Cristina Sciannamblo

Quel rompicapo di Google

A Google A Day č il quiz online di Mountain View. Una domanda al giorno a cui rispondere usando lo stesso motore di ricerca. Con lo scopo di migliorare la cassetta degli attrezzi

Roma - Lunedì sarà semplice. Martedì un po' meno. Mercoledì comincerà a essere complicato. Venerdì si tratterà di un vero rompicapo. Non è la difficoltà crescente di essere reattivi alla sveglia mattutina, bensì della nuova idea made in Mountain View: A Google A Day puzzles.

Il debutto ha avuto luogo niente meno che sull'edizione cartacea del New York Times, nella stessa pagina del cruciverba. Si tratta della frase misteriosa che da oggi comparirà sull'homepage di BigG la cui risposta, manco a dirlo, arriverà googlando più o meno facilmente.

"El Dorado è vicina a una famosa collina che non è sulla Terra. In che anno è stata fotografata?" oppure "Se fossi stato nel bacino di Somme River durante l'estate del 1918, quale lingua avresti dovuto parlare per comprendere i codici di comunicazione britannici?": questi e altri enigmi vivacizzeranno la navigazione sul motore di ricerca nei giorni feriali.
Scopo del gioco è quello di cercare le risposte attraverso lo stesso sito: ma non tutti, avvisano da Mountain View, saranno in grado di usare il motore di ricerca in maniera corretta. Per questo motivo, BigG è alla ricerca di persone motivate e desiderose di conoscere gli strumenti di navigazione offerti.

Attraverso A Google A Day, infatti, gli utenti avranno la possibilità di imparare nuove vie per la ricerca e rispondere a domande molto specifiche. In questo modo Google avrà modo di procedere a ritroso e osservare in che modo i dati sono tracciati e valutati.

"Dal momento che il mondo dell'informazione continua a esplodere, speriamo che A Google a Day stimoli la vostra immaginazione e aiuti a scoprire tutti i tipi di quesiti da sottoporre a Google per ottenere la risposta", si legge in un post sul blog ufficiale di Mountain View.

Gli indizi sono vaghi abbastanza da non consentire di raggiungere il risultato per mezzo di poche parole chiave comuni. Per i golosi di enigmi, dunque, l'appuntamento sarà quotidiano (eccetto il weekend) e online per i prossimi quattro mesi.

Cristina Sciannamblo
Notizie collegate
  • TecnologiaGoogle, spazio aperto per socializzareTecnologia Wave, condivisione con il semplice Url e utilizzando il proprio profilo Google, Yahoo! o Twitter: il nuovo spazio di collaborazione produttiva di Google si chiama Shared Spaces
  • AttualitàGoogle, Doodle brevettatoDopo dieci anni di tentativi ottenuta l'esclusiva sui loghi personalizzati per eventi e anniversari che caratterizzano l'home page del search californiano. Ma č vera innovazione da proteggere?
  • Digital LifeUn doodle per gli auguri a GoogleLogo celebrativo per festeggiare il dodicesimo compleanno del search engine pių usato del web. E' una torta firmata da un esponente della pop art statunitense. Ma il dominio google.com di anni ne avrebbe 13
2 Commenti alla Notizia Quel rompicapo di Google
Ordina
  • Teoricamente il motore dovrebbe presentare solo risultati precedenti all'inizio del gioco, per evitare di trovare in cima alla lista le risposte... in pratica in un caso ho trovato in cima alla lista le risposte.
    ???
    Funz
    12980
  • In effetti, a volte le ricerce su google hanno quasi un sapore enigmistico. Spesso perfino chi cerca non ha ben chiaro cosa voglia trovare, e allenarsi un po' nell'ardua impresa non può che far bene =)

    Per la Redazione: controllerei la traduzione dall'inglese della frase "Se fossi stato nel bacino di Somme River durante l'estate del 1918, quale lingua avresti dovuto parlare per comprendere i codici di comunicazione britannici?" La Somme è un fiume francese (i britannici, per la maggior parte, hanno combattuto la Prima Guerra Mondiale in Francia e Belgio), quindi credo che la traduzione dovrebbe piuttosto parlare di un "bacino del fiume Somme", o più semplicemente del "bacino della Somme" (non certo di Somme River, insomma) =)
    non+autenticato