Raffaella Gargiulo

Google, 20 canali per YouTube

Un maxi finanziamento di 100 milioni di dollari per creare contenuti originali e di alta qualità da "mandare in onda". Lo rivela il WSJ, senza conferme o smentite da Mountain View

Roma - Google prevede di creare 20 canali tematici ed investire 100 milioni di dollari sul suo YouTube. Contenuti esclusivi quali sport, divertimento e news che avrebbero dalle 5 alle 10 ore di programmazione professionale a settimana, prodotti appositamente per il web. L'idea sarebbe quella di rendere YouTube un vero e proprio centro di distribuzione video, e non soltanto un contenitore, e di costituire un canale in broadcast che sia capace di rivaleggiare con le TV tradizionali, attirando visitatori e inserzionisti.

È quanto annunciato dal Wall Street Journal, che cita fonti interne. Come anche Netflix aveva annunciato il mese scorso, Google vuole creare i propri programmi in streaming video, tuttavia secondo le fonti WSJ l'azienda creerà programmazione a basso costo progettata specificamente per il web e YouTube sostenuta grazie agli introiti pubblicitari. Le fonti dicono che questa sarà una "profonda revisione" per YouTube. La riprogettazione del sito, secondo quanto dichiarato nel report del WSJ, sarà "effettuata a partire dalla fine di quest'anno in modo graduale e potrebbe includere i canali creati dalle aziende di produzione e da registi di Hollywood" sottolinea il giornale.

Se fosse vero, la notizia non sorprenderebbe molto. Dopo tutto, YouTube nel mese di marzo ha acquisito la società di produzione video web Next New Networks con l'obiettivo di aiutare i partner a creare contenuti video migliori e ha costruito la sua attività sulla creazione e distribuzione di canali verticali di contenuti video online. Sempre recentemente, la società ha annunciato la creazione di un programma chiamato YouTube Avanti per fornire borse di studio e di formazione per i partner. Nel corso degli ultimi mesi, YouTube ha perseguito una politica chiara riguardo questi partner, offrendo loro una serie di vantaggi tra cui borse per finanziare i progetti futuri, carte regalo per aiutarli a migliorare le attrezzature e per creare programmi educativi.
Ora, invece, YouTube cambierà e passerà da essere un contenitore di video principalmente generati dagli utenti o forniti in collaborazione con le etichette, ad essere un network vero e proprio con una programmazione di qualità e in alta definizione.

Non è chiaro quando Google avrebbe iniziato a finanziare a e creare i nuovi programmi, secondo le fonti Mountain View avrebbe visitato molte agenzie di talento di Hollywood in cerca di idee nuove e originali e probabilmente finirà per fare offerte con società di produzione per la produzione di contenuti.

Un portavoce di YouTube ha rifiutato di confermare o negare la notizia dichiarando che la società non commenta voci e speculazioni. Tuttavia ha fornito questa dichiarazione: "YouTube ha visto una crescita incredibile nel 2010 e siamo ottimisti per il futuro. Siamo sempre al lavoro per l'aggiornamento del sito e per migliorare l'esperienza generale e dell'interfaccia utente. Tuttavia, non abbiamo in programma di cambiare drasticamente il design del sito nel prossimo futuro".

Raffaella Gargiulo
Notizie collegate
1 Commenti alla Notizia Google, 20 canali per YouTube
Ordina