che il furto di identità è un
    > problema non da poco, a quanto ne so il congresso
    > sta valutando una legge che proibisca di usare il
    > codice SSN come identificatore personale e che
    > obblighi qualunque ente o privato a dichiarare
    > espressamente il perché richiede il codice al
    > cittadino

    In questo caso e' evidente che quello stato ha prodotto un anello debole di una catena, e la diffusione di internet ha contribuito a far cedere quell'anello.

    Visto che e' lo stato ad aver prodotto quell'anello, e lo stesso stato si e' reso conto che l'anello non tiene piu', e' compito dello stato medesimo di sostituire l'anello con uno piu' robusto e riparare i danni.

    Dovevano andarci di mezzo proprio dei bambini prima di rendersi conto che la catena stava cedendo?
  • Il sistema è stato creato prima della diffusione di Internet per cui è logico che non abbia tenuto conto di questa problematica, ora si cerca di correre ai ripari ma è chiaro che l'enorme numero di SSN già assegnati creano dei problemi
    non+autenticato
  • Qui trovi il modulo di richiesta così puoi vedere quali sono i dati che servono per clonare un numero SSN
    http://www.ssa.gov/online/ss-5fs.pdf
    non+autenticato
  • esatto internet centra nel momento in cui un genitore mette in rete i dati del figlio come data e luogo di nascita e altri dati personali, questo è il modulo da compilare puoi vedere benissimo quali sono i dati che vengono richiesti per assegnare il numero
    http://www.ssa.gov/online/ss-5fs.pdf
    Tieni conto che per lo stato se non hai una codice SSN sei un cittadino che non esiste, non ti puoi neanche far curare in ospedale, in oltre puoi richiedere un duplicato della tua carta solo per un massimo di tre volte in un anno e un massimo di dieci nell'arco della tua vita, quindi capisci che il furto di identità è un problema non da poco, a quanto ne so il congresso sta valutando una legge che proibisca di usare il codice SSN come identificatore personale e che obblighi qualunque ente o privato a dichiarare espressamente il perché richiede il codice al cittadino
    non+autenticato
  • Evitare piattaforme che obbligano a rendere pubbliche (eccezioni e opzioni a parte) i dati sensibili. Se siete minorenni sopratutto!

    Poi i genitori che mettono i dati dei propri figli di appena pochi mesi su facebook e affini, meriterebbero un bel corso accelerato di responsabilità civile...
    Sgabbio
    26177